Willem-Alexander e Maxima, i nuovi sovrani dei Paesi Bassi

Cerimonia2Adolescente un po’ scapestrato e poi giovane uomo decisamente “vivace”, il nuovo re dei Paesi Bassi ha avuto la fortuna di incontrare sulla sua strada la donna perfetta (o quasi, se non fosse per quella brutta storia del passato paterno) e oggi accanto a lei, raggiante ed emozionata è salito al trono. Una funzione tutta di rappresentanza la sua, ma anche essere solo testimonial è un lavoro impegnativo e soprattutto bisogna esserci portati. Lui, Willem-Alexander di Orange-Nassau sembra che ci sappia fare, ma il suo atout principale è senza dubbio questa moglie, bella, sorridente, innamorata, felice con gli altri e con se stessa, che si chiama Maxìma o più familiarmente Max.

Cerimonia5

Dicono che Alex (così lo chiamano tutti e per questo regnerà con il doppio nome e non con il più dinastico Willem) sia simpatico, caloroso, sempre di buon umore e poco preoccupato dal protocollo reale tanto che le sue uscite fra la gente sono sempre molto allegre e spontanee, ma non oggi. Emozione e tensione hanno avuto partita vinta sia durante la cerimonia della mattina, quando un paio di firme hanno sancito la fine del regno della madre Beatrice e l’inizio del suo, che nel pomeriggio durante l’insediamento ufficiale davanti alla famiglia in grande spolvero, agli ospiti reali (per la maggior parte ex colleghi principi ereditari e qualche monarca capitato per caso o forse per sbaglio Alberto di Monaco ma non te l’avevano detto che dovevi mandare l’erede al trono?), al Governo e ai rappresentanti delle Province Unite.

Cerimonia3

Cerimonia4

Elegante-arrivee_galleryphoto_paysage_std

Willem-Alexander e Maxima nuovi sovrani dei Paesi Bassi

Dicono che Beatrice sia una donna dal carattere difficile, di certo è una che ha saputo farsi da parte scegliendo di andare in pensione, ma in compenso ha avuto la gioia immensa di vedere suo figlio diventare re, di ascoltare emozionatissima e orgogliosa il suo discorso di insediamento e di sentire l’affetto della gente che la rimpiangerà di sicuro perché lei è la nazione. Di sicuro questa donna decisa, che ha saputo imporre le sue scelte (quella di un marito tedesco quando il ricordo della guerra era troppo vicino anche con un drammatico sciopero della fame), che ha ripulito l’immagine della monarchia dopo gli scandali dell’epoca Juliana-Bernard (dalla guaritrice stile Rasputin alle mazzette) e ha sofferto la perdita di un marito molto amato, è anche una mamma affettuosa per i figli e per le nuore con le quali sembra avere un legame particolarmente stretto. Sia con Maxìma accolta a braccia aperte fin da subito che con la sfortunata Mabel (la moglie di Friso, il figlio in coma dopo un incidente sugli sci) a cui ha sempre tenuto stretta la mano. Adesso Beatrice potrà dedicarsi quasi a tempo pieno ai suoi otto amatissimi nipoti (sette bambine e un solo maschio), ma sembra che la tragedia di Friso non sia estranea alla scelta di abdicare.

Vue-generale_galleryphoto_paysage_std

Cerimonia7

Quanto al resto che dire di questo primo pomeriggio indimenticabile – grazie a internet e allo streaming che se dovessimo stare qua ad aspettare la tv di Stato … – e sicuramente emozionante anche da distanza?

Cerimonia

Giuramento

Che le bambine Amalia la nuova principessa ereditaria e le sorelline Alexia e Ariane erano una piccola meraviglia, perfette ed emozionate al punto giusto, ma molto comprese del loro ruolo e vestite in tinta con la mamma e la nonna. Che Maxima era stupendissima e super regale in blu cobalto (e non lo dico solo perché il blu è il mio colore preferito) e zaffiri. Nell’abito il giovane stilista olandese Jan Taminiau (il quale ha già creato per lei modelli abiti, in particolare quello folgorante per la cena di gala che ha preceduto le nozze del principe ereditario del Lussemburgo) ha saputo coniugare uno stile semplice con decorazioni raffinate e la maestosità del cappa con spalline importanti che era un po’ il parallelo del manto di Willem-Alexander. La tiara (dopo tanti si, no, forse, è solo consorte) è la famosa TIARA MELLERIO, fino ad oggi indossata solo dalle regine in carica e che per l’occasione è stata lievemente modificata (grazie ad @Alessandro che me l’ha fatto notare) togliendo l’aigrette di tre brillanti sulla cima (una specie di fiore di giglio stilizzato che forma una punta) e sostituendola con un altro grosso solitario. Realizzato nel 1881 dal parigino Mellerio detto Meller (celebre gioielliere, fornitore delle case reali) questo favoloso diadema, in cui sono incastonati 655 diamanti sudafricani per complessivi 242 carati, è il pezzo forte di una straordinaria parure di zaffiri e diamanti offerta alla giovane regina Emma dal marito re Guglielmo III. Dell’insieme fanno parte, oltre allo splendido diadema, un collier, un devant de corsage e due braccialetti. La tiara (per cui Mellerio usa un disegno del 1867 di un altro gioielliere francese Oscar Massin) ha una base formata da 30 (o 31) zaffiri del Cachemire, incastonati al centro di motivi romboidali e separati tra loro da fiori di giglio stilizzati in diamanti. Il motivo centrale, removibile, composto da un grande zaffiro taglio cuscino (del peso di 44 carati e dall’incredibile color fiordaliso) circondato da diamanti e da due altri zaffiri più piccoli, era una spilla appartenuta alla granduchessa Anna Pavlovna, moglie di Guglielmo II. La fila dei motivi romboidali è sormontata da sottili steli realizzati con la tecnica delle papilles tremblantes. Questi steli a loro volta hanno sulla punta ventotto enormi solitari che tremano al minimo movimento della testa creando un effetto molto particolare. La regina Emma lascia la preziosa parure direttamente alla nipote Juliana, infatti la regina Wilhelmina non porterà mai il diadema ma, considerandolo troppo pesante, verso il 1928 fa sostituire la montatura in oro con una più leggera in platino. Juliana e Beatrice useranno spesso questi magnifici gioielli, ma la seconda eviterà di indossare i tutti insieme i pezzi della parure. Nel 2004 Mabel Wisse Smit per le sue nozze con Johan Friso, secondo figlio di Beatrice, porta una versione semplificata e ridotta della tiara di zaffiri e diamanti. Mellerio ha fornito infatti anche una “armatura” più piccola e leggera, una specie di scheletro al quale possono essere incastonati singoli brillanti in gradazione a formare un gioiello piccolo, elegante e semplicissimo che Mabel ha riutilizzato anche ieri sera per la cena di gala. L’acconciatura di Maxima ha messo splendidamente in evidenza, in tutti i suoi dettagli, il diadema che invece fra i capelli cotonati di Beatrice finiva un po’ con lo sparire. La modifica, cioè l’eliminazione dell’aigrette con i tre diamanti ha reso il diadema più simile a una corona.

 per il resto, ospiti eccellenti, outfit, parenti, varie ed eventuali vi rimando a domani… e intanto i video

la cerimonia

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=n-k5fvasVqg

la crociera sui canali

http://www.youtube.com/watch?v=cmUWsXDVJr0&feature=player_embedded

Mellerio

Mellerio2

Nelle foto sopra e sotto Juliana con la tiara Mellerio

Staatsieportret_van_prinses_Juliana 

Mellerio3

Mellerio5 

Nelle due ultime immagini potete vedere la modifica 

copyright foto: Hola.com, Getty Imamges, Zimbio, PPE

35aixli

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

558 Commenti

  1. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Marina…ahahah…opera magna! …..magna et omnia!!! ahahah!….comunque ti ringrazio per la collaborazione e il suggerimento….mi state veramente coccolando e lusingando…giuro che appena avrò tempo, mi dedicherò e cercherò ogni spazietto disponibile per portare avanti il progetto, in tempi non troppo lunghi!…intanto buona giornata e buona domenica a tutti!

  2. elettra/cristina palliola ha detto:

    L’emozione nel leggere i vostri scritti mi ha fatto dimenticare di scrivere una cosa…il fatto che @Nicole, si sia trovata in mano , inaspettatamente delle tanzaniti, il fatto che @Alessandro aigrette, le abbia viste nella vetrina di un famoso gioielliere romano, …..dimostra che questa bellissima pietra è rimasta semi-sconosciuta per le ragioni che ho già scritto : il suo recente ritrovamento e riconoscimento e il suo affrancamento da Tiffany….solo ora sta cominciando a conquistare i mercati mondiali…finora era rimasta un po’, come una pietra di nicchia, tanto per esprimermi in modo moderno, anche se, comunque, resta abbastanza rara e ovviamente anche costosa

  3. Ale ha detto:

    @elettra naturalmente mi aggiungo anch’io ai tuoi aspiranti lettori 😉
    d’ora in poi farò attenzione alle vetrine delle gioiellerie per vedere se trovo delle tanzaniti. ma sono più costose degli zaffiri?

  4. Chloe ha detto:

    Flashback sugli orecchini in tanzanite di Maxima … 😉
    Ci chiedevamo se Maxima li avesse indossati prima dell’inaugurazione … sì, ho trovato delle foto che risalgono al novembre 2012, relative al viaggio ufficiale di 5 giorni in Brasile dell’allora ancora coppia ereditaria. Spero il link si apra all’immagine che ho scelto, scorrendo le immagini ce ne sono altre prima e dopo.

    http://www.ppe-agency.com/preview.php?start=30&id=88731&zoektype=2&search=19-11-2012 Brasilia

  5. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Chloe…grazie! Allora abbiamo scoperto che quegli orecchino (e pendente che li completano) Maxima li ha indossati in Tanzania, durante un suo viaggio, in omaggio al paese che la stava ospitando….un gesto molto carino, direi!
    Invece mi sta facendo ammattire l’anello, definito verde-blu dal traduttore, che è comparso ieri, in una fotografia, su VivaMaxima…è un’inquadratura, in cui non si vede bene, ma così a occhio e croce direi che è amazzonite…ha un taglio, fantasia, molto particolare e sportivo, molto usato per questa pietra, come per quasi tutte le pietre dure….l’amazzonite, quindi, è una pietra dura , con questi riflessi, verdi-blu, che tendono al turchese, color del mare,che può presentare piccole striature anche biancastre, non trasparente,con consistenza vetrosa, molto fragile, abbastanza rara che prende il nome dal fatto, che si è trovata, la prima volta , sul greto del Rio delle Amazzoni, probabilmente strappata dalla pietra-madre, dalla forza delle acque e trasportata dalle piene del fiume, ma i cui giacimenti, si trovano a monte……….benchè, il suo nome come si è detto viene dal grande fiume sud-americano, i giacimenti più consistenti di amazzonite, sono in Russia e in Colorado

  6. LadyJane ha detto:

    Maxima è (come sempre) stupenda!!
    Eccola durante la visita ufficiale del presidente francese Hollande; e, a sorpresa, è apparsa anche la principessa Beatrix !!

    http://www.noblesseetroyautes.com/2014/01/dejeuner-au-palais-de-noordeinde-pour-le-president-francais/

  7. Ale ha detto:

    a me invece non sono piaciute neanche un po’ le maniche di maxima …. 🙂
    invece sono ancora una volta meravigliato dalla naturalezza con cui porta i gioielli. qualcuno sa se tutti questi preziosi che potremmo definire minori, anche se letteralmente non lo sono, fanno parte dei gioielli della famiglia reale dei paesi bassi o se sono una proprietà personale della regina? abbiamo visto le tanzaniti e diversi gioielli di acquemarine, queste mi sembrano diverse da quelle mostrate per la visita in spagna o sbaglio?

  8. LadyJane ha detto:

    La spilla di acquamarina e gli orecchini portati da Maxima sono un dono del principe consorte Bernhard alla moglie Juliana in occasione del loro matrimonio nel 1937.
    Della collezione in questa pietra preziosa fanno parte anche la tiara, offerta a Juliana per i suoi 18 anni, una collana con un semplice pendente, una collana più sontuosa, portata da Maxima al matrimonio a Monaco nel 2011, altre paia di orecchini e broches.
    Trovo che la regina Maxima sappia usare i gioielli in maniera fantastica, non delude mai!!

  9. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Ale…per risponderti, perchè so che sotto, sotto, la domanda era rivolta a me, sono andata a rivedere le foto di Maxima, con il vestito celeste e gli orecchini e la grande spilla a goccia: sono acquemarine, quello che invece , mi ha molto meravigliata è che in alcune foto la regina, oltre alla spilla a goccia, indossa vicino, una piccolissima (in proporzione all’acquamarina, ma piccola, non è ) una spilla con uno zaffiro rettangolare, e in altre lo zaffiro è sparito..lo vedete anche voi, o sono io che vedo gioielli anche dove non ci sono?…se lo è perso per strada?…chi l’ha trovato?’ forza fuori lo zaffiro!
    Io credo che questi siano gioielli privati della regina, non mi sembra che siano apparsi prima dell’inaugurazione…la grande goccia la indossava anche in Spagna, nel suo primo viaggio da regina
    @Ale…ti rispondo qui ache per l’altro post….sono triste, perchè comunque, mio padre non c’è più, ma serena perchè è finito un calvario e voglio dimenticare questi ultimi mesi strazianti ….e poi ho la tranquillità e la consapevolezza di aver fatto tutto quello che potevo fare…altro, non era in mio potere….io credo, che lui sia morto piano piano dentro di me, un pochino al giorno, ogni volta che faceva un passo indietro e si rendeva sempre più dipendente…alla fine c’è stato solo un distacco fisico, perchè quello mentale era avvenuto piano piano….pensa che erano almeno 8 mesi che non mi riconosceva più

  10. nicole ha detto:

    Bellissima stoffa e colore.. Ma le maniche.. Tutta sua suocera ..
    Bellissimo abbinamento con colori degli accessori …. ma le maniche ..

    • Dora ha detto:

      @ nicole
      quel tipo di maniche sembra garbare molto a maxima, non so se ti ricordi il vestito completo di fagiano indossato per le nozze di guillaume e stephanie…
      inoltre mi sembra che ne abbia anche un modello rosso…

  11. Alessandro (Aigrette) ha detto:

    @Ale, ha ragione LadyJane, le acquamarine sono in casa olandese da più di qualche anno e sono le stesse che Maxima ha portato scendendo dall’aereo in Spagna (differenti solo gli orecchini e la spilla in brillanti che sostiene la grande goccia). Beatrice le ha sfoggiate molto e pare siano di gradimento anche della nuova regina.
    Non ci resta che aspettare domani… ma è domani giusto?

  12. nicole ha detto:

    Elettra carissima! sai esprimere con molta lucida consapevolezza ed equilibrio quello che succede in certe situazioni.
    Hai ragione ..è proprio il nostro cervello, inteso nella sua componente emozionale,che ci aiuta( se ci facciamo aiutare, ovvio!)
    Il proverbio che dice ” aiutati che il ciel ti aiuta”, è un modo di dire piu grossolano, più tagliato con accetta ..ma vuol dire che siamo noi che abbiamo le risorse dentro e le risorse sono innumerevoli se vogliamo e/o possiamo vederle. Un abbraccio

  13. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Nicole…grazie…un abbraccio anche a te!

    @Ale…scusa! ho preso un granchio!…mi ricordavo della tiara di acquemarine, ma non del resto…grazie ad @Alessandro aigrette e a LadyJane, per aver chiarito

  14. Ale ha detto:

    grazie a tutti per le risposte sui gioielli, non si smette mai d’imparare!!!
    @elettra è capitata una cosa molto simile con mio nonno, il cui calvario per fortuna è durato “solo” sei mesi (e ha vissuto praticamente 90anni in pace senza problemi), un paio di anni fa. è una cosa terribile a cui assistere ma giorno per giorno ti abitui che quella persona c’è sempre di meno e quando giunge la fine, almeno parlo per me, sei triste ma anche sollevato perché ti rendi conto che almeno hanno finito di soffrire.

  15. Chloe ha detto:

    @elettra – Sai che non ci avevo fatto caso? Ho notato adesso la piccola spilla-zaffiro … che sì, hai ragione, in certe foto c’è … e in altre non c’è! L’unica cosa che ho notato è che nelle foto all’esterno non compare, mentre appare in quelle al chiuso con Hollande … non so … può essere un regalo per l’occasione?!? Il mistero s’infittisce!

    • Chloe ha detto:

      … ma nelle foto al chiuso quella spilla compare anche all’occhiello della giacca di W-A e Hollande … Le foto che ho visto sono tutte da lontano e un po’ sfocate …

  16. Chloe ha detto:

    PS: Per quanto riguarda gli orecchini indossati da Maxima lunedì, le pietre sono probabilmente intercambiabili: questa volta c’è un’acquamarina, ho trovato una foto degli stessi orecchini, con pendente diverso.

    http://vivamaxima.centerblog.net/11686-boucle-oranges

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Eheheheheh si sa questi olandesi sono parsimoniosi e quindi i gioielli sono smontabili per essere portati in molti modi diversi… Scherzo! Molti gioielli storici sono così e devo dire che come Chloe mi diverto molto a scovare le differenze. In questi giorni non posso, poi vi spiego, cioè no vi spiego subito tanto chi mi segue anche su FB lo sa. Sono Parigi – alt prima di dire che fortuna tenete presente che ho un raffreddore epocale e qui piove e ho i capelli che sembro una strega – per Cartier e per la mostra sulle sorelle di Napoleone. Della serie deciso e partita anche se giuro mai più cuccetta. Giuro!

  17. Alex ha detto:

    @ Elettra ho letto solo ora del decesso di tuo padre; ti invio le mie condoglianze per questa perdita e soprattutto per il distacco graduale che hai vissuto, che immagino sia stato triste e doloroso.

  18. elettra/cristina palliola ha detto:

    Grazie, @Alex…siete stati tutti molto cari..stiamo diventando una grande famiglia…condividiamo, con emozione sincera il bello e il brutto della vita di ognuno di noi

  19. paola (baldanzi) ha detto:

    ma Maxima si è fatta il botulino oppure è stata “photoshoppata”?

    http://www.newmyroyals.com/2014/02/dutch-royal-family.html

    sono una sua fan, ma in queste foto la trovo eccessivamente appesantita e troppo “lisciata”

  20. Rollone il Pedone ha detto:

    Quelle si fanno TUTTE il botulino, purtroppo, starebbero meglio naturali con qualche ruga in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi