L’abdicazione di Juan Carlos: Felipe sarà re il 18 giugno

L’abdicazione di Juan Carlos: Felipe sarà re il 18 giugno

La notizia ha fatto l’effetto di una bomba la mattina del 2 giugno: il re di Spagna Juan Carlos I ha deciso di abdicare a favore del figlio Felipe che mercoledì 18 giugno diventerà re con il nome di Felipe VI.

Immagine

Lunedì 2 giugno Il Primo ministro Rajoy ha inconcrato il re che gli ha consegnato la lettera nella quale dice di voler abdicare e poi poco dopo le 13 Juan Carlos è apparso in tv per spiegare i motivi che hanno portato a questa decisione.

rey-felipe-1-a

Se non ci fossero stati nel frattempo l’elefante in Botswana, l’amante semi ufficiale, le crisi familiari, gli scandali e tutto il resto, il discorso di Juan Carlos I sarebbe stato davvero emozionante.  Punto di arrivo di un percorso davvero fuori dell’ordinario. Quello di un bambino nato in Italia nel pieno della guerra civile, educato in Svizzero e finito poi in Spagna “ostaggio” del Caudillo. Un giovane dal futuro incerto, diviso fra un padre con velleità di restaurazione monarchica e un Generalissimo dittatore a tutto tondo di una Spagna ripiombata nel Medioevo, che si ritaglia a fatica un posto nella sua famiglia e nel suo paese. Un uomo sulle cui possibilità come re nessuno avrebbe scommesso un centesimo. E invece è succeduto a Franco, ha dato alla Spagna una Costituzione, un Parlamento, un Governo. Ha guidato una transiciòn che tutti sapevano sarebbe stata difficilissima. Ha tenuto ben saldo il timore – lui che è un vero lupo di mare – anche durante il 23 F, la notte del famoso tentato golpe di Tejero anche se oggi qualcuno dice che non tutto quanto accaduto è stato ancora raccontato.

Poi qualcosa si è spezzato, la congiura del silenzio- quell’accordo non scritto fra la casa real e la stampa per mettere a tacere qualsiasi voce non gradita sulla monarchia – è venuta meno, la vernice brillante di una dinastia quasi perfetta si è man mano incrinata. E contemporaneamente la Spagna è piombata in una delle peggiori crisi della sua storia.

Adesso Juan Carlos se ne va, ma la sua non è un’abdicazione serena, sorridente e persino allegra come quella della regina dei Paesi Bassi che da tempo aveva associato la coppia di eredi a tutte le attività ufficiali compresi i viaggi all’estero. In Spagna non c’è una famiglia unita ad appoggiare i futuri sovrani, non ci sono fratelli, zie, cugini e consorti a dividere sia la gioia della festa che i doveri di rappresentanza e gli impegni ufficiali. Pensionati Juan Carlos e Sofia restano Felipe, una Letizia che ha netta tendenza a non considerare il suo un ruolo 24h, e la sorella Elena. Più un paio di zie anziane e abbastanza defilate e un cugino il duca di Calabria. Basterà questa sparuta rappresentanza a tenere alto l’onore della monarchia?

Io non ne sarei tanto sicura.

Ad ogni modo il discorso l’ho ascoltato con il fiato sospeso, quasi non ci volevo credere: Juan Carlos se ne va. Per me è sempre stato un mito, l’ho detto e ridetto. Fino al momento in cui ho visto la famosa foto dell’elefante – sull’orso ubriaco in Russia stendiamo il solito pietoso parquet di teck – e lì mi è crollato a terra per non rialzarsi mai più.

Le sue parole alla nazione me l’hanno fatto un pochino rivalutare perché anche per abdicare ci vuole coraggio. Il sovrano ha deciso di fare “il meglio per la Spagna”, paese a cui ha dedicato il meglio di se stesso. Per questo motivo ha deciso di cedere il passo “a una nuova generazione”, dotata di maggiori energie.

Juan Carlos ha rivendicato i quattro decenni del suo regno, ricordando che è salito al trono per dare agli spagnoli una democrazia moderna, pienamente integrata nell’Europa, in cui i cittadini potessero eleggere i propri rappresentanti. Il re ha ringraziato gli spagnoli per la simpatia, il sostegno e l’impegno, ha ringraziato la regina Sofia e si prepara a cedere il passo a un erede preparato per il ruolo che lo aspetta e che potrà contare “sul sostegno della principessa Letizia”.

Adesso le domande sono perché proprio ora e quanto ci vorrà per formalizzare l’abdicazione visto che in Spagna non esiste una norma in proposito?

I risultati delle europee del 25 maggio scorso sembrano in parte essere uno dei motivi della fretta indiavolata con cui è stata presa questa decisione. Il bipartitismo spagnolo, su cui si appoggia il consenso alla monarchia, è crollato ai suoi livelli più bassi, con il PP sceso al 26% e il PSOE addirittura al 23%, mentre sono risultati in netta ascesa i partiti di simpatie repubblicane. Dunque meglio garantire il trono a Felipe adesso, con un bipartitismo che in Parlamento gode ancora della maggioranza assoluta, che aspettare ancora e vedere un Parlamento frammentato e con una presenza repubblicana più forte, nella prossima legislatura. Inoltre ci sono in ballo anche il referendum indipendentista in Catalogna e la probabile richiesta di processo all’Infanta Cristina, quindi è il caso che tutto si faccia con un uomo nuovo alla Zarzuela.

A proposito della Zarzuela, cosa succederà nelle residenze reali? Si scambieranno le abitazioni e soprattutto quali saranno ruolo e titoli dell’ex sovrano e della ex regina? A quanto pare nulla ancora è stato deciso, ma sarà molto interessante vedere quali saranno gli sviluppi della situazione.

Aggiornamento del 3 giugno: l’abdicazione potrebbe essere formalizzata entro il 18 giugno – oggi Rajoy invierà alle Cortès un progetto di legge apposito – e Felipe potrebbe diventare re prestando giuramento davanti alle Cortès a partire dai giorni immediatamente successivi.

Borbone

intanto ecco le gallery di El Mundo

http://www.elmundo.es/especiales/espana/el-rey/index.html

http://www.elmundo.es/album/loc/2014/01/30/52e92e18ca474140078b456a.html

Il discorso del re http://www.elmundo.es/espana/2014/06/02/538c34ccca47410b2b8b456c.html

I post su Juan Carlos

L’amicizia con il presidente Pertini http://www.altezzareale.com/2009/02/24/storie-reali/il-re-e-il-presidente/

La fine del matrimonio della figlia Elena http://www.altezzareale.com/2009/11/27/matrimoni-reali-2/matrimoni-reali-di-ieri/elena-e-jaime-la-fine-di-un-amore-reale/

La cronaca del 23 F http://www.altezzareale.com/2010/02/23/tutti-gli-articoli/23-febbraio-1981-juan-carlos-salva-la-democrazia/

I problemi di salute http://www.altezzareale.com/2010/05/08/news/re-juan-carlos-operato-oggi-a-barcellona/

Felipe e Letizia http://www.altezzareale.com/2010/10/10/donne-reali/tacchi-a-spillo-gli-equilibrismi-di-letizia/

35 anni di regno http://www.altezzareale.com/2010/10/20/personaggi-reali/personaggi-reali-di-ieri/juan-carlos-un-regno-lungo-35-anni/

L’Escorial http://www.altezzareale.com/2011/07/09/castelli-reali/lescorial-il-pantheon-dei-re-di-spagna/

I guai giudiziari del genero http://www.altezzareale.com/2011/12/13/news/nei-guai-il-genero-del-re-di-spagna/

Le amanti vere e presunte http://www.altezzareale.com/2012/03/20/storie-reali/e-in-ispagna-son-gia-mille-e-tre/

Lettera aperta a Juanito http://www.altezzareale.com/2012/04/15/tutti-gli-articoli/lettera-aperta-ajuanito/

Juan Carlos e Sofia – 50 anni di matrimonio http://www.altezzareale.com/2012/05/14/matrimoni-reali-2/matrimoni-reali-di-ieri/juan-carlos-e-sofia-le-favolose-nozze-di-atene/

Letizia – 40 anni http://www.altezzareale.com/2012/09/15/donne-reali/letizia-i-suoi-primi-40-anni/

Juan Carlos – 75 anni http://www.altezzareale.com/2013/01/04/tutti-gli-articoli/75-anni-fa-nasceva-a-roma-un-futuro-re-di-spagna/

NB – vista la portata dell’evento e per consentire la discussione oggi i commenti non saranno moderati.

 

 

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

201 Commenti

  1. Alex ha detto:

    @ Laura sono d’accordo, Juan Carlos sembra non abbia mai avuto rapporti ottimi con il figlio e se non fosse stato costretto dalla salute, dagli scandali e dalla crescente partito repubblicano non avrebbe abdicato, è un borbone fino al midollo, altro che altruismo per consentire al figlio di salire al trono.

    Ieri sera per la visita di stato del presidente messicano Sofia ha esibito alcuni gioielli appartenuti a Vittoria Eugenia, fra i più rappresentativi del suo status di regina: la tiara di Ansorena con il giglio dei Borbone, gli orecchini di diamanti e gli chatones. Probabilmente li ha indossati per l’ultima volta perchè dovrà cederli a Letizia, la cui magrezza e conformazione del viso sono tuttavia più adatti a delle tiare meno imponenti.

  2. LadyJane ha detto:

    Un velo di tristezza e malinconia negli occhi della regina Sofia.. però che cupi, tutti in nero!! Sembrano in lutto..per la monarchia..

  3. isa ha detto:

    Letizia in quelle foto appare più come diva di Hollywood che come futura regnante…è un impressione o è ancora più secca???

  4. Chloe ha detto:

    @alex – E’ vero, sembra proprio che la visita ufficiale del presidente messicano sia caduta a fagiuolo per Sofia per avere l’occasione di un addio al trono anche simbolicamente rappresentato dall’addio ai gioielli, e ora la prossima volta vedremo la tiara di Ansorena sul capo di Letizia.
    Fra le foto di Sofia con la Fleur de Lys, ne ho viste alcune del 2006 quando la indossò per i 60 anni di regno del re di Thailandia, e del 2008 in visita in Giappone, non so se l’ha indossata anche successivamente in altre occasioni.

  5. Chloe ha detto:

    Leggevo ieri che la previsione che circola sul giorno della proclamazione di Felipe VI sia per il 19 giugno. El Mundo riporta che (con tutti i dovuti forse del caso) domani il congresso dei deputati dovrebbe votare la legge di abdicazione, il 17 passerà dal Senato per l’approvazione, il 18 JC abdicherà davanti a deputati e senatori in una cerimonia a Palazzo Reale e il 19 ci sarà la proclamazione del nuovo re, con giuramento e successiva parata militare. Stiamo a vedere … in ogni caso mancano davvero pochi giorni.

  6. Chloe ha detto:

    Le bimbe sono sempre bellissime e molto fotogeniche!
    Le due nuove immagini che hanno diffuso oggi fanno sempre parte del famoso servizio fotografico dell’estate 2012 … devono aver fatto scatti a raffica, queste foto sembrano inesauribili! 😉 Tutti e quattro sembrano così sereni in quelle immagini …

  7. nicole ha detto:

    Oggi ho guardato piccolo video su giuramento di JC: TESISSIMO,con occhiaie, emozionato, deglutiva, insomma nulla di solennemente regale, sguardo inespressivo.
    Credo che Felipe, da decenni abituato alle folle, a parlare in pubblico, saprà dominare emozione che , ovviamente, proverà. Sarà una veramente regale.
    Io non ricordavo nulla di Jc e son rimasta a vederlo così…diciamo provincialotto.
    Felipe ha di suo maggior carisma , almeno se paragonato al padre allora molto giovane.
    Facciamo il totocolore dell’abito di Letizia? Io propendo per un bel rosso, o qualcosa di bianco e rosso( vabbè fa bandiera austriaca)

  8. nicole ha detto:

    Si parla di probabile separazione fra JC e Sofia.. Con tanto di comunicato ufficiale che potrebbe arrivare fra un po’.
    Letto or ora su Repubblica.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      el mundo rilancia dicendo che la notizia viene dalla prensa italiana ma che la casa reale non ha commentato, il giornale spagnolo ricorda che JC e Sofia non sono più stati visti insieme dal giorno dell’abdicazione

  9. luka ha detto:

    La notizia della separazione ufficiale tra Sofia e Juan Carlos fa lo stesso effetto dell’outing nel 2004 del mitico Valentino…..dov’è la notizia?

  10. annarita ha detto:

    Cari amici, come sapete ho una amica che ha una amicizia con una persona molto conosciuta alla corte spagnola. Ieri mi ha detto questo:la regina Sofia sta cercando una villa a Maiorca dove andare a vivere con la sorella Irene. J.C non si sa dove sia, si parla di un ritiro in una grande azienda agricola dove si allevano tori da corrida e di proprietà di una sua amante. Elena ha avuto una violenta lite con il fratello e la cognata perché non capisce il loro modo di allevare così democrativamente le due infante. Il re le ha risposto di cercare lei di allevare i suoi figli così e non come sono ora molto antipatici e sulle sue nemmeno fossero eredi al trono.Si starà a vedere che cosa accadrà,Intanto un saluto a Marina e a tutti voi dalle vacanze in terra sarda.

  11. Ale ha detto:

    secondo me ci sarà, come c’è già, una separazione di fatto. dubito fortemente che si arrivi a qualcosa di pubblico o al divorzio.
    @annarita fetente questa elena 😀

  12. Laura ha detto:

    Ma che senso ha fare un annuncio ufficiale ? Se ad un certo punto ognuno sta per conto suo , sono piuttosto maggiorenni , a chi devono dare conto ?
    @ Annarita : davvero litigiosi questi spagnoli, tutto il contrario degli olandesi che stanno tutti insieme non solo i figli di Beatrice ma anche i figli delle sorelle di Beatrice … e’ un piacere vederli sorridenti ed in armonia !

  13. Paola (Baldanzi) ha detto:

    lo so che nel mondo ci sono problemi ben più gravi, ma mi mette tristezza vedere la famiglia reale di Spagna ridotta così. Un tempo avevo molta stima di JC e dei suoi familiari.

  14. Chloe ha detto:

    Sono d’accordo, spiace davvero vedere una famiglia così disgregata, d’altronde troppi scandali e fra tutti probabilmente caratteri e scelte tra loro incompatibili. Quanto a Juan Carlos e Sofia, se la loro soluzione attuale è vivere vite separate, secondo me dovrebbe essere sufficiente come stanno ora, poi tutto può accadere.

  15. luka ha detto:

    Come ogni anno il 7 dicembre ci sarà la prima della Scala e quest’anno potremmo goderci – con una diretta televisiva – la Madame Butterflay di Puccini, dedicata a suo tempo alla regina Elena d’Italia.

    Non ho sbagliato post, ma sembra che quest’anno ci saranno il precedente Mattarella e il sindaco Sala nel palco reale e tra gli ospiti potrebbe esserci il re emerito Juan Carlos…..ma non ho capito, nell’eventualità, dove lo metteranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi