Cinque luoghi da vedere prima o poi… n.1: il castello di Chantilly

Cinque luoghi da vedere prima o poi… n.1: il castello di Chantilly

Chantilly domaine

Nei giorni scorsi mi sono trovata a riflettere sui cinque luoghi che vorrei vedere prima o poi ed ecco a voi il primo: Chantilly. Sono cinque mete non tanto lontane, ma che per un motivo o per un altro non sono ancora riuscita a visitare nonostante siano tutte in Europa e Chantilly è quella a cui penso con un po’ di rimpianto perché stavo per “farci un salto” nell’agosto del 2014, poi le tempistiche non non me lo hanno permesso ed è stato un vero peccato.

Chantilly domaine

Le altre mete ve le racconterò qui durante le prossime settimane, con la speranza che possano essere di ispirazione per tutti.

Cinque luoghi che vorrei vedere prima o poi: Chantilly

Il castello, con il suo magnifico parco e le straordinarie collezioni d’arte, si trova a una quarantina di chilometri da Parigi, ma per quanto celebre, non è fra quelli più gettonati dai turisti, però ci sia arriva agevolmente con i mezzi pubblici anche se bisogna fare un po’ di strada a piedi.

Immerso in uno splendido parco, Chantilly custodisce una delle più grandi collezioni d’arte di Francia, risultato della passione di un grande collezionista: Henri d’Orléans, duca di Aumale (1822-1897) quinto figlio del re dei francesi Luigi Filippo.

Nel 1830 Henri eredita a titolo personale l’immensa fortuna del suo padrino, Louis-Henri-Joseph di Borbone, ultimo principe di Condé. A otto anni il figlio del nuovo sovrano diventa uno dei più ricchi proprietari fondiari della Francia ma è anche profondamente cosciente del patrimonio culturale e morale che gli deriva dalla sua famiglia e nel corso della vita non smetterà mai di rendere omaggio ai predecessori. Studente brillante, il duca di Aumale fa carriera nell’esercito e diventa governatore dell’Algeria, ma non dimenticherà mai Chantilly e, all’epoca del suo matrimonio con Maria Carolina di Borbone Due Sicilie, fa ridecorare gli appartamenti del “piccolo castello” e progetta di ricostruire il “grande castello” distrutto nel 1799.

Chantilly e il duca di Aumale

La caduta della Monarchia di Luglio mette fine ai suoi sogni, ma Henri durante gli anni di esilio in Inghilterra mette insieme una favolosa collezione di libri antichi, dipinti e oggetti d’arte con i quali sogna di riempire il suo castello francese. Quando, nel 1871, rientra in Francia il duca di Aumale è vedovo e ha perduto i suoi due figli, ma avvia la ricostruzione del castello dove vuole esporre la sua raccolta. L’edificio, opera dell’architetto Honoré Daumet, viene completato nel 1885; nel frattempo il duca ha ripreso il suo posto nell’esercito, ha fatto carriera in politica ed è diventato membro dell’Institut de France, ma nel 1886 gli Orléans vengono di nuovo esiliati.

Henri d’Orléans muore nella sua tenuta di Zucco in Sicilia il 7 maggio del 1897 legando tutto il suo patrimonio, fra cui il domaine di Chantilly, all’Institut de France con l’unica condizione che il museo Condé sia aperto al pubblico e le collezioni non siano né spostate, né prestate.

Meno di un anno dopo, cioè il 17 aprile 1898 il domaine apre le sue porte al pubblico; da allora l’allestimento è rimasto identico e il castello ancora oggi appare esattamente come era alla fine del XIX secolo.

La sala più grande del museo Condé a Chantilly è la Galerie de Peinture (seconda per importanza dopo il Louvre), ideata dal duca di Aumale nel gusto tipico dell’Ottocento, per stupire i suoi ospiti con la ricchezza delle opere esposte: 85 capolavori sono appesi su diversi livelli e spiccano sulle pareti color rosso pompeiano.

Nel castello si possono visitare anche i Grands Appartements, Les appartements privé (recentemente restaurati) e le Cabinet des livres dove è conservata la straordinaria biblioteca del duca di Aumale che di se stesso diceva “credo di essere malato di bibliomania”. Fra gli oltre 60.000 volumi, fra cui moltissimi preziosi manoscritti miniati, c’è quello che il principe definiva “il libro più bello del mondo”: Les Très Riches Heures du duc de Berry  un manoscritto riccamente miniato realizzato dai fratelli di Limbourg nel XV secolo per Jean I duca di Berry e acquistato dal duca di Aumale nel 1856.

Gli altri capolavori del Museo Condé

Gli altri uomini che hanno lasciato il segno a Chantilly

Chantilly è idealmente legata soprattutto al suo ultimo proprietario ma in realtà il domaine è appartenuto sempre a famiglie molto vicine ma anche rivali della dinastia regnante.

Anne de Montmorency (1493-1567), gran connestabile di Francesco I, ovvero comandante in capo delle armate del re, ristruttura l’edificio medievale e verso il 1560 affida a Jean Bullant, la costruzione del Petit Château, oggi la parte più antica di Chantilly. Suo nipote Henri II de Montmorency (1595-1632) fa costruire nel parco la Maison de Sylvie, ma si ribella a Luigi XIII e viene decapitato a Tolosa nel 1632 e i suoi beni confiscati.

Nel 1643 la reggente Anna d’Austria restituisce Chantilly alla sorella minore del ribelle Henri II, Charlotte di Montmorency moglie di  Henri II di Borbone-Condé e madre di Luigi II detto il Gran Condé (1621-1686) il quale ha appena vinto la battaglia di Rocroi. Il castello passa così alla dinastia dei Condé, ramo cadetto dei Borboni, ma il Grand Condé si allega con la Spagna contro la reggente e Mazzarino, quindi i suoi beni vengono sequestrati.

Recuperate le sue proprietà nel 1659 dopo la Pace dei Pirenei, il Gran Condé abbandona qualsiasi velleità politica e si ritira a Chantilly che trasforma in un un luogo di cultura, tolleranza e pace. A Chantilly si ritrovano La Fontaine, La Bruyère, Bossuet, Mme de La Fayette, Mme de Sévigné e Molière che qui mette in scena il suo Tartuffe. Al servizio di Monsieur Le Prince c’è anche il famoso Vatel a cui viene attribuita l’invenzione della “crème chantilly” ovvero della panna montata che probabilmente contribuì solo a rendere celebre ed apprezzata.

Louis Henri, di Borbone-Condé (1692-1740), pronipote del Gran Condé, fa costruire da Jean Aubert le Grandes Écuries, mentre si debbono a Louis Joseph,  (1736-1818), il Jeu de Paume, il giardino anglo-cinese e l’Hameau, ma emigra all’estero fin dal 1789 e i suoi beni vengono sequestrati. Le immense collezioni dei Condé passano al Louvre, il Grand Château viene abbattuto nel 1799 e il parco diviso in appezzamenti e venduto. Rientrato dall’esilio nel 1815 Louis-Joseph inizia i restauri di ciò che rimane, ottiene la restituzione di una parte degli oggetti ancora al Louvre e fa disegnare il giardino all’inglese. Suo figlio, Louis VI Henri di Borbone- Condé (1756-1830), rimasto senza eredi diretti dopo l’esecuzione del figlio il duca d’Enghien nel 1804 designa suo erede universale Henri d’Orléans, duca d’Aumale.

Chantilly Aumale

Copyright foto: www.domainedechantilly.com

Per approfondire la bella biografia di Simone Bertière sul Gran Condé

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

6 Commenti

  1. Ale ha detto:

    Post stupendo come sempre, top!! Chantilly è uno di quei posti in cui vorrei andare tantissimo anche io, sono stato tante volte a parigi ma non sono mai riuscito a spingermi fino al castello. Meraviglioso, ho visto diversi documentari 🙂
    Tra l’altro se non ricordo male l’attuale Conte di Parigi ha fatto nel castello il suo ricevimento di nozze nel 2009.
    Io che adoro i libri, credo che il viaggio valga già solo per Les Très riches heures du Duc de Berry, capolavoro assoluto. A Torino a palazzo madama abbiamo Le Ore di Torino sempre appartenuto a Jean de Berry e miniato dai massimi artisti del tempo alla sua corte a cui lavorò anche Jan van Eyck.
    Ma siccome anche la storia, i castelli, i royal, i parchi e l’arte credo che a chantilly adorerei ogni centimetro 😀

  2. Luka ha detto:

    @Ale hai ragione che il banchetto di nozze di Jean e Philomena nel 2009 è stato fatto a Chantilly , lo dice anche @Marina …..
    https://www.altezzareale.com/2009/05/05/tutti-gli-articoli/dinastie/francia/le-nozze-di-jean-dorleans/

    Io ho sempre trovato affascinante la monarchia francese sia per quello che ha dato alla Francia per quanto riguarda castelli, opere e cultura che per il segno che ha lasciato : è il paese Europea che da più tempo ha optato per la Repubblica ma contemporaneamente è quello che sembra più attaccato alle tradizioni e alla sua Storia.

    Chantilly , chiedo venia , ma non lo conoscevo ma leggendo e vedendo quello che può offrire rimango stupito, come stupito è notare la lungimiranza del duca di Aumale nelle clausole di donazione di questo patrimonio che da privato diventa del Mondo.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Vero quello che dici sulla Francia e la sua Storia, ma loro ne sono orgogliosi, nel bene e nel male perché sanno che quello che sono oggi è anche frutto del passato. Quanto al duca di Aumale, i figli del re dei francesi, in particolare il duca d’Orléans morto in un incidente stradale, e Aumale furono personaggi di grande spessore culturale e intellettuale perché educati tutti in modo moderno, come lo era stato il padre. Molti si chiedono se il figlio maggiore fosse stato vivo cosa sarebbe accaduto nel 1848.

    • Giulia Dei Montefeltro ha detto:

      Non sono molto d’ accordo… andate a vedere che fine sta facendo Chateau Chandelier De La Mothe, uno dei tanti castelli abbandonati che i gruppi di salvaguardia ( di cui faccio anche io parte ) tentano di recuperare in giro per l’ Europa… e questo è solo uno dei tanti castelli che non ricevono nemmeno mezzo sovvenzionamento, nonostante siano di indubitabile bellezza e pregio artistico… non c’ è nulla da fare, li lasciano andare in rovina, e solo al buon cuore dei privati è delegata la raccolta fondi… a volte si riesce a salvare, a volte no…

      qui Chateau De La Mothe:

      https://www.youtube.com/watch?v=SUsjsqAjer4

      ma anche le chiese antiche e di età gotica addirittura, in Francia vengono impunemente fatte demolire… o trasformate in moschee… i miei parenti sono lividi per questo scempio… 10.000 chiese storiche sono a rischio demolizione, come potete vedere qua sotto, alcune già state del tutto distrutte.

      https://www.youtube.com/watch?v=oIALMbJ69Rs

  3. Giulia Dei Montefeltro ha detto:

    E’ un castello meraviglioso, ma io farò lo spirito gotico delle ghost stories e vi proporrò questo gioiello neogotico, che apparteneva al conte Liedekerke Beaufort, e che ora non esiste più… era Chateau Miranda De Noisy in Belgio, uno dei rari esempi di neogotico ottocentesco completo d’ Europa… il conte Liedekerke Beaufort, proprietario del Castello di Veves, abbisognava di 5 milioni di euro per restaurarlo, ma nonostante un grande impegno nella raccolta fondi di noi amanti dei castelli abbandonati ( eravamo un nutrito gruppo tra Italia e Francia ), non raggiunse mai la cifra richiesta… il Castello, ormai pericolante, era visibile dalla sua abitazione, il Castello De Veves, un gotico vero precedente l’ anno 1000 ed edificato da Pipino di Héristal, oggi ovviamente Patrimonio UNESCO… dovendo già mantenere il Castello fiabesco gotico, il conte di Beaufort aveva abbandonato Miranda De Noisy, che era divenuto meta di esploratori in cerca di brivido… per evitare che qualcuno si facesse male, e scoprendo che alla fine i soldi per il restauro non sarebbero mai stati sufficienti, decise di farlo abbattere… e di Miranda De Noisy ora ci rimane solo il ricordo. E’ stato il Castello per cui ho pianto e ancora mi commuovo quando ne rivedo le immagini, specie pensando all’ ipocrisia di quante donazioni sono state fatte per il tetto ligneo e la guglia neogotica di Notre Dame… va bene salvare la Cattedrale fatta costruire dal Re Luigi VI, ma sono arrivati davvero moltissimi fondi perché è famosa nel mondo grazie a Hugo, mentre per un Castello abbandonato nessun miliardario così generoso con Notre Dame ha scucito una lira…

    Ecco come era Castel Miranda visto dal ‘gemello’ e poi dal drone:

    https://www.youtube.com/watch?v=eQh0TLxOYnw

    Se tuttavia volete salvare un altro neogotico italiano stavolta, abbandonato su un’ Isola in mezzo al Lago Trasimeno, il FAI raccoglie firme per Castel Guglielmi ( qui sotto in link ): non c’ è da pagare nulla, basta solo iscriversi al FAI, votare e far votare i Luoghi del Cuore… ho visto che la scheda tecnica è vuota, quindi magari la completerò io…

    https://www.fondoambiente.it/luoghi/castello-guglielmi-sull-isola-maggiore-del-lago-trasimeno?ldc

    Qui il Castello Gugliemi o Castello Isabella:

    https://www.youtube.com/watch?v=5Vw6Vt3B-jU

    Ne approfitto per chiedere a Marina, visto che il suo blog è molto seguito, se può dare spazio a qualche castello bisognoso ( adotta che tu un castello! ), che alla fine rappresenta la nostra cultura… e ho notato con grandissimo disappunto che il neogotico, affascinante stile partito tra 1700 e 1800 fino ai primi del 1900, nonostante sia stato di recente anche oggetto di un recupero storico e artistico da parte del gruppo ‘ Il Cuneo Gotico’ del Professor Biffi Gentili e della Cassa di Risparmio di Cuneo ( qui potete visionare il progetto e richiedere gratuitamente i volumi:

    http://www.ilcuneogotico.fondazionecrc.it/index.php/pubblicazioni ), viene non solo trascurato e abbandonato, ma anche demolito senza riguardi, perché tanto ‘ è recente’.

    Lo stesso atteggiamento l’ ha avuto il critico Sgarbi nel dire che non bisognava crucciarsi della cupola di Notre Dame perché era un rifacimento neogotico. Non sono ovviamente d’ accordo con questa visione, quindi… votate e fate votare, salviamo il ‘nostro’ neogotico italiano!

    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi