Roma toccata e fuga

byPaoloMargarionFlickrPinterest

Come promesso ecco qua altri viaggi lampo in giro per l’Italia, per ora solo quella centrale ma non si può mai dire. Giovedì 30 maggio sarò a Roma per un impegno pomeridiano e insieme all’amica Elettra (e ad Alex e Alessandro) abbiamo pensato che ci si potrebbe vedere verso le 12 e 30 per un aperitivo/pranzo veloce alla Casa del Cinema che si trova all’interno del parco di Villa Borghese. VI ASPETTO!

Poi alle 17 e 40 sarò in diretta su Radio Uno Rai con Lorella Cuccarini per parlare delle regine e delle principesse più malvagie della storia.

SanPetronio

Sabato 1 giugno invece sarò a Bologna (passando dal via, cioè tornando a casa giovedì sera) ospite dell’associazione marchigiani a Bologna ai quali parlerò del mio libro 101 storie sulle Marche che non ti hanno mai raccontato (se siete interessati l’incontro è allo ZanHotel del Center Gross) ma in effetti quello che vorrei proporre ai lettori e alle lettrici bolognesi di Altezza Reale è un tè (il clima ancora ce lo consente) in un locale molto carino del centro storico, individuato grazie all’amica Alice Mortali che, naturalmente, sarà presente.  l’incontro purtroppo salta perché sono bloccata nella zona del Center Gross – circa 40 minuti dal centro – senza auto e senza mezzi pubblici a disposizione e con l’unica speranza di essere riportata alla stazione per l’ultimo treno utile. Mi dispiace, sarà per un’altra volta, ma se capitate nella zona del Center Gross sarò felice di conoscervi.

foto 1 – byPaolo Margarion via Flickr e Pinterest

fot 2- via Pinterest

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

77 Commenti

  1. marina ha detto:

    @ Alex mi sembra una opzione interessante quella del bar della casa del cinema di villa Borghese che il giardino è vero è sempre un posto meraviglioso 😀
    a me dispiace tanto che si così complicato organizzare per vederci, ma Roma non ci aiuta proprio…

  2. Alex ha detto:

    No no Marina nessuna complicazione, è che siamo un po’ di persone e la città è complicata ma ce la faremo

    Romani dite le vostra, cosa preferite?

  3. elettra ha detto:

    Voto anch’io per villa Borghese e casa del cinema…bravo @Alex
    ditemi solo l’ora dell’incontro e speriamo nel tempo….non so altrove ma qui fa un freddo…a volte sembra di essere a settembre, non a maggio
    @Marina …non ti devi dispiacere…Roma, purtroppo, per la sua vastità, ha dei limiti che non riesce a superare, ma credo di interpretare il pensiero di tutti, se dico che il prossimo incontro ci fa un grandissimo piacere…vengono allo scoperto anche amici sconosciuti e sicuramente non grafomani, come me, per esempio…sarà una cosa entusiasmante e poi sarà ancora più bello scrivere sul blog, conoscendo il viso dell’interlocutore…non vedo l’ora!

  4. Nicoletta ha detto:

    @Marina anche io voto per Villa Borghese, casa del cinema. Ho verificato che il 30 sia già finito il concorso ippico di Piazza di Siena (23-26 maggio) che avrebbe potuto creare dei problemi. Proprio di fronte alla casa del cinema c’è una fermata di molti autobus e, come già detto da Alex, le stazioni di Flaminio e Spagna (tramite sottopassaggio) sono vicine. Se a qualche non romano servono indicazioni per raggiungere la Casa del Cinema non esiti a chiedere.

  5. Alex ha detto:

    @Elettra anche lei una certa eccitazione come succede a me?

  6. Alessandro (Aigrette) ha detto:

    Buondì, come dice giustamente @elettra confidiamo nel tempo, mi sembra buona l’idea di villa Borghese, cercherò di essere dei vostri. Se per il posto c’è ancora qualche titubanza, invece l’orario è confermato, 12:30?

  7. marina ha detto:

    allora Villa Borghese a furor di popolo. alle 12 e 30, ok?
    e si avrei bisogno delle indicazioni precise per arrivare dalla fermata metro Spagna che viene diretta da Termini.
    e speriamo nel tempo, ma le previsioni non sono buone…

  8. elettra ha detto:

    @Marina….allora tutto a posto…eh sì @Alex e Alessandro (Aigrette)…..una certa eccitazione mista ad ansietà, curiosità , e desiderio di conoscere….ma insomma confidiamo solo in una giornata discreta….per il resto sarà bellissima!
    @Marina….quando arrivi a Termini, devi prendere la metro A direzione Battistini e scendere a Spagna…dopo la scala mobile,ti troverai dentro a un tunnel che è quello anche del parcheggio,troverai altre scale mobili….devi andare in direzione via Veneto…è un percorso un po’ lunghetto, ma tutto al coperto con vetrine che sono delle pubblicità di alcuni negozi e anche dei mosaici moderni…a circa metà percorso troverai le casse del parcheggio…prosegui sempre per via Veneto, non ti far distrarre da altre uscite…dopo una scala mobile lunghissima rivedrai la luce e ti troverai all’inizio di via Veneto, dal lato Porta Pinciana esci dalla porta, che sono alcuni archi antichi, e avrai di fronte, dall’altra parte della strada, villa Borghese e la casa del cinema non è molto lontana…poi comunque puoi chiedere a qualcuno…credo di non essermi sbagliata….per favore , ROMANI, controllate se ho scritto tutto il percorso con esattezza!
    Ti ho mandato una mail!

  9. Alex ha detto:

    Marina per arrivare a villa Borghese ci sono diverse opzioni da Termini:
    – andare a piedi dalla stazione fino a piazza Barberini risalendo via Veneto
    – prendere la linea metro A, scendere alla fermata Flaminio, percorrere viale Washington in salita da piazzale Flaminio
    – prendere la linea metro A e scendere alla fermata Barberini, salire via Veneto e entrare a villa Borghese per porta Pinciana

    Credo che la terza opzione sia la più comoda e veloce: occorrono 5 minuti da Termini a Barberini in metro, sono solo due fermate, e 10-15 minuti per percorrere tutta via Veneto ed entrare nelle villa; altri 5 minuti per scendere per viale San Paolo del Brasile e giungere alla Casa del Cinema.
    Come tempistica la terza e la seconda opzione più o meno si equivalgono ma la terza la trovo più piacevole.

    Se invece vuole arrivare dalla fermata Spagna è lo stesso molto facile e veloce: una volta uscita dai tornelli si prende una scala mobile e poi a destra (mi sembra) si trova il lungo tunnel con vari tapis roulant che porta sia al parcheggio di villa Borghese sia in cima a via Veneto appena prima di Porta Pinciana; bisogna seguire l’indicazione per via Veneto e una volta usciti si entra nella villa, si scende per viale San Paolo del Brasile e sulla destra dopo pochissimo si trova la Casa del Cinema.

  10. Nicoletta ha detto:

    Confermo quanto detto dai colleghi “romani” sulle soluzioni per raggiungere la Casa del Cinema. In realtà dal parcheggio ci sarebbe un’uscita proprio di fronte alla suddetta Casa del Cinema ma non ricordo le indicazioni da seguire e temo, nei prossimi giorni, di non avere tempo per verificare in loco. Mi permetto di dire che una volta superata la Porta Pinciana (lasciandosi alle spalle via Veneto) via San Paolo del Brasile è la discesa che vi troverete davanti e che taglia in due Villa Borghese. La Casa del Cinema è proprio all’inizio sul lato destro. E’ il primo edificio che si incontra e si riconosce perché da quel lato ha la gigantografia di un attore sulla facciata. Sino a poco tempo fa era Marcello Mastroianni, controllerò

  11. Laura ha detto:

    Peccato non potere essere con voi a Roma , ma io saro’ a Roma giorno 8 giugno e questa volta solo di passaggio. Quando vado a Roma con marito e figlio per tradizione andiamo a Villa Borghese e prendiamo il riscio’ con il quale arriviamo anche alla Casa del Cinema (anche se il loro bar non mi e’ parso granche’)
    Comunque il riscio’ potrebbe essere un’altra opzione 🙂

  12. marina ha detto:

    ach Laura, solo per poco…
    ad ogni modo il caffè non mi pare male, magari incontriamo anche qualche vips 😀
    http://www.cinecaffe.it/home.html

  13. Dinora ha detto:

    Sarebbe bellissimo incontrarci.
    Io sono più vicina a Bologna. Dove?

  14. marina ha detto:

    mi stavo giusto chiedendo se a parte Alice e Paola ci fosse qualcun altro in zona Bologna. L’idea è quella di fare una sosta in un locale molto carino individuato da Alice a due passi da piazza Maggiore. verso le 17 e 30 più o meno anche se ho un problemino “tecnico” non da poco: sono all’hotel del Center Gross fuori dal mondo conosciuto. aiutooooo, c’è qualcuno che mi dà un passaggio?

  15. elettra ha detto:

    @Laura..che peccato! no si può fare niente per cambiare la data? tu sei un’ottima conoscitrice di Roma e dei suoi luoghi storici!
    Il bar della casa del cinema, sinceramente non l’ho mai frequentato, (non sono una grande consumatrice di caffè) e , in genere , la villa la pratico più spesso dal lato del Pincio vero e proprio, e più volte alla galleria Borghese, però so che la casa del cinema è la ristrutturazione della vecchia casina delle rose, che risale al 1700 , quando ancora quella parte, non era di proprietà dei Borghese, subentrati solo nella prima metà del 1800, con il famoso Camillo, marito di Paolina e sospetto padre del Cavour, sicuramente suo padrino di battesimo, da cui prese il nome lo statista ( ma molto probabilmente anche il patrimonio cromosomico, perchè erano due gocce d’acqua)
    Questa parte della villa, molto soleggiata e un po’ più periferica, per quegli anni, era coltivata a vigna e frutteto,che sconfinava in boschetti con piante ad alto fusto in cui si praticava anche un po’ di caccia “cittadina” nella parte che va verso piazza del Popolo Per questo la villa era composta , arredata e tenuta come punto di riposo e ristoro, comprendendo una piccola stanza co tavola,ma anche un pozzo e un luogo per conservare la neve, che veniva dall’Abruzzo, dalla vicina Salaria, e che oggi non ci sono più…. per qualche tempo divenne anche un fienile, e alloggiò alcune mucche….poi per qualche anno, prima dell’unità d’Italia divenne un’osteria e infine, dopo l’unità, lo stato italiano cedette tutta la villa, al comune di Roma e, guarda caso, la casina cadde in abbandono e degrado…..numerose sono state le vicissitudini dell’edificio, che oggi conserva ben poco di quello originario….stando lì cercheremo di scoprire quello che resta o almeno immaginarlo….nei paraggi c’è pure una fontana piuttosto larga, che è la dimora , unica per Roma città, di una specie più che protetta,protettissima: il rospo smeraldino e chissà che con questa pioggia insistente e umidità,non si riesca a incontrare pure lui…inoltre nel parco hanno fissato la loro residenza dei pappagalli di più specie,ed altri uccelli esotici, quasi tutti fuggiti da gabbie cittadine ,ma anche da quello che oggi si chiama bioparco e una volta zoo, e che durante il volo sulla città hanno individuato questo polmone verde e ci si sono stabiliti ormai da anni e per la particolarità della posizione quasi collinare che rende il clima più temperato e con molti punti riparati si sono riprodotti con grande successo…speriamo solo che non piova….del caldo non me ne importa, anzi meglio stare con un golfino come la Leti, che boccheggiare!

  16. marina ha detto:

    @ elettra che bella descrizione, allora dai speriamo in un tempo clemente anche se mi pare che non siamo su quella lunghezza d’onda, anzi… qua diluvia e la settimana prossima anche 🙁

  17. elettra ha detto:

    @Marina…anche qui diluvia e fa veramente freddo…..ma per interessare anche i non romani ai nostri discorsi, si possono fare due chiacchiere sulla nobiltà romana e in particolare sulla famiglia Borghese , che non ha mai abitato nella famosa villa, uno dei parchi cittadini più conosciuti e certamente il più centrale. Bellissime sono pure villa Doria-Pamphili e villa Ada, in via Salaria,ex villa Italia abitata dai nostri reali fino al 1946 e dintorni, che al Quirinale avevano solo “l’ufficio”.Solo M. Josè abitò al Quirinale dove aveva un piccolo appartamento,( dove è nata M.Beatrice) negli appartamenti di V.E. II . che lì vi morì…..guardando il Quirinale , le finestre di destra ( oddio mi sta venendo il dubbio, no forse no, sono quelle di sinistra, insomma ,dove oggi c’è il corpo di guardia) a piano terra.Per inciso , tu @Marina andrai a pochi passi dalle scuole elementari principessa Mafalda, in via Lovanio, dove Umberto II votò per il referendum monarchia -repubblica….
    Ma tornando ai nostri Borghese, nonostante i numerosi edifici che sorgono nel parco, nessuno è mai stato abitato dalla famiglia..la famosa Galleria fu solamente un luogo per esporre le opere d’arte che il cardinale Scipione , grande collezionista ed estimatore del Bernini, volle a tutti costi…la famiglia abitò e tuttora abita, in piazza Borghese, in Campo Marzio, nel palazzo che dai romani “veri” quelli di 7 generazioni , di spirito scaltro e irriverente, è chiamato il “cembalo” o in modo più popolano, “il pianoforte”, perchè ha la forma di un pianoforte a coda, le cui due tastiere sono giardini pensili e che si affacciano sul lungotevere
    La villa era tenuta come posto di caccia, come luogo i cui coltivare la terra per il bisogno quotidiano, ortaggi , frutta e poco, pochissimo bestiame, ovini , bovini e pollame…… e per la grandi feste, in particolare quelle religiose ,veniva aperta alla popolazione dalla grande porta monumentale che oggi si apre a fianco al Muro Torto , in piazzale Flaminio, …. quando il principe , voleva fare una passeggiata in carrozza o a cavallo, al suo interno si presentava davanti al grande cancello e il custode apriva…Paolina Bonaparte un po’ ipocondriaca, ma neanche tanto, visto che è morta a 44 anni era solita soffermarsi e forse avere anche incontri d’ amore…il matrimonio tra lei e Camillo cominciò a fare acqua da tutte le parti, ma non fu solo lei ad essere la “capricciosa ” di casa, anche lui era molto fedifrago
    I Borghese hanno il loro Pantheon in Santa Maria Maggiore all’Esquilino e lì è sepolta anche la ” leggera” Paolina e tutti gli altri fino al coevo Junio Valerio Borghese, morto in Spagna e, tristemente noto,in Italia, da dove dovette scappare, per aver tentato nella notte tra il 7 e l’8 dicembre 1969 un colpo di stato, noto ancora oggi, come il golpe Borghese
    PS 1…a villa Ada fu interrata, durante la guerra, la famosa tiara della principessa Mafalda che poi non fu più ritrovata
    PS2….è tradizione che a Roma piova per tutto il tempo che dura il concorso ippico di piazza di Siena…ma siccome finisce prima di giovedì prossimo, vedrete che tornerà il sole…….

  18. marina ha detto:

    @ elettra grazie per le notizie romane 😉
    ma la famosa tiara di Mafalda è stata ritrovata, eccome 😀
    http://www.altezzareale.com/2010/10/25/realmente-preziose/gioielli-reali-il-diadema-spighe-di-grano-della-principessa-mafalda/

  19. titania ha detto:

    Uffa! io sarei stata roma il 12 giugno….. non me ne va bene una …..prima torino di striscio e adesso meeting a roma! sfortuna! comunque concordo con villa borghese, nei miei mesi romani e’ stata il mio rifugio, la adoro!

  20. Laura ha detto:

    @ Elettra, che meraviglia i tuoi racconti romani ! Avevo totalmente dimenticato l’elenco delle meraviglie di Roma : il cembalo Borghese (che non ho mai visitato non credo sia aperto al pubblico), il dado Farnese e poi mi pare c’era una scala. Mi dispiace tanto di perdermi questo meeting ma alla prossima occasione conto di farcela. Non sapevo della dubbia origine di Cavour : proprio in questi giorni sto leggendo Il regno del nord di Arrigo Petacco che ha proprio Cavour per protagonista.
    I Borghese hanno anche numerosi possedimenti dalle mie parti : le case del biviere di Lentini e la grande tenuta di Valcorrente di Belpasso (sulla quale anni fa misi un vincolo archeologico …)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi