Regine e principesse malvagie: i segreti delle donne al potere

DSCF5953

Lo devo ammettere nonostante il titolo un po’ da brivido mi sono molto divertita a scrivere questo libro. Perché le regine cattive sono spesso molto più intriganti di quelle buone, dolci, gentili, angeliche. Tolstoj, nell’incipit di Anna Karenina, sostiene che «tutte le famiglie felici si assomigliano, mentre quelle disgraziate lo sono ognuna a modo suo». E questa considerazione vale, a grandi linee, anche per le regine e le principesse cattive. Le “buone” sono pressoché identiche, cioè amorevoli madri di famiglia pronte al sacrificio, mogli rassegnate sotto una selva di corna, figlie e sorelle ubbidienti e, a volte, sagge e benevole governanti (in nome del figlio, del marito o del fratello), le “cattive” hanno ciascuna il loro buon motivo per avercela con l’universo mondo e, se è il caso, far patire a tutti le pene dell’inferno. Insomma, la bontà – e spesso anche la santità – non ha sfumature, e se vogliamo è anche un tantino noiosa. Le cattive, invece, sono spesso dei fenomeni: riescono a prendere in mano le loro esistenze e a decidere della loro vita persino nell’epoca in cui una donna – anche se di stirpe regale – esce di rado dalle sue stanze e difficilmente può disporre di sé. E poi le cattive riescono a dare il meglio di sé in forme sempre diverse. Perché ci sono mille modi per essere davvero pestifere: lo si può essere per natura e carattere, ma anche solo durante una breve parte della propria vita, quando c’è un obiettivo da raggiungere. Qualcuna è inconsciamente cattiva, ma qualcun’altra si trasforma in una specie di strega malefica per difendere se stessa o i propri figli. Oppure per mantenere il potere, conquistato a fatica anche contro la sua stessa prole. A volte, invece, è l’amore cieco e irragionevole a renderle mostruosamente cattive. L’ambiente e la genetica incidono, ma c’è chi si è fatta tutta da sola, e chi ha cercato, invano, di togliersi di dosso questa pesante nomea. Certe cattive sono state per me una vera e propria scoperta, mentre nel caso di altre, bollate come donne impossibili, bisogna davvero riconoscere che sono stati i maschi ad attribuire loro una perfidia forse immeritata.

Non vi devo invece stare qui a spiegare perché solo regine e principesse. Ormai, se mi seguite da un po’ di qui blog, sapete che i royal sono la mia passione (e non solo la mia a giudicare dal numero sempre crescente di lettori) da sempre, cioè da quando ho cominciato a leggere. Poi ho anche studiato storia, a Bologna, ma data l’epoca i personaggi reali non avevano molto appeal e così il mio interesse è rimasto appunto confinato al rango di piccola mania. Ero quella “originale” – leggi stravagante – in una famiglia che non si è mai neanche sognata di avere delle tendenze anche solo lontanamente monarchiche. Quando ho iniziato a fare la giornalista, mi è capitato di scrivere di qualsiasi argomento (politica, nera, cronaca, ambiente, spettacoli), di lavorare in uffici stampa, per politici e istituzioni, ma la passione è rimasta lì, inespressa, a covare. Comunque ho sempre studiato e raccolto libri, foto, documenti, vecchie riviste (e infatti oggi sono la felice proprietaria di una collezione molto interessante e anche di un certo pregio), cercando sempre di non farmi notare. Tema non gradito, argomento non abbastanza colto, anzi decisamente troppo popolare (ma in senso negativo). Poi, dopo lunga riflessione, qualche dubbio e il decisivo confronto con alcune persone che mi hanno spronata a lanciarmi nell’impresa, ho deciso di farla finita e nel gennaio del 2009 è nato www.altezzareale.com, il mio blog, unico esempio italiano di spazio virtuale interamente dedicato alla storia delle famiglie reali (in cui sono a  disposizione tutti gli alberi genealogici dei personaggi qui trattati). In quel momento ho scoperto che moltissime persone condividevano, spesso in gran segreto, questa passione e avevano per contro moltissima voglia di parlarne. A quattro anni di distanza il blog continua a essere molto seguito e commentato, e i temi sono a volte leggeri e a volte molto seri, trattati sempre con grande attenzione alle fonti e ai documenti e con uno stile di scrittura veloce e immediato. Anche nel blog i personaggi femminili superano di gran lunga, numericamente parlando, quelli maschili, nonostante siano sempre stati gli uomini a detenere le leve del potere. Perché a me le donne (che nella storia – anche recente – hanno lasciato tracce davvero poco significative e, per un puro e semplice fatto “di genere”, sono state condannate a non esistere come individui) in fondo interessano molto di più. Per le loro fragilità, per le loro storie nascoste, per la loro inquietudine. Perché sono infinitamente affascinanti. E così, dopo 101 storie di regine e principesse che non ti hanno mai raccontato, continuo l’esplorazione dell’universo femminile regale. Stavolta però le protagoniste sono tutte signore che, in un universo dominato dai maschi, si sono fatte ricordare per un carattere non proprio accomodante e per la tendenza a fare sempre, caparbiamente, di testa loro.

Il libro esce giovedì 18 aprile, sempre per i tipi di Newton Compton. Farò delle presentazioni in giro per l’Italia? Bella domanda, con il 101 regine e principesse il progetto si è arenato davanti a un “piccolo” problema tecnico: dopo due mesi il libro era esaurito, finito, venduto tutto. Non posso certo dire che mi è dispiaciuto, ma le presentazioni sono state tutte annullate.  Quindi adesso rimaniamo in sospeso, se ne riparla magari fra qualche giorno.

Ah si, volete sapere chi sono i personaggi? Be’ ma se vi racconto tutto vi rovino la sorpresa. Intanto però sappiate che ce ne sono di noti e meno noti, di cattive sul serio e di cattive perché così lette, percepite, raccontate o immaginate. E in appendice troverete anche una breve filmografia e un’intervista con un criminologo e, in alcuni capitoli, anche degli alberi genealogici e altri ce ne saranno presto on line. E non posso concludere senza ringraziare tutti voi lettori, quelli attivi e presenti (non vi nomino uno per uno, ma sapete…) i silenziosi. La vostra presenza quotidiana, i consigli e lo scambio di idee, sono per me fondamentali. Grazie.

 ps spero che mi scuserete e capirete se sono stata un po’ criptica su questo lavoro, ma ogni volta per pura scaramanzia tendo ad aspettare fino all’ultimo prima di raccontare a cosa sto lavorando. Anche in famiglia non lo sa nessuno a parte chi non può proprio fare a meno di saperlo. 😉

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

71 Commenti

  1. nicole ha detto:

    Non dico nulla, prometto, ma solo che la prima storia la ho già letta con sottofondo rossiniano.
    Tre-men-da!! La musica travolgente mi ha fatto passare un poco del raccapriccio che ho provato leggendo.Potere della musica!

  2. marina ha detto:

    eh si ne avevamo parlato dei castelli, ma qua il tempo vola e a me pare sempre di essere in ritardo, inoltre l’inverno è stato tremendissimamente lungo 🙁
    @ Scarlet no niente di niente sulle date anche se in genere sono sempre 6-8 mesi dopo l’annuncio ufficiale.
    @ nicole 🙂 noooo Rossini?!?! non ci avrei mai pensato

  3. nicole ha detto:

    Non solo Berio, Schoenberg,Ligeti,Mahler..ogni tanto anche Mozart, Rossini,Haydn..male non fanno.

  4. Chloe ha detto:

    @nicole – Sei la prima, complimenti al consorte che ha avuto immediatamente la brillante idea!
    Musica di sottofondo…di solito anch’io abbondo con la classica…però sempre molto soft e tendenzialmente allegra, briosa o romantica…vedi i meravigliosi walzer di Strauss, Vivaldi e molto altro, adoro il suono del cembalo e le musiche medieval-rinascimentali…appena posso mi sintonizzo su Radio Marconi 2 e tutto ciò che faccio nel frattempo diventa per magia facile, armonioso e rilassante…il potere della musica!
    @alex – …prego! Hai reso bene il senso della compartecipazione tra di noi e con Marina.
    @ale – Nella tua autodefinizione di “persona piuttosto buona”…quel “piuttosto” potrebbe suggerire un ampio margine di peggioramento…
    E’ proprio vero, a volte certe guide deludono le aspettative di noi curiosi e appassionati. E poi sì, il dono della sintesi è indispensabile per essere un’ottima guida…per fortuna qui invece puoi dare ampio sfogo alla rava e alla fava.

  5. Matteo ha detto:

    Prenotato…

  6. Chloe ha detto:

    @Scarlett – Su Felix e Claire del Lussemburgo per ora non ci sono news. Mentre sulle nozze di di Madeleine di Svezia, oltre alla data certa (l’8 giugno), l’unica notizia certa è che lo chef che si occuperà della parte culinaria del matrimonio sarà Stefano Catenacci, il medesino delle nozze Victoria-Daniel, a cui Marina aveva dedicato il titolo di un post del lontano 2010…
    http://www.altezzareale.com/2010/06/20/nozze-reali/uno-chef-italiano-per-le-nozze-di-victoria-e-daniel/
    E gli inviti sono già stati spediti…Dopo l’investitura di Willem-Alexander, quando i riflettori non saranno più tutti puntati sui Paesi Bassi, mi sa che ne sapremo di più…
    http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=21348af09e9a25b0

    Che bella carrellata di primi piani…reali!
    http://svenskdam.se/kungligheter/

  7. Dora ha detto:

    benvenuta scarlett!!!!! 😀

    bello lo chignon me se una persona mi sorride così io scappo dall’altra parte!!!!!!!!!!!!!
    http://1.bp.blogspot.com/-MZaZ2nmHos4/UXBlJgWf03I/AAAAAAAAvig/6rZbxxwAC4E/s1600/image31.jpg

  8. Rosella ha detto:

    Bene bene attendiamo le perfide regnanti: ne ho in mente alcune terribili ma non + terribili di tanti altri regnanti uomini.Solo che le atrocità maschili sono considerate con + benevolenza o con minor severita’

  9. elettra ha detto:

    Il mio libro arrivava nel pomeriggio..lo prenderò domani mattina, così avrò buona compagnia per il weekend….
    @Dora hai presente la strega di Biancaneve quando si guarda allo specchio…specchio, specchio delle mie brame chi è la più bella del reame?…la stessa scucchia- mento in italiano!- e lo stesso occhio dilatato….

  10. mauro ha detto:

    Il tuo primo libro è speciale, lo adoro! sono curiosissimo di leggere il secondo….
    le famiglie reali sono una passione, un pò come il cioccolato. più ne sai e più ne vorresti sapere.
    speriamo di diventare sempre di più.
    Mauro

  11. nicole ha detto:

    Ma che devo fare? Su, su, leggetelo..che devo trattenermi e non posso dire nulla finchè almeno qualcuno non legge qualche capitolo..così da poterci scambiare opinioni.Pigroncini/e , io alle ore 01.00 di notte passata ho chiuso la luce.La mia gattina( tutto è fuorchè piccola !), era molto inversa per la luce ancora accesa.Ha un linfoma, fa chemio da 2 mesi, mangia come un lupo..ma vuol dormire in pace( avrebbe parecchie altre stanza…ma è sempre addosso a me)

  12. Chloe ha detto:

    A proposito di blog, post, collegamenti e articoli della nostra impegnatissima Marina…
    Ieri sera per caso ho dato un’occhiata a “Ricette Reali”…non so se si tratta di caso o di coincidenza…ma cosa ti trovo? Finalmente un post sui savoiardi!
    @marina – Con un po’ di ritardo…ma meglio tardi che mai!
    Inserisco il link qui sotto, così date un’occhiata anche voi…anche perché l’utile ricetta (dovrò sperimentarla) è stata un’ottima occasione per una digressione sul Conte Verde!
    http://ricettereali.blogspot.it/2013/04/i-savoiardi-del-conte-verde.html

  13. Chloe ha detto:

    Spero di riuscire oggi pomeriggio ad agguantare una copia del libro…
    @nicole – Dev’essere quasi impossibile riuscire a trattenersi dal commentare simili intrighi e perfidie! E quando ci scateneremo nei commenti…chissà cosa verrà fuori!
    @marina – A proposito, prima avevo dimenticato di complimentarmi con te (e Paola) anche per la vostra brillante idea di Ricette reali (su cui ogni tanto mi cadeva l’occhio da quando avevo iniziato a leggere AR), visto che negli ultimi 2 mesi in cui scrivo non l’avevo ancora fatto 🙂

  14. elettra ha detto:

    Allora lo sto stringendo tra le mani…
    @Marina….bellissima edizione , molto elegante!
    @Nicole…mi dispiace molto per la gattina….non sapevo che ora c’erano delle cure così mirate anche per loro…tutti i miei cani sono morti di tumore, però non c’era la chemio per loro, solo l’intervento e poi, tanta speranza…incrocio le dita!
    tra un po’ ti potrai liberare dalla consegna del silenzio che ti sei giustamente data….oggi comincio la lettura

  15. elettra ha detto:

    @Marina, scusa, ma da quanto tempo figurano i cartigli delle ricette reali e castelli in alto a sinistra ,vicino a quelli di Elisabetta e William e Kate?…io me ne sono accorta solo ora ….ho gli occhi foderati di prosciutto , o è un’ innovazione recente?

  16. Martina P. ha detto:

    Un bacio alla gattina di @Nicole, adoro i gatti!

  17. marina ha detto:

    😀
    non vi stupite i link diretti ai due fratelli minori – o spin off come si dice per i telefilm – ci sono solo da ieri sera… segno che il lavoro di restyling per quanto silente sta andando avanti. abbiate pazienza.

  18. nicole ha detto:

    Grazie per Nina! Ovvio mi son fatta consigliare da alcuni veterinari..un consulto! Mi ha fatto ridere, uno ha studiato in Italia,ma si è specializzato e lavorato in USA.E’ amico di uno che conosco..insomma io non ero convinta, pensavo perdesse il pelo, stesse male:si son messi a ridere!
    Prende un farmaco che anche gli umani prendono per certe forme di leucemia, a dosi e in tempi adatti, sta molto molto meglio.Cicciosetta, stra-viziata da sempre da mio marito, immaginate ora.. con figli e amici che telefonano per sapere come sta.E’ una vera regina!Ho messo le news feline perchè qui ci son tanti felino-fili!!

  19. marina ha detto:

    @ nicole certo che hai fatto bene e scrivere della tua gattina, questo è UN BLOG GATTARO, nella prima versione su blogspot c’era anche un piccolo logo che rimetterò nel restyling visto che anche la webmaster è gattara 🙂 una carezza a Nina

  20. Laura ha detto:

    A quanto pare anche io ho gli occhi foderati di prosciutto ( e dire che sono vegetariana) …ma non sapevo nemmeno dell’esistenza del blog sui castelli ! Ho dato una sbirciatina adesso ed e’ interessantissimo…. A proposito ero io l’anonimo di giovedi’ : sempre porta a partire per castelli e simili e sono in attesa di mettere le mani sul libro … penso lunedi’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi