About Meghan Markle. Ovvero tutto ma proprio tutto sulla fidanzata del principe Harry

About Meghan Markle. Ovvero tutto ma proprio tutto sulla fidanzata del principe Harry

Update di lunedì 27 novembre. Clarence House ha annunciato il fidanzamento del principe Harry con Meghan Markle, tutti sono felici e deliziati, compresa la regina. Le nozze di svolgeranno in primavera e la coppia vivrà nel Nottingham cottage all’interno del complesso di Kensington Palace.

Meghan Markle è a Londra dopo aver concluso le riprese della settima e per lei ultima stagione di Suits. Non è dato sapere se fosse o no alla festa per il platinum wedding della regina e del principe Filippo, ma tutti i royal watchers danno l’annuncio del fidanzamento come imminente. Quindi visto che pare ormai cosa fatta è ora di sapere qualcosa di più sulla – probabile – futura moglie del principe Harry e chi meglio di Francesca Panseri poteva aiutarci a conoscere meglio questa giovane donna americana il cui ingresso nella royal family è atteso con curosità e, bisogna dirlo, anche un filo di preoccupazione?

“Basta con la tombola, sospensione del ricreativo, principia a avviare il culturale!”*.

Dopo tanti tentennamenti ecco che anche Altezza Reale si occupa della magna quaestio: pole la Meghan Markle diventare la principessa Henry del Galles? I motivi per non dare risposte scontate sono moltissimi, vediamo di analizzarli un po’.

La nascita e la famiglia di Meghan Markle

Personalmente ritengo improbabile che ci sarà una Meghan, duchessa di…. Non pensate male, la mia considerazione nasce dal fatto che in realtà l’attrice americana si chiama Rachel. Rachel Meghan Markle. Quindi al massimo potrebbe essere Rachel, duchessa di…, oppure potrebbe scegliere di usare effettivamente il secondo nome come nome ufficiale (ma lo vedo difficile).
Una piccola chicca che pochi conoscono è che Harry e Meghan sono in realtà cugini di 15° grado. La parentela viene da Elisabetta la Regina Madre e dai Bowes (prima che diventassero Bowes-Lyon) ma stiamo parlando di fatti di metà Quattrocento.
Comunque. Essendo nata nel 1981, Meghan ha tre anni in più di Harry. Altro che i sei mesi che corrono tra i duchi di Cambridge! Come Kate, anche lei ha dei parenti imbarazzanti (non lo zio ma la sorellastra da parte paterna) ma infrangerebbe un tabù ben più grande: sarebbe la prima persona a portare sangue afroamericano nella storia della famiglia reale inglese. Sì, perché il padre in seconde nozze ha sposato la madre di Rachel, Doria Ragland, una psicoterapeuta e insegnante di yoga afroamericana. Identità profondamente vissuta, quella di essere di etnia mista, come lei stessa ha dichiarato in un’intervista per Elle UK nel novembre 2016: “Mio padre è caucasico e mia madre è afroamericana… Ho dovuto accettarlo [usa il verbo to embrace, abbracciare] e dire chi sono, dire da dove vengo, dare voce al mio orgoglio di essere una forte e sicura di sé donna di razza mista”. “Mia madre è al 100% una nera coi dreadlocks [rasta]. E quando la gente scopre che ‘quella ragazza’ di Suits è sua figlia, c’è spesso una specie di disconnessione e qualche volta incredulità. È quella dicotomia che possiamo oltrepassare: ‘cosa sei? In quale categoria rientri?’. Nei miei vent’anni sono giunta alla conclusione che sono ‘abbastanza’ esattamente come sono e non devo essere meno o di più di niente per altre persone”. “Per i casting ero etichettata come ‘etnicamente ambigua’. Ero ‘latina’? ‘Sefardita’? ‘Caucasica esotica’? Aggiungete le lentiggini al miscuglio e verrà fuori un bell’enigma. Ad oggi, il mio piccolo fastidio è quando viene alterato il tono del colore di pelle e nascoste le lentiggini nei servizi fotografici”.

Gli studi e la carriera

Pur provenendo dalla California, (Hollywood, L.A., mica pizza e fichi!), Meghan Markle si laurea nel 2003 a Chicago e comincia, dopo un tirocinio all’ambasciata americana di Buenos Aires, a lavorare come calligrafa. Come che, vi starete domandando? Semplice, scriveva a mano lettere, inviti e quant’altro. “Credo che le note scritte a mano siano una forma d’arte perduta. Quando ho avuto il mio primo ruolo, mio padre mi scrisse una lettera che ancora conservo. L’idea che qualcuno si prenda il tempo per poggiare la penna sulla carta è molto speciale.”. Scoperta per caso a una festa, il lavoro di calligrafa è stato il suo “pseudo-lavoro di cameriera” [pseudo-waitress job nell’originale, si riferisce a tutti quelli che lavorano come camerieri mentre studiano] quando fece la prima audizione e, per un periodo di tempo, si è divisa tra i due lavori finché non si è buttata totalmente nella recitazione. La gavetta è tanta, dal 2002 fino al 2011 ottiene sempre piccoli ruoli in serie tv (giusto per uno o due episodi) e qualche ruolo minore in tre film di discreta portata. Il 2011 porta la notorietà sotto forma di un ruolo secondario ma importante in una serie di successo (si parla di almeno 8 stagioni): Suits. La stessa Meghan descrive il suo personaggio, Rachel Zane, come un modello da seguire per la sua carriera di successo: “Ha lavorato così duramente e mi piace come sia riuscita a bilanciare tutto e come adesso abbia il posto in una società dove lei sa veramente qual è la sua posizione e il suo ruolo che non è solo quello di una ricercatrice ma proprio un’associata. Si è veramente guadagnata quel posto”. Il futuro di questo personaggio però appare alla fine: sembra che Rachel si sposi e poi esca di scena. Il contratto di Meghan Markle non è stato volutamente rinnovato? Probabilmente. E non credo che ci saranno altri grandi ruoli per lei, se la relazione con Harry porterà da qualche parte.

Gli interessi: il blog, la filosofia di vita e l’impegno umanitario.

Da quanto si può ricavare da interviste e fatti che la riguardano, Meghan Markle sembra essere una donna che ragiona su di sé: la partenza è dal proprio colore della pelle ma piano piano la riflessione coinvolge anche aspetti filosofici più generali: per il compleanno del 2014 (33 anni) parla di quanto sia più felice ora di essere nei trenta: “I miei vent’anni sono stati brutali. Una costante battaglia con me stessa, giudicando il mio peso, il mio stile, il mio desiderio di essere figa/alla moda/intelligente come ‘chiunque altro’”. Secondo me è questa maturità che ha fatto innamorare Harry. Di sicuro, oltre ad essere sicura di sé, non è una che esita ad esprimere con chiarezza la propria opinione: già ad 11 anni sembra che sia riuscita a far modificare la réclame di una ditta di saponi mandando lettere a Hillary Clinton e ad altre figure di alto profilo dicendo che in quella pubblicità era implicito che le donne stessero in cucina. Nel marzo 2017 ha scritto un articolo per Time nel quale parla di come le mestruazioni influenzino negativamente il potenziale delle donne: “Abbiamo bisogno di innalzarci oltre il nostro puritano imbarazzo quando si arriva a parlare di mestruazioni”.
Nel 2014 Meghan apre il proprio blog The Tig [L’etichetta, il cartellino], nel quale parla dei suoi interessi e dei suoi pensieri. Nel febbraio 2017, nonostante abbia celebrato San Valentino con Harry, non ha esitato a ripubblicare il post dell’anno precedente, dall’eloquente titolo “Sii il tuo stesso Valentino” [i Valentines sono tutti i gesti che vengono compiuti per San Valentino]: “Io penso che tu abbia bisogno di cucinare quella magnifica cena anche se sei solo tu, di indossare il tuo outfit preferito, di comprarti dei fiori e celebrare quell’amore verso sé stessi che spesso viene smarrito quando ci focalizziamo solo su ciò che non abbiamo”. Indicativo è il messaggio con cui l’attrice annuncia la chiusura del blog nell’aprile 2017: “A tutti i miei amici Tig. Dopo aver concluso tre bellissimi anni in questa avventura con voi è tempo di dire addio a The Tig. Quello che era cominciato come un progetto di passione […] si è evoluto in una meravigliosa comunità di ispirazione, supporto, divertimento e frivolezza. Avete reso la mia vita più luminosa e riempito questa esperienza con così tanta gioia. Continuiamo a cercare questi momenti Tig di scoperta, continuare a ridere e rischiare e continuare ad essere ‘il cambiamento che vorresti vedere nel mondo’. Soprattutto non dimenticate mai il vostro valore. Come vi ho detto e ripetuto moltissime volte: voi, miei cari amici, voi siete abbastanza [you are enough, più precisamente sarebbe ‘voi valete abbastanza’].”. Grazie per tutto. Baci.”
Come Rachel, il suo personaggio di Suits (ma anche come Harry stesso), Meghan Markle non è una che sta con le mani in mano: “Non ho mai voluto essere una signora che prepara il pranzo ma una donna che lavora” dice nel post di apertura del suo blog. È inoltre ambasciatrice per World vision, un’associazione cristiana che si occupa di progetti per sconfiggere le cause della povertà e dell’esclusione sociale, attiva soprattutto in progetti per l’infanzia. Meghan ha inoltre sposato la causa per l’uguaglianza di genere e il potenziamento del ruolo] della donna, diventando sostenitrice di UN Women [Ente delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile]. La domanda sorge spontanea: riuscirà a portare le sue cause e le sue lotte all’interno di The Firm?
Comunque, se tutte queste dichiarazioni vi fanno pensare ad una ragazza molto seria, ricredetevi, The Tig è pieno di ricette di famiglia e, per dichiarazione della stessa Meghan Markle, la ragazza ama moltissimo la cioccolata calda al vino rosso: “Combinando due degli amori classici di una signora, il vino e la cioccolata, questo sorprendentemente facile ma decadente dessert è stato l’argomento di discussione principale questa stagione”.

Relazioni

Se Edoardo, lo zio di Elisabetta, aveva dovuto abdicare per poter sposare una divorziata e a Carlo era stato impedito il matrimonio con Camilla perché lei aveva già un passato, Meghan e Harry sono la prova che i tempi cambiano: Meghan infatti non solo sembra sia cattolica (ma non ne sono sicura al 100%) ma è pure divorziata. Bel grattacapo per i Windsor, tanto più che l’ex marito sembra non l’abbia presa bene. I due cominciarono ad uscire insieme già nel 2004 e si sono sposati nel 2011 in Giamaica. Poi però sembra che la separazione dovuta al lavoro (lui è il proprietario della compagnia di produzione Underground che ha sede ha L.A. mentre nel 2011 Meghan ha cominciato a lavorare a Suits, che viene girato in Canada) sembra che li abbia fatti allontanare e i due hanno divorziato ufficialmente nel 2013. È di pochi mesi fa la notizia che l’ex signor Markle sta producendo uno show per la televisione che parla di una divorziata che sposa un principe inglese. Sì, l’ha proprio presa bene, direi!
Sembra (ripeto SEMBRA ma non so se crederci o meno) che nel 2014 Harry, chiacchierando con degli amici, abbia risposto alla domanda “Chi è la tua donna ideale?” con un sicuro “Meghan Markle di Suits”. Così, in occasione di un sopralluogo per gli Invictus games a Toronto, sembra che il principe abbia colto la palla al balzo e si sia fatto presentare, visto che lei era lì per lavoro. Nel novembre 2016 la corte reale inglese pubblica un comunicato ufficiale in cui si chiede di smetterla di offendere la ragazza di Harry con insulti razzisti e sessisti e di lasciarla in pace, visto che ci sono stati episodi estremamente spiacevoli nei confronti di Meghan e dei suoi famigliari.
Il resto lo conosciamo, anche se sul futuro preferisco non esprimermi.

Alla fine della fiera: chi è il prossimo acquisto della famiglia reale inglese?

Dopo i vari sbandamenti della gioventù, il principe ha capito che non gli serve una moglie che gli ricordi la madre prematuramente scomparsa ma una persona in realtà all’opposto: una Donna con la D maiuscola, forte, intelligente, matura e capace. Una donna che anche se ha incontrato delle difficoltà nella sua infanzia, ha saputo conviverci e trasformarle nel suo punto di forza. Una donna che ha saputo realizzarsi e che non è stata ad aspettare che qualcosa le venisse regalato. Meghan è una persona che ha molto da dare; e in questo senso la mia speranza è che The Firm non la soffochi (ma penso che sia difficile che accada). A te, Meghan, che non solo hai conquistato una persona meravigliosa ma che, conscia del valore (non solo monetario) di questa persona, stai per fare un grandissimo salto nel buio, beh, ecco a te io dedico un verso di Simon & Garfunkel:

“sail on, silver girl, sail on by, your time has come to shine. All your dreams are on their way, see how they shine” [spiega le vele, ragazza d’argento, spiega le vele e vai avanti, è arrivato il tuo momento di risplendere. Tutti i tuoi sogni sono sulla giusta strada, guarda come risplendono].

Buona fortuna, silver girl.

 

Francesca Panseri

*…citando un più o meno famoso film di Benigni…

 

I post di Francesca su Harry

Harry adorabile spice boy –> http://bit.ly/2pdhEoT

Harry e gli Invictus Games –> http://bit.ly/2yeAxJr

Condividi su:Share on Facebook515Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

36 Commenti

  1. Ale ha detto:

    Complimenti @dora!! Hai fatto un bel ritratto di quella che oramai per tutti è un futuro membro di casa Windsor 😉 a me Meghan piace molto, guardavo già Suits e quindi sapevo chi era quando la maggior parte delle persone manco sapeva esistesse la serie. Ho tante speranze e aspettative su questa ragazza. È anche avvantaggiata dal fatto che Harry non ha praticamente speranze di arrivare al trono, e questo lascerà sia lui che lei molto più liberi di vivere la propria vita.
    Adesso possiamo davvero giocare con le ipotesi e le domande cercando di scommettere sul futuro prossimo. la domanda è quando e dove 😀 quando l’annuncio? Quando le nozze? Dove si sposano? Dove andranno a vivere?? Dalle ricerche che avevamo fatto non ricordo sotto quale post avevamo anche individuato che salvo sorprese Elisabetta darà a Harry il titolo di duca o di Clarence o di Sussex. Personalmente stravedo per la prima opzione 😉
    Un paio di idee io le ho, vedremo se ci prendo 😉 apriamo le scommesse? 😀

  2. Michele ha detto:

    Bel post @Francy !!! Io sta ragazza se non si è ancora capito già la amo 🙂 porterà un ondata positiva in famiglia e secondo me farà un ottimo lavoro ,un po’ perché il lavoro d’attrice aiuta molto e poi come detto ha già dalla sua di occuparsi di cause umanitarie quindi meglio di così non si può 🙂 . Per me manterrà il nome Meghan semplicemente perché ormai è troppo conosciuta così ! Non avrebbe molto senso chiamarsi Rachel ora. Meghan Duchessa di…spero Clarence sarebbe fighissimo !!!! Se prima mi ero quasi convinto che per via del suo divorzio le nozze tra i due sarebbero state stile carlo e Camilla nella st george caphel a windsor ,ora azzardo Westmister.Potrebbe essere molto probabile che nonostante divorzio avvenga tutto nella norma come un royal wedding che si rispetti. Non ci resta che attendere . Ps:molto bello il finale con la canzone dei Simon & garfunkel ! Ora me la vado ad ascoltare che è un po’ che non la sento 🙂 🙂

  3. Luka ha detto:

    Sulla carta e’ tutto perfetto: loro si amano, sono maturi a livello anagrafico e di esperienze di vita, sono socialmente graditi al grande pubblico, non devono rappresentare il futuro della corona (come William & Kate) ….l’unica cosa della quale non sono sicuro e’ proprio della possibilità che la Firm li soffochi (entrambi) o che si creino ad hoc – false- rivalità tra le due coppie!

  4. laura ha detto:

    Io non vedo quali problemi dovrebbe portare l’ingresso di Meghan nella famiglia Windsor né vedo motivi per i quali la regina non dovrebbe dare il consenso. Il fatto che sia (forse) cattolica non è un problema da quando ci sono state, un paio di anni fa se non erro, le modifiche alla legge di successione che hanno anche portato oltre la non estromissione della successione per chi sposa un cattolico anche la uguale primogenitura. Oltretutto anche prima di questa modifica i cattolici nella ampia famiglia Windsor ci sono stati. Non vedo perché dovrebbe essere un problema il fatto che sia divorziata visto che 3 figli su 4 della stessa regina hanno già divorziato molti anni fa e due si sono anche risposati. Che faccia parte di UN Women nemmeno dovrebbe essere un problema visto che ci sono principesse (e da qualche hanno un paio di regine consorti) che fanno parte di organizzazioni sotto l’egida dell’ONU. Per quanto riguarda la cosiddetta identità etnica questo non è un problema in UK quanto invece lo è negli USA nel senso che negli Stati Uniti tu sei obbligato per legge a “iscriverti” in una categoria che specifica cosa tu senti di essere. Per esempio il presidente Obama poteva scegliere tra varie opzioni essendo figlio di una caucasica e di un africano e ha scelto di iscriversi tra gli afroamericani. Quindi la dichiarazione di Meghan che è riportata all’inizio si riferisce a questa anagrafe di tipo diciamo etnico-razziale alla quale tutti negli Stati Uniti devono iscriversi e che viene utilizzata dagli uffici federali e statali per applicare le leggi sulla pari opportunità per le minoranze etniche. Per esempio chi è iscritto in una determinata categoria e sta cercando un lavoro ha maggiori opportunità di venire scelto se in quel lavoro le persone di quella categoria sono in numero minore rispetto ad altre categorie.

  5. sabrina-anna ha detto:

    Io non conoscevo questa attrice e non ho mai visto la serie Suits ma questa coppia non mi fa sognare.
    In William e Kate rivedo me e mio marito si sono conosciuti da ragazzi hanno atteso (noi per esigenze pratiche loro per altri motivi) si sono sposati e adesso sono genitori (noi adottivi )Meghan ed Harry sono una coppia matura o meglio sono due persone mature che formano una coppia ma hanno vissuto vite molto differenti e hanno pochi tratti in comune.
    Lei divorziata ma il primo matrimonio era stato celebrato anche con rito religioso o è come Letizia?
    Quanto alle origini afroamericane ricordo di avere letto che anche Carlotta moglie di Giorgio III aveva sangue africano …
    che dire se son rose fioriranno ma per ora non mi danno brividi

    • Dora ha detto:

      il problema è proprio quello, Laura: un membro della famiglia reale può divorziare quante volte vuole ma non sposare un divorziato. non mi chiedere perchè ma è così.

  6. Cristina Palliola ha detto:

    Che bel post e quante piccole curiosità che ho letto e non sapevo…brava @Francesca Panseri ! ci hai riempito di novità! Io non ho mai seguito Suites, ma non so perchè questa ragazza mi piace, mi sembra una persona positiva e quadrata che ha regalato a Harry la serenità che cercava da anni. Mi piace come si pone, come si veste, come si presenta accanto a Harry Ancora non abbiamo la certezza del fidanzamento ma già i rumors sono moltissimi e si parla di un matrimonio fuori dalle regole…cosa vorrà dire? io credo che essendo lei divorziata, ci sarà un matrimonio più riservato e magari in Scozia dove i divorziati sono accettati e dove già , anni fa, si è risposata la principessa Anna. Sì anch’io penso che ci sarà una ventata di freschezza e credo pure che non ci sarà sovrapposizione di ruoli con Kate…hanno interessi e progetti molto distinti, anche se credo che i media faranno di tutto per seminare zizzania e inventare odi che non esistono. Lei è già una donna abituata all’esposizione mediatica e quindi è presumibile che sappia gestire la curiosità che di certo si scatenerà. Il titolo che sarà dato a Harry e quindi sarà anche della moglie? davvero non so rispondere e sono davvero curiosa di conoscerlo anche se segretamente pure io tifo per duca di Clarence che è più di un secolo che non esiste..va bene sì! facciamo un sondaggio…su questa pagina mi sembra che siamo già in due

  7. sabrina-anna ha detto:

    Il precedente duca di Clarence era il figlio di Edoardo VII che è morto giovane dopo essere stato coinvolto in storie equivoche di “ragazzi di vita” e avere lasciato dietro di sé i pettegolezzi (si diceva potesse essere Jack lo squartatore) e forse un malcelato sollievo dal momento che aprì la strada al futuro Giorgio V. Però in fondo anche Giorgio IV non aveva lasciato buona memoria di sé per cui se deve essere Clarence che sia. Comunque sta scivolando sempre più lontano dal trono con i figli di William e Kate e pertanto è giusto che trovi una sua identità e una sua dimensione e non sia l’eterno erede di riserva

  8. Luka ha detto:

    Il genealogista che e’ risalito alla cuginanza tra Harry e Meghan e’ uno storico statunitense che subito dopo e’ stato ripreso da un genealogista francese che non smentisce quando affermato ma non conferma adducendo che mancano le prove:

    http://geneanjou.blog.lemonde.fr/2017/11/03/le-prince-harry-et-meghan-markle-seraient-ils-cousins/

    Detto ciò la questione e’ irrilevante come irrilevante e’ la possibile ascendenza africana della regina Carlotta essendo risalente a quindici generazioni precedenti anche se poi questi salti generazionali di tracce di “DNA africano” sembravano confermarsi con Vittoria di Prussia (figlia di Vittoria di Gran Bretagna e di Federico III) , chiamata Moretta.

  9. tody ha detto:

    Non mi risulta che il duca di clarence fosse omosessuale bensì era avvezzo ai bordelli. Magari era bisex non sarebbe stato il primo. Il problema nasce dal fatto che la comunione anglicana la fede della monarchia britannica non accetta il divorzio. Carlo d’Inghilterra è sposato solo in comune in chiesa ha fatto una specie di penitenza per aver lui vedovo impalmato una divorziata da matrimonio religioso quale Camilla è. Le modifiche alla legge di successione non toccano il capitolo divorzio ed è questo il motivo per cui camilla ammesso mai che carlo diventi re è difficile che sia regina d’inghilterra. Non porta neanche il titolo di principessa di Galles spettante per avvenuto matrimonio perchè evidentemente tale matrimonio non è accettato dalla Chiesa d?inghilterra con tutte le conseguenze legali che ne derivano. Il titolo di Duchessa di cornovaglia non è di stato ma nobiliare.
    Il titolo di Principe di Galles identica invece l’erede al trono britannico, tale titolo veniva conferito solo ai maschi della famiglia al compimento della maggiore età. Elisabetta attuale Regina mai troppo lodata non fu mai Principessa di Galles. I Titoli di stato essendo uk formalmente uno stato confessionale con la comunione anglicana come religione dominante hanno valore anche religioso, quindi posono essere portati solo da chi è in linea con quanto prevede la comunione anglicana. Il titolo di Henry potrebbe essere quello pertinente allo zio andrea alla cui morte dovrebbe essere devoluto in assenza di eredi maschi come previsto dalla legge di uk.
    In alternativa vi è sempre quello di Lancaster. Se non ricordo male il titolo di Duca di Clarence dovrebbe essere appannaggio del primogenito del Principe di Galles.
    In sostanza la chiesa inglese non accetta il divorzio a seguito di matrimonio religioso, ma il matrimonio in giamaica della fidanzata di Henry dovrebbe essere civile per cui nessuno di questi problemi si porrà cosi come non si posero per Letizia di Borbone quando spoò l’attuale Re di Spagna.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Camilla non porta il titolo di principessa di Galles perché l’avrebbero sbranata selo avesse fatto, è stata una scelta “politica”, ma che sia moglie a tutti gli effetti anche per la chiesa anglicana non ci sono dubbi. infatti usa il secondo titolo del marito cioè duca di Cornovaglia.
      Elisabetta non è mai stata principessa di Galles perché è sempre stata “erede presunta”, se il padre avesse in qualche modo avuto un figlio legittimo lei non avrebbe più ereditato il trono.

  10. mau ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    contento per Harry, Meghan sta iniziando a piacermi molto, penso che insieme possano fare tanto dal punto di vista sociale. Io spero che con sua moglie, Harry possa diventare il braccio destro ” della beneficenza” di William, con il suo ruolo nel mondo. Poi non assomiglia alla mamma di Harry, Diana era e resta poco imitabile, per fortuna.

    • tody ha detto:

      Elisabetta non sarebbe mai stata principessa di galles, vedi Vittoria che erede presunta non era è mai fu principessa di Galles, In Olanda le donne possono essere principesse di Orange solo dopo la riforna fi fine ottocento che permise alle stesse di salire al trono.
      Idem con patatine per il titolo di principessa delle Asturie in Spagna. Comunque ad un certo punto non era più questione di presunzione dato che nel 1950 la madre aveva passato l’età per concepire ed il divorzio non era ammesso.
      L’unica che portava quel titolo era Carlotta figlia di giorgio Iv ai tempi reggente per giorgio III, morta nel 1817, che lo portava o gli veniva attribuito in quanto figlia del principe del Galles.

      • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

        se la futura Queen Mum fosse passata a miglior vita e Giorgio VI si fosse risposato e avesse prodotto un maschio certo che poteva perdere il trono 😉 gli inglesi pensano a tutto.

        • tody ha detto:

          Quello è poco ma sicuro.Come il fatto che Vittoria era unica figlia del duca di kent fratello di giorgio Iv, che il padre premorì a Vittoria, non è mai stata principessa del galles, titolo attribuibile ai membri di sesso femminile solo dopo la riforma del 2011-2012

      • Dora ha detto:

        la cugina di della regina Vittoria, Charlotte, (figlia del Reggente morta durante il primo parto e moglie dello zio di vittoria e alberto poi re dei belgi) venne nominata dal padre Principessa di Galles. ma se conosci la storia dei genitori sai benissimo perchè il Reggente intendeva farla rimanere figlia unica!!!!! XD

        • tody ha detto:

          Charlotte non poteva essere principessa di galles visto che lo era il padre il figlio di giorgio III poi giorgio iv ma nell’accezzione comune era charlotte di galles come oggi william è william di galles. Per quello che ne so io il padre era innamorato di una cattolica non di sangue reale e la sua relazione fu la causa delle leggi sui matrimoni reali inglesi emesse negli anni settanta del settecento. Il matrimonio di giorgio Iv con la suddetta fu invalidato anche se ebbero dei figli fatti convenientemente sposare.
          Charlotte sposò lo zio di Vittoria Leopoldo poi Re del Belgio ma morì prima lasciando lo zio duka di kent e padre di vittoria erede presuntivo al trono.
          P.s L’articolo è scritto e confezionato bene complimenti! :);

  11. tody ha detto:

    Secondo me Camilla non può portarlo da un punto di vista giuridico, perchè il marito un giorno sarà lo voglia o no capo della confessione anglicana.
    Va beh che le leggi sono ormai una burletta e si applicano solo per convenienza ed ipocrisia avessero almeno il coraggio di cambiarla la legge di Enrico VIII che fa del sovrano il capo della chiesa anglicana avrebbero meno problemi.

    • Dora ha detto:

      no no, è stato proprio comunicato da Clarence house ai tempi del matrimonio, che il fatto di non portare il titolo di principessa del galles era una precisa di scelta di C&C e non un’imposizione.

      • tody ha detto:

        Sarà ma quando carlo fu fatto Principe di galles, ebbe luogo una cerimonia con connotato anche religioso, con tanto di posa della tiara sul capo di Carlo. La diplomazia esiste anche per salvare queste situazioni ma la coriacea indisposizione ad abdicare di una persona sveglia come l’attuale sovrana mi induce a pensare che faccia indirettamente pressione sul figlio a favore del nipote, recente vi era un articolo di Uffpost italia su questo. Una domanda ma il precedente matrimonio giamaicano della fidanzata di Henry era civile oppure no? A me pare civile visto che sui quotidiani parlano di ricerca dell’eventuale chiesa in corso. Grazie per la pazienza.

        • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

          santo cielo l’Uff Post non è che sia una fonte attendibile, per la maggior parte spara cavolate.

          • tody ha detto:

            Lo so, ho letto mi pare sul corriere della sera che davano la principessa anna per morta l’avevano scambiata per margareth, la sorella per la figlia, ma il comportamento avrà pure un valore a meno che la coriacea vecchina non voglia battere il record di Luigi XIV di 72 anni e qualche mese di regno. Non tengo conto del guiness dei primati che mette primo un’oscuro re dello swaziland dove non esisteva neanche l’anagrafe, perfida albione cosa non farebbero non solo per stare davanti ma per non fare stare davanti chi gli stà antipatico.
            P.s.
            Chissà magari al matrimonio di Henry ci saranno pure le gioie di Maria Antonietta arrivate in Uk via contessa di Sutherland, vae victis et vive la Reine!

        • Dora ha detto:

          no, gli inglesi saltano tutto ma non le generazioni. ognuno farà il proprio dovere fino in fondo. inoltre con quello sbarbatello di william che ha appena smesso di giocare a fare il borghesuccio e kate coi figli piccoli ben venga carlo al trono. credo la non abdicazione di elisabetta sia anche dovuta a questo: far stare il più possibile william coi figli

          • tody ha detto:

            Ahahahahahhahahaah, può essere io credo voglia battere il recoord di durata del Regno di Luigi XIV l’unico che gli manca!

  12. nicole ha detto:

    Sarete felici , 6 minuti fa è comparsa la notizia attesa

    http://www.bbc.com/news/uk-42137179

    E speriamo di poter dire … e vissero felici e contenti ! Io credo di sì ..

  13. Nicoletta ha detto:

    Ma posso dire che mi sono emozionata? Lei non mi convinceva granché ma é bastato qualche minuto di video dell’intervista per farmi cambiare idea.
    I loro sguardi parlano per loro. Veri, innamorati e felici. Sinceri. Trasmettono verità. Sembrano due persone che hanno già attraversato momenti complessi e ne sono usciti vincenti. Questo li aiuterà. Sono felice della loro felicità.

    • Dora ha detto:

      non per il mio bellissimissimo articolo??? XD
      per me invece nell’intervista e nel photocall era impostatissima alla hollywood. imparerà la maniera british perchè mica è come kate che da quando aveva vent’anni a dovuto imparare a tenere a bada i paparazzi senza incorrere nelle ire della regnia!
      comunque di sicuro molto emozionata.

      • Michele ha detto:

        io non l’ho vista così attrice ed impostata,certo la ragazza ci sa fare e non avrà penso alcun problema a tenere a bada i paparazzi

    • Dora ha detto:

      scusate
      *HA dovuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi