Sulle orme di Diana: l’impegno di Harry da Sentebale agli Invictus Games

sulle_orme_di_Diana

Ormai è molto evidente quanto sia Harry sulle orme di Diana. La madre troppo presto scomparsa gli ha lasciato in eredità la voglia di buttarsi nelle cause più difficili e lui ha raccolto il testimone con un grande entusiasmo. Harry, rispetto al fratello maggiore la cui strada è tracciata dalla nascita, ha meno responsabilità dinastiche e una maggiore capacità a lasciarsi andare. Il principe è un entusiasta che ride, scherza, gioca e si impegna sempre in prima persona dando a tutte le sue azioni quel valore aggiunto che è il peso del nulla osta reale. Sabato prossimo a Toronto Harry aprirà l’edizione 2017 degli Invictus games il progetto a cui forse tiene di più e questa volta non sarà solo questione di sport perché nella città canadese vive la donna che ama. I riflettori sono tutti puntati su questa inaugurazione per molti motivi e c’è chi dice che potrebbe essere l’occasione per una presentazione ufficiale e l’annuncio di un nuovo royal wedding. Staremo a vedere, intanto ecco la storia dell’impegno di Harry sulle orme di Diana, un nuovo post della bravissima Francesca Panseri.

sulle_orme_di_Diana_6

Non so se per fortuna o per sfortuna sono stata toccata solo di striscio dalla vita (e dalla morte) della Principessa di Galles. Chi fosse Diana, nell’agosto del 1997, ancora non lo sapevo. Cioè, veramente c’erano ancora le principesse nel 1997???* Non sapevo dell’esistenza di Carlo e sapevo vagamente che il Regno Unito aveva una regina. Motivo per cui ho potuto approcciarmi all’argomento in maniera non condizionata da preferenze, sentimenti e pregiudizi. Perché questa introduzione su Diana, vi chiederete? C’entra solo parzialmente il fatto che ricorre il ventennale della morte. Diciamo che è stata un’occasione in più per riscoprire la persona che ha dato vita al futuro re del Regno Unito e anche per cercare di capire bene quale sia stata l’effettiva eredità che oggi possiamo percepire.
Personalmente ritengo che chi ne abbia seguito di più le orme sia Harry rispetto a William. William ha sposato la causa materna dei senzatetto ma per il resto conduce una vita “tranquilla” (e, aggiungo, molto “borghese” per gli standard reali) con poche (o zero) iniziative personali degne di nota. Al contrario, il fratello minore, dopo aver fatto il soldato (e niente leva, nossignori, proprio di mestiere, è pure stato in Afghanistan) e rimesso in ordine i suoi sentimenti riguardo la morte della madre, di cose importanti ne ha fatte un paio.

sulle_orme_di_Diana_8

L’associazione Sentebale

Nel 2004, come tutti gli studenti benestanti che si rispettino, Harry ha intrapreso il suo gap year cioè un anno sabbatico alla fine degli studi prima di decidere cosa fare nella vita (un po’ come il viaggio di diploma italiano). Il suo viaggio ha toccato l’Australia, l’Argentina e l’Africa (anche William a suo tempo aveva trascorso il suo gap year lì). In Africa, Harry si è ferma due mesi in Lesotho e Botswana, diventando amico del fratello del re, il principe Seeiso. I due, nonostante la differenza d’età e di religione (Seeiso è cattolico come tutta la famiglia reale del Lesotho), decidono cercare di fare qualcosa per mettere in luce i problemi del regno africano. Il risultato di questo impegno è il documentario “The forgotten kingdom”. Ma i principi, entrambi secondogeniti, sentono che possono fare di più e, nel 2006, danno vita a un progetto di più ampio respiro: Sentebale. L’organizzazione opera in Lesotho e Botswana e si occupa tout court dei bambini orfani di AIDS: non fornisce solo assistenza materiale ma anche psicologica, lavorando con le associazioni locali. In sesotho (lingua del regno africano) sentebale significa ‘non dimenticarmi’ e ai due principi “sembrava un modo in cui potevamo ricordare le nostre madri, che hanno lavorato entrambe per i bambini vulnerabili e per le persone affette da AIDS.”. “Facendo questo ho sentito veramente di poter seguire le orme di mia madre e tenere viva la sua eredità” continua il principe inglese.

sulle_orme_di_Diana_2

Gli Invictus games

Avendo prestato servizio attivo nell’esercito britannico (della regale e britannica nonna), Harry è sempre stato vicino alle tematiche che lo riguardavano (in parte anche William, che al proprio matrimonio aveva invitato la vedova di uno dei suoi commilitoni caduto in Afghanistan), in particolare quanto riguardasse i reduci, soprattutto quelli tornati con disabilità fisiche. “Come si può riconoscere i loro successi ma non dargli simpatia?” si è chiesto Harry. L’illuminazione arriva nel 2013, di ritorno dai Warrior games, i giochi per i militari statunitensi feriti in battaglia. È in quel frangente che si rende conto di “come il potere dello sport aiuti fisicamente, psicologicamente e socialmente.”.
Il 6 marzo 2014 viene annunciata la nascita degli Invictus games  che avranno luogo a Londra nel settembre dello stesso anno. La differenza con i giochi americani è che quelli patrocinati dal principe sono aperti a giocatori di tutto il mondo. Per la prima edizione arrivano infatti nella capitale del Regno Unito circa 400 atleti da 13 paesi (tra cui anche l’Italia), all’inaugurazione ci sono Harry, William, Carlo con Camilla, l’allora Primo ministro britannico David Cameron e il principe ereditario di Danimarca, Frederik. Michelle Obama dà il suo supporto inviando un videomessaggio. Credo che all’inizio gli Invictus games siano stati pensati come un evento isolato perché non c’è stata l’edizione del 2015. Ma il 14 luglio di quell’anno Harry annuncia la seconda edizione, che avrà luogo dall’8 al 12 maggio dell’anno successivo a Orlando negli USA, proprio per rimarcare il carattere internazionale dei giochi. Quest’anno è la volta di Toronto mentre nel 2018 saranno a Sidney. A parte l’edizione del 2016, si svolgono tutti tra la fine di settembre e la fine di ottobre.
“La parola ‘Invictus’ significa ‘invitto, non sconfitto’’**. Incarna lo spirito di combattimento del personale che ha servito [nelle varie armate e che è stato] ferito, danneggiato e malato e ciò che questi uomini e le donne tenaci possono raggiungere, dopo gli infortuni. I Giochi sfruttano il potere dello sport per ispirare il ripristino, sostenere la riabilitazione e generare una più ampia comprensione e rispetto per coloro che servono il loro paese.

sulle_orme_di_Diana_7
Questi giochi hanno messo a fuoco il carattere ‘non sconfitto’ degli uomini e delle donne di servizio e delle loro famiglie e del loro spirito ‘Invictus’. Questi giochi hanno visto ragazzi che si avvicinano alla linea di arrivo e poi si girano per applaudire l’ultimo uomo. […]. Questi giochi hanno mostrato il meglio dello spirito umano.”
Il nome nasce dalla suggestione creata dai versi del poeta inglese William Ernest Henley (1849 – 1903). Ad Henley stesso era stata amputata una gamba a circa 12 anni a causa delle complicazioni della tubercolosi ossea e la sua poesia Invictus nell’immaginario collettivo è giustamente legata a tutti quelli che lottano contro le malattie o le avversità che il corpo umano subisce.
Non a caso, il “motto” dei giochi è la quasi traduzione inglese del “Veni, vidi, vinci” cesariano, “I came, I saw, we are inconquered” (letteralmente “Sono venuto, ho visto, noi siamo non sconfitti”)
L’ultimo verso della poesia non solo è il capovolgimento del verso finale del De profundiis di Oscar Wilde (“I was no longer captain of my soul”) ma ispira anche il logo della manifestazione ed è il motore da cui parte l’impegno di Harry, lezione di attenzione agli altri che il giovane principe ha appreso dalla madre.

Francesca Panseri

sulle_orme_di_Diana_4

** Come non pensare al Duca invitto ed eroe dell’Amba Alagi, Amedeo di Savoia, duca d’Aosta?

Foto e interviste dai siti Invictus games, Sentabale e Wikipedia

INVICTUS
Out of the night that covers me,
Black as the Pit from pole to pole,
I thank whatever gods may be
For my unconquerable soul.

In the fell clutch of circumstance
I have not winced nor cried aloud.
Under the bludgeonings of chance
My head is bloody, but unbowed.

Beyond this place of wrath and tears
Looms but the Horror of the shade,
And yet the menace of the years
Finds, and shall find, me unafraid.

It matters not how strait the gate,
How charged with punishments the scroll.
I am the master of my fate:
I am the captain of my soul.

INVICTUS
Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come l’Abisso che va da un polo all’altro,
Ringrazio gli dei qualunque essi siano
Per la mia indomabile anima.

Nella feroce morsa delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho pianto.
Sotto le bastonature della sorte
Il mio capo è sanguinante ma indomito.

Oltre questo luogo di collera e di lacrime
Incombe solo l’Orrore dell’ombra,
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto pieno di castighi [sia] lo scorrere (della vita),
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima

Su Harry del Galles un altro post di Francesca Panseri —> L’adorabile spice boy

 

Condividi su:Share on Facebook160Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

20 Commenti

  1. elettra/cristina palliola ha detto:

    Specialmente per chi segue la nostra amica anche su FB sa che nutre uno sviscerato amore per il nostro bel principe Harry. Bello dentro e fuori con una grande anima e un cuore a forma di mousse al cioccolato Sì, se qualcosa di veramente unico ed esaltate, degno di essere ricordato, ha fatto Diana nella sua breve e tormentata vita, sono questi due ragazzi che sarebbero stati il suo orgoglio. Ma forse perchè dinasticamente più libero o forse proprio per temperamento il suo birbantello secondogenito ha raccolto la sua eredità. La capacità di entrare nel cuore degli altri e nei panni di chi ha di fronte, la capacità di percepire il dolore e le difficoltà del prossimo, la capacità di abbassarsi, lui che per nascita si colloca ai vertici, anche tra i più disagiati. Quando gli atti, anche istituzionali, non sono solo fredda prassi ma anche accompagnati da veri sentimenti, tutto viene percepito, perchè non parlano solo le parole, spesso di circostanza, ma è tutto il corpo che parla, gli occhi, le mani, il protendersi verso il nostro prossimo senza incertezze, senza paura di avvertire anche a volte gli odori pregnanti delle malattie e della vecchiaia…i contagi. Sono gli abbracci, i sorrisi, le risate….tutto questa Harry lo fa e lo sa fare molto bene, perchè non ha studiato e pensato per farlo, ma le è venuto su dritto dritto dal suo cuore. Ieri ha compiuto 33 anni di cui 20 senza la sua mamma. Io al pari della nostra amica Francesca Pansieri, lo amo….ovviamemente di un altro amore, più quello di una mamma o di una vecchia zia, ma lo amo e vorrei che una persona così, tanto piena di buone qualità e di buoni sentimenti non venga rovinato dalla vita che comunque gli ha già tolto molto..vorrei che fosse sempre felice e che potesse sempre esternare tutto il meglio che ha dentro di se. Sulle orme di Diana? suo figlio le ha percorse e superate,
    .Se lei è stata una maestra, lui ha superato il maestro

  2. Caterina ha detto:

    Complimenti all’ Amica Pratese :0)

  3. laura ha detto:

    Brava Francy , un argomento molto importante. Io ricordo il discorso inaugurale di Harry per la prima edizione che lo vedeva ancora un po’ impacciato davanti il leggio e poi il discorso della seconda edizione che ha dimostrato quanto è cresciuto anche nella capacità comunicativa.

    https://www.youtube.com/watch?v=Im-5ey1-siY

    https://www.youtube.com/watch?v=WqUUOIO31cg

  4. Michele ha detto:

    Bellissimo post Brava Francy !!!!! Gli invictus games sono davvero un gran bel progetto e harry lo porta avanti con grande fierezza e con grande impegno! Bravo harry continua così ! Speriamo che d’ora in avanti condivida tutto questo con la sua dolce meta’:)

    • Dora ha detto:

      grazie michele!
      sul matrimonio di harry sai come la penso 😉

      • sabrina-anna ha detto:

        Come?
        Io speravo in un matrimonio più blu e nello stesso tempo più rosa, più favola, è tutto così moderno, nel matrimonio di William e Kate rivedo il mio, il primo amore che dopo anni giunge all’altare e i due che si sono conosciuti ragazzi diventano adulti insieme …
        E poi forse un po’ di sangue blu poteva essere decorativo …
        Davvero la corte accetta senza discussioni

        • Michi ha detto:

          E nel 2017 aggiungerei menomale!! Certo il fascino del sangue blu è indiscutibile ma ormai la realtà è un Altra..il loro è un amore maturo e consapevole speriamo porti buoni frutti! Alla fine lei cos ha che non va ? Sembra avere le carte giuste !! Vedremo se evolverà e come andrà!!! @Francy lo so come la pensi :):)

  5. luka ha detto:

    E come si puo’ pensare , o dire, che questo blog e coloro che collaborano siano semplicemente dei royal watcher o degli amanti di pettegolezzi, gioielli, principi azzurri e principesse ribelli…..mah….basta leggere anche questo post di @Dora per smentirli.

    Comunque per chi ha frequentato ambienti militari (o paramilitari) come Harry non puo rimanere estraneo a quel sentimento di “cameratismo positivo” che ti porti dietro per tutta la vita.

    Che bella la poesia di Henley, semplicemente concreta difficilmente comprensibile mi i cosiddetti normodotati.

    Per entrare un poco in gossip il “fidanzamento royal” con la Meghan non mi convince, non mi piacciono insieme (senza un perché preciso, a pelle). 🙂

  6. lutien ha detto:

    Da toscana a toscana, brava, Dora e, sopratutto complimenti al ” nostro-” Henry!
    Bellissima la poesia!
    Luthien

  7. sisige ha detto:

    Bravo Harry! Ma non dovevano annunciare il fidanzamento??????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi