Maria di Modena, un’italiana sul trono inglese

Maria di Modena

Molto prima di Edoardo Mapelli Mozzi c’è stata Maria di Modena. Eh si, il futuro marito della principessa Beatrice di York è il secondo italiano a entrare nella famiglia reale inglese dopo la moglie di Giacomo Stuart, duca di York , fratello ed erede presuntivo di Carlo II.    

Maria di Modena

Maria in Inghilterra ci arriva per caso e anche controvoglia, ma si sa che le principesse non possono decidere del loro destino.  Tutto inizia nel 1671 quando Giacomo Stuart, dopo la morte della moglie, torna sul mercato matrimoniale. sua moglie. Anne Hyde si è spenta il 30 marzo di quello stesso anno e degli otto che ha messo al mondo, sono sopravvissute solo due femmine. La situazione è critica perché Carlo II ha una sfilza di figli illegittimi (dai quali peraltro discendono molti degli attuali duchi e pari britannici), ma la moglie Caterina di Braganza non prodotto alcun erede, quindi l’auspicata nuova unione del presunto successore è un affare di Stato. Giacomo però è impopolare, soprattutto dopo la conversione al cattolicesimo, perciò la questione delle seconde nozze va gestita con estrema attenzione. Mentre emissari della corte inglese percorrono le corti europee alla ricerca della candidata più idonea allo scopo, il vedovo si fa consolare dalle numerose amanti, tutte particolarmente brutte, e non sembra preoccuparsi molto del futuro.

Molto attento allo svolgersi degli eventi è invece il cugino re di Francia, Luigi XIV, al quale farebbe molto piacere vedere di nuovo sul trono d’Inghilterra un re e una regina fedeli alla Chiesa di Roma. Dopo numerose e attente ricerche gli ambasciatori sembrano aver trovato la perla rara: Maria Beatrice d’Este, la giovanissima sorella del duca di Modena, una fanciulla riservata ed educata in modo estremamente austero. In realtà Maria Beatrice ha sempre desiderato farsi monaca e queste nozze non rientrano assolutamente nei suoi programmi e forte del sostegno incondizionato della madre Laura, si oppone alla decisione del fratello. Ci vorrà l’intervento di papa Clemente X per far ragionare la ragazza e rassicurarla sulle finalità di questo non desiderato matrimonio: l’unione con il principe inglese segue la volontà del Signore, una coppia di devoti cattolici sul trono d’Inghilterra sarà un valido, infatti, un baluardo contro i riformati.

Battendo tutti sul tempo e prima che la Camera dei Comuni possa chiedere formalmente all’erede al trono di sposare una protestante, Giacomo conclude le trattative e, il 30 settembre 1673, un suo emissario sposa per procura a Modena la quindicenne principessa.

Rassegnata e non particolarmente entusiasta di fronte alla prospettiva di abbandonare il suo Paese e finire fra le braccia di un uomo che ha venticinque anni più di lei e del quale conosce perfettamente usi e costumi, la neomoglie e futura regina parte insieme alla madre in direzione di Londra, ma con il progetto di fare una breve tappa a Parigi. La sosta nella capitale francese dura più a lungo del previsto perché il parlamento inglese, preso in contropiede e temendo un ritorno del cattolicesimo, è restio ad autorizzare l’ingresso della piccola italiana, e solo a novembre Maria Beatrice può finalmente mettere piede nell’isola.

Nel complesso la vita della giovane Maria di Modena non è né facile né felice, il marito non modifica in nulla le sue abitudini e continua a frequentare le sue amanti, le figliastre Mary e Anna accolgono con scarso entusiasmo la seconda moglie del padre, mentre per gli inglesi Maria di Modena è solo la “figlia del papa”.

La duchessa di York ha poca fortuna anche come madre perché tutti i suoi figli muoiono a pochi mesi di vita, tranne Giacomo Edoardo che nasce nel momento più critico del regno. La nuova regina, che sotto gli abiti eleganti indossa spesso il cilicio e non di rado passa intere notti in preghiera, però porta a corte il suo gusto tutto italiano per l’arte, la letteratura, il teatro, l’opera lirica, anche se questo non basta a renderla simpatica ai sudditi.

L’arrivo dell’attesissimo erede, nel 1688, non consolida affatto la posizione di Giacomo II, il quale si è fatto discretamente odiare per l’appoggio incondizionato ai cattolici. La “gloriosa rivoluzione”, guidata da Guglielmo di Orange genero e nipote di Giacomo, caccia definitivamente il ramo cattolico degli Stuart. La corona passa a Mary II che associa al trono il marito Guglielmo III anch’egli discendente degli Stuart per via materna.

Maria di Modena e Giacomo II si rifugiano in Francia e per tutto il resto della loro vita vivranno a spese del cugino re di Francia, sognando di recuperare la corona e intrigando per un impossibile ritorno in Inghilterra.

L’italiano Edoardo, con mamma inglese e padre bergamasco (i Mapelli Mozzi sono una famiglia della nobiltà lombarda) arriva quindi quasi tre secoli e mezzo dopo Maria di Modena, ma il giovanotto in realtà il giovanotto è nato e cresciuto nel Regno Unito. Le nozze sono previste per la primavera 2020 ma non sono stati resi noti né la data, né il luogo del nuovo e molto atteso royal wedding.

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

5 Commenti

  1. Ale ha detto:

    Interessante la storia di questa italiana spesso dimenticata!! se non ricordo male alla Torre di Londra c’è ancora la sua corona esposta. avevo letto anche qualcosa su di lei e il Green Park a Londra ma al momento non mi torna in mente 😀

  2. nicole ha detto:

    Molto interessante! Non conoscevo questa italiana sposata … all’estero.
    Grazie

  3. Luka ha detto:

    Un arco temporale di trecentocinquanta anni è un periodo considerevole, anche se poi in entrambi di italiano – -come già detto – è relativo: quando visse Maria Beatrice d’Este l’Italia era solo geografica e per Edoardo vi sono solo radici e cognome.

    Gira e rigira nella nostra storia europea la manina del Papa arriva ovunque , si può spingere un’aspirante religiosa – ma all’epoca erano pure troppe – a sposare un vedovo peccatore pur di mantenere potere.
    La futura nuora di Maria Beatrice sarà la polacca e cattolica Sobieski e poi l’eredita’ dei Stuart – con gli ultimi rappresentanti morti tutti in territorio italiano – passerà agli italiani Savoia con Carlo Emanuele IV.

    Forse è gossip o forse è storia romanzata ma avevo letto che erano partite delle trattative di matrimonio tra il vedovo Vittorio Emanuele II e Maria Adelaide di Cambridge (fat Mary) oltre ai più noti possibili incontri tra il principe di Napoli Vittorio Emanuele e Maud di Gran Bretagna e poi tra Jolanda di Savoia e il futuro Edoardo VIII.

  4. Dinora ha detto:

    Per ragioni di salute purtroppo (non mie ma di mio cognato) da maggio,Bergamo,è diventata quasi praticamente la nostra seconda città.
    Quindi quasi bergamaschi. Un “nostro”cittadino, di origine, entrerà nella famiglia reale britannica!! Sicuramente avrà vita migliore che Maria di Modena!!

  5. nicole ha detto:

    Hai fatto bene a precisare Luka ! Anche io scrivendo “italiana” mi ero detta “ si nata nello stivale , tutto frammenti “, ma tant’è..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi