Caduta di una Infanta

CristinaInaki

Erano belli, felici e innamorati, hanno messo al mondo quattro bambini, poi hanno voluto sempre di più e sono finiti invischiati in un brutto affare e rischiano grosso entrambi. Lui forse addirittura 19 anni di carcere. Lunedì 11 gennaio a Palma di Majorca inizia il processo a Inaki Urdangarin e Cristina di Borbone e Grecia e la stampa spagnola ci va giù pesante da giorni. Il sovrano ha da tempo preso le distanze dalla sorella la quale ormai può contare solo sull’appoggio indizionato della madre e di un piccolo gruppo di amici fedeli.

Caduta di una infanta

Cristina, che vive a Ginevra con il marito e i figli  si è vista ritirare il titolo di duchessa di Palma di Majorca e anche il passaporto diplomatico ma è niente rispetto a quello che l’aspetta. Inaki dal canto suo pare sia sprofondato nel gorgo della depressione però la moglie, alla quale avevano capire che un divorzio sarebbe stato molto apprezzato, continua a stargli accanto. Una storia triste, penosa, indegna che ha gettato un’altra ombra sugli ultimi anni di regno di Juan Carlos e affrettato la successione di Felipe VI.

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

33 Commenti

  1. Rina ha detto:

    Se le accuse fossero provate, Cristina e consorte dovrebbero solo vergognarsi!
    E questi sarebbero i reali? Quelli che si elevano sui “rozzi plebei per volontà di Dio”?
    La condanna è già scritta, e non mi dispiace proprio! Più soldi hanno, e più ne vorrebbero

  2. mau ha detto:

    Condannato a 5 anni di carcere, dovrebbe andarci a giorni, di sicuro è arrivato dalla Svizzera……….. declino di un uomo, invidiabile senza dubbio, per fascino personale, sportivo e di posizione guadagnata sposandosi! Ammirazione totale per il Re per aver permesso alla giustizia di fare il suo corso, punendo un delinquente.

  3. nicole ha detto:

    Perfettamente in linea con @mau! Io ricordo lo squallore abissale del giorno in cui la signora Urdangarin disse al giudice che le chiedeva spiegazioni ” contabili” che lei Aveva fatto esattamente come fanno gli altri spagnoli ! Se non è arroganza questa !
    Certo che ce l’hanno con Letizia: è stata lei a puntare i piedi per prima …anni e anni fa!! Questo bisogna riconoscerlo .

  4. nicole ha detto:

    Mi dispiace per figli … sarà dura! Purtroppo non si possono scegliere i genitori .

  5. Roberta ha detto:

    Quello che non comprendo è come Cristina possa credersi in diritto di pretendere qualcosa dal fratello re e che la famiglia reale spagnola e il suo entourage l’appoggi pubblicamente….queste pretese mi dà l’idea che non hanno la percezione del reato commesso e cosa gravissima per una monarchia moderna che ormai sono “scollegati” con il proprio popolo….mi ricorda la situazione che si è venuta a creare in Gran Bretagna con la morte di Diana ma lì hanno compreso e sono ripartiti dai loro errori per ritornare ad essere una delle monarchie più amate…. da quello che vedo non mi sembra che in Spagna stia accadendo questo e tutti in questo caso sono “colpevoli” compresi i parenti greci di Sofia che appoggiano platealmente Cristina e Inaki. Sono tutti pronti a gettare fango su Letizia, non sto qui a discutere se a torto o a ragione, ma non si rendono conto che così facendo stanno trascinando con lei anche Felipe, le figlie e la monarchia…a meno che l’obiettivo non sia “obbligare” Felipe a divorziare dalla moglie….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi