La scelta di Sofia, vegetariana per amore di suo padre

Family1950 - Copia

La regina di Spagna ha avuto un rapporto speciale con il padre Paolo di Grecia. Sofia si emoziona nel momento in cui racconta alla giornalista Pilar Urbano (autrice della sua unica biografia autorizzata) la morte del sovrano ellenico, nonostante all’epoca (il 1996) fossero passati più di trent’anni. “Ho amato moltissimo mio padre – dice la regina – Sono stata più influenzata da lui che da mia madre, avevamo caratteri simili”. La scomparsa di Paolo lascia nella figlia, allora già sposata e madre della sua prima bambina, “un gran vuoto”. “Era un uomo molto studioso, molto profondo, molto religioso – prosegue la regina di Spagna – sapeva ascoltare e consigliare, leggeva molto e suonava il piano”. Il pianoforte di re Paolo, oggi alla Zarzuela, è il solo ricordo del re che Sofia ha voluto portare con sé.

FredryPavlosNY

Tutto accade all’improvviso. Nel febbraio del 1964 Juan Carlos, Sofia sono a Saint Moritz con Elena che ha solo otto settimane quando ricevono una chiamata da Tatoi, la residenza reale greca: re Paolo sta male e deve essere operato d’urgenza. I due giovani sposi si precipitano in Grecia e appena arrivati vengono a sapere che il sovrano è gravissimo. Per Sofia il colpo è tremendo, ma ha la consolazione che il re può almeno conoscere la sua prima nipote. L’intervento – effettuato in una camera operatoria appositamente allestita nel palazzo di Tatoi – pare riuscire bene, ma una settimana dopo è chiaro che per il sovrano non c’è più nulla da fare.

Grecia1

Il re di Grecia rifiuta gli antidolorifici perché vuole restare lucido e, dopo l’addio al figlio Costantino, trascorre le ultime ore con la moglie Frederika con la quale parla del “passaggio” e della luce in cui si ritroveranno. Poco dopo la morte i figli mettono su un giradischi nella stanza la “Passione secondo Matteo” di Bach, un bravo che Paolo amava moltissimo e considerata l’opera più grande e più bella del compositore tedesco. “Non desidero sentire altro che questo” aveva detto qualche anno prima.

PabloFreddy2

La scelta di Sofia

In quel momento la futura regina prende una decisione, è una specie di omaggio, di voto, un modo per ricordare sempre questo genitore troppo presto scomparso: Sofia non mangerà mai più carne. “Non sono vegetariana per motivi ambientalistici, etici o dietetici. Sono vegetariana perché quando morì mio padre ho pensato ‘che posso dargli, che posso fare per lui? Cosa posso offrirgli?’ In quel momento ho pensato di donargli qualcosa che poteva pesarmi, cioè non mangiare carne per tutto il resto della mia vita. Questo è l’unico motivo per il quale sono vegetariana”. La scelta di Sofia quindi è di non mangiare più carne come voto in memoria del padre.

 ΜΝΗΜΟΣΥΝΟ ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΠΑΥΛΟΥΤΑΤΟΙ

Paolo viene sepolto a Tatoi, nel piccolo cimitero reale, sotto i pini centenari, i cedri e i cipressi. Frederika lo raggiunge nel 1981, ma non è facile ottenere dal governo ellenico l’autorizzazione a seppellire lì la detestata ex regina. La trattativa diplomatica è complicata e si risolve solo grazie all’intervento il genero, allora già re di Spagna. Nonostante ciò il figlio Costantino è autorizzato a restare sul suolo greco solo per quattro ore.

 ΜΝΗΜΟΣΥΝΟ ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΠΑΥΛΟΥΤΑΤΟΙ

Paolo e Frederika, che si sono molto amati, desideravano riposare vicini e i figli hanno fatto il possibile per rispettare questo desiderio. Anni prima, durante un viaggio in India, i sovrani avevano visitato il Taj Mahal e Frederika aveva chiesto scherzando al marito: “tu per me saresti capace di costruire un monumento del genere?”. “Certo che no” aveva replicato il re che aveva aggiunto: “preferisco che dormiamo sotto il cielo di Tatoi, con i cervi che camminano sopra le nostre tombe e ogni primavera mangiano i fiori lì vicino”.

 tatoi

Lo scorso sei marzo, per il cinquantesimo della morte di re Paolo, si sono ritrovati in Grecia figli, nipoti, pro nipoti, cugini e molti discendenti della famiglia reale greca che hanno preso parte a una cerimonia commemorativa e alla presentazione di un documentario sul sovrano.

tatoi3

Erano presenti membri della famiglia reale greca, i discendenti di alcune principesse greche e re Simeone di Bulgaria:

re Constantino e la regina Anne-Marie, la regina Sofia di Spain, la principessa Irene; la principessa Alexia, il diadokos Pavlos con la moglie Marie-Chantal, il principe Nikolaos con Tatiana, la principessa Theodora, il principe Philippos, il principe e la principessa delle Asturie, l’Infanta Elena, l’Infanta Cristina; la principessa Maria-Olympia, i principi Constantine-Alexios, Achileas, Odysseas e Aristidis. Il principe ereditario Alexander di Serbia e la moglie Katherine; la principessa Tatiana Radziwill e il marito Jean Fruchaud; il conte e la contessa Hans-Veit zu Toerring-Jettenbach, l’arciduchessa Helen d’Austria; il margravio di Baden e la moglie, il principe Ludwig di Baden e la moglie; il principe Michele di Grecia e la moglie Marina, il principe e la principessa Welf-Heinrich di Hannover.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

27 Commenti

  1. elettra/cristina palliola ha detto:

    Chissà forse a Paolo piaceva molto la carne e, Sofia , privandosene, sente la vicinanza con il padre…pare, tra l’altro, che il consumo delle carni , specialmente quelle rosse o di selvaggina, alzino di molto ,le probabilità di ammalarsi di cancro allo stomaco…almeno questo è un consiglio che danno i sostenitori della dieta mediterranea. Questa morte improvvisa, sbalzò, come abbiamo già detto , il giovane e spensierato e viziato, Costantino, sul trono…più di una volta, durante l’esilio, la regina Annamaria ha affermato , che forse le cose sarebbero andate diversamente se Paolo fosse vissuto più a lungo…” pensavamo di fare tutto con più calma…sposarci un po’ più maturi e rimanere per un tempo giusto principi ereditari, imparando da chi era più esperto, il mestiere dei sovrani…”Da più parti il ritratto che ci viene di Paolo, è quello di una persona mite, dolce, ma anche ferma e già il fatto di avere saputo tener testa alla moglie, che si sarebbe intromessa in tutto,la dice lunga…la lasciava brigare su gioielli, feste, crociere, pubblic relations, ma la bloccava sulla politica e gli affari interni del Paese
    E bella questa scelta che Sofia ha fatto per sentire il padre vicino e sicuramente nel portarla avanti per così lungo tempo, e anche questo dimostra come padre e figlia si somigliavano e che, come è risaputo , il sangue non è acqua …. in entrambi, si può trovare la medesima forza, la stessa determinazione
    Molto tenero anche l’episodio del sentire la musica che Paolo preferiva appena dopo la morte e sono cose che un po tutti noi facciamo appena si conclude una vita che ci è stata molto cara, anche se possono sembrare strane, agli estranei…io. per esempio, ho svuotato tutti gli armadi di casa, per cercare la coperta con cui mio padre ha fatto la guerra, che era fatta più di buchi, che di stoffa, alla quale sapevo era molto affezionato e tutte le volte che questo cencio, (perchè oramai, questo era!) saltava fuori, non perdeva occasione per ricordarlo. “eh, con questa c’ho fatto la guerra!”…quando finalmente l’ho trovata, l’ho amorevolmente piegata e gliel’ho messa nella bara…ora sono insieme per l’eternità

  2. nicole ha detto:

    Ho sentito di parecchi casi in cui le figlie( più facile) abbiano cambiato qualche radicata abitudine in occasione della perdita di un genitore.
    Io a mio padre ho messo in taschino la sua pipa preferita ed una di riserva nella tasca col pacchetto di tabacco.Del resto era qualcosa di indiscindibile da lui.

  3. Martina P. ha detto:

    Non sapevo che Sofia fosse vegetariana, apprezzo la sua scelta.
    Non sapevo che Paolo e Frederika si amassero tanto, da quello che ho letto erano molto diversi, suppongo allora che il loro legame fosse molto forte.

  4. annarita ha detto:

    Io ho fatto una cosa simile per mio padre, ho fatto mettere nella tasca del vestito la foto di quando mi ha portato in chiesa il giorno del matrimonio, era così orgoglioso che ho voluto che quella felicità lo accompagnasse per sempre.

  5. Laura ha detto:

    La scelta di Sofia le ha certamente giovato alche dal punto di vista della salute … e’ tuttora una signora elegante, snella e porta benissimo i suoi anni a differenza del consorte che certamente non ha rinunciato ai piaceri della carne … di qualunque natura !

  6. Caterina ha detto:

    Bello questo post Marina, molto bello un ritratto di un uomo che non conoscevo, e di riflesso di una figlia, rigorosa riservata per molti aspetti del suo comportamento mi ricorda molto la regina Elisabetta. Entrambe hanno mariti molto “esuberanti” passatemi il termine, eppure da parte loro nessuna pecca, due Regine che sanno veramente cosa vuol dire essere Regine con tutti i pro e con molti contro. Entrambe con Padri teneri ma fermi e con Madri con caratteri moto forti. Marina sarebbe bello anche un post sulla Madre di Sofia. Grazie!

  7. paola (baldanzi) ha detto:

    davvero commovente questo episodio! la regina Sofia doveva amare veramente tanto suo padre.
    Nella prima foto la regina Federica sembra più una figlia che una madre, è giovanissima. La principessa Irene era molto carina, chissà perchè non si è mai sposata.

  8. Ale ha detto:

    una storia molto commovente, doveva avere un rapporto bellissimo col papà re. e va anche sottolineata la forza di volontà della regina sofia, non è facile resistere per tutti questi anni, non so se ce la farei, amo troppo la carne sarebbe difficilissimo resistere alla tentazione di mangiarne anche solo un pezzettino.

  9. Laura ha detto:

    Ho letto non so piu’ dove che anche Irene di Grecia e’ vegetariana non so se e’ vero , se in questa scelta e’ andata dietro la sorella o se anche lei ha fatto una promessa

  10. Alex ha detto:

    Grazie per questo post Marina e grazie anche ad Elettra, Nicole e Annarita per aver condiviso i vostri intimi gesti.
    Un rapporto speciale fra padre e figlia, chissà se lo stesso varrà anche per Irene, di cui sappiamo poco, e Costantino, ma probabilmente sì visto il carattere paziente e amorevole di re Paolo descritto da Sofia. E’ stato un bel momento vedere questa famiglia riunirsi per rendere omaggio ad un loro caro e non condivido le polemiche riguardo all’atteggiamento delle giovani generazioni e alle foto che hanno pubblicato al di fuori della cerimonia di commemorazione; sono apparsi uniti ed affettuosi (bene ha fatto ad apparire anche l’infanta Cristina, senza il marito giustamente e peccato l’assenza delle infante Leonor e Sofia) e credo che questo sia stato l’omaggio migliore che potessero rendere al nonno.

  11. nicole ha detto:

    Anche io penso che sarebbe stato meglio far partecipare anche le due piccole infante.
    Cristina era li come nipote , quindi nulla da dire.
    Di diceva anni fa che Irene avesse molto tempo trascorso in India .
    forse li ha cambiato sue abitudini diventando vegetariana, mia idea.
    @Ale, lavoro e ho amici vegetariani , persone che da decenni hanno scelto così , senza comunque commenti o invettive contro chi non ha fatto loro scelta.
    Quando invito a cena si fa in modo di scegliere menù gustoso senza che vi siano imbarazzi , ma nel rispetto di tutti.
    Ti capisco , io pur non essendo una patita della carne, ogni tanto ma mangio e la apprezzo … Poi dove mettiamo mortadella prosciutto bresaola… Eh …
    In fondo discendiamo dalle scimmie che carnivore non lo sono proprio!!

  12. annarita ha detto:

    Non capisco perché a questa cerimonia non siano stati presenti il duca di Kent, figlio di Marina di Grecia, e Amedeo d’Aosta, figlio di Irene di Grecia, entrambe sorelle di re Paolo.Che sia accaduto qualche cosa nella famiglia greca?

  13. Chloe ha detto:

    Bellissimo post. La decisione di Sofia è una grande prova del suo profondo legame d’affetto con suo padre e questa rinuncia deve essere stata davvero faticosa per lei, soprattutto all’inizio, quando ogni giorno le ricordava la perdita così recente del padre, ma col passare del tempo si sarà trasformata nell’occasione per ricordare tutto ciò che di bello li teneva uniti.

  14. Laura ha detto:

    Io sono vegetariana da alcuni anni e vi assicuro che non ho il minimo desiderio di mangiare carne, nemmeno il prosciutto San Daniele che pure mi piaceva. Si tratta di acquisire nuove abitudini e la cosa a me non e’ pesata affatto : volete mettere le buonissime verdure, i carciofi, i funghi ?

  15. Dinora ha detto:

    Grazie Marina per aver fatto condividere con tutti noi, questo lato molto intimo della Regina Sofia! E’ una donna che ammiro da molto tempo per la sua integrità dimostrata in tutti questi anni. quando divenne Regina di Spagna gli spagnoli, non dico che non la stimassero ma erano un pò prevenuti verso di lei. La consideravano scialba e distaccata.
    Lei piano piano li ha conquistati e negli ultimi tempi è la persona, nella famiglia reale, che stimano di più e si può dire che la monarchia in terra iberica, ora è lei!
    Anche lei, come tutti noi, è una figlia!! Quando un genitore se ne va che tu sia re , regina, principessa ….. il dolore, l’emozione è sempre uguale!
    Io ho perso entrambi i genitori. Prima mia madre, la mia confidente, e quando la lascia per il suo viaggio, le misi accanto uno dei fiori di seta che erano nel mio abito da sposa. Mentre a mio padre gli misi in tasca il collare del suo Cane che aveva sempre tenuto appeso all’attaccapanni quando Fritz lo precedette! Ho messo la c maiuscola perché mio padre e lui era una unica persona! Io sono convinta che i nostri piccoli, grandi amici sono la che ci spettano! Scusate questa divagazione personale ma leggendo la prova di amore filiale che la regina ha avuto verso il padre ha risvegliato in me diversi ricordi! Noi facciamo parte anche di questa famiglia acquisita, quindi è bello condividere fra noi alcune emozioni e ricordi!!

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      grazie a te Dinora per queste confidenze. e grazie anche a tutti quelli che hanno lasciato qua sotto le loro testimonianze. non ci avevo pensato, ho scritto questo piccolo post perché l’avevo promesso a chi mi segue su Facebook, ma non avevo pensato che avrebbe scatenato tanto ricordi. io a mia mamma ho messo in mano due delle vecchie spatole con cui modellava le sue sculture e una melagrana. mia mamma era una grande appassionata di fiori e piante e il melograno l’ha visto fiorito ma non ha potuto fare le scale che portano al giardino qua di sopra – ho una casa strana, il giardino è a un livello superiore – per vedere i frutti di quest’anno. poi le abbiamo messo vicino anche un angioletto che aveva disegnato lei.
      vorrei molto diventare totalmente vegetatiana come Laura, ho eliminato certe carni, ma non riesco del tutto. a volte per lunghi periodi ce la faccio poi qualcosa tipo il prosciutto mi tenta. 🙁
      a mia madre sto dedicando la ristrutturazione della casa che era di mio nonno. oggi mentre guardavo i muratori mi è venuto da piangere per la tristezza che lei non sia qua a vedere come verrà bene. poi sto lavorando a un sito, un catalogo on line delle sue opere. ma con calma perché è una cosa che ancora mi dà molto dolore.

  16. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Marina…che bello aver avuto una mamma con il sacro fuoco dell’arte! deve essere stato bello, per voi bambini vederla lavorare alle sue opere…disegare, impastare, modellare…spero che quando avrai ultimato il catalogo , tu ci faccia sapere qualcosa in merito..io ho portato via dal balcone di mio padre un mandarino, che soffriva un po’ in un vaso e l’ho messo in giardino…ora si sta rinvigorendo tutto ,e comincia a mettere i boccioli…è vero che papà non li potrà vedere, ma è come se fosse lì dentro e anche lui avesse nuova vita e linfa, in quell’alberello…la cosa mi intristisce e mi conforta, insieme…non so come spiegare questi due sentimenti, in fondo contrastanti, però è così
    @Laura…anch’io non mangio carne , ma non so resistere ai prosciutti e ai salami, alle mortadelle…sono dispiaciuta per questo e vorrei arrivare al vegetariano completo, però mangio formaggi e uova…ora si avvicina Pasqua e qui, da queste parti, sulle strade di campagna si incontrano interi TIR, carichi di agnelli…mi viene da urlare, quando li incontro..i cuccioli, no, proprio non li mangio..per me i macellai potrebbero morire di fame…insomma io penso che tutti siamo nati per essere il pasto di altri- anche l’uomo, se fosse libero e in natura lo potrebbe essere per orsi, lupi, squali- a me da fastidio l’industrializzazione della macellazione…voglio dire se una famiglia, come si usava una volta, ammazza un maiale o un vitello, e ci mangia tutto l’anno, va bene, ma è l’esagerazione che non va…si vive anche con poca carne e tra l’altro fa pure male mangiarla tutti i giorni…le verdure, specialmente al sud, sono favolose: tante e tutte buone e ben cucinate!

    • nicole ha detto:

      @ Elettra, hai proprio ragione! Anche io in fondo la penso come te, ne mangio di carne, ma è quasi una golosità una volta ogni tanto, mi piace, sia chiaro, ma anche bisogna pensare che con gli anni organismo ha bisogno di adeguare la dieta.Inutile mangiare a 70 anni( si fa per dire)la quantità di proteine che si mangiano a 30!
      In fondo in casa da sempre siamo dei vegetariani e mangiatori di
      frutta( non avete idea!) che mangiano anche della carne in modesta quantità.
      Mio marito, argentino, una volta all’anno non resiste e una parrillada fatta come si deve …è d’obbligo.Ma sarebbe considerato un eretico al suo paese 🙂 🙂
      Non ho mai sentito necessità di ” convertirmi” , questo no, sono sincera.

  17. mau ha detto:

    buona domenica a tutti!
    anche io sono vegetariano, lo sono diventato a 36 anni, come scelta di vita. Sono buddista dai 24, ed era una scelta a cui pensavo da anni.
    non mi manca la carne, assolutamente. penso che un errore che fanno molte persone che non sono ancora pronte a diventare vegetariane, sta nel fatto di voler fare pietanze con la carne, sostituite da ingredienti veg, ( vedi spezzatino di seitan) i piatti secondo me vanno inventati di sana pianta.
    ammiro molto la regina sofia, la scelta che ha fatto è scaturita da un amore fortissimo, potrebbe anche essere nato dalle abitudini di vita di re paolo, che probabilmente vista la malattia di cui è morto, non doveva mangiare benissimo.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Ci penso anche io da anni ma come dicevo nonostante i lunghi periodi di astinenza poi ci ricasco sui salumi in particolare. Anche se abitualmente nel mio frigo ci sono solo frutta e verdura.
      Da anni comunque ho escluso carni rosse, “cuccioli” e coniglio.

  18. https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

    No con questo post non c’entra niente quello che sto per scrivere. E’ che mi sono accorta stasera che persino la foto del giorno è vecchia. Mi scuso con tutti voi. Sto finendo una cosa urgente e accendo solo il portatile che ha una connessione lenta per non avere la tentazione di stare incollata a internet. E ho ancora i muratori in casa e ci resteranno un altro mesetto 🙁
    Questo per dire che mi scuso…

    • Chloe ha detto:

      @Marina, muratori e urgenze sono improrogabili, ti capiamo benissimo! Non ti preoccupare, non devi scusarti se in qualche occasione pensi di non essere presente sul blog come vorresti, anzi, grazie perché, nonostante i tuoi impegni, ci accompagni sempre, anche con i commenti 😀

  19. Vesna ljubic Sammartino ha detto:

    Is it possible to write in English? Mio Italiano e scarso!

  20. Giulia M ha detto:

    Juan carlos abdica, lo ha annunciato il primo ministro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi