La triste storia di lady Jane Grey

JaneGrey4

Nella gelida mattina del 12 febbraio 1554 una ragazzina di neanche diciassette anni sale le scale del patibolo eretto al centro del Tower green nella Torre di Londra. Proprio in quello stesso punto anni prima sono morti Anna Bolena e Catherine Howard, due delle sei mogli di Enrico VIII, il filosofo Tommaso Moro e molti altri, tutti più o meno colpevoli di congiura, oltraggio o cospirazione contro il potere regio. Anche la giovanissima lady Jane Grey è accusata dello stesso crimine, anzi peggio visto che la fanciulla ha tentato di prendere il posto della legittima erede, Maria Tudor la figlia di Enrico VIII. In quel freddissimo giorno di inverno, Jane pare ai pochi presenti quasi sollevata e al boia che l’attende davanti al ceppo dice in un sussurro “vi prego di farla finita in fretta”. In effetti la piccola ex regina della vita non ne ha abbastanza e desidera andarsene al più presto in un mondo che la sua profondissima fede le fa ritenere molto migliore. Lady Jane, una vera e propria bambina prodigio, la cui intelligenza e il cui spirito vivace ed acuto la destinavano a chissà quali meraviglie, purtroppo per lei nasce nella famiglia sbagliata.

JaneGrey2

Primogenita di Henry Grey marchese di Dorset, Jane ha il sangue dei Tudor nelle vene. Sua madre Frances Brandon è la figlia della bellissima Mary, sorella minore di Enrico VIII, che dopo un veloce e sfortunato matrimonio con il re di Francia Luigi XII, aveva ottenuto dal fratello di sposare l’uomo di cui era innamorata, Charles Brandon duca di Suffolk. I Grey sono dunque non solo cortigiani di alto rango, ma anche personaggi vicinissimi al trono grazie al testamento di Enrico VIII il quale, dopo i suoi stessi figli, Edoardo, Maria ed Elisabetta designa come successori proprio i discendenti della sorella Mary.

Jane, nata nel 1537, viene educata in questa prospettiva e persino con la vaga speranza di un possibile matrimonio con il futuro Edoardo VI. Lo splendore delle origini nasconde però una realtà meno brillante: i suoi genitori sono due pessime persone. Arroganti, avidi, portati all’intrigo, Henry Grey e sua moglie Frances amano il lusso, sono egoisti, smisuratamente ambiziosi e pronti a tutto pur di mettersi in evidenza e ottenere benefici economici. Come se non bastasse Frances è anche una donna dura e brutale che non si fa scrupolo di picchiare selvaggiamente Jane e le sue sorelle minori quando queste non eseguono a puntino e in silenzio i suoi ordini perentori. E il fatto che le punizioni corporali inflitte da lady Dorset siano generalmente disapprovate in un’epoca comunque incline a metodi educativi del genere, la dice lunga sull’atmosfera familiare. Ad ogni modo la maggiore delle Grey ben presto trova il modo per estraniarsi da un ambiente che non le piace e sente ogni giorno più distante ed estraneo. Lady Jane si immerge, fin da giovanissima nello studio, apprende il latino, il greco e l’ebraico e il suo piacere più grande è quello di sprofondare nella lettura mentre il resto della famiglia si dedica ad altro, cioè alle feste, al gioco d’azzardo e alle grandi battute di caccia. I precettori e le persone che l’avvicinano nel corso degli anni scoprono con estrema meraviglia una ragazzina particolarmente dotata per le discussioni di ordine filosofico e soprattutto religioso. Jane è un piccolo genio e proprio queste sue doti intellettuali attraggono Catherine Parr, la sesta moglie e poi vedova di Enrico VIII, che se la porta a corte. Attraverso di lei Jane sale di qualche gradino nella considerazione generale, ma finisce con il trovarsi invischiata, suo malgrado, in un primo intrigo. La vedova di Enrico VIII si è risposata con l’ammiraglio Thomas Seymour (suo antico amore e fratello del duca di Somerset tutore del piccolo Edoardo VI) il quale pensa subito di usare la ragazzina per le sue manovre politiche. I Grey, ovviamente, sono ben felici di cedere a Seymour, dietro pagamento di un congruo compenso, la custodia legale della figlia che, a tempo debito, avrebbe dovuto sposare il giovanissimo re. I sogni di gloria però finiscono presto: Catherine Parr muore di parto, mentre l’ammiraglio accusato di complotto contro la corona finisce dritto al patibolo. Per Henry e Frances Grey, che riaccolgono la ragazzina ormai undicenne fra le mura domestiche, Jane è ormai solo il simbolo di un fallimento e la sua vita diventa un inferno. Solo con Roger Ascham, ex precettore della principessa Elisabetta che arrivato nella residenza di campagna dei Grey la trova intenta a leggere il Fedone di Platone in greco mentre tutti gli altri erano a caccia, lady Jane riesce ad aprirsi: “sono continuamente ripresa e minacciata crudelmente, castigata e bastonata, e quant’altro devo purtroppo subire non lo voglio dire e se non fosse per l’istruzione, la mia vita sarebbe solo piena di afflizioni, guai, paure e maltrattamenti”. Immersa in un mondo a parte, isolata dall’incomprensione dei genitori, ma esaltata dall’ammirazione e dalla stima che le dimostrano gli insegnanti e gli amici intellettuali, la fanciulla aggiunge ai suoi vasti interessi anche lo studio della teologia e della fede cristiana più pura ed autentica, cioè quella vicina alla riforma. Ribelle e indomita dentro, poco disposta a tollerare quanto non è assolutamente in linea con i suoi principi, del tutto contraria a quei compromessi che sono la vera “specialità” dei Tudor, Jane è capace di tenere testa, per esempio, alla principessa Maria della quale controbatté vigorosamente il rigido cattolicesimo. Nella realtà dei fatti però la fanciulla ha margini di manovra estremamente ridotti e se ne renderà amaramente conto nel momento in cui i genitori decideranno il suo futuro.

JaneGrey

Fregio che decora la Supreme court di Londra: il duca di Northumberland offre la corona d’Inghilterra a Jane Gray

I Gray infatti sono subito della partita quando, nella primavera del 1553, John Dudley duca di Northumberland, Protettore del regno (cioè reggente a nome del re ancora minorenne) trama per estromettere l’ultra cattolica Maria Tudor e mantenere al potere della fazione protestante. Edoardo VI ha ormai i giorni contati e Jane diventa la pedina decisiva. La ragazza venne promessa a Guilford Dudley, figlio minore di Northumberland il quale, nel frattempo, ha convinto il giovane re moribondo a modificare la successione estromettendo le sue due sorelle e nominando unica erede appunto la cugina. Jane si ribella all’idea di legarsi ad una famiglia che detesta, ma furiosamente picchiata dalla madre, è costretta a cedere e il 25 maggio diventa la moglie di Guilford Dudley. Edoardo VI, convinto di salvare così l’Inghilterra dai papisti intanto, firma il nuovo atto di successione. Minato dalla tubercolosi il re si spegne il 6 luglio, ma la cricca del duca di Northumberland riesce a non far trapelare la notizia della morte e avvisa Maria che il fratello moribondo desidera vederla. Una scusa, la principessa sarebbe stata rapita e messa in condizione di non nuocere. Informata del testamento di Edoardo VI, lady Jane scoppia in un pianto disperato e fra i singhiozzi riesce solo a dire che lei a quella corona non ha nessun diritto e la legittima erede è Maria. Disperata e sconvolta Jane, prima di essere trasferita, come d’uso, alla Torre di Londra in attesa dell’incoronazione, mette in atto la sua unica ribellione nei confronti della famiglia. Nonostante le scene e le minacce di tutto l’entourage, decide, irremovibile, che il marito non sarebbe mai stato re insieme a lei. La situazione però è già disperata. Maria Tudor, che nel frattempo ha trovato numerosi sostenitori, si mette in marcia verso Londra per riprendere quello che è suo. Dopo nove giorni anche Henry Grey e la moglie abbandonano la figlia al suo destino. La nuova regina Maria, cattolica non ancora oltranzista, felice di avere recuperato il posto che le spetta per diritto, appare ben disposta nei confronti di lady Jane, strumento innocente e inconsapevole, e fa sapere che la grazia è questione di tempo. Invece la decisione della regina di sposare il futuro e cattolicissimo Filippo II di Spagna, la conseguente ribellione di Thomas Wyatt e la leggerezza di Henry Grey che pochi mesi dopo si unisce alla rivolta a nome della figlia, condannano definitivamente la piccola Jane. La sentenza, in un primo tempo sospesa, viene confermata. Nei mesi che passò nella Torre in attesa dell’esecuzione la “regina dei nove giorni” altro non fa se non studiare i libri sacri ormai convinta che la sua vita futura sarebbe stata sicuramente più serena. Sperando in una conversione al cattolicesimo la regina Maria le manda John Feckenham, decano di Saint Paul, ma lei irremovibile si avvia alla morte con la serenità e la consapevolezza di una martire. Ha un solo attimo di commovente smarrimento, quando con gli occhi già bendati non riesce a trovare il ceppo su cui appoggiare la testa “che debbo fare? Dov’è? Dov’è?” mormora angosciata, ma qualcuno, il vescovo Feckenham probabilmente, l’aiuta a chinarsi verso la morte.

JaneGrey3

 Jane Gray è stata una pedina, forse anche inconsapevole della potente élite protestante – capeggiata da John Dudley duca di Northumberland – che si era enormemente arricchita dopo l’abolizione dei monasteri seguita allo scisma ed alla creazione della chiesa anglicana. La morte senza eredi diretti di Edoardo VI, l’ascesa al trono di Maria Tudor, fervente cattolica per di più legata, attraverso la madre Caterina d’Aragona, all’impero germanico ed alla Spagna di Carlo V, e quindi la prospettiva di un ristabilimento dello status quo convincono il gruppo di nobili (che dopo la morte di Enrico VIII nel 1547 ha esercitato un potere pressoché assoluto) ad agire. Ma a livello popolare, mentre Maria è ancora amata e rispettata la famiglia Dudley è profondamente odiata. Nel complotto ci rimettono la testa quasi tutti, solo Frances Brandon e le sue due figlie minori Catherine e Mary hanno salva la vita e restano a corte. Maria Tudor non se la sente di condannare la cugina e amica di infanzia (anche perché i Brandon erano sempre stati contro il divorzio di Enrico VIII) e Frances, che ha abbandonato Jane al suo destino, si risposa neanche un mese dopo la morte della figlia e del marito. 

Condividi su:Share on Facebook156Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

44 Commenti

  1. claudia ha detto:

    Caspita devo andarmi a rileggere la biografia di Elisabetta I Maria Stuart e Enrico VIII :-). Però anche a i vostri post mi hanno aiutato a rinfrescare la memoria sulle varie parentele che intercorrono fra le varie regine e re. Chissà perché mi è venuto in mente proprio il nome della Bonham Carter quando qualcuna chiedeva se esisteva un film su Jane e guarda caso proprio lei ha interpretato il film 🙂
    Non sapevo delle voci sul fatto che Elisabetta non si sposò mai forse a causa di una deformità o delle presunte molestie di Seymour…..difficile periodo davvero il 500 (anche se pure oggi non scherziamo).

  2. Angie ha detto:

    Sul perché Elisabetta non si sia sposata è stata fatta anche l’ipotesi che lei sapeva benissimo che un eventuale suo erede diretto sarebbe stato vulnerabile, come lo era stata lei al principio in quanto non tutti la consideravano leggittima; un po come dire che i peccati dei genitori ricadono sui figli. Invece il figlio di Maria Stuart non era “attaccabile” in nessun modo, perché era “legittimo” e perché entrambi i genitori discendevano dai Tudor.
    Secondo questa ipotesi si pensa che l’abbia fatto per il popolo, per non scatenare eventuali guerre interne.

  3. nicole ha detto:

    Cristina era attratta senz’altro dagli uomini.Ancora giovane conobbe e si legò per la vita ( che scandalo!) al cardinale Decio Azzolini, un rapporto molto molto importante per entrambi e non solo di amicizia. Con scandalo annesso e grattacapi immaginabili per il papa di turno!!

  4. paola (baldanzi) ha detto:

    @Nicole, non sapevo della relazione amorosa tra Cristina e il cardinale, pensavo che da parte di Cristina ci fosse stata solo un’attrazione platonica. Lei infatti era molto mascolina ed ebbe sicuramente relazioni con donne. Allora, dato che mi hai incuriosita, sono andata a vedere su wikipedia (che non è sempre attendibile, ma in questo caso è molto esaustivo), dove è scritto che a causa del cardinale la “dormiente femminilità di Cristina venne a risvegliarsi”…

  5. elettra/cristina palliola ha detto:

    Cristina di Svezia era una donna molto affascinante e bellissima…credo che fu lei stessa a reprimere la sua femminilità, perchè , alla sua nascita, si sperava in un maschio, e quindi fu educata,e istruita, come si sarebbe fatto per un principe e fu , in qualche modo colpevolizzata dalla madre di non essere maschio…le due donne, infatti, non si amarono mai ,molto
    Era molto interessata allo studio, al teatro ed ebbe ospite , presso di sè, Cartesio, assorbendone tutta la filosofia…si vestiva spesso come un uomo e tracannava la birra come uno scaricatore di porto,,,insomma è come se facesse di tutto per reprimere la femminilità e l’avvenenza
    Si innamorò , sicuramente di una dama di corte e con lei ebbe una relazione, perchè ci fu un carteggio , tra le due, che non lascia dubbi ,in merito
    si convertì al cattolicesimo di cui , in particolare, amava il libero arbitrio che Dio concede all’uomo
    Anche a causa delle contraddizioni che viveva, ebbe un carattere anticonformista e nervoso e questo probabilmente contribuì a farle prendere la decisione di abdicare e rifiutò molte proposte di matrimonio
    Prese la via dell’esilio, e attraversò mezza Europa, prima di giungere a Roma…ospite, dapprima dei Barberini, preferì, in seguito , abitare a palazzo Farnese, oggi sede dell’ambasciata di Francia, palazzo che si apre sull’omonima piazza, dove c’è anche la chiesa di Santa Brigida,( ancora oggi ci sono le suore brigidine) , che le ricordava la Svezia
    ci fu un tentativo di farla diventare regina di Napoli, ma la cosa non andò in porto a causa anche di consiglieri non proprio leali
    Ci fu questa relazione con il cardinale’?…..molti giurerebbero che fu solo platonica…dato i tempi libertini, c’è da dubitarne, comunque certamente il bel cardinale risvegliò in lei quello che Cristina, aveva , sin dalla nascita cercato di nascondere anche a sè stessa: era una donna e anche una bella donna!
    Oggi vivrebbe tranquillamente la sua doppia personalità, invece, allora tutto ciò fu causa di inquietudine e insoddisfazione
    l’ultima sua residenza fu nell’ex carcere di Tor di Nona (quello che aveva ospitato Beatrice Cenci, di cui ho parlato una volta) e che lei sempre amante delle arti, trasformò in teatro, tuttora funzionante
    Morì, probabilmente di polmonite ed è sepolta nella basilica di San Pietro, in uno degli spazi che intercorrono tra la navata di sinistra e quella centrale, in una tomba piuttosto semplice per una regina, vissuta in pieno rinascimento
    Il suo personaggio meriterebbe un film, invece di tanti stucchevoli, su principesse morte solo ieri…almeno uno più recente , che sia più realistico di quello con Greta Garbo ,e che non ne delinea per nulla la sua personalità controversa

    • ferdinando ha detto:

      E’ vero, Cristina è personaggio affascinante e controverso , bellissima magari no, ma meriterebbe un film migliore del precedente con la Garbo con la quale aveva in comune solo il piglio androgino. Riuscì ad attrarre su di sè l’attenzione di tutta Europa senza peraltro ottenere molto perchè con la sua vistosa conversione diede più d’un grattacapo in Vaticano – dove pretendeva d’insegnare la politica ai cardinali – e dove se la cavarono concedendole la sepoltura in S.Pietro. Corse voce che ,pentitasi d’aver abdicato, sarebbe voluta rientrare
      in Svezia ma ne fu vivamente sconsigliata.
      Di certo, per certi suoi atteggiamenti anticonformistici, il suo grande padre
      Gustavo Adolfo II, tra i leader del protestantesimo europeo, si sarà rivoltato
      nella tomba all’idea della figlia a spasso con i cardinali della curia…

  6. paola (baldanzi) ha detto:

    @Elettra, Cristina di Svezia era sicuramente affascinante… e vorrei che Marina ci facesse un post 🙂 Però a detta dei contemporanei era tutt’altro che bella, soltanto che noi (perlomeno io) siamo condizionati dalla interpretazione che ne dette la bellissima Greta Garbo. Per riallacciarmi all’attuale post su Jane Grey, che destino diverso hanno avuto queste 2 donne entrambe destinate a diventare regine. Sinceramente la storia di Jane Grey mi fa così male, che non riesco nemmeno molto a parlarne.

  7. Martina P. ha detto:

    Di recente mi è capitato spesso di imbattermi in Cristina di Svezia e ho pensato che nella sua epoca come del resto in molte epoche passate, le donne erano spesso sole, a causa di matrimoni senza amore e a causa delle molte guerre che portavano i loro mariti via per molto tempo, quindi non è così strano immaginare che le donne cercassero compagnia tra loro, alcune volte cercando l’affetto che non trovavano nel partner e questo all’epoca, magari anche delle caste effusioni tra amiche, poteva venir travisato. Quando ci si sente soli la semplice vicinanza fisica di una persona, uomo o donna che sia, ci può essere d’aiuto e certamente per una donna era meno rischiosa la relazione con un’altra donna che con uomo, i quali invece si lasciavano alle spalle amanti incinte senza farsi tanti problemi.

  8. Chloe ha detto:

    @Marina – Ieri, nella sala d’attesa dello studio dove lavoro, tra le poche riviste che popolano il tavolino è comparsa per la prima volta una copia di Focus Storia Biografie … novembre/dicembre 2012 … stamattina do una rapidissima occhiata agli articoli, quando mi imbatto nel racconto della storia di Lady Jane Grey, di cui abbiamo parlato qualche mese fa … appena iniziato a leggere l’articolo, mi si apre un cassetto della memoria e vado a leggere alla fine la firma … la tua, naturalmente! Una coincidenza che sia apparsa proprio quella copia 😉

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      pensa non avevo idea che fosse stata pubblicata, mi era stata chiesta un anno prima e poi loro hanno la fissa del passato remoto o dell’imperfetto mentre io sono grande consumatrice di presente storico. 🙂

      • yorick ha detto:

        Trovo assai più immediato il “presente storico” : alleggerisce di gran lunga il racconto, rendendone più scorrevole la lettura. Per impiegarlo occorre una certa maestria e buona proprietà di linguaggio; tutte cose queste, che MARINA riesce appropriatamente a gestire con una squisita padronanza di garbo e stile.

  9. crystyna ha detto:

    Mi trovo a leggere questo post casualmente a due anni di distanza da quando é stato scritto. Non conoscevo cosi a fondo la storia di Jane. La trovo cosi triste che penso che certe ingiustizie non termineranno mai. Povera Jane,mai amata da nessuno neanche poco prima di morire. Le sue ultime parole mentre é bendata sono di smarrimento e tristezza.una donna poco più che bambina a cui non é stata concessa neanche un po’ di pietà…

  10. brigida ha detto:

    Che confusione! Credevo di ricordare bene le discendenze e le storie della famiglia Tudor e le relazioni con gli Stuart Dovrò rinfrescare la memoria e rivedere tutto il 500 Anyway, grazie per lo stimolo. Sono partita anch’io da Lady Jane:: il nome mi aveva fuorviato, andando dritta a Jane Seymour…..Brigida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi