Harry e Meghan sposi. Ed ecco a voi il duca e la duchessa del Sussex

Harry e Meghna sposiHarry e Meghan sposi finalmente. Sabato 19 maggio le nozze reali al castello di Windsor ci hanno fatto sognare e anche un po’ commuovere perché lei era bellissima e lui emozionato e totalmente felice. Insomma una bella coppia di sposi che ha dato vita alla riedizione in chiave moderna della favola di Cenerentola.

Harry e Meghan sposi, la cerimoniaFra sabato e domenica i social sono stati inondati di foto e informazioni – anche fake partendo da assurde e deliranti deduzioni di sedicenti esperti – quindi direi che ormai tutti sanno quasi tutto per cui bypasserei il riassunto del royal wedding minuto per minuto (ma se volete rivedere tutta la cerimonia la trovate su YouTube a questo link —> https://www.youtube.com/watch?v=ThUmZS0PNI8  ) per andare direttamente ai commenti e alle osservazioni sugli sposi, sugli ospiti e sull’effetto complessivo di questo royal wedding tanto atteso e fortunatamente baciato da un sole radioso che ha reso ancora più magica l’atmosfera e molto più verdi i prati del Great Park di Windsor.

Harry e Meghan sposi a Windsor

Ma andiamo con ordine partendo da un dato di fatto Harry e Meghan sposi reali certo (con tanto di titolo ducale concesso, come d’uso, la mattina del matrimonio) ma il loro essere abbastanza lontani dal trono ha reso il tutto lievemente meno impegnativo. Harry è sesto nella linea di successione quindi le nozze erano meno “dinastiche”.  Questo ha determinato la scelta del castello di Windsor e la decisione di non estendere l’invito ai “colleghi”, cioè ai membri delle altre case reali, anche se parenti stretti. Un vero peccato anche perché questa giovane coppia molto probabilmente si prenderà sulle spalle molti impegni di rappresentanza all’estero.

Harry e Meghan sposi, il corteo

Nonostante queste premesse la sposa non ci ha deluso: l’abito era semplicemente però sontuoso, il velo magnifico e il diadema, assolutamente splendido, perfettamente in tono con lo stile del vestito. L’abito è di Givenchy, disegnato però da Clare Waight Keller la stilista inglese che ha un anno guida la storica maison parigina; chissà se Monsieur Hubert scomparso da pochi mesi ha saputo che il suo nome sarebbe stato abbinato a un abito reale? Nel comunicato ufficiale si sottolinea come Meghan abbia voluto rendere omaggio ad un grande talento britannico che dopo aver lavorato con marchi prestigiosi oggi è alla testa di una casa di mode storica ed importantissima. A quanto pare la sposa e la stilista hanno operato a strettissimo contatto e il risultato è un vestito in cady di seta dall’eleganza minimale e senza tempo che segue l’ormai consolidato codice stilistico della maison Givenchy. Il velo lungo cinque metri è stato ricamato con i fiori simbolici di tutti i paesi del Commonwealth visto che i royal duties del principe Harry saranno centrati proprio in questa direzione.

Harry e Meghan sposi, il diadema

Non starò qui a elencare tutti i siti e gli esperti che avevano dato per “certo, anzi sicurissimo” il prestito della Spencer Tiara come omaggio della sposa alla suocera mai conosciuta (c’è anche chi ancora adesso sostiene che quella indossata è la Spencer Tiara, vabbè) e oggi tanto per mettere un po’ di pepe nella discussione sostengono la tesi di Kate infuriata perché Meghan avrebbe avuto un diadema più bello/prezioso del suo e peccato che la duchessa di Cambridge si sia sposata con un gioiello di Cartier talmemente prezioso ed importante da essere in giro per il mondo in una mostra sulla storia della maison … così tanto per dire.

Il “Queen Mary’s County Of Lincoln Diamond Tiara” è stato realizzato nel 1932 per la regina Mary (santa subito, se non fosse per lei almeno l’80% della collezione di Elisabetta II non esisterebbe) e il suo nome deriva dall’elemento centrale, una spilla che la consorte di Giorgio V aveva ricevuto in dono, nel 1893, dalla contea di Lincoln per le sue nozze. Il diadema, in platino e brillanti è stato disegnato intorno a questa spilla (che si può rimuovere) e rispecchia lo stile del periodo. Probabilmente Mary, che aveva una grande passione per gli oggetti preziosi, molto gusto nelle composizioni e una certa tendenza al riciclo creativo, desiderava una nuova tiara più al passo con la moda, infatti si tratta di uno splendido pezzo art déco composto da un bandeau flessibile formato da undici sezioni attraversate da file di diamanti di diverse misure. La regina Mary ha indossato il diadema solo in alcune occasioni “informali” e alla sua morte nel 1953 l’ha lasciato alla nipote Elisabetta II la quale, non solo non l’ha mai portato, ma se ne deve essere proprio dimenticata perché nel libro definitivo sui diamanti della regina (“The Queens Diamonds” uscito per il giubileo di diamante del 2012) non ce n’è traccia. E comunque siccome la regina non indossa mai una delle sue iconiche spille senza motivo, sabato aveva la Richmond Diamond Brooch anch’essa eredità della regina Mary.

Il diadema si intonava perfettamente con l’abito (come la Halo di Kate era perfettamente abbinata al suo prezioso vestito di pizzo) e questo fa intuire come non sia una scelta arbitraria o una decisione inappellabile della regina ma si tratti di un prestito concordato con la futura sposa. L’insieme abito-velo-diadema ha dato a Meghan l’aspetto un po’ retrò e molto romantico e in un primo momento ho pensato allo stile anni ‘35-’40 (quello della serie Poirot per intenderci) poi riguardando i video e le foto mi sono resa conto che la neo duchessa di Sussex, con il suo vestito dal corpetto severo con un elegante e sobrio scollo omerale e la gonna leggermente svasata, era anche una dama medievale al centro dalla sontuosità gotica della magnifica St. George Chapel.

Ma parliamo un po’ anche dello sposo che nei matrimoni viene sempre ingiustamente trascurato. Ammetto di subire un po’ il fascino della divisa e di amare particolarmente quella scelta da Harry o meglio quella che la regina gli ha concesso di indossare. Eh si gli onori e gli oneri di essere un membro della Royal Family e per di più sesto in linea di successione, quindi se da un lato ti puoi sposare a Windsor e usare – gratis – la St.George Hall per i tuoi 600 invitati, dall’altro devi chiedere alla nonna l’autorizzazione a portare una specifica uniforme. Infatti William, che si voleva sposare con la divisa della Raf la nonna ha detto no, meglio la giubba rossa delle Irish Guards di cui era da poco colonello in capo.

Sia lo sposo che il suo best man (che non è propriamente un testimone, ma una spalla, un sostegno, un accompagnatore) si sono presentati con il frockcoat una delle uniformi dei Blues&Royals. Sia William che Harry hanno servito in questo prestigiosissimo reggimento che, insieme ai Life Guards, forma la Household Cavalry, ovvero la guardia del corpo personale del sovrano.
C’è chi ha criticato la scelta di indossare il frockcoat, che è in buona sostanza un cappotto lungo e scuro (blu), e non una divisa più sgargiante ma torniamo al punto di cui sopra: quello di sabato era il matrimonio di un personaggio importate nella Royal Family ma non certo di primo piano e comunque si trattava pur sempre di una delle uniformi di “rappresentanza” di un reggimento che ha anche una sezione operativa sotto le cui insegne Harry ha prestato servizio per dieci anni compiendo anche diverse missioni. Fra l’altro, non so se l’avete notato, ma nessun altro membro della famiglia reale (anche quelli in servizio attivo, come il vice ammiraglio Laurence, marito della principessa Anna) indossavano un’uniforme.

Harry e Meghan sposi, le menzioni speciali

Sposi a parte ci sono state due persone che hanno diritto a una menzione speciale: prima di tutto Doria Ragland la madre della sposa, sola e sperduta in questo oceano di royals inglesi e di vip americani, ma compostissima, elegante e misurata. Felice e commossa per la figlia e senza nessuno a cui appoggiarsi se non fosse che – e passiamo alla seconda menzione speciale – il suo consuocero è un gran signore e alla fine della cerimonia le ha offerto il braccio per l’uscita dalla cappella. Con questo gesto cortese nei confronti della mamma di Meghan, il principe di Galles ha chiuso una cerimonia iniziata accompagnando la sposa nel “quire” fino all’altare e ha messo a tacere malelingue e detrattori. L’accoglienza è stata totale e completa, senza se, senza ma e soprattutto senza retropensieri.

Dimenticavo una menzione speciale “ad honorem” al duca di Edimburgo che un mese e mezzo dopo essere stato operato all’anca si è presentato pimpante alle nozze del nipote camminando sulle sue gambe.

Ebbene si, Harry e Meghan sposi mi sono piaciuti moltissimo e faccio senza dubbio parte del “team Biancaneve” della mia amica Donna Bianca. Tanto che nel corso della diretta su SkyTg24 quando il conduttore ha detto “ma non si sono commossi”, io presa dall’entusiasmo, e pensando che si riferisse agli spettatori, ho risposto “si, si io mi sono commossa moltissimo, ho anche pianto”… In realtà lui parlava degli sposi e ha riso molto, per la serie splendide figure anche in diretta nazionale.

Harry e Meghan sposi, tutto bello ma “nessuno è perfetto”

Ma chi mi legge da un po’ e conosce il mio spirito critico si starà chiedendo: “ma di questo royal wedding ti è piaciuto proprio tutto, tutto, tutto?”. Ovviamente no, però posso dire che sono state più le note positive rispetto a quelle negative che quindi lascio in fondo in questo commento alla giornata di Harry e Meghan sposi.

NO alla decorazione floreale: la Craddock deve avere spelato alberi e cespugli di tutto il circondario per creare un effetto esagerato. Il portale era davvero too much, troppo pieno, troppo ricoperto di fronte, troppo tutto.  Ieri i decori floreali sono stati smantellati e donati ad alcune case di riposo ma vista la quantità i vecchietti saranno stati sommersi da fiori e piante.

NO al bouquet (lasciato sulla tomba del milite ignoto a Westminster seguendo una tradizione avviata dalla Queen Mum) che era particolarmente striminzito e anche poco maneggevole. Mi aspettavo delle peonie (ed erano state annunciate) che sarebbero state d’incanto con l’atmosfera e lo stile dell’abito.

NO al corteo dei paggetti e delle damigelle, troppi e troppo piccoli, ma soprattutto senza il controllo di una persona più grande erano in grande confusione e l’arrivo con le rispettive mamme direi che ce lo potevamo anche evitare… Meghan ha avuto persino difficoltà a lasciare il suo bouquet perché la bambina che aveva più vicina in quel momento non capiva bene cosa fare. Charlotte carina come sempre, George scontroso al punto tale che ad un certo punto è sparito dal corteo. Sinceramente brutti anche gli abiti, la versione baby del frockcoat non funziona e le bambine sembravano vestite da Oviesse.

NO, NO e NO alla gomma da masticare di David Beckam che sarà anche bello (ma il giocatore di polo Nacho Figueres lo è di più) ma bisogna che gli regaliamo una copia del Saper vivere di Donna Letizia. E già che ci siamo anche il doppiopetto grigio chiaro di George Clooney. Premesso che il doppiopetto stava bene solo a Cary Grant e tu George non sei Cary, ma un tight non te lo potevi noleggiare?

NO al sermone del vescovo di Chicago, appositamente invitato degli sposi, ha dato alla cerimonia un tono un po’ film con Eddy Murphy. Lui poteva evitare, ma non ha resistito alla tentazione dello show in mondovisione. Stessa sensazione di disagio per il coro gospel e sono certa che Carlo, grande melomane, sarà dentro di sé sommessamente svenuto.

Harry e Meghan sposi, le polemiche

L’abito riciclato di Kate (fra l’altro ripensandoci, secondo me ha riciclato anche la principessa Anna ma è la zia quasi settantenne dello sposo) penso sia davvero stato una grossa scortesia. Va bene tutto, la stanchezza, la depressione post parto, ma un vestitino nuovo e soprattutto non color crema lo poteva anche trovare.

La courtsy di Meghan alla regina c’è stata ma le riprese dall’alto l’hanno resa praticamente invisibile e, poiché l’omaggio dei neo sposi è uno dei momenti più importanti, immagino che l’autore di questo colpo di genio andrà a dirigere i nuovi episodi di “Shaun the Sheep”.

La sedia, ovvero lo scranno libero: non era per Diana morta, stile convitato di pietra, ma dipendeva dal fatto che la regina per una questione di persone costrette a sedersi dopo di lei (Carlo dopo aver lasciato la sposa e anche William) si è dovuta sedere dietro e davanti al sovrano non ci può essere nessuno. E alle nozze di William non c’era una sedia vuota. NO, non c’era.

Vi lascio con un momento fortemente autocelebrativo. Sabato ero in diretta a SkyTg24 (che purtroppo non si può vedere in replica) a commentare la giornata di Harry e Meghan sposi, ed è stata un’esperienza bellissima.

Copyright foto: Getty Images e Royal Collection.

Harry e Meghan sposi, i preparativi 

 

 

 

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

48 Commenti

  1. laura ha detto:

    Cara Marina, il celebrante (matrimonio Harry-Meghan, of course) a un certo punto ha invitato parenti e amici a sostenere il matrimonio, a favorirne la durata. Di sicuro questo passaggio appartiene al rito anglicano: vorrei conoscere bene questa formula, mi puoi aiutare? Grazie e complimenti per il tuo bellissimo sito.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      ciao Laura,
      purtroppo non conosco i dettagli del rito anglicano però se non ricordo male i celebranti anglcani spesso si prendono delle libertà… 😉

    • Stefano ha detto:

      Sarò malizioso, ma a me è sembrata una frecciatina ad Elisabetta, che all’epoca non si prodigò particolarmente per sostenere il matrimonio di Carlo e Diana, nonostante le lamentele della povera Lady D (e poi se ne dev’essere pentita amaramente).

  2. amber60@hotmail.it ha detto:

    E’ stato tutto bellissimo per me,molto romantico anche se,certe volte,sembrava di essere su “Sister Act”.Non so se è una loro prerogativa,ma anche noi abbiamo un prete di colore che è tale e quale a quello anglicano.Per dire che va molto oltre,tra musica,risate e omelie interminabili…

  3. Antonella A. ha detto:

    Ehm,mi scuso per gli errori nei campi obbligatori,non era molto chiaro cosa si dovesse scrivere,non mi appariva nulla.Le mie scuse alla padrona di casa.

  4. Rossella ha detto:

    Matrimonio bellissimo ed emozionante.
    In attesa di foto e commenti, anche divertenti, chi mi aiuta a capire o giustificare la scelta di Cate nel riciclare per la terza (!) volta il vestito?
    Va bene la brexit e forse il messaggio di basso profilo, ma si sposa tuo cognato e purtroppo l’unico fratello del futuro re, e tu sarai la più “cercata” dopo la sposa.
    Una grande delusione e purtroppo non sapremo mai la ragione della sua scelta…

  5. laura ha detto:

    Un momento ma chi è questa Laura che non sono io ?

  6. annarita ha detto:

    Ho avuto l’impressione che la regina non avesse in cuor suo approvato il matrimonio,lo ha fatto ufficialmente per il bene di Harry, infatti non ha mai sorriso. L’abito e l’addobbo erano molto belli, non mi è piacito il sermone del vescovo episcopale, troppo americano per gli inglesi. Finalmente ho visto le “sorellastre di Cenerentola” vestite bene, Kate con la mise del battesimo della figlia, forse non aveva soldi per farsi un abito nuovo?Tu, Marina, come al solito splendida nei vari commenti.

  7. Marina sei un mito, sempre! Condivido tutto quello che hai scritto e appena posso vado a rivedermi la cerimonia! Spero che sky ti invii al matrimonio di Eugenia a ottobre!!! Incrocio le dita!!!

  8. Elisa Baker ha detto:

    A me sono piaciti gli sposi, la signorilità di Carlo, il vestito (anche se molti lo criticano) è bellissimo. Il bouquet non mi è dispiaciuto, mentre gli addobbi esterni troppi come dici tu. Tu in tv sei stata favolosa, complimenti. La regina fantastica e la sua serietà rientra nei suoi ranghi secondo me, il dover tutti dire che non voleva queste nozze, non credo proprio! Kate … beh sorvolo, sono convinta che abbia fatto un passo falso, ma peggio per lei! Insomma tirando le mie somme a me questo matrimonio è piaciuto tanto e le foto ufficiali secondo me testimoniano che lo sia stato anche dopo la cerimonia.

  9. Rosanna ha detto:

    In primis, ribadisco il mio ringraziamento a Marina per gli interventi su Sky.
    La seguo da quasi un decennio e ammetto che quando ha parlato di Lord Mountbatten ho avuto un sussulto.
    Facendo zapping tra raiuno, canale 5, Real time e Sky per l’appunto, ho sentito di tutto e di più.
    Condivido in toto ciò che ha scritto, ci aggiungerei solo una critica ai parrucchieri delle spose Windsor-Mountbatten. Su Kate ne abbiamo ampiamente disquisito ai tempi, ma Meghan, ragazza adorata, uno chignon più composto no?
    Ultima cosa, l’inno da brividi. Noi italiani, ahimè, non avremo mai un simile senso di appartenenza alla patria. Forse perché la magia della monarchia è anche questa.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      concordo sull’inno, sui capelli avrei detto stessa cosa l’altro ieri, però ci ho ripensato, quanto a Mountbatten non ti dico i messaggi che mi sono arrivati da parenti e amici sul genere “aho ma sempre a parlare di Mountbatten?!?!?”…
      non mi ricordare che mi segui da dieci anni… il blog festeggia il decennio fra sei mesi…

  10. LadyF ha detto:

    Marina come tu sai io ho spostato il Royal Wedding al giorno dopo ma concordo su quasi tutta la linea.
    L’abito mi ha dato una nota stonata, c’era qualcosa nel corpino che sembrava tralasciato, una forma poco seguita, una larghezza di troppo. Perfetto lo scollo, quello sì. E brutto il mazzolino. Vabbè i fiori raccolti dal roscio ma si poteva impegnare di più a sfrondare il White Garden. Ah già… era stato sterminato per l’addobbo. E le peonie tutte sssparite!

  11. Ale ha detto:

    complimenti @marina!! condivido molte delle tue osservazioni (pessimo il regista che non inquadra bene l’inchino) e devo dire che ho aspettato molto queste nozze perché la coppia mi piace da impazzire. Meghan è stata una sposa bellissima e molto elegante, anche nel festa serale dove era magnifica. devo dire che ci ha fregato col diadema, nessuno se lo ricordava e personalmente non pensavo fosse nelle mani della regina … una bella sorpresa 😉 chissà cos’altro nasconde 😀 già al tempo del fidanzamento avevo indicato dopo una ricerca sui titoli della famiglia reale il possibile titolo, due erano i disponibili: clarence e Sussex. con la ricerca ci ho preso con la preferenza invece no 😀 mi piaceva più clarence, ma sono sicuro che nel giro di qualche anno sarà uno dei titoli più iconici e amati.
    e ora??? auguri e figli maschi (per tramandare il titolo) .. e anche femmine perché delle belle principesse servono per aiutare i bimbi Cambridge in futuro 😀

  12. Luka ha detto:

    file:///storage/emulated/0/Download/louis-spencer-princess-diana-nephew-royal-wedding-2018-vertical-1526906173.webp

    I cugini Spencer, Lord Louis e Lady Kitty, sono stati probabilmente i familiari più notati e più “stimolanti”…. Sto giro anche le yorkine erano perfettamente mimitezzate sullo sfondo, quasi da scuola “Stephanie de Luxemboug”.

    Forse su Facebook è stato detto o commentato ma è stato ripreso almeno un sorriso o smorfia dellla Regina?…

  13. luca ha detto:

    Ma vogliamo parlare del cappello di Camilla ?

  14. Rosanna ha detto:

    Ricordo ancora il primo articolo che lessi “Lo scrigno dei Bernadotte”. Quando andai a Stoccolma e la guida mi indicò la statua del maresciallo suddetto, mi sembrava di rivedere un vecchio amico.
    P.S. ora vado a rileggere il post. È sempre entusiasmante.

  15. Caterina ha detto:

    Buongiorno a Tutti. Bellissimo post e soprattutto ben sintetizzato. Innanzitutto vorrei dirVi che pure io come Rosanna ho fatto zapping tra real time canale 5 e rai uno, non avendo sky. Mi sei mancata veramente tanto, ho sentito talmente tanti strafalcioni, che alla fine non ascoltavo più niente, concentrandomi sulla cerimonia, bellissima. Che dire: la sposa veramente bella raffinatissima nel suo abito che per taglio mi ricordava vagamente quello di Met Marit di Norvegia con diversa consistenza di tessuto e con un velo: straordinario. Il bouquet e l’esterno della Chiesa mi ha profondamente deluso. Così come gli abiti delle bambine e i loro piccoli bouquet: no, no e no. Preferivo fiori e paggetti di Pippa Middleton, con la quale aveva in comune l’astilbe anche se di colore diverso. Concordo con Marina sul fatto che gli abiti delle bimbe sembravano dozzinali. Quanto ai bambini: quel blu/ quasi nero: troppo austero, Prince George sembrava in castigo. Il diadema della sposa : meraviglioso, sulla pettinatura della sposa: si potevano impegnare di piu’, in alcuni momenti sembrava spettinata. Anche lo smalto sulle mani era troppo rosa, meglio quello delle foto ufficiali del fidanzamento. Mi è piaciuto moltissimo Carlo: elegante e veramente gentile, non solo con la nuora, c’è stato un attimo, quando gli sposi sono andati dietro immagino per le formalità, in cui anche i Genitori sono andati dietro, la Madre della sposa si è gettata con entrambe le mani su di lui, che l’ha guidata sul da farsi in un
    modo così delicato e leggiadro da gran Signore quale è. Mi è piaciuta molto Camilla, anche il cappello meno la parte apicale del cappello. Mi sono piaciute moltissimo le scarpe della futura sposa: Eugenia del nostro Grande Valentino, meno l’abito da hostess. Non mi è piaciuta la sorella maggiore troppo voluminosa, anche se il colore uguale a quello di Zara Tindall le donava molto. Non mi sono piaciute ne Kate l’ ho trovata molto irritata, ha lanciato due o tre occhiate a Camilla durante la cerimonia “saettiformi”, io l’ho trovata di una scortesia unica, quasi a voler comunicare: di questa cerimonia non me ne importa niente, diversa dalla cura prestata per la cerimonia della Pippa. Bellissima Lady Kitty Spencer( a proposito non ho visto ne lady Sarah ne nessuno della sua famiglia, mancava anche una delle gemelle Spencer) ed altrettanto carina: Chelsy Davy in blu. Elegante anche la Madre di Kate, no per Pippa versione Olivia di Braccio di ferro. Infine, ma si potrebbe sapere di più sui gioielli della sposa? Bracciale orecchini della cerimonia e quelli del party serale? E il bracciale che la sposa avrebbe commissionato in numero di sei donato anche a Kate. Una delle cose che ho gradito di più, è stato:vedere arrivare i due fratelli a piedi con quel passo baldanzoso: uno
    spettacolo: bellissimi. Ultimissima cosa, la lettura fatta dalla Zia dello sposo era la stessa lettura che ho letto io durante le mie Nozze, non vi dico quanto ho pianto.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      ciao Caterina che peccato, forse non ho spiegato bene, SkyTg24 è in chiaro sul canale 50 del digitale terrestre, mi hanno visto tutti anche quelli senza parabola. Certo che c’era Lady Sarah con marito e figli. 😀

  16. Graziana ha detto:

    Piaciuto tantissimo, lei splendida e lui così estatico che commuoveva….dal “you look amazing” al “thank you dad”…..Sì, povera la mamma di lei nella quale (da mamma) mi sono immedesimata, sola soletta, unica testimone del sogno della figlia. Effettivamente il sermone è stato un pò sopra le righe, forse semplicemente non ci siamo abituati, e Kate……giuro che non l’ho proprio capita, ma sono sicura che dietro questo matrimonio ci sia ben altro che, noi pubblico, non sapremo mai.

  17. Alessandro (Aigrette) ha detto:

    Sull’articolo “Quale sarà il diadema nuziale di Meghan per le sue nozze con il principe Harry?” commentai:

    “3) L’infinita passione della Regina Maria, accumulatrice compulsiva di gioielli. Ci dovrebbero essere ancora nelle camere blindate reali un piccolo diadema a losanghe e anche un altro in Filigrana o chissà cos’altro”
    Bhe diciamo che in parte ci ho preso 🙂 la tiara che indossato al matrimonio Meghan era conosciuta come tiara di filigrana anche se poi abbiamo scoperto che filigrana non era ma era platino.
    Il matrimonio a me è piaciuto, l’unico NO è al sermone del vescovo, e NO NO al riciclo di Kate che ha esagerato nel non voler esagerare.
    Menzione speciale per Kitty Spencer vestita in D&G e collana Bulgari.
    Poi, naturalmente, un triplo urrà per The Queen e consorte.
    Trovo anche molto armoniose le foto nella green Room del castello di Windsor.
    E, dulcis in fondo, Marina sei stata fenomenale su SkyTg24, ho scritto a tutti gli amici di seguirti, della serie “segui e fai seguire Marina in tv”

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Grande Alessandro, sono felice che almeno una persona del nostro gruppo abbia indovinato. Io quel diadema proprio non me lo ricordavo. Grazie per il gruppo di supporto, grazie, grazie. E comunque da Sky mi hanno fatto sapere che hanno avuto ottimi ascolti. 😀

  18. sissi ha detto:

    @ Caterina qui trovi i gioielli indossati da Meghan
    https://whatmeghanwore.net/2018/05/19/a-wedding-in-windsor-meghan-harrys-special-day/
    Questo invece è il braccialetto che ha regalato a 6 amiche tra cui anche Kate
    https://www.glamour.com/story/meghan-markle-royal-wedding-favors-gold-bracelet

  19. Dinora ha detto:

    Intanto complimenti alla nostra Marina sia per la trasmissione che per il post.
    Devo dire che mi sono emozionata molto per questo matrimonio. Pensavo a lei, entrare in chiesa da sola non credo sia stato semplice, come pure per la madre anche lei sola, comunque una signora elegante e dignitosa. Per fortuna Carlo un grande gentleman nel porgere il braccio alla sposa, dicendole che andava tutto bene portandola all’altare da un figlio super emozionato e grato al padre. E poco dopo porgere le sue mani alla madre di Meghan mentre si portavano dietro agli sposi per le formalità di rito! E che dire anche all’uscita della chiesa con a braccetto la mamma e Camilla tutti insieme! C’era da commuoversi!!! Che ne dite?
    Andando sul “pezzo” della cerimonia, lei era bellissima con un abito elegante e molto adatto a lei stile anni trenta che si coordinava a meraviglia con il diadema scelto. Ma in che modo vengono scelte da parte delle spose i diademi che la regina da in prestito? Un bellissimo diadema che speriamo le venga dato l’opportunità di indossare di nuovo.
    Splendido il velo, però poco messo in risalto prima dal pavimento a scacchi e soprattutto da paggetti inadeguati, troppo piccoli,perché potessero metterlo in ordine. Unico appunto il bouquet, inadeguato per il tipo di abito. Comunque gli sposi erano adorabili e molto presi l’uno con l’altro e con la fretta di Harry di dire “I will” senza attendere la fine del rito!!! Stupendo, coerente con la sua personalità!!!

    Sono concorde con Marina sui suoi diversi No, in specialmodo e con sorpresa Kate!! Stranamente, devo dire, ma non credo centri niente sulla sua presunta avversione per questo matrimonio essendo lei molto legata e complice con Harry.
    Ma The Queen ha mai sorriso durante la cerimonia? Pochissimo inquadrata durante la cerimonia. Pollice verso per il regista e per il reverendo con quel lungo sermone che non centrava nulla!!! Ma non si concorda prima?

    Che dire degli ospiti?
    Peccato non siano stati invitati qualche rappresentante delle case reali anche se non era un matrimonio “di stato” si sposava sempre un membro della famiglia reale. Avrebbero alzato un po’ il livello!!
    Trovare qualcuno elegante era un’ipresa a parte due o tre di numero… Kitty Spencer molto carina.
    I Beckam…. famiglia Adams!!!
    Come in ogni matrimonio è bello fare qualche pettegolezzo benevolo!!!

  20. Dinora ha detto:

    Dimenticavo!! Come mi sono piaciuti i due fratelli nella loro camminata baldanzosa con William dietro per fermare lo sposo da qualsiasi ripensamento. Come da tradizione!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi