Paolo, Francesca e l’invenzione del castello di Gradara

Quanto c’è di vero nella romantica storia ambientata nel castello di Gradara, cioè l’amore impossibile di Paolo e Francesca diventati, grazie a Dante,  simboli universali di una passione infelice e contrastata? Poco, forse nulla, anche perchè, quasi certamente, la bella Francesca da Polenta a Gradara non ha mai messo piede.

il castello di Gradara

All’epoca dei fatti (cioè indicativamente fra il 1283 e il 1286) sulla collina c’è solo un castrum, una fortificazione militare intorno a un torrione del xii secolo detto “del Grifo”; la rocca viene completata da Pandolfo Malatesta solo nel 1325, quarant’anni prima lì c’è al più un’arx abitata dalla guarnigione, ma in nessun caso un palatium degno di ospitare la moglie del signore. La tradizione che vuole il castello di Gradara sede del tragico, contrastato e illecito amore, oltre a non essere sorretta da alcun elemento di prova, fuorché una dubbia tradizione orale, è recentissima e strategicamente successiva al restauro della rocca e alla sua apertura al pubblico negli anni Trenta del Novecento. Insomma un’efficace operazione di “marketing territoriale” sostenuta dai versi immortali del Sommo poeta e dai successivi commentari di Boccaccio, grande narratore anche lui, ma poco, anzi pochissimo attendibile come storico. Nei fatti la vita di Francesca da Polenta, figlia di Guido Minore signore di Ravenna, che tradisce il marito Giovanni Malatesta con il fratello Paolo è quasi un mistero. Le fonti documentarie sono poche e vaghe, il nome della madre è ignoto, e così pure l’anno di nascita, ma fatti i debiti riscontri si può collocare intorno al 1260. Francesca ha sicuramente una sorella più giovane, Samaritana, e otto fratelli, tra legittimi e bastardi: Bernardino (che nel 1275 sposò Maddalena Malatesti, sorellastra di Giovanni e Paolo, e che nel 1289, podestà di Pistoia, è compagno di Dante nella battaglia di Campaldino), Lamberto, Ostasio, Bannino, Manoele, Nasillo, Guiduccio e Bastardino. A Giovanni Malatesta dà certamente una figlia, Concordia, e forse anche un figlio maschio, Francesco, morto in tenera età. Tutto qui, il resto è leggenda, ricostruzione, romanzo, fiction. Anche il come, dove, quando e perché la giovane Francesca sarebbe morta. 

La vera storia del castello di Gradara

Sulla vicenda infatti si fronteggiano due differenti gruppi di fonti, senza rapporto di sorta fra loro: quelle documentarie, che dell’adulterio e del duplice omicidio non fanno parola, e le quelle letterarie, che proprio sulla tragedia familiare si incentrano, con ampia e un po’ sospetta dovizia di particolari. Le carte d’archivio certificano solo l’esistenza storica, fra il 1263 e il 1264, di Giovanni e Paolo Malatesti che in quegli anni, visti i riferimenti, dovevano essere ancora dei ragazzi. In una procura del 1287 e in una sentenza del 1288 Paolo non è già più nominato fra i viventi. Francesca è nominata incidentalmente e già al passato, in quanto madre di Concordia, nel testamento del suocero Malatesta da Verucchio redatto nel 1311.

Il Malatesta e il castello di Gradara

Giovanni figlio di Malatesta da Verucchio e di Concordia di Enrighetto, sciancato dalla nascita e perciò soprannominato, anche in atti ufficiali, Gianciotto (Johannes Zoctus, Giovanni Zoppo), nato fra il 1240 e il 1246, è uomo d’arme e di governo. Nel 1275, al fianco del padre, si scontra a Ponte San Procolo, sul Senio, nei pressi di Faenza, con le truppe ghibelline di Guido da Montefeltro e tenta di andare al soccorso del castello di Roversano, assediato dai forlivesi. Nello stesso anno, a capo di cento fanti, aiuta Guido da Polenta ad affrontare i Traversari e ad impadronirsi, con un colpo di mano, di Ravenna. Nel 1288, dopo che i Malatesti sono dichiarati ribelli e scacciati da Rimini (vi rientreranno nella primavera del ’90) attacca e prende Santarcangelo. Quasi sicuramente è il primogenito, per via del nome tradizionale nelle famiglia e per il fatto che Paolo viene sposato all’erede di una contea, scelta dinastica in genere riservata ai cadetti, in quanto i beni del casato si trasmettono al figlio maggiore. Gli viene ripetutamente affidata la Podesteria di Pesaro: nel 1285, nel 1291, nel 1294 e dal 1296 al 1304, ultimo anno della sua vita. È anche Podestà di Faenza (nel 1293) e, forse, di Forlì (nel 1276 o 1278).

rossetti-18551

Dante Gabriele Rossetti “Paolo e Francesca”

Paolo, detto il Bello, nel 1269 sposa Orabile Beatrice di Ghiaggiolo da cui ha due figli, Uberto e Margherita. Dal febbraio 1282 al febbraio 1283 è, a Firenze, capitano del popolo, con un cospicuo salario, e poiché l’età minima prescritta dagli Statuti fiorentini per ricoprire l’incarico è di trentasei anni, non può essere nato oltre il 1246. Nel febbraio del 1283, un mese prima della scadenza del suo mandato, per non meglio precisati «grandi, vari e delicati impegni» da assolvere di persona. Dopo questa data, di Paolo più non si hanno notizie. Queste le notizie certe sulla vita dei protagonisti, ma sulla tragedia familiare non esiste un documento, non ci sono riferimenti (neanche velati e indiretti), eppure il fatto deve avere turbato gli animi e fatto scalpore perché la relazione adulterina è anche incestuosa (almeno secondo la morale del tempo) e un marito che si fa giustizia da sé non è proprio cosa da tutti i giorni pur in un’epoca tanto violenta. Un secolo dopo Niccolò d’Este affiderà al boia la moglie fedifraga Laura Malatesta colpevole di amare il figliastro Ugo. Qui no, Gianciotto organizza autonomamente la sua vendetta ed elimina con le sue mani la coppia colpevole di un vergognoso doppio tradimento. Cioè questo è quello che racconta Dante (il quale pare ne abbia avuto notizia nel 1304, alla corte dei conti Guidi di Romena, da Margherita, la figlia di Paolo), poi Boccaccio nel suo commento pubblico alla Commedia, dettato tra il 1373 e il 1375, aggiunge alcuni particolari. Infelicemente sposata, con l’inganno per di più, a Gianciotto sciancato e vecchio (vecchio? Ma se fra lui e il fratello corrono al massimo sei anni?), Francesca si ritrova a frequentare assiduamente Paolo Malatesta, l’uomo giovane e bello a cui in un primo momento aveva creduto di essere destinata. Si perché il promesso sposo, temendo di essere rifiutato per il suo aspetto poco seducente, manda il fratello a concludere l’affare matrimoniale e Francesca cade nella trappola. Diventati cognati i due ovviamente si frequentano e la passione si riaccende. Così un giorno Paolo e Francesca, turbati dalla lettura di un libro, nello specifico quello che narra le gesta amorose di Lancillotto e Ginevra, si baciano e probabilmente vanno anche oltre. Il resto è noto, qualcuno, forse un servo solerte o un altro fratello minore invidioso, informa il marito della tresca in atto; Gianciotto finge di partire, ma torna per sorprendere gli amanti e attuare la sua terribile (ma secondo la morale del periodo anche in parte giustificabile) vendetta. Nonostante il fatto sia abbastanza eclatante per i nomi dei protagonisti e per il prestigio delle famiglie, i cronisti del tempo tacciono, sul duplice omicidio. Tace il Chronicon del faentino Pietro Cantinelli, contemporaneo della vicenda. Tace Salimbene de Adam, che pure ha la passione della “cronaca nera”. Un anonimo riminese del secolo xiv si limita ad un accenno: «Accadde caso così facto che el dicto Gianne Sciancato trovò Paulo so’ fradello cum la donna sua et habelo morto subito lui et la donna». Marco Battagli, nella Marcha (stesa in latino tra il 1350 e il 1355 circa) dice poco di più: «Paolo fu ucciso da suo fratello a causa della lussuria commessa con Francesca, figlia di Guido da Polenta, moglie del fratello di Paolo, insieme alla quale Paolo stesso trovò la morte». Nella seconda metà del xv secolo il riminese Baldo Branchi aggiunge qualche dettaglio: «In questo mezzo occorse ne la casa de’ Malatesti uno strano caso, che havendo el prefato messer Malatesta dato per moglie già più tempo fa una gentil donna da Revenna chiamata Francesca al prefato Giangiotto, la quale era bellissima, et come se passasse volse dire per alcuni che lei et Paulo Bello usavano insieme, et trovandoli il detto Giangiotto suso el fatto, gli ammazzò tutti duoi».I soli elementi certi, o probabili, sono, in definitiva, l’identità dei protagonisti, l’adulterio dei cognati e la loro uccisione per mano del marito (e fratello) tradito. Allo stato dei fatti e delle conoscenze c’è quasi da supporre che il delicato affaire, sia stato prontamente sepolto dalle due famiglie, potenti e solidali. Malatesta e da Polenta scelgono la strada del silenzio quasi omertoso e delle informazioni scarse e nebulose soprattutto per mantenere in piedi un’alleanza interessante ed evitare le ire del pontefice, il quale non apprezza i  “divorzi all’italiana”.  Però non è escluso che dietro alla vendetta si possa celare anche qualcos’altro, per esempio la gelosia del fratello maggiore, signorotto di provincia, per il brillante Paolo, capitano del popolo di Firenze e quindi avviato a una splendida carriera. C’è addirittura chi sostiene che il tradimento sia soltanto un’abile messa in scena per giustificare in qualche modo l’assassinio dell’ingombrante Paolo. Quanto al luogo, le ipotesi sono diverse: escludendo Gradara, si parla di Rimini, di Santarcangelo di Romagna, Verucchio, Meldola, Ghiaggiolo, Bellaria e infine il palazzo comunale di Pesaro, città di cui Gianciotto e più volte podestà. E il Boccaccio asserisce che Giovanni, quando la moglie e il fratello “usavano” alle sue spalle, esercitava la “podesteria” in una città vicina. È vero che all’epoca ai pubblici funzionari non viene consentito di avere accanto mogli e figli, ma Gianciotto potrebbe non aver rispettato il divieto. Inoltre i Malatesta a Pesaro posseggono diversi edifici abitati da numerosi membri della famiglia, una vicinanza che renderebbe più probabile e veritiero il possibile nuovo incontro fra Paolo e Francesca. Nel Seicento uno storico locale fa anche di più, assicura che i due amanti, sorpresi in teneri conversari proprio in una casa pesarese, vengono “mazzerati”, cioe chiusi in sacchi di tela zavorrati e quindi gettati in mare. La coppia, doppiamente traditrice, cosi sparisce e i Malatesta attuano subito una totale damnatio memoriae, fino al giorno in cui a Dante viene in mente di ritirare fuori l’imbarazzante faccenda.

Le immagini del castello di Gradara sono tratte dalla pagina Facebook Marche Tourism

Leggenda o no il castello di Gradara è molto suggestivo anche perché visibile percorrendo il tratto ferroviario fra Pesaro e Cattolica-Gabicce sulla Ancona-Bologna. Impossibile non notare la sua mole e la lunga cinta muraria e difficile non pensare ai versi di Dante sull’amore…

Gradara è anche una bella meta per un breve gita in zona (da abbinare a Urbino che non è lontana) e in genere piace molto ai bambini che possono ammirare una vera fortezza con tutti gli annessi e i connessi. E siccome non siamo fatti di solo spirito consiglio anche una sosta in una delle numerose osterie della zona per gustare la celebre “piada sfogliata” che non è la piadina romagnola ma qualcosa di diverso e di molto, molto gustoso.

Maggiori informazioni www.gradara.org e www.castellodigradara.it

Questo post è tratto dal mio ultimo libro Misteri, crimini e storie insolite delle Marche scritto con l’amica e collega Maria Paola Cancellieri sempre per Newton Compton. Lo trovate qua

 978-88-541-5611-1

Per i motivi che sapete (e con l’occasione ringrazio tutte le persone che qui sul blog e in privato mi hanno scritto) ho parlato poco di questo nuovo libro uscito il 10 ottobre e che Maria Paola ed io abbiamo deciso di dedicare ai nostri genitori. Mia mamma è riuscita a vederlo ed è stata molto felice della dedica.

Condividi su:Share on Facebook44Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

16 Commenti

  1. Alex ha detto:

    Questo post è molto dettagliato e chiarisce una vicenda mista di finzione e realtà, citando i cronisti dell’epoca e quelli successivi. L’aver potuto pubblicarlo rendendo ulteriormente felice tua madre deve essere un motivo di forte soddisfazione e appagamento personale, che può aiutarti in questo difficile momento. Un abbraccio.

  2. Martina P. ha detto:

    Questo post è molto bello, in effetti dei famosi Paolo e Francesca si sa poco, qua vengono chiarite molte cose. Anche il libro deve essere interessante, a quanto pare le Marche sono una regione molto fertile per queste storie.

  3. Ale ha detto:

    storia interessantissima! e soprattutto che bel castello!! non lo conoscevo … bellissimo anche il borgo sottostante circondato da mura. se dovessi andare a urbino seguirò sicuramente il consiglio di @marina e andrò a vederlo.
    sembra un posto molto scenografico. e poi c’è ancora qualcuno che si chiede se siamo davvero il paese più bello del mondo 🙂 sarebbe ora che gli italiani (e quelli che li governano) aprissero gli occhi e valorizzassero di più la propria terra. come ha detto carlin petrini gli italiani rappresentano più o meno lo 0,8% della popolazione mondiale, il che vuol dire che il 99% degli esseri umani ha voglia di conoscere l’italia e i suoi prodotti. questo dovrebbe essere il nostro punto di forza, abbiamo possibilità di sviluppo infinite.

    @marina siamo tutti con te!!!!!!

  4. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Marina…mi hai fatto cadere un mito…ho sempre immaginato , i due amanti, chiusi in questo castello, intenti , in perfetto stile stilnovistico, solo in tenere affettuosità, mai niente di sconcio, con il libro che narra di Ginevra e Lancillotto, chiuso, perchè tanto non avrebbero più “letto avante”, spiati dal terribile e orribile Gianciotto, che avvertiva un irrefrenabile prurito sul capo…Ah! fedifraghi, vi ho beccato! e giù coltellate!….e invece nulla di tutto questo…niente meraviglioso e suggestivo castello, ma uno squallido ufficio comunale,niente baci stilnovistici, ma corna vere,niente coltellate, ma chiusi nel sacco e gettati a mare e quel che è peggio condannati alla dimenticanza,!…..se non fosse stato, per quel romanticone di Dante che li ha tirati fuori e ce li presenta teneramente abbracciati, a girare in eterno, nel primo girone, appunto, travolti e sospinti dai venti della passione, di loro non se ne sarebbe saputo nulla e quanti sogni di ragazzine,di altri tempi, non avrebbero avuto nessun amore da sognare! a 16 anni, ho sempre pensato che in fondo, la legge del contrappasso, aveva assegnato loro, una pena irrisoria, impietosita, dalla nobiltà del sentimento di Paolo e Francesca …ma secondo te, dicevo alla mia compagna di banco, questi due….eh?! che ne dici?..per davvero, oppure era il marito a vedere quello che non c’era?….anch’io vorrei essere condannata a girare in eterno con…e dicevo un nome, che non era quello del ragazzo che poi è diventato mio marito…
    Insomma @Marina, oggi ho proprio avuto una delusione!
    @Marina, ho un po’ scherzato,ma l’articolo è davvero molto interessante e il castello di Gradara, se vado a rimestare nella memoria, mi sembra di non averlo mai visitato, nonostante molti viaggi , fatti nelle Marche e non sapevo neppure molte cose che ci hai raccontato, ma davvero, solo quello che ci racconta Dante e i suoi commentatori, ed è invece molto più interessante la realtà o le ricerche fatte, per farla venire a galla…devo confessarti, che non sapevo di questo tuo nuovo libro…ma ce lo avevi detto’? se sì, scusami, ma anch’io ho un po’ di difficoltà ad essere sul pezzo, e non riesco a seguire con la stessa frequenza di qualche tempo fa, sono parecchio distratta e con la testa altrove…in ogni caso complimenti e non mancherò di acquistarlo…sa un po’ di giallo storico, da quello che ho visto e io vado pazza per i grandi e piccoli misteri e gli intrighi…sono contenta che sei riuscita a farlo vedere alla tua mamma, sarà sempre legato a lei, nel ricordo
    La prossima volta che ci vedremo, mi dovrai autografare anche questo

  5. Rollone il Pedone ha detto:

    Bello, Bello, ci sono stato a visitare la Rocca di Gradara ed effettivamente sapevo che non era quello il castello dove avvennero i fatti!! Però nella Rocca di Gradara ovviamente c’è un fantasma (o più di uno)…

  6. Ale ha detto:

    ho sbagliato non era petrini ma oscar farinetti che ha espresso quel concetto.

  7. Ale ha detto:

    http://www.noblesseetroyautes.com/2013/11/portrait-lucrece-borgia-un-destin-royal/

    avrei dovuto linkarlo nel post dedicato a lucrezia borgia, ma se guardate bene troverete la foto a volo d’uccello di un castello che dovreste riconoscere…quello di gradara! 🙂

  8. nicole ha detto:

    Belissimo Marina questo excursus fra storia e ” si dice”.Bello il castello, imponente.

  9. Chloe ha detto:

    @marina – Grazie, come sempre, per questo tuo racconto puntuale e accattivante, come lo sono certamente tutte le storie/cronache contenute nel vostro libro, in cui, come hai scritto, questa volta … per la dedica … era il turno dei genitori. Caso? Destino? Di sicuro il tuo grande ringraziamento a loro e il vostro legame racchiuso in una frase.

    Sapevo che la storia dei due innamorati storici era stata ricamata, ma non avevo mai approfondito l’aspetto del luogo dove i fatti sarebbero avvenuti, per cui per me lo scenario di Gradara corrispondeva a realtà. I versi di Dante resteranno immortali, tra i più belli in assoluto.
    La rocca di Gradara è davvero suggestiva per posizione e struttura (e sì, è curioso che N&R a un giorno di distanza ne abbia inserito una foto!) … non ci sono mai stata, anzi, a dire il vero finora non ho mai messo piede nelle Marche. Mi vengono in mente alcuni dei castelli del ducato di Parma e Piacenza che ho visitato purtroppo un bel po’ di anni fa, per cui i ricordi sono pochini … ma meno male che ci sono i libri e il web! Tutti meravigliosi, questi sono luoghi davvero magici.

  10. https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

    non c’entra niente con Gradara e magari nei prossimo giorni scrivo anche qualcosa sotto a un nuovo post per precisare come e dove, ma verso il 20 sarò a Milano e pensavo che potremmo fare come a Roma un incontro al volo. Verso le 18-19 in luogo da definire – forse in area fra tribunale e metro Crocetta che è la zona che conosco meglio se trovo un posto idoneo – martedì 19 novembre che ne dite? da tanto prometto di avvisarvi quando sarò a Milano e stavolta posso farlo con un certo anticipo. 😀
    ps niente tivù 😉 solo il compleanno della mia amica Giulia

    • Chloe ha detto:

      @Marina – Ho letto bene … MILANO?!? Ma questa è un’ottima notizia!!! 😀 Da invidiosa dei torinesi e dei romani che hanno già avuto il piacere di conoscerti … non vedo l’ora di incontrarti anch’io, che bella occasione! Spero proprio di riuscire ad esserci il 19, in ogni caso il nostro incontro ha la priorità su tutto! 😉

  11. https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

    oggi era in programma un nuovo post, ma purtroppo a causa del maltempo e per tutta la giornata l’energia elettrica è andata e venuta e ho anche perso un po’ di cose che avevo scritto 🙁 spero domani di poter recuperare. sorry…

    per Milano confermo la data 19 novembre dalle 17 e 30 alla Caffetteria della Rinascente in piazza Duomo, centrale e con vista meravigliosa sulle guglie, che ne dite? vi vediamo a Milano 😀

  12. Marilena Lelli ha detto:

    Davvero, interessante.
    Ho appena letto e commentato con i miei alunni il canto di Paolo e Francesca e la lettura del dettagliato testo di Marina mi ha fatto conoscere particolari e dettagli da me finora ignorati.
    Grazie, Marina. Ti seguo da un po’ di tempo.Abito a Bologna e come te sono laureata in storia moderna e… ho la passione dei”reali ”
    Marilena

  13. Dora ha detto:

    e pure paolo e francesca sono diventati un business! fatevi sotto e giocate!!! XD
    https://alandamico.wordpress.com/2013/12/20/paolo-e-francesca-intrighi-a-gradara/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi