I 50 anni di Felipe VI. Il re di Spagna dalla A alla Z

Spanish King Felipe VI waves on arrival before attending the Real Maestranza Caballeria university awards ceremony in Sevilla on June 12, 2015. Spain's King Felipe VI today issued a decree stripping his sister Princess Cristina of her title as Duchess of Palma, the palace announced Thursday, as the royal sibling faces tax evasion charges in a scandal that has embarrassed the monarchy. AFP PHOTO / CRISTINA QUICLER SPAIN-ROYALS-KING

I 50 anni di Felipe VI non saranno festeggiati con eventi ufficali. Il re di Spagna, nato a Madrid il 30 gennaio 1968, a differenza dei colleghi sovrani e degli amici del Gotha non ama le grandi feste e i mega eventi nazional popolari. El Rey è un uomo sobrio e discreto, anche un tantino timido e parecchio riservato quindi ha deciso di andare controcorrente. Ma questo compleanno tondo non poteva certo passare in sordina così Felipe ha scelto di mettere in primo piano la figlia, sua erede e simbolo della continuità di una dinastia che negli ultimi anni ha dovuto recuperare la fiducia degli spagnoli. E poi ha deciso di rivelare un po’ di se stesso e della sua famiglia, generalmente molto nascosta agli obiettivi dei fotografi e delle telecamere. Così nella notte fra il 26 e il 27 gennaio sono stati messe in rete una serie di foto inedite e private e alcuni video familiari fra cui un pranzo in casa e il make off del discorso di Natale.

https://www.hola.com/realeza/casa_espanola/20180127105178/felipe-vi-50-cumple-comida-familiar/

https://www.hola.com/realeza/casa_espanola/20180127105187/felipe-vi-50-cumple-reina-letizia/

https://www.hola.com/realeza/casa_espanola/20180127105179/felipe-vi-50-cumple-yendo-colegio/

Il 31 gennaio invece la principessa delle Asturie riceverà ufficialmente quel giorno le insegne del Toson d’Oro la più prestigiosa onorificenza della monarchia iberica che le era stata assegnata dal padre per il decimo compleanno.

Sul re, uomo di grande cultura, notevole carisma personale e un rigore quasi teutonico, i giudizi sono ancora in sospeso, ma non si può dire non si sia impegnato con tutto se stesso nella ricostruzione dell’immagine di una dinastia compromessa dagli scandali familiari.

I 50 anni di Felipe VI : un re dalla A alla Z

A – come Asturie. Erede della corona fin dalla proclamazione a re di suo padre, il 22 gennaio 1977 l’infante Felipe diventa il 35mo principe delle Asturie, di Gerona e di Viana titoli che un tempo erano concessi ai primogeniti dei re di Castiglia, Aragona e Navarra, dalla cui unione è nata, nel XVI secolo, la moderna monarchia spagnola. Il primo a portare questo titolo è il futuro Juan I re di Castiglia.

B – come battesimo. L’8 febbraio 1968 Felipe viene battezzato in un salone della Zarzuela, residenza dei principi Juan Carlos e Sofia. I padrini sono il conte di Barcellona e la regina Vittoria Eugenia che rientra in Spagna per la prima volta dal 1931 grazie a un’autorizzazione speciale del Caudillo, ovviamente presente alla cerimonia.

C – come cultura. Felipe è un uomo molto colto, ama le arti, la poesia, la musica (i suoi compositori preferiti sono Bach, Mozart e Wagner) e il cinema. Spesso viene avvistato insieme alla moglie e a qualche amico nelle sale cinematografiche madrilene.

D – come discorso. Il principe delle Asturie pronuncia il suo primo discorso ufficiale a 13 anni in occasione dell’annuale cerimonia a Oviedo per la consegna del premio “Principe delle Asturie”. Il suo discorso più difficile è stato quello del 3 ottobre 2017 dopo il referendum indipendentista della Catalogna.

E – come Elena. La sorella maggiore a a cui sembra essere molto legato anche perché con l’altra, l’infanta Cristina i rapporti sono definitivamente congelati in seguito allo scandalo provocato dal cognato Inaki coinvolto nel caso Noos e recentemente condannato. L’infanta è stata prosciolta dalle accuse e la regina Sofia sembra abbia chiesto a Felipe di ridare alla sorella un ruolo pubblico ma il re, spalleggiato dalla moglie si è rifiutato. Cristina è stata tenuta lontana anche dalla festa familiare per gli 80 anni di Juan Carlos.

I 50 anni di Felipe VI, gli amori, gli antenati, le passioni

F – come fidanzate. Il quasi perfetto Felipe ha dato ai suoi genitori un solo grande problema: i suoi amori impossibili. Cioè, impossibili per dal punto di vista del re e soprattutto della regina Sofia in quanto le candidate alla mano del futuro re non sono mai state ritenute all’altezza della situazione. La ricerca della fidanzata ideale per il giovane erede al trono ha impegnato per anni sia la stampa rosa che la regina Sofia. Tutte le principesse cattoliche d’Europa hanno fatto brevi o lunghi “soggiorni di studio” a Madrid nella speranza che Felipe dimostrasse qualche interesse per una di loro. I risultati sono stati pari allo zero, il principe è stato a lungo legato a Isabel Sartorius (figlia di un marchese ma ritenuta da non idonea alla carica di futura regina visto che all’epoca si cercava ancora una ragazza di sangue reale), a una giovane americana e poi alla norvegese Eva Sannum la cui presenza accanto al figlio ha turbato per molti anni il sonno della regina Sofia.

G – come genealogia. Felipe VI è oggi l’unico sovrano europeo della nuiova generazione a discendere da parte di padre e di madre da dinastie reali. Nelle sue vene scorre il sangue dei Borbone (di Spagna e anche delle Due Sicilie) ma anche dei re di Grecia, della regina Vittoria (sia dal lato materno che da quello paterno), degli Asburgo (attraverso la madre di re Alfonso XIII) e degli Hohenzollern (da Sofia di Prussia madre di re Paolo e Frederika di Brunsiwck, madre di Sofia, rispettivamente sorella e nipote del Kaiser).  Quindi l’atteso viaggio ufficiale a Londra è stato in pratica quasi un incontro di famiglia. –> http://bit.ly/2uRKlY4

H – come Hola. Il settimanale spagnolo gli ha dedicato decine e decine di copertine e per il cinquantesimo compleanno anche un numero speciale.

I – come investiture. Il 30 gennaio 1986, giorno del suo 18mo compleanno, Felipe si presenta davanti alle Cortès riunite in seduta solenne e giura fedeltà alla Costituzione e al Re, assumendo così in pieno il suo ruolo istituzionale di successore della Corona.
Il 19 giugno 2014 Felipe è ancora davanti al Parlamento in seduta plenaria per prestare giuramento come re di Spagna; poche ore prima, durante una cerimonia alla Zarzuela, il padre, che ha abdicato il giorno precedente, gli aveva passato le insegne Capitano generale e si era messo sull’attenti davanti a lui.

L – come Letizia. Dopo molte tribolazioni di cuore e parecchie polemiche Felipe decide di cambiare strategia e quando si incontra la giornalista Letizia Ortìz Rocasolano gioca la carta della segretezza. Fino al giorno del fidanzamento nessuno sa che l’erede al trono si è innamorato della conduttrice del telegiornale della sera, figlia di un giornalista e di una infermiera. Il principe stavolta impone ai genitori la sua scelta anche se la giovane donna è divorziata, dichiaratamente atea e repubblicana. A quanto pare Felipe fa sapere al re e alla regina che o se non acconsentiranno di buon grado alle sue nozze con Letizia lui abbandonerà titolo e doveri regali. Juan Carlos e Sofia si piegano ai desideri del figlio ma i rapporti del sovrano con la nuora saranno sempre pessimi.

M – come mamma. Dal giorno un cui è venuto al mondo Felipe è il cocco di mamma. Sofia ha adorato e adora questo suo unico figlio maschio che sente vicino anche dal punto di vista caratteriale. Ancora adesso la regina “emerita” è un sostegno e un appoggio importante per il sovrano che il giorno dell’intronizzazione le ha rivolto un commosso omaggio. C’è un importante ostacolo nella relazione affettuosa fra madre e figlio e si chiama Letizia. La regina consorte in carica non ha praticamente rapporti con la suocera (e neanche con il resto della famiglia sia lato Borbone che lato Grecia) per una svariata serie di motivi e fa in modo che anche le sue bambine la frequentino solo lo stretto indispensabile.

N – come nascita. Felipe viene al mondo alle 8 e 15 del mattino in una clinica privata madrilena. Il bambino, biondo con gli occhi azzurri, è lungo 55 cm e pesa 4,3 kg. Juan Carlos è pazzo di gioia e più tardi, al biografo Josè Luis de Vuilallonga racconterà che quel giorno non ricorda bene cosa ha detto e fatto: “saltavo di qua e di là per la felicità, baciavo e abbracciavo tutti”.

O – come Olimpiadi. Felipe è il portabandiera della Spagna alle Olimpiadi di Barcellona del 1992. Il principe fa parte della squadra di vela insieme alla quale si porta a casa una medaglia d’oro.

P – come Paolo di Grecia. Il nonno che non ha mai conosciuto ma al quale assomiglia moltissimo dal punto del carattere e del temperamento. Felipe è molto legato anche un altro Paolo di Grecia, il cugino Pavlos, il figlio di Costantino di Grecia e Annamaria di Danimarca, insieme al quale ha passato l’infanzia e la giovinezza, compreso il periodo di studi a Washington. I parenti greci però non sono molto amati da Letizia così il sovrano adesso li frequenta molto meno e quando lo fa è solo, come alla festa del luglio scorso per i 50 anni del cugino.

Q – come qualità. In generale Felipe di Borbone viene definito “timido, prudente, preparato, simpatico e serio”, chi è riuscito ad approfondire aggiunge anche: “responsabile, gentile, sottile, curioso, riflessivo e riservato”. I commenti che arrivano da un circolo ristrettissimo di persone a lui vicine vanno un tantino di più in profondità: “testardo, sentimentale, romantico, tranquillo, dotato di una memoria fotografica e di una notevole sensibilità, solido nelle sue convinzioni, bravo nel raccontare barzellette, ottimo gourmet, fedele nelle amicizie, enormemente geloso della sua intimità e dotato di una grande pazienza”. E’ un metodico, non certo impulsivo, ma al contrario estremamente riflessivo.

R – come riservato. Il re non ha il carattere aperto, espansivo e cordiale del padre e del nonno don Juan; Felipe VI è stato un ragazzo un po’ chiuso e introverso e oggi è un uomo decisamente riservato. “Di sicuro – ha detto qualche anno fa Jesùs Rodrìguez editorialista del quotidiano El Paìs – in pochi lo conoscono veramente bene; l’erede al trono concede raramente interviste e, visto il ferreo servizio di sicurezza è quasi impossibile mantenere con lui una conversazione informale”. Dicono sia la prudenza fatta persona e che gli manca del tutto il lato “popolare” di Juan Carlos, la sua simpatia spontanea, l’olfatto e l’intelligenza politica sviluppati dopo molti anni di difficoltà. Carenze alle quali Felipe di Borbone supplisce con la riflession, l’ascolto, l’osservazione e l’analisi. Le immagini diffuse stanotte, i video in particolare, però evidenziano come Felipe VI è ancora oggi sia quasi in imbarazzo con gli estranei con i quali fa fatica ad avere rapporti distesi. Forse il risultato di aver avuto un padre che ha preteso l’obbedienza e una madre che pur avedolo molto viziato lo ha sempre tenuto sotto controllo. Infine una moglie “dispositiva” che non perde di vista un attimo né lui, né le figlie, non lo ha aiutato a sciogliersi.

S – come studi. Felipe frequenta il Collegio di Santa Maria de los Rosales a Madrid e poi trascorre un anno di formazione pre-universitaria al Lakefield College School in Canada prima di effettuare il suo apprendistato militare nelle Accademie e nelle scuole delle tre Armi. “Quella del Canada – ha ricordato Sabino Fernandez Campo, all’epoca capo della Casa Real e uno dei sostenitori del progetto – è stata un’esperienza utile e molto formativa, ma dura per un ragazzo che non si era mai allontanato da casa. Il freddo, la distanza, la solitudine, la necessità di crearsi nuove amicizie in un luogo estraneo dove si parlava un’altra lingua…”.

T – come televisione. Tra il 1996 e il 1997 Felipe ha presentato i dieci capitoli della serie televisiva “La Spagna selvaggia” un documentario dedicato alla natura iberica realizzato con il patrocinio della fondazione ambientalista TENEO e del WWF – World Wildlife Fund spagnolo.

U – come università. Laureato in Diritto presso l’Università Autonoma di Madrid Felipe completa il suo brillante cursus scolastico frequentando un Master biennale in Relazioni Internazionali presso il Dipartimento degli Affari Esteri dell’Università di Georgetown (Washington D.C.) specializzandosi nei problemi legati allo sviluppo dei paesi Latino-americani, del nord Africa e del Medio Oriente. A Madrid uno dei suoi professori più amati è Franciso Tomàs y Valiente; il docente di storia del diritto ed ex presidente del Tribunale Costituzionale viene ucciso dall’l’ETA nel febbraio 1996 e al suo funerale Felipe non riesce a trattenere le lacrime.

V – come vela. Felipe ha praticato fin da ragazzo moltissimi sport (fra cui judo, basket, sci) ma quello che predilige sopra qualsiasi altro è la vela, passione che ha in comune con il nonno don Juan, il padre e lo zio Costantino di Grecia che è stato medaglia d’oro alle Olimpiadi di Roma del 1960.

Z – come Zarzuela. Felipe vive con la sua famiglia nel “Pabellón del Príncipe”, la villa costruita nel parco della Zarzuela alla fine degli anni ’90 come abitazione per l’erede al trono che vi si è trasferito nel 2002. Salito al trono re Felipe non abbandona la sua casa e lascia al padre e alla madre l’utilizzo degli appartamenti privati nell’edificio principale riservandosi però le sale di rappresentanza per le udienze e i ricevimenti ufficiali. Situata sul monte del Pardo, la Zarzuela viene edificata per il cardinale-infante don Fernando (1609-1641), fratello di Filippo IV (re dal 1621 al 1665); in origine si trattava di un edificio rettangolare ad un solo piano, con i tetti di ardesia, cinque aperture sulla facciata principale e altrettante sul retro che dava sul bel giardino all’italiana. Il nome sembra derivi dal fatto che proprio qui furono rappresentate per la prima volta, tra il 1657 e il 1670, le “Zarzuelas”, opere di canto, recitativo e musica. Successivamente, Carlo IV (re dal 1788 al 1808) fa sistemare l’interno in stile neoclassico, e lo arreda con porcellane, tappeti e mobili delle manifatture reali, ma l’edificio viene progressivamente abbandonato e finisce con l’essere praticamente distrutto durante la guerra civile. Alla fine degli anni ’50 Franco, in cerca di una casa nella quale sistemare Juan Carlos, incarica gli architetti del Patrimonio Nacional di provvedere al restauro della Zarzuela, che, guarda caso, non è lontana dal palazzo del Pardo, la sua residenza ufficiale. L’edificio viene dotato di un secondo piano riservato agli appartamenti privati, mentre al piano terra si trovano le sale di ricevimento e di rappresentanza. Nel parco di mille ettari, che era la riserva di caccia di Alfonso XIII, vengono costruiti una piscina, un campo da tennis e le scuderie. L’arredamento viene curato personalmente dalla moglie del Caudillo che sovraccarica la piccola abitazione di stucchi, specchi e mobili dorati provenienti dalle altre dimore reali ma Sofia riuscirà pian piano a cambiarlo.

e per finire aggiungo

J – come joyas.  Felipe e Letizia ci tengono a non ostentare troppo in questo periodo tanto difficile per la Spagna, così la regina indossa pochissimi gioielli di valore e anche le occasioni “in diadema” sono ridotte quasi all’osso.

I diademi di Letizia sono qui –>  http://bit.ly/2mmHTUx

In questo post la storia del magnifico diadema Ansorena appartenuto alla regina Vittoria Eugenia —> http://bit.ly/2lc6TNZ

Questo post è il frutto di un confronto sule tema con alcuni amici/lettori Elettra/Cristina Palliola, Alessandro Sala, Michele Tartarini e Francesca Panseri che ringrazio ancora una volta per la loro presenza sempre stimolante.

Copyright foto Hola, Getty Images, Casa Real

 

Condividi su:Share on Facebook203Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

24 Commenti

  1. Dora ha detto:

    Conciso ma esauriente: ottimo Marina!
    ps- :*

  2. cristina palliola ha detto:

    Sono diventata rossa e davvero commossa…grazie a te @Marina per aver tenuto conto anche delle mie idee che non sono sempre idilliache sulla famiglia Reale spagnola…ne è nato un post bellissimo, in cui , mi pare non manchi proprio nulla Il re di Spagna analizzato dalla nascita al giorno dl suo 50° compleanno dalla A alla Z per davvero. Anche io cercherò di seguire questo schema per un commento, in modo da non farmi sfuggire molte cose .
    Certamente un bambino molto atteso, sicuramente cercato e che ha riempito di gioia i suoi genitori…e come dubitarne? ogni figlio dovrebbe essere accolto con una gioia incontenibile, inoltre , in questo caso , dopo due femmine, non c’era solo l’orgoglio di avere figli di tutti e due i sessi, ma anche su quel bambino si concentravano le speranze per un futuro da sovrani di Spagna , per i due genitori.Seppure Franco avesse individuato in Juan Carlos, il suo successore, già nel 1963, l’arrivo di Felipe ha sicuramente facilitato la strada e reso sicura la successione.Una buona e severa educazione, studi importanti e scuole migliori, dovevano fare di lui e lo hanno fatto, il migliore erede al trono europeo. Un carattere serio, responsabile, ma troppo riservato a cui manca quella vivacità, quell’empatia che ha caratterizzato il regno del padre, non lo hanno aiutato e non lo aiutano. Forse anche l’educazione troppo severa ha fatto in modo che lui cerchi il consenso e la stima di chi gli è vicino…tutte quelle rughe sulla fronte denotano una certa insicurezza….e dove la va a trovare il buon Felipe la roccia alla quale reggersi? In Letizia! Ora sono sicura che tutti, che mi conoscete direte: eccola ora spara a zero sulla povera Leti…..No. alla fine ho capito che il loro rapporto funziona proprio per questo…perchè lei dispone e lui alla fine si trova d’accordo…Pigrizia? Voglia di non urtarla? stima?abitudine a essere gestito? forse di tutto questo un po’. Però non capisco perchè proprio abbia tirato i remi in barca e non si faccia almeno rispettare sulle questioni personali: frequentare i parenti e l’educazione delle figlie che non mi pare cosa da poco…Il filmato fatto a tavola, segue il discorso di Natale….cioè ragazzi, quello doveva essere il cenone?????…..quella brodaglia? un tavolo ridotto all’osso, senza pane, senza vino, senza neppure un fiore finto ….ma che tristesssa! Felipe che invece di battere i pugni sul tavolo e invocare una paella o una pata negra esclama: ma che ricco, o qualcosa del genere…insomma non vorrei essere invitata a cena dai sovrani, intanto perchè mi restano antipatici e la sbobba gliela lascio tutta. La povera Leonor affamata si lancia sul piatto e si scotta pure, e mammina premurosa: soffia…come se la creatura avesse un anno
    Non mi dilungherò in chiacchiere,ho già scritto troppo, come al solito, ma insomma questo Felipe così TANTO , TAAANTO, TAAANTOOO supportato da una moglie, che non mi è mai piaciuta e non ne ho mai fatto mistero, non mi sta piacendo neppure lui. Come Capo di Stato devo riconoscere che ha saputo ben gestire l’attentato di Barcellona e la questione catalana, i due ravvicinati primi grandi scogli che si è trovato ad affrontare, ma come uomo mi sembra un po’ troppo dipendente da una moglie. e dipendenti, alla fine lo sono diventati tutti. Sofia che non li può incontrare spesso e non può regalare caramelle alle nipoti, Elena che è stata messa in un angolo, e non parliamo di Cristina, qui forse con ragione. Ha fatto bene il vecchio e malandato re che mi sembra abbia mandato tutti a quel paese e si fa i fatti suoi. E aggiungo che JC ha avuto un gran fiuto, l’aveva capita subito! e chissà che l’ingresso in famiglia di Letizia non sia stata la spallata definitiva alla fine del suo matrimonio con Sofia!E’ vero che Felipe, caratterialmente, assomiglia più alla parte greca, al nonno Paolo, ma il re di Grecia sapeva mettere dei paletti alla moglie invadente e tenerla fuori dalle situazioni politiche nelle quali Federica cercava sempre di infilarsi
    Perchè non mi piacciono? perchè in questa famiglia oltre agli elefanti e agli scandali ci sono troppi mariti succubi, troppe mogli umiliate,troppe mogli prepotenti, troppe ragazzine malvestite, tenute lontane dal mondo,trattate da infanti con la I minuscola, troppe nonne scontente, troppe caramelle e nutella mai assaggiate…a proposito…
    ma in Norvegia, che succede? la giovanissima Ingrid, erede al trono in seconda cosa fa? riceve altri eredi al trono in seconda?!…ma chi? i Cambridge??? ma dai!..ma che nonni e genitori incoscienti, mandarla allo sbaraglio e lei non sembra neppure terrorizzata!

    • Luka ha detto:

      Nel corso dei secoli diversi sovrani si sono sposati a donne amate ma che forse come “sovrani consorti” non sono state all’altezza: una Maria Antonietta, così giovane e inesperta era adatta a un Luigi XVI? Una Elena del Montenegro forse piu interessata alla politica avrebbe potute influenzare certe scelte di re VE? Una Elena d’Orleans zarina di Russia al fianco di Nicola II? …forse anche Felipe ha una moglie perfetta, che ama ma che pecca di saper essere poco regina e se così non fosse probabilmente si sgretolerebbe anche il rapporto coniugale….

  3. cristina palliola ha detto:

    Stamattina, riguardando le foto che accompagnano il post, ho notato come sia cambiato lo sguardo di Felipe. Il bel ragazzo , neo-laureto, e il bellissimo e orgoglioso portabandiera delle Olimpiadi, dove è finito?Mi ricordo in tribuna, le due sorelle che lo vedevano sfilare che si sorreggevano abbracciandosi e piangevano senza ritegno….che Olimpiadi erano? 1992? 1996? Tutta quella serenità e spensieratezza è svanita. La sua fronte si è aggrottata e riempita di rughe, non solo da quando è diventato re, ma da molto tempo ormai. Felipe batti i pugni sul tavolo, pesta i piedi per terra, urla, ma riprenditi il tuo bel sorriso!

  4. Luka ha detto:

    Dalla A alla Z su re Felipe VI, uno dei pochi sovrani al mondo che si sta sudando il suo ruolo: e’ sicuramente il Capo di Stato piu’ bello ma non sta vivendo una favola felice da re in un paese così scosso dapprima dalla crisi economica poi da quella sociale e civile.
    I suoi colleghi europei , compreso Philippe del Belgio, stanno regnando in modo piu sereno e probabilmente il servizio di Hola serve proprio a sensibilizzare certe frange catalane.

    Comunque per questo compleanno di Felipe, e per questa notizie e nozioni raccolte da @Marina aggiungerei anche la W (poco spagnola) ma per dire W il rey !!

  5. Roberta ha detto:

    Ho appena visto il video dell’imposizione del Toson d’oro e ne sono rimasta colpita, davvero commovente… mi ha stupito la naturalezza e dolcezza di Leonor in tutta la cerimonia, considerando che non sono molte le occasioni pubbliche a cui partecipa e l’attuale situazione spagnola di cui lei non ne avrà piena consapevolezza ma comunque ne percepirà gli umori, bella anche l’intesa con la sorella si vede che sono unite, amiche oltre che sorelle…mi ricordano molto sotto questo aspetto William e Harry. Detto questo sono rimasta scandalizzata nel leggere che la regina Sofia possa aver chiesto a Felipe di ridare alla sorella un ruolo pubblico, immagino su richiesta di Cristina…ma scherziamo? Se è vero denota da parte della sorella arroganza, superbia nonché una notevole faccia tosta, esibita anche durante il processo, e a mio parere non le ha giovato il favore degli spagnoli, ma la cosa più grave è che con questa richiesta, a nemmeno un anno dalla fine del processo, dimostra di non essersi resa conto della gravità delle sue azioni e di quelle del marito, perché anche se innocente ha peccato di ingenuità… e di questo doveva dimostrarsi almeno “imbarazzata”, un atteggiamento più umile e pentito, avrebbe aiutato lei e la monarchia spagnola. Vorrei spendere una parola su Letizia….si leggono tante cose…nella maggior dei casi sono processi anche alle intenzioni, leggo tanti “si dice” …” sembra” …. per non parlare di quello che circola su youtube… a me ricorda la vicenda di Maria Antonietta i cui libelli satirici che venivano usati per diffamare la regina (da ambienti molto vicini alla corte) sono stati poi amplificati per motivi politici, poiché criticando la regina si attaccava in realtà la monarchia.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Sono sincera, a me Letizia non ispira simpatia, trovo brutto che tenga le figlie lontane dalla nonna però sono d’accordo con te nella storia di Cristina ha la regina emerita ha torto da vendere, mentrela regina attuale secondo me ha fatto la scelta giusta. Sofia in questa vicenda è più madre che ex sovrana e dimentica che riaccogliere l’infanta sarebbe pericoloso per il figlio re.
      Inoltre diciamolo: a me sta Cristina che “cade dal pero” e spergiura che lei non sapeva nulla, mahhhhhhhhhhh
      Oltretutto amore o non amore un marito che ti mette in una situazione del genere io lo facevo volare dalla finestra 😉

      • tody ha detto:

        Avrebbe dovuto fare atto di rinuncia ai suoi diritti dinastici per se e per i figli visto lo scandalo che ha provocato, alla fine Juan Carlos ha abdicato per molto meno. Dovendo difendere i diritti delle figlie questa volta la Regina di Spagna ha fatto bene, oltretutto prima dello scandalo problemi non c’erano e durante la liason del vecchio Re con la danese si era schierata con la suocera ora non può far altro che difendersi vista anche la situazione catalana, in Europa il suo è il trono che traballa di più.

  6. nicole ha detto:

    Sofia in fondo pelo sullo stomaco lo ha sempre avuto : cosa non ha sopportato per restare regina di Spagna! Non mi direte che è stato per amore di Jc …. forse all’inizio , poi per non perdere i figli fino alla loro maggior età , ma dopo …. restare regina aveva notevoli vantaggi e non parlo di quelli economici , avrebbe potuto vivere comunque , ma perdere tutti i privilegi . … lei figliandinre e nipotina di kaiser …quindi che sia intervenuta per la figlia … non ha capito nulla , ma nulla del mondo . È madre di entrambi !! A me non era nemmeno antipatica , poveretta , ma non la ho mai considerata una cima. Se , come si dice, ama alla follia questo figlio , dovrebbe anche capire il perché di questa presa di posizione nei confronti della sorella . Solo una cretina può pensare che sia si uve di una ” faida ” fra cognate. Ma dai …
    A me Letizia non è simpatica , ma forse qualcuno che mettesse un po’ di puntini sulle i in una famiglia fine solo ha regnato ipocrisia da decenni , beh … era ora ! ForSe le nipotine vengono tenute lontane dalla reale nonna perché non imparino certi modi di affrontare la vita che non son proprio auspicabili . Mica perché non mangino caramelle!
    Letizia è molto attaccata , da varie parti della società , ma stiamo a vedere .. sicuramente sono una bella famiglia dove regnano sentimenti veri . Le ragazzine son carine , le si tiene a parte per farle stare tranquille e studiare , in fondo quello devono fare . Avrà Leonor una vita di obblighi se arriverà al trono . Che crescano in pace finché possono. Tanto si è capito che qualsiasi cosa Decidano per le figlie troverebbe critiche a non finire .

  7. Dinora ha detto:

    Buona sera a tutti!!
    Buon Compleanno al Rey, i cinquant’anni sono un primo giro di boa sulla propria vita e capire se continuare così oppure girare sul serio la boa con la propria barca a vela come Felipe sa fare!!!
    Mi piacerebbe vederlo più deciso in famiglia. Mettere le briglie all’ossota regina consorte e incominciare a vivere da Rey !!!
    Vedere come l’intera famiglia reale sia soggiogata da una radical -chic che non le é parso vero di essere finalmente regina e poter fare il belli e il cattivo tempo in una famiglia che non l’ha sopportata fin dall’inizio e con ragione. A Letizia non piacciono i cani e la prima cosa che impose a Felipe fu quella di allontanare il suo Pastore Tedesco a cui lui era molto legato.
    Visti i comportamenti a chiusura che ha verso tutti i parenti sia Borboni che Greci. Paura di fare una pessima figura? Come può Felipe permettere ciò anche perché lui è il cugino erano molto legati .
    Durante la cerimonia del Toson d’oro si è vista la dolcezza di un padre e la carineria della figlia con la riverenza. Ma quando sono state inquadrate le due principesse con la madre sembrava Grimilde che pur di apparire veste in modo banale le figlie.
    Marina sa che quindici giorni prima dell’annuncio dell abdicazione di Jan Carlos, io e mio marito avemmo l’onore di conoscere la Regina Sofia grazie ad un amico che è il Presidente della Real Sociedad Canina de Espana. La Regina Sofia è amante degli animali e tutti gli anni presenzia al campionato spagnolo cinofilo.
    Grazie a lui fummo presentati alla Regina e, sapendo che quando si trova in certe circostanze é poco formale, dopo il rituale le chiesi se era possibile avere una foto assieme a lei. Rispose immediatamente di sì e si divertí nel capire le difficoltà che aveva il nostro amico nel maneggiare il mio cellulare per le foto. Fu molto gentile. Notammo come tutte le persone, vedendola la acclamava.
    Aveva notato una cosa Letizia non ha mai portato l’abito tradizionale spagnolo perché non la aggrada. Altra cosa per cui viene criticata. In determinati ambienti vi sono feste in cui le signore e signorine continuano ad indossarli perché, come minspigarono, é la loro tradizione. Chiesi che la nuova regina non lo ha mai fatto . La risposta è una scrollata di spalle. E, purtroppo, criticano anche un po’ Felipe per questa sua nota dipendenza da lei.
    Curiosità: quando la Regina Sofia viene invitata a presiedere alle diverse manifestazioni deve chiedere il permesso alla cara nuora essendo Regina consorte e solo lei può decidere.
    Altra cosa che non mi piace é questa mancanza di “carattere” che ha in casa Felipe, e si sa perfettamente in Spagna, nel non opporsi a questa rigidità di non far stare le nipote con la nonna!!!
    Caro Felipe de Espana buon compleanno, cerchiamo di voltare la boa e di sorpassarla al più presto perché se no si rischia di rimanere secondi

  8. laura ha detto:

    E’ un po’ strano che Sofia debba chiedere a Letizia il permesso di partecipare alle manifestazioni. Da quanto ho letto nella famiglia reale inglese non è così nel senso che ogni componente ha una sua agenda. Per le attività realizzate dalla casa reale ovviamente i vari ruoli e compiti sono decisi dalla regina (o per meglio dire dalla sua segreteria). Ma per quanto riguarda inviti che vengono da associazioni o altre attività non realizzate dalla casa reale ogni personaggio si muove autonomamente. Intendo dire che se la società canina britannica chiede alla principessa Alessandra di dare un premio la principessa va e non ha bisogno del beneplacito reale. Anzi le richieste devono essere mandate direttamente ai singoli esponenti : non è che la società canina chiede a BP di mandare un qualunque personaggio della famiglia a loro discrezione ma deve chiedere direttamente ad una determinata persona. Non so come funzionano le cose alla corte spagnola.

  9. Roberta ha detto:

    Vorrei fare una riflessione, penso che uno dei motivi per cui Letizia sta antipatica a molti, ma forse dovrei usare il femminile e dire a molte, è perché dimostra di essere una donna forte e non si vergogna a mostrarlo anzi…ancora oggi questo infastidisce…non so dove ho letto una frase in cui si diceva che un uomo per essere considerato “sgradevole” (il termine in realtà era un altro) deve battere i pugni sulla scrivania…per la donna invece basta che non risponda al telefono….e naturalmente se una donna è forte l’uomo che ha sposato deve essere considerato un debole perché è impensabile che una donna possa esercitare la sua forza in un rapporto alla pari…. per me Felipe è meno malleabile di quello che pensano in molti, è anche un militare ed i militari sono “famosi” per essere considerati persone “tutte d’un pezzo”, fa comodo pensarlo e ricordarlo a chi a Letizia non piace però così fanno il gioco dei repubblicani ed dei catalani indipendentisti. Penso che se i monarchici spagnoli (e qui intendo anche la famiglia del re) vogliono ancora la monarchia in Spagna dovrebbero raccogliersi intorno alla famiglia reale e far scudo contro chi vuole abbattere la monarchia, rassegnarsi ad avere come regina Letizia….e sperare che le due principessine in futuro siano più accorte nello scegliere i loro mariti.

  10. luthien ha detto:

    Finalmente un po’ di tempo per commentare il post!
    Grazie @ Marina , veramente interessante questo Felipe alla A alla Z.
    Debbo dire che come re , in una difficile situazione,si è mosso bene, ma non credo abbia troppi margini di manovra ed è un Borbone e la sua casata rappresenta il problema, per una parte, minoritaria della Catalogna.
    Per quanto riguarda Letizia, a me trasmette una sensazione di gelo e disagio, quello che non mi piace è una caratteristica che l’accomuna a moltissime mie contemporanee . la mania del controllo, del marito, delle figlie, del peso, del cibo; scusa@ Elettra, ma c’è da stupirsi di quella tavola?magra come è deve mangiare quanto un uccellino.
    Alcune donne, poi, staccano progressivamente e quasi impercettibilmente, i mariti da tutti coloro che erano importanti, prima di loro: genitori, parenti, amici, persino i cani ( che inutile crudeltà), succede nel piccolo e nel grande . Perché lo fanno ? onestamente non lo so, insicurezza? bisogno di essere le uniche stelle nella costellazione? Senso di superiorità’?Di inferiorità? A mio parere,,è sbagliato sempre, ma in questo caso , a maggior ragione , Felipe ha bisogni d i tutti gli appoggi possibili: del sostegno , fondamentale , della moglie, ma anche di quello dei genitori ,delle sorelle,(Cristina , pubblicamente no e neppure dovrebbe chiedere di essere presente alle cerimonie ufficiali), dei parenti, degli amici di vecchia data.
    Venendo alla regina Sofia, credo che per una donna come lei, il divorzio dal marito sarebbe stato inconcepibile, in fin dei conti, sapeva chi sposava, anche se ci si poteva aspettare un po’ più di riserbo e moderazione ( credo che , per lunghi anni , la stampa abbia aiutato)., ma sono convinta che il matrimonio tra Sofia e Juan Carlos si stato cementato da un obiettivo: ristabilire la monarchia in Spagna, riportare la Spagna in Europa , assicurare un trono stabile e un futuro sereno al figlio I primi due pinti sonò stati raggiunti con successo, il sorriso felice di Felipe alle olimpiadi di Barcellona era anche il segno di una Spagna , uscita dalla dittatura , proiettata in Europa ed in pieno boom economico.
    Poi la situazione è cambiata per fattori esterni d interni: J. C. si è, forse seduto sugli allori, il patto di pacificazione spagnola è saltato, il matrimonio delle figlie non sono stati esaltanti. Poi credo che la scelta di Felipe, accettata dai genitori ( che altro potevano fare?) abbia fatto il resto
    . Certo, Letizia era l’ultima donna che si aspettassero, ma anche lei doveva mettere in conto che ci fossero difficoltà ed ostilità
    Luthien

  11. Roberta ha detto:

    E’ vero entrando in un mondo diverso con regole proprie le difficoltà erano scontate ma non l’ostilità. L’ ostilità presuppone un pregiudizio, ed i pregiudizi non possono essere considerati con indulgenza. Ad esempio ho l’impressione che gli aristocratici spagnoli dimostrino di tenere più a Cristina coinvolta in uno scandalo che non alla regina plebea Letizia…..i plebei spagnoli se ne ricorderanno se un giorno ci sarà un referendum monarchia-repubblica, per quale motivo devono scegliere monarchia se vengono sottolineate le differenze di classe…e quel giorno non ricorderanno l’antipatia di Letizia ma solo che una di loro non è stata accettata dal establishment spagnolo.

  12. luthien ha detto:

    @Roberta, credo che le cose siano un po’ più complicate.i I, pregiudizio è sempre sbagliato, ma non è detto che sia da una parte soltanto.
    Non sono sicura, posso sbagliarmi ma mi sembra che il marito di Cristina non sia un aristocratico, ma un ex giocatore di pallamano, per usare la tua un ” borghese””.e Cristina è stata coinvolta nello scandalo proprio dal marito che, al minimi, non ha saputo comportarsi.
    Se Questa premessa è vera, allora il comportamento dell’ establishment spagnolo ( poi, quale establishment?ho l’ impressione che l’influenza dell’aristocrazia sia molto sopravalutata. Dalla Rivoluzione francese sono passati più di due secoli!), diventerebbe più comprensibile,
    Dal loro punto di vista, Ungardin e forse Letizia non hanno potuto o voluto comprendere cosa significasse sposare un membro della famiglia reale
    Può darsi che in futuro i sia un referendum tra monarchia e repubblica, ma negli ultimi cento anni la Spagna è stata spaccata quasi a metà, con una leggera prevalenza della monarchia. l”eccezione è stata Juan Carlos che ha goduto di una notevole popolarità proprio per le circostanze della sua salita al trono: fine della dittatura, ritorno alla democrazia, oblio del passato.
    Non credo però che l’origine sociale di Letizia avrà grande rilevanza: in fin dei conti, non so quanto le persone comuni, sopratutto , possano immedesimarsi con lei: è un ex giornalista, magrissima non particolarmente sorridente e simpatica , con la fama di arrivista .
    Luthien

    • Pellegrina ha detto:

      @Luthien Cioè? Un truffatore che non avesse sposato un membro della famiglia reale in cosa commetterebbe un reato meno grave???
      Se mai sarebbe da discutere il senso di responsabilità mostrato da un personaggio pubblico che non considera come sia necessario tenere un profilo molto, molto basso dopo un episodio del genere, ammesso che non sapesse davvero nulla e che un amore assoluto impedisse una separazione.

  13. Roberta ha detto:

    Premesso che personalmente non considero Letizia una povera vittima ma una donna che ha il suo” bel caratterino” e questo per essere benevoli (ed io lo sono) in realtà sembra che ci siano due Letizie quella ufficiale che ad esempio riscuote successo nei viaggi di stato vedi Francia, Giappone e in quella che io chiamo “la prova del nove” in Gran Bretagna, ho anche visto qualche video su You tube (tanto per cercare di farmi un’opinione personale) e mi è sembrato di vedere nelle sue uscite ufficiali in Spagna che comunque c’era chi aveva piacere di salutarla e anche lei non si tirava indietro…. poi c’è l’altra Letizia quella che viene dipinta come una vera regina cattiva delle favole ma ho notato che tutte le critiche riguardano la sua sfera privata, aneddoti veri o falsi o molto più probabilmente amplificati…ma comunque è chiaramente all’interno del “palazzo” che Letizia ha i suoi nemici, a mio parere le troppe critiche come le troppe lodi mi fanno sospettare che siano costruite per demolire o viceversa idealizzare i soggetti in questione e non posso non chiedermi se ci sia dell’altro, naturalmente sono mie opinioni personali non intendo convincere nessuno e ne scrivo in maniera divertita, in fondo si parla di persone che si conoscono attraverso immagini e video… però i video sono molto interessanti perché con il linguaggio del corpo si può tentare di “scoprire” molto di più che attraverso foto che fermano la persona in una posa. Ultima considerazione e poi termino scusandomi per la lungaggine quando leggo di borghesi che si sono sposate per interesse, non posso far a meno di sorridere, ma davvero pensiamo che sia così difficile innamorarsi di un Felipe, Willliam, Herry, Frederick….suvvia! Quando delle borghesi o plebee incontrano questi veri principi azzurri immagino due tipi di reazione:1 non appartengo al suo mondo quindi mi ritiro in buon ordine. 2 io valgo quanto una principessa e continuo la mia favola, e quello che mi sento di dire loro è BRAVE, RAGAZZE! P.S. come qualcuno una volta ha notato ironicamente Cenerentola bella, buona e brava ha sposato il suo bel principe perché ha disubbidito alla matrigna.

  14. tody ha detto:

    Beh Letizia ha colpito ancora pare abbia rifiutato una foto con le figlie alla suocera, sta girando un video sulle reti social, Felipe basito, Grimilde in festa, per quanto, per l’affermazione della sua autorità.

  15. Roberta ha detto:

    Sta girando su you tube un video sulla famiglia reale spagnola in cui viene mostrata la reazione di Letizia che si oppone al fatto che la regina Sofia era in posa per una foto con le nipoti, al di là del gesto che si commenta da solo vorrei fare delle riflessioni, ho letto che i primi a pubblicare questo video sono stati guarda caso i giornali catalani e per me dimostra come in questo momento ci sia un attacco politico alla monarchia. Le monarchie moderne esistono in virtù del favore popolare….questo favore che la casa spagnola ha perso prima con l’incidente di Juan Carlos in Africa e poi soprattutto con il caso noos, ed ora ogni piccolo successo e passo avanti viene vanificato da “scoop” che gettano in cattiva luce la famiglia reale, purtroppo in questo gioco al massacro sto notando che iniziano ad essere coinvolte le due principesse (Leonor 13 anni ad ottobre e Sofia 11 anni il 29 aprile) ho notato che ogni loro uscita di successo è corredata da altrettanti scoop per gettarle già così piccole in cattiva luce. Si critica tanto Letizia mamma ma come giudicare tutte quelle persone che via internet si permettono di “massacrare mediaticamente” delle bambine perché questo sono…mi domando come possa essere la loro reazione se casualmente leggono quello che scrivono di loro? E poi ciliegina sulla torta sembra, se non ho capito male che Maria Chantal di Grecia tra una festa e una vacanza si sia permessa di gettare altra benzina sul fuoco…forse in questo caso si sarà “vendicata” poiché Letizia non ha partecipato a quella mascherata che è stata la festa di compleanno del marito… scherzo…però, per la serie i panni sporchi si lavano in famiglia, vale per la plebea Letizia, per miliardaria Maria Chantal e per la famiglia reale spagnola che non si tira mai indietro quando c’è da “colpire” Letizia (giustamente o meno) ed è sempre molto benevola con Cristina che in fin dei conti è la causa principale dei guai della famiglia reale e soprattutto dell’abdicazione di Juan Carlos che secondo me mai avrebbe abdicato se non c’era un caso noos, non fosse altro per “controllare” Letizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi