Nozze reali: i dieci anni di Felipe e Letizia

Felipe e Letizia sposi, ma il matrimonio l’ho visto in differita. Il 22 maggio 2004 non ho visto la diretta delle nozze di Felipe e Letizia. Finalmente guarita dalla varicella ho infatti passato la giornata in tournée nella ridente Vallesina e non certo per mia volontà. All’epoca infatti ero il portavoce di Enzo Giancarli presidente della Provincia di Ancona; un incarico recente e a contratto, dunque se il Presidente comandava io mi mettevo sull’attenti anche di sabato, anche di domenica. Sempre. Al contrario dell’altro giornalista – lui dipendente da un trentennio – il quale alle 14 e 30 del venerdì spariva nel nulla come un fantasma per riapparire fresco e riposato il lunedì mattina. *

ppe-leti-padres1--a

Felipe e Letizia sposi, con i genitori

Quel giorno il “capo” aveva messo in agenda un lungo giro turistico/propagandistico insieme all’ambasciatore Balboni Acqua, così siamo partiti di buon ora per una serie di visite ufficiali in tuuuutti i paesini più sperduti. A me, sinceramente, girarono un po’ le scatole per tutta la giornata e non solo a causa della boda real: la divisa d’ordinanza per queste occasioni era tailleur e tacchi che considero una tortura cinese. Ma con Giancarli non era il caso di prendersi delle libertà vestimentarie.  Insomma le nozze spagnole le ho viste in differita, cercando di non sbirciare i tg e di non guardare le foto on line – ma nel 2004 ancora ce n’erano poche. Eh si che le sospiratissime nozze di Felipe noi appassionati di cose reali le attendevamo da anni, specie dopo i numerosi veti di Sofia e la rottura con la bella Eva Sannum.

Letizia2

Purtroppo però questo matrimonio non è stato all’altezza delle aspettative, cioè a parte la pioggia che ha rovinato l’ingresso della sposa, a me non è sembrato uno di quegli eventi da sogno. Da restare a bocca aperta con gli occhi a forma di cuore per intenderci. Non mi sono emozionata come per le nozze di Maxima e Willem Alexander, William e Kate, Victoria e Daniel, e via anche per quelle di Madeleine  e Christian.

Le nozze di Felipe e Letizia

Forse in sottofondo c’erano troppe ombre, il tragico attentato del marzo precedente (per rispetto dei morti sono state infatti cancellati diversi eventi già programmati), il disaccordo del re, costretto a dare il suo consenso obtorto collo e solo sotto minaccia di abbandono di titoli e doveri dinastici, e le polemiche intorno al passato, non proprio immacolato, della trepida sposina. Un paio di mesi dopo ho visitato la Spagna per la prima volta e della boda real già non c’era più alcuna traccia. Niente album commemorativi, niente gadget, niente di niente.

Letizia3

Felipe e Letizia sposi

E questo nonostante le nozze del principe delle Asturie, l’erede al trono della monarchia siano state state celebrate con il dovuto sfarzo, un notevole e molto criticato esborso di denaro pubblico e alla presenza di un vastissimo parterre di teste coronate in carica e non, alcune delle quali si sono persino esibite in simpatiche, ma poco regali, performance. E alla fine le nozze di Felipe e Letizia sono rimaste nella storia soprattutto per il diluvio universale, la sbronza del principe Ernest di Hannover alla cena pre boda che la mattina dopo era ancora talmente in bomba da mandare in chiesa da sola dell’allora consorte Caroline di Monaco e la sberla di Vittorio Emanuele di Savoia al cugino Amedeo.

SPAIN-ROYALS-FELIPE-LETIZIA-FLOWERS-WEDDING

Il matrimonio di Felipe e Letizia è stato per certi versi anche divertente specie per le intemperanze dei bambini reali, i dispetti dei cuginetti-paggetti, le bizze di Juan Valentin che abbandona il corteo, i calci di Froìlan, figlio della infanta Elena, a una collega damigella; inoltre l’evento dà modo ai commentatori di criticare abbondantemente le donne di casa Ortiz-Rocasolano tutte uguali in Felipe Varela e tutti discretamente imbarazzate da una notorità difficile da assumere.

casas-reales1--a

Splendide invece la regina Sofia in lungo e mantilla nera, l’infanta Elena in Lacroix versione goyesca anche lei in mantilla e l’elegantissima Maxima dei Paesi Bassi. Fra gli invitati di spicco Nelson Mandela e il principe di Galles che di rado si sposta per un matrimonio reale. Molte foto degli invitati reali e non le trovate qua http://bodasreales.hola.com/principe-felipe-letizia-ortiz/noticias/20040522760/boda/principe/letizia/visor/

Per l’occasione Letizia – della quale allora si sapeva poco o nulla a parte la professione e che aveva incontrato Felipe durante un reportage sul disastro ambientale della Prestige – sceglie un sarto catalano Manuel Pertegaz che crea per lei un abito sontuoso, pieno di maestà, ma un tantino pesante. Niente a che vedere con il glamour e la classe di Lorenzo Caprile autore dei due straordinari outfit  sui toni del del rosso indossati solo una settimana prima per le nozze del principe ereditario di Danimarca.

Felipe e Letizia sposi, l’abito

Pertegaz, 86enne all’epoca delle nozze, veste Letizia con un modello dalle linee semplici (gonna a trapezio che sembra dritta e quasi aderente, ma si apre dietro in una lunga coda) in faille di seta naturale nella cui trama è tessuto anche un filo di argento che conferisce luminosità a tutto l’insiene. Parte frontale della gonna, bordi, polsi svasati e collo aperto a corolla sono ricamati a motivi floreali con fili d’oro e argento, mentre il lungo strascico di 4 metri e mezzo è arricchito da altri ricami a motivi araldici e simbolici come i fiori di giglio dei Borboni, le spighe di grano e i trifogli. Il velo di tre metri in tulle di seta, ricamato anche questo con festoni e ghirlande che mescolano fiori di giglio e spighe di grano è un regalo personale del principe alla sua futura sposa. Le scarpe, realizzate con la stessa stoffa dell’abito, sono della stilista spagnola Pura Lopez.

187hm.jpg

Felipe e Letizia sposi, le scarpe

Sopra un’acconciatura decisamente sfuggente Letizia indossa una tiara prestata dalla suocera ed è subito chiaro a tutti che si tratta di una scelta altamente simbolica. La futura principessa delle Asturie porta lo stesso gioiello che Sofia ha utilizzato per le proprie nozze ad Atene il 14 maggio 1962: il diadema “imperiale”, passato di madre in figlia per tre generazioni.

BASêLICA ATOCHA

Felipe e Letizia sposi, il diadema

La piccola, elegante e leggera tiara stile Impero in platino e diamanti di varie misure fra cui una grande goccia centrale oscillante, realizzata probabilmente dal gioielliere tedesco Koch, è uno dei doni di nozze del kaiser Guglielmo II all’amatissima figlia Vittoria Luisa che va sposa a Ernesto Augusto di Hannover. Il diadema, nel quale si fondono in modo particolarmente riuscito, lo stile Impero e le linee “elleniche” (infatti le “colonne” di diamanti ricordano il Partenone e il decoro sovrastante di foglie d’alloro simboleggia quello delle corone che nel mondo antico cingevano la fronte dei vincitori) passa all’unica femmina della coppia, Frederica che lo indossa per la prima volta in occasione della foto ufficiale con il fidanzato, il principe ereditario Paolo di Grecia.Frederica, un’altra grande appassionata di gioie, preferisce utilizzare le sontuose parure del tesoro dei re greci e regala a sua volta il diadema alla figlia Sofia la quale lo usa per la festa del suo debutto in società e poi per trattenere il velo nuziale. La principessa Sofia indossa spesso la piccola tiara, ma una volta diventata sovrana ed avendo a disposizione alcuni splendidi diademi storici la cede con una certa frequenza alle due figlie le quali però, stranamente non la portano per le loro nozze. Un onore che, si scoprirà poi, che la regina ha deciso di riservare alla futura nuora. Segno, assicurano gli osservatori di faccende reali, che la regina alla fine ha accettato la scelta dell’amatissimo figlio di sposare una donna di origini non reali e per di più divorziata.   

Felipe e Letizia sposi

Negli anni seguenti Letizia tornerà spesso a indossare il piccolo diadema “imperiale” che resta però un prestito, l’unico dono dei sovrani alla moglie del figlio è una piccola parure di zaffiri e perle proveniente dalla contessa di Barcellona. Quello che Hola definisce un “fabuloso aderzo” nella realtà consta di un collier e di un paio di orecchini abbastanza modesti che la principessa delle Asturie porterà solo in occasione della cena pre boda.    

 Letizia8

Felipe e Letizia sposi

In questi dieci anni Letizia – mamma di due bellissime bambine – ci ha dato molte occasioni per parlare di lei, nel bene e soprattutto nel male… la principessa delle Asturie ha folle di detrattori e di critici, ma anche molti fan e di certo non è una di quelle che passa inosservate.

Se volete leggere qualche vecchio post:

http://www.altezzareale.com/2010/10/10/donne-reali/tacchi-a-spillo-gli-equilibrismi-di-letizia/

http://www.altezzareale.com/2012/09/15/donne-reali/letizia-i-suoi-primi-40-anni/

http://www.altezzareale.com/2009/04/28/storie-reali/letizia-e-carla-la-guerra-delle-due-dame/

* consentitemi un inciso, giusto per ridere: donerò il mio corpo alla scienza perché sia studiato in quanto credo di essere l’unica persona sulla faccia della terra ad avere lavorato – e pare bene visto che sono rimasta fino all’ultimo giorno del mandato mentre tutti i miei predecessori erano stati liquidati dopo due o tre mesi – per un politico di peso e prestigio senza finire “imbucata” nell’ente pubblico di cui sopra. Lui si è scusato, mi ha detto “sai io queste cose non le faccio”. No, cioè proprio a me doveva capitare il solo integerrimo?!?!

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

140 Commenti

  1. Laura ha detto:

    Suppongo che a regina Sofia, da vegetariana e amante degli animali sia contraria alle corride …frequentate da marito e figlia maggiore , ci sono notizie in merito ?

  2. valeria b ha detto:

    Ciao Marina,

    nonostante riesca sempre a leggervi è da molto tempo che non trovo il tempo per un post. Condivido molti commenti in merito a Felipe e Letizia, la monarchia spagnola è stato il mio primo amore (insieme al famoso “scatolone” di ritagli riguardanti Lady D) e non sai quante volte mi sono immaginata (vi prego di non sorridere) al posto di quella prugna secca secca di Letizia…. almeno io sarei andata sempre molto volentieri a trascorre le vacanza a Maiorca( cosa che faccio regolarmente da cinque anni con marito e pargoli), la trovo un’isola stupenda.
    Riesco solo lontanamente ad immaginare l’emozione provata da Dinora nell’incontrare Sua Maestà la Regina Sofia…oh mamma mia io credo che sarei andata completamente “nel pallone”. Aspetto di potere vedere le foto!!

    Un abbraccio a tutti.

    P.S. Ma delle nozze belghe a Roma si sa qualcosa? O forse mi sono persa qualche post.

  3. Chloe ha detto:

    @dinora – … cosa dire? Dalle tue parole, l’emozione dell’incontro con la regina Sofia si sente tutto! Tanta ma proprio tanta sana invidia! Una bellissima esperienza (con tanto di inchino perfetto 😉 ) e, come ha scritto @laura, complimenti per l’intraprendenza, una foto in posa con la Reina non è proprio scontata. Molto belle le parole che hai usato per descrivere Sofia e il suo atteggiamento cordiale, semplice e sereno, sono contenta che tu abbia potuto constatarlo di persona.

    PS: Certo che il maxischermo per seguire Real-Atletico durante una cena di gala è semplicemente meraviglioso!

  4. Nicoletta ha detto:

    @Dinora come seguace di AR non posso che essere felice per te e per l’esperienza straordinaria che hai vissuto e ringraziarti per averla condivisa con noi

  5. paola (baldanzi) ha detto:

    @Dinora, grazie per averci raccontato della tua esperienza madrilena e dell’incontro con la regina! Sei mitica!!!

  6. sabrina ha detto:

    Ciao Marina scusa ma perché se clicco sulla seconda pagina dei commenti viene fuori un post sui libri da leggere in vacanza vecchio e con un’altra grafica?
    mi stavo rileggendo con calma tutti gli interventi, soprattutto l’incontro con la regina Sofia dopo una giornata da incubo e mi appare questo se anche tu mi abbandoni staserà non mi resta che il cioccolato e data la prova costume che si avvicina non è raccomandabile ti prego fai qualcosa….

  7. Laeti ha detto:

    Non capisco quale di queste future regine sia peggio . e non e’ una questione di nascita: Farah Diba, Grace Kelly, Noor di Giordania, Silvia di Svezia , Ranya di Giordania provengono da famiglie non reali e sono grandi donne e molto amate.

  8. Dinora ha detto:

    Carissimi ho letto ora i vostri simpaticissimi interventi! Domani mattina ci dobbiamo alzare alle ore 6!!!!

    • Dinora ha detto:

      Oibho! Non è arrivato tutto il mio messaggio!! Una barbaridad! Come dicono qua!!! Abbiamo l’aereo alle 9,15. Che bello avere degli amici come voi!!! Gentili e simpatici. Decisamente siamo in bel gruppo. Grazie a Marina che ci ha fatto incontrare!!! Domani, quando sarò a casa prometto che rispondo a tutti. Ora tento di dormire anche se noi siamo nottambuli. Adoro la notte per potermi dedicare ai miei hobby e a questo blog senza essere interrotta! A domani.

  9. annarita ha detto:

    @Dinora quando ti sarai ripresa dalla stanchezza, ci racconterai tutto vero? grazie di nuovo, sei mitica. Non so se avete visto le foto pubblicate ieri su NR riguardanti la festa per il Gran premio di Monaco. La Beatrice Borromeo splendida come al solito ma la Tati, con un vestito informe ( salverei solo il colore) e con un broncio di noia. Sarà bene che prenda lezioni da Maxima e da Kate per come si sorride. Spero che Alberto abbia presto un erede perchè la Tati Principessa di monaco sarebbe un guaio serio per il principato. Che cosa desidera di più, ha un marito molto bello che la adora ( e non so proprio che cosa abbia trovato in lei), un bambino sano e bello, tanti soldi, in forse un titolo principesco ed allora?

  10. Alex ha detto:

    @ Dinora leggo solo ora della tua emozionante esperienza con le reina Sofia, che appare sempre sorridente e disponibile, tentando di sopperire alle mancanze degli altri membri della famiglia. Se non ci fosse lei ad essere amata e popolare forse la monarchia sarebbe già condannata. Grazie della testimonianza!

  11. Dinora ha detto:

    Grazie ancora per le vostre parole molto sincere! @elettra la famiglia di mio marito alleva da 75 anni cani di San Bernardo! @ Alex, si, è stata una esperienza davvero unica! Da diversi mesi sapevamo che avremo avuto questa straordinaria opportunità ma volevo essere davvero sicura prima di farvi partecipi tutti della nostra esperienza. La regina Sofia è una persona davvero molto gentile e disponibile con le persone! Dopo che ci hanno presentato ha chiesto a mio marito che razza allevava e giudicava e come sono i San Bernardo spagnoli. Lei ne ha avuto uno tempo fa regalatole dai nostri amici. In più se pensi che le ho chiesto se potevamo fare una foto con lei!!! Se non ero sicura della sua cortesia mi sarei guardata bene da farle questa mia pazza richiesta! Vi posso assicurare che mentre lo dicevo il mio inconscio mi bisbigliava: “. .. ma ti rendi conto che lo stai chiedendo ad una Regina!!”. Comunque è andata e lei si è pure divertita! Poi ci sono state le foto ufficiali di rito ma intanto avevamo avuto questo onore! La sera, parlando con i nostri amici ho avuto la conferma di tutto quello che noi abbiamo sempre detto. È lei che tiene alto il valore della monarchia ora in Spagna! È molto stimata e amata! Vedendola andare in giro tranquillamente ( con una scorta molto discreta!) in mezzo alla gente in modo molto semplice, fermarsi, guardare i cani, chiedere informazioni sono stata sicura di essere stata di fronte ad una grande Signora! Purtroppo non stimano molto la Letizia!!! Ho saputo che non ama molto gli animali e i cani!!! Riporto quello che mi è stato riferito: pensa molto alla sua estetica! Grazie ancora a tutti per la vostra simpatia! Appena avrò le foto le mando a Marina compreso le nostre!! Buona notte!

  12. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Dinora……ma che bello! hai avuto un incontro mooooolto ravvicinato con la regina …sei stata presentata, hai fatto la foto…davvero non è da tutti! Complimenti! Guarda ,@Dinora, ci hai pure rivelato che la Leti non ama gli animali e in particolare i cani…ebbene, con me, oramai, non ci sarà più nessuna possibilità di appello! chi non ama gli animali, non ama neppure il suo prossimo, io sono convintissima di questa cosa, che tra l’altro nel caso della Leti, si vede pure , quando stringe le mani di un anziano o si china verso un disabile, sulla sedia a rotelle, con quel suo sorrisetto tirato, mentre il braccio si allunga,per abbracciare, quasi vorrebbe ritirarsi, schifato…non so se è una cosa che vedo solo io..è falsa come una moneta di latta! E’ una persona innamorata solo di se stessa , altro che sguardo adorante verso il marito! e forse neppure delle figlie che usa come bambolette a suo piacimento, e che loro pure, specialmente la primogenita, hanno assunto lo stesso sorrisetto forzato della mamma…W Sofia!!!! ..molti dicono che questo suo accettare sia una forma di ipocrisia …. io credo, invece, sia senso del dovere e dell’ istituzione monarchica e ,da come scrivi, credo che gli spagnoli lo abbiano capito e le siano grati e la ricompensano con l’ammirazione e il sostegno
    @Dinora…i San Bernardo!…che meraviglia! pensa che è tra i cani preferiti, insieme al pastore Bernese, di mio marito che adora i cani grandi e grossi….in casa mia, da quando sono sposata, ci sono sempre stati cani e non abbiamo mai replicato, alla morte di uno, con la stessa razza, perchè non abbiamo mai voluto fare paragoni…ogni razza è bella per quello che è….San Bernardo non ne abbiamo mai avuti perchè è un cane che ha bisogno di molto spazio e io ho un giardino, ma non è grandissimo e inoltre il cane ci piace che viva in casa, con noi, e un cane così grande sarebbe sacrificato! ora abbiamo un labrador, che a luglio compirà 9 anni….
    Sai che ti dico? alla Leti, le ci vorrebbe uno di quei confortanti bacioni canini,una di quelle belle leccate di San Bernardo sulla faccia! …con quel linguone, le smonterebbe tutto il lifting!

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Ahahahah Elettra sai bene come la penso sugli animali e questa cosa che alla Leti non piacciono tanto l’avevo letta di già non so dove. Questa di Dinora e’ la triste conferma. Sigh
      A me i cani piacciono tutti, razza, non razza, tutti. Quando ero piccolina mia madre andava da una parrucchiera che aveva un cane grosso e un giorno mi trovarono che abbracciavo sto canone enorme, a loro gli venne un colpo ma io e lui eravamo molto felici.
      Adesso sono felice di vedere che il mio nipotino ha lo stesso atteggiamento, molto curioso e nessuna paura. Da ikea ho trovato un cane di pezza che è identico alla cagnolino dei nostri vicini e che lui guarda con molto desiderio. Sabato gliela regalo la canetta di pezza a cui ho anche messo un piccolo guinzaglio.

    • Andrea ha detto:

      “chi non ama gli animali, non ama neppure il suo prossimo”
      Perdonami, ma questo mi sembra esagerato. A parte il fatto che io prenderei con le pinze tutte le indiscrezioni sulla Letizia (ma questo, come ho detto da qualche parte su Cotilleando un po’ di tempo fa, dipende dall’idea che si ha di lei), ma davvero non volere animali intorno fa di qualcuno una cattiva persona? Finché non li maltratta non vedo dove stia il problema. Io stesso rispetto tutti gli animali, ma preferisco non averne vicini. Evidentemente non amo il mio prossimo. O non amerò mio marito (se mai lo stato italiano mi permetterà di averne uno) o i figli che potrei o non potrei adottare. No veramente, questo mi sembra troppo.
      Ed a proposito di bambini. A me le piccole infante sembrano bambine normalissime come s’è potuto vedere in quell’evento militare di qualche settimana fa. Sorrisetti forzati non ne ricordo, ma se assomigliano a quello di Letizia, beh, sono sue figlie (anche se forse carenti di vero amore materno!), in qualcosa dovranno assomigliarle.
      Non so. Può sembrare che voglia difenderla a tutti i costi, ma a volte leggo cose che non mi passerebbero neanche per la testa ahah

      • elettra/cristina palliola ha detto:

        @Andrea…ma non devi aspettare una mia risposta! ti sei già risposto da solo, quando dici che rispetti gli animali, ma non li vuoi avere vicini…guarda, io non ho mai POTUTO avere animali in casa, quella paterna, finchè non ne sono uscita, infatti stavo benissimo con i miei nonni, per moltissimi motivi, tra cui anche quello che hanno avuto sempre un pastore tedesco, in casa..entrambi i miei genitori hanno sempre avuto molto rispetto per gli animali,non ho mai visto scacciarne nessuno, in malo modo, ma non li volevano , in famiglia, benchè io, figlia unica, morissi dalla voglia di averne uno
        Per quanto riguarda le due Infante, devo dire che, a differenza delle altre bimbe della loro età, figlie e nipoti delle varie famiglie reali che hanno una buona dimestichezza e frequentazione con fotografi &C, (addirittura la piccolissima Estelle, ha fatto un piccolo show, la settimana scorsa ricevendo fiori e dando la mano ai suoi sudditi)le due piccole spagnole, almeno ai miei occhi, sembrano impacciate, intimidite e talvolta, specialmente la più piccola Sofia, persino timorosa..non ho detto che somigliano a Letizia fisicamente, il che non sarebbe neppure una cosa disdicevole, dato che la principessa è carina,ma assomigliano alla madre negli atteggiamenti e su questo, se me lo permetti, non ci trovo nulla di carino

      • nicole ha detto:

        Sono perfettamente d’accordo con te, Andrea! Lo dico da persona che ha adorato i suoi cani, pesci rossi , i miei mitici gatti.. Ora ne ho uno.
        Per anni non ho voluto per casa animali perché dipende anche falla vita che fai. Se vivi in appartamento cittadino non puoi tenere cani da caccia o che necessitano di correre e stare nella natura.. Forse un piccolino da compagnia., ma se sei fuori casa tutto il giorno. Diciamo che avere un animale non necessariamente implica grande amore per gli stessi.. Se lo fai stare solo per tutto il giorno ..
        Devo anche ribadire , siccome anni da si parló ancora di questi, che giro al largo da quelli che di vantano di amare più gli animali che gli uomini.. Son personcine a volte mooolto stranine, diciamolo.
        Letizia: come tutti sanno non la ho in simpatia, ba credo al 50% di quello che dicono su di lei.. Ci ha messo del suo , siamo s’accordo, ma credo che abbia avuto in grande trauma entrare a far parte di una famiglia reale discretamente disturbata dal fatto che re e regina , come coppia, abbiamo da sempre i rapporti che sappiamo.

  13. Antonella.A ha detto:

    Perdonate la cattiveria ma posso dire che spero,con tutto il cuore,che Felipe divorzi da Letizia ?non riesco proprio a immaginarla regina e se le premesse sono quelle che ho letto finora allora poveri spagnoli e anche poveri cani.

    • Andrea ha detto:

      Essendoci anche due bambine coinvolte, spero con tutto il cuore che non succeda.

      • Dora ha detto:

        mah, guarda, se c’è tensione all’interno della coppia, meglio che divorzino! meglio sereni e separati che uniti ma in guerra perpetua!

        • tody ha detto:

          la voce della regione, quanti in spagna verserebbero lacrime per lei? Purtroppo nun divorzio costerebbe molto caro a Felipe la sudetta è pericolosa e non mollerà mai la preda di sua spontanea volontà, e in caso di cacciata farà peggio della grandine se la dovranno sorbire così com’è………………………….

  14. annarita ha detto:

    Certo che la Leti non ama i cani, vi immaginate se un cane ( che io adoro oltre ai gatti) le sbavasse sul vestito o, addirittura, le saltasse addosso facendola cadere dai trampoli che sempre indossa? se ci fosse una foto di questo andrebbe sui siti di tutto il mondo e che belle risate! Felipe ma non potevi scegliere meglio?

  15. Isa ha detto:

    Felipe non potevi scegliere Madeleine di Svezia???

  16. valeria b ha detto:

    Volevo soltanto aggiungere che ricordo molto bene alcune foto di Letizia bambina abbracciata a dei bei cagnoloni (mi sembra pastori tedeschi) poi se crescendo ha cambiato gusti, questo non lo so.
    Anche a me sembra un po’ eccessivo affermare che chi non ama gli animali non ama il suo prossimo…senza polemiche, io ho sempre avuto cani(per l’essattezza dei bellissimi e fedelissimi setter -inglesi) ma non mi sono mai sentita “più ” o “meno” di chi non li ha mai voluti o non li ha mai potuti tenere.
    Ultimo pensiero: pur non provando estrema simpatia per la Leti, a mio avviso il principe Felipe è stato ma è ancora molto innamorato di Lei. La sera del loro anniversario al ritorno da Toledo, sono stati fotografati in un noto ma semplice locale di Madrid, spesso cenano fuori da soli o con amici e si recano al cinema per assistere a proiezioni di pellicole in lingua originale. Mi sembra che facciano tutto il possibile per potersi godere un po’ di vita a “due”, cosa che anche a me e a mio marito piacerebbe tanto ma con due bimbi ancora piccoli è quasi impossibile. Non vedo nessuna avvisaglia di possibile separazione e sinceramente con due bimbe piccole non lo auguro davvero.

    Un saluto a tutti gli amici di AR

    Valeria B

    • LadyJane ha detto:

      @valeria b sono perfettamente d’accordo con te! In fin dei conti non possiamo sapere davvero se Letizia ami o meno i cani.. e comunque ricordo una foto di qualche anno fa in cui la principessa delle Asturie e la duchessa di Cornovaglia erano in vista ad un centro di addestramento di cani guida in Spagna e Letizia accarezzava affettuosamente un labrador nero.
      Per finire, non mi sembra che ci sia vento di separazione dai principi ereditari e spero non avvenga mai, essendoci in mezzo due bambine.

      • lucia ha detto:

        Tutti contro Letizia…… nessuno ha mai pensato che le cose che si leggono possano essere state montate ? Che da una briciola ne sia stata fatta una montagna ? Non credo vi venga levato qualcosa se i principi non divorzieranno e se regneranno !!!!! Forse hanno più scheletri nell’armadio le principesse e/o regine che tanto amate……

  17. Dinora ha detto:

    @ Andrea c’è differenza fra chi veramente non ama gli animali e chi non li vuole con se perché è un impegno che una persona non vuole avere. Comunque per mia esperienza personale, da quando ero bambina, molto tempo fa, ho sempre avuto accanto un animale. Dal pesce rosso al canarino, fino ai gatti perché vivendo in appartamento i miei genitori non se la sentivano di prendere un cane perché appunto, era un impegno. Qualsiasi animalesi ha accanto è un ottimo insegnamento alla vita perché ti può far comprendere che bisogna avere rispetto verso un altro essere e, secondo me ti rende più responsabile. Il mio pensiero è che se una persona non ha “sensibilità ” verso gli animi non la acquisisce neppure stando a contatto con loro! Io sono convinta che ognuno di noi nasca con diverse attitudini e sentimenti, Si può nasce con il dono del canto, della pittura ecc se non le hai dentro difficilmente solo con lo studio anche applicandosi al massimo …… sarà difficile eccellere! Ma ovviamente questo non significa che non si abbia appunto la sensibilità nell’apprezzare ciò che vedi o senti! Si ha o non si ha!! E così è verso gli animali, per qualsiasi anale tu abbia davanti ! E loro lo capiscono immediatamente! Io mi emozionata ha vedere gli enormi elefante come mi emoziono in compagnia dei miei gatti di casa,i miei cani e i cuccioli!!! Vi porto un esempio invece sulla sensibilità opposta! Quella più importante: cane verso l’uomo! Chi non ha avuto un cane difficilmente lo può capire chi invece ha questo amico accanto,si . Anche i gatti non sono da meno! Noi ne abbiamo quattro in casa! Ormai lo sapete che cani ho. Uno di loro, un maschio, da quando aveva tre mesi , cinque anni fa è cresciuto con i tre figli maschi ( ora di 8,11 e 16 anni) dei nostri custodi. Vive libero, non ha mai conosciuto un box! È un cane di quasi 85 cm. al garrese e il suo peso forma è attorno ai 95 Kg! È un cane eccezionale non solo per la sua struttura ma per la sua intelligenza. Ha un enorme senso di protezione verso il bambino più piccolo in modo incredibile. Essendo sempre il più piccolo di tutti, quando arrivano persone lui si frappone fra queste e lui. I bambini possono fargli qualsiasi cosa( la loro educazione è ineccepibile) giocano con lui, anche a pallone anche se ogni volta bisogna comprarne uno nuovo! Il fratello maggiore da poco si è trasferito in una nuova stanza della casa al piano terra. Ebbene per il primo mese ha passato le notti sotto la sua finestra. Se una persona non l’aggrada abbaia in modo diverso, di avvertimento!!! E ha sempre ragione! Anche se qualcuno della famiglia arriva con l’auto, lo scorta fino al garage e poi a casa standoti di dietro. Non vi dico quando due anni fa è venuto un metro di neve!!! A parte tutti impazziti! Cani, adulti e bambini ! Vederlo giocare con loro nella neve, farsi seppellire in modo paziente e saltare fuori fra le loro risate, fatti lo sgambetto per farti cadere e saltellarti attorno per giocare. Prenderti la mano in bocca senza stringere e portarti a casa!!! Quando siamo tutti insieme deve stare appiccicato a qualcuno in modo “ossessivo” ma se uno dei ragazzi si allontano lui lo segue. Se a casa non c’è nessuno lui si pone davanti al cancello! Essere gelosissimo anche della gallina( Pulce) che è cresciuta con lui ma permettendole di andare a fare le uova nella sua cuccia-casa. Essendo lei una chioccia magnifica, spesso escono i pulcini! Ma non vengono “aspirati” dalle sue narici!!!gli possono passare sopra tranquillamente! Ma la cosa che ti fa pensare è il suo sguardo!! Con i suoi occhi scuri ti guarda direttamente nei tuoi occhi capendo i tuoi pensieri, le tue parole.. tutte. Quando in mese fa ci sono nati i cuccioli lui ero li, nel corridoio del canile vicino al cancello di entrata della stanza dove stava avvenendo il parto e si alzava su appena sentiva il cucciolo appena nato chiedendo praticamente se tutto andava bene. Così per tutta la notte. E, quando uno di loro non cela faceva, lui lo capiva immediatamente cambiando espressione senza mai però abbaiare per non disturbare. Mentre gli altri si agitano sentendo l’inevitabile trambusto . Su di lui si potrebbe parlare per ore. Conclusione?? Chi non conosce gli animali non ha una certa sensibilità verso il prossimo perché solo loro te la possono insegnare in modo maturare ed ingenuo!!! Anche oggi ho provato ad avere opinioni sulla principessa!! Gli interlocutori glissano sempre ribadendo che ” per fortuna c’è Sua Majestad Dona Sofia!!!” Sarà un caso?!

  18. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Dinora…… grazie del bel racconto del cane/ dei cani, di famiglia e devo dire che molte delle cose da te raccontate, le ho vissute anch’io avendone sempre avuti a fianco…..su quello che hai detto circa la sensibilità di sapersi rapportare con animali e umani, concordo pienamente

  19. Pellegrina ha detto:

    Mah, a me il vestito di nozze piace. Mi convince, i materiali mi paiono davvero belli, la lavorazione accurata; sontuosi, regali, appunto, senza essere tetri come la maggior parte dei tessuti spessi e informi che questa gente (Olanda inclusa) si mette addosso di solito.
    Dietro quel vestito senza tempo c’è una tradizione di costume e di cultura, evoca fogge della storia della moda spagnola nei secoli passati in modo discreto e relativamente moderno. Insomma il vecchio sarto sapeva quel che faceva, questa è tradizione nel senso migliore, quella intessuta di storia, di senso e di cultura, quella che porta il passato a parlare di sé nel presente.
    Se voleva dare un senso all’espressione “abito regale” direi che c’è riuscito (trovo invece fuori posto l’acconciatura dei capelli, avrebbe dovuto essere molto più scolpita – ma forse mancava la materia prima).

    • Pellegrina ha detto:

      P.S. dato il suo valore simbolico, vedo meglio un vestito di questo tipo per i protagonisti di un matrimonio regale che uno più moderno e fatalmente anche più borghese. In altri ruoli, ad esempio come invitata, sarebbe magari diverso (anche se non ho visto i vestiti rossi).
      Oppure uno decide che se ne infischia e si sposa in tunica di lino. Ma uno così rinuncerebbe per prima cosa alla forma monarchica, probabilmente.
      Insomma, i vestiti mezzo borghesi con un po’ di pretese nelle grandi occasioni non mi convincono, ecco.

  20. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Pellegrina….sotto un certo profilo, posso anche essere d’accordo con te, però io credo che il vestito da sposa deve essere una cosa unica, il TUO vestito e basta, fuori dagli schemi e dalle mode…quello che metti e ti sembra che ti sia stato cucito addosso…conosco una ragazza che si è sposata con il vestito della mamma , perchè era quello che voleva…un’altra si è fatta tutto il corpetto da sola ,all’uncinetto, con un filo sottilissimo…mia nuora ha voluto che le prestassi il mio cerchietto per i capelli, per tradizione, al quale ha attaccato il velo…..insomma , alla fine si deve essere felici del proprio abito..a me , per esempio,sarebbe piaciuto un bel velo, con un bordo ricamato, perchè l’abito era molto essenziale, e mi pento di non aver puntato i piedi, per ottenerlo (in quel periodo, il velo era un po’ out) …diciamo che ora la moda è quella di affidarsi a stilisti di fama mondiale, che forse creano modelli impersonali, più per rampolli ricchi che per veri principi..però a me è piaciuta molto Vittoria di Svezia, il suo era un abito molto regale …più ricco quello della sorella, ma più borghese, benchè fosse di Valentino, ma in fondo sposava un uomo non titolato….quello di Letizia , benchè, come tu dici, fosse ricco di storia e tradizioni, non mi è piaciuto per i troppi ricami in oro e argento, per la scollatura ad imitazione di Matilde del Belgio e ,forse non è stato valorizzato dall’acconciatura della sposa…volendo si poteva ovviare, un buon parrucchiere sa come riempire, dove manca la materia prima, anche con qualche posticcio , come è stato fatto per Mary di Danimarca che pure lei aveva un abito, molto discutibile…benchè di Armani,mi ha lasciato così e così, anche quello di Charlene, secondo me era troppo pesante e lungo lo strascico, anche per la stagione…insomma, come vedi ogni sposa, poi ha scelto, spero, secondo il proprio gusto …Letizia, per onorare le tradizioni spagnole ha tutto il tempo che vuole, ora, anzi speriamo che lo faccia!

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      santissime parole le tue… per dire io mi sono sposata due volte – una in Comune, la prima, la seconda in Chiesa si in Chiesa, non essendomi sposata con il rito religioso la prima volta ho potuto farlo previo nulla osta episcopale – e nessuna delle due volte sono stata soddisfatta del vestito. ma la prima almeno avevo un cappello adorabile stile Jackie.
      la seconda mi sono malauguratamente affidata a una tizia che ha un atelier e poi sono stata pesantemente condizionata da alcuni parenti materni che tipo due mesi prima hanno detto a mia madre “ma non si metterà un abito bianco, vero?!?!? non è proprio il caso, sarebbe di pessimo gusto, alla sua età e alle seconde nozze”. 🙁
      ci si fa condizionare troppo. forse si dovrebbe scegliere solo guardandosi allo specchio. pensare che a me, per dire, donano molto gli abiti di metà Ottocento con la crinolina. e i miei abiti da ballo, ideati con la mia amica Paola, sono costati mooooolto meno del mio abito da sposa n.2

      • Pellegrina ha detto:

        Certo, per il proprio matrimonio privato assolutamente sì: lo si deve a sé stessi, in certo modo. Ma il matrimonio di un erede al trono è una di quelle occasioni in cui “si lavora” davvero: il suo scopo e senso è sancire la legittimità della linea di successione e la perpetuazione della dinastia. Per fortuna oggi si fa in genere per amore e questo va benissimo. Si rifiutano formule di sottomissione fra i sessi (Spencer lo fece, mi pare) e questo va nella direzione di una giusta modernizzazione della società. Sono cambiamenti sacrosanti. Ma nell’organizzazione è diverso. Quindi benché convinta che nessuno faccia una sola cosa 24 ore al giorno, in questo particolare caso darei la precedenza al valore simbolico (aggiustando i capelli, come sicuramente un bravo parrucchiere avrebbe saputo fare). L’osservazione sugli “abiti per ricchi rampolli ecc.”, purtroppo, la trovo perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi