Colin Firth, Giorgio VI e "Il discorso del re" su Canale 5

DiscorsodelRe

Stasera – 13 marzo 2013 – anche se avete altre cose da fare cambiate programma. Questo film è imperdibile e non solo se amate i royal. E’ una delle pellicole più belle, meglio recitate e dirette degli ultimi anni. Per non parlare della scenggiatura, dei dialoghi, della fotografia, dei costumi. Canale 5 alle 21 e 15 circa.

Duca di York, secondogenito di re Giorgio V, Albert detto Bertie è afflitto fin dall’infanzia da una grave forma di balbuzie. Il che in fondo non sarebbe un problema grave se non fosse per l’abdicazione del fratello Edoardo VIII e l’inattesa ascesa al trono. Figlio di un padre anaffettivo e di una madre severissima, ma genitore amorevole ed amatissimo delle sue bambine, Elisabetta (futura Elisabetta II) e Margaret Rose, sposato ad una donna gentile, comprensiva ed intelligente, Bertie convive con le sue difficoltà fino a quando non è costretto suo malgrado a parlare in pubblico. E poi dentro ai microfoni della radio, il nuovo media di successo degli anni Trenta. Bertie è inchiodato dalla balbuzie e da una complessata inferiorità di fronte allo spigliato fratello maggiore David. Le esitazioni, i prolungamenti di suoni, i continui blocchi silenti impediscono a Bertie di esprimersi adeguatamente ed generano in lui una sensazione di impotenza. Sostituito il corpo con la viva voce, il re deve rieducare la balbuzie, buttare fuori le parole e trovare una voce. Lo soccorrono la devozione di sua moglie e le tecniche poco convenzionali di Lionel Logue, logopedista di origine australiana. Sarà con il discorso dell’entrata in guerra dell’Inghilterra contro la Germania che Bertie supererà definitivamente l’ostacolo.
Il regista britannico Tom Hooper si concentra sul vissuto interno del protagonista, rivelando le conseguenze emotive del disagio nel parlato ai tempi della radio e in assenza del visivo. Il discorso del re non si limita però a drammatizzare la stagione di vita più rilevante del nobile York e relaziona un profilo biografico di verità con un contesto storico drammatico e dentro l’Europa dei totalitarismi, prossima alle intemperanze strumentali e propagandistiche di Adolf Hitler. Non sfugge al re sensibile di Colin Firth e alla regia colta di Hooper l’abile oratoria del Führer, che intuì precocemente le strategie di negoziazione tra ascoltatore e (s)oggetto sonoro, il primo impegnato nel tentativo di ricostruire l’immagine della voce priva di corpo, il secondo istituendo un rapporto di credibilità se non addirittura di fede con la voce dall’altoparlante.

Come previsto Il discorso del re è stato premiato con una pioggia di Oscar (Colin Firth, miglior film, sceneggiatura) e in effetti questa volta lo star system ha riconosciuto il valore di una pellicola davvero suggestiva, intima, priva di quegli effetti speciali che oggi fanno il successo del cinema, ma davvero enormemente coinvolgente ed emozionante.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

111 Commenti

  1. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ciao marina
    ho visto i trailers e sembra molto interessante
    andrò:-)

    avete letto delle riveloazioni orride sul funerale di lady D uscite oggi su repubblica riguardanti il libro dell’assistente di T Blair, che rivela che il funerale con corteo di figli etc… fu voluto proprio dal 1 ministro x le minacce e le paure che carlo venisse assalito…. durante la cerimonia… e che i principini non erano tanto concordi soprattutto william era silenzioso e in pieno dolore…e rabbia contro i media!!!

    orrore dopo 13 anni ancora massacrano loro e noi ( e lei) con queste storie…ma chi li paga i repubblicani inglesi????
    uffa

    ah mia madre sta vedendo le foto a cui mancano i nomi del matrimonio di atene e presto potrebbe avere ricordi validi
    kiss
    j

  2. Angie ha detto:

    Peccato che, a causa di una strana “malattia”, non posso entrare in una sala cinematorgafica. Dorvrò per forza aspettare di avere un DVD a casa. Mi accontenterò dei commenti che farete dopo aver visto il film.

  3. jacopoamedeo moretti ha detto:

    cio marina…
    avete visto ieri sera su La 7 c’era Valmont….. con un giovanissimo colin Firth…e Annette Benning (reduce dall oscar..:-) film a parte….(la copia tragicomica delle relazioni pericolose)…. gli ambienti erano proprio un sogno…:-)))

    buona giornata!!!
    j

  4. Musidora ha detto:

    Imperdibile! L’ho annunciato qualche settimana fa a mio marito e non mancheremo all’appuntamento.

  5. extramamma ha detto:

    Sai che l’ho visto proprio ieri questo film e mi ero ripromessa di scrivertene?
    Che coincidenza! E’ semplicemente meraviglioso.
    Gli interpreti sono veramente bravissimi, tutti.
    Uno dei miei pezzi preferiti è quando le bambine reali, Elisabetta e Margareth fannno l’inchino al padre appena incoronato!

  6. marina ha detto:

    comincio dalla fine
    @ Patrizia (extramamma) ma dai! sei andata ad una anteprima per la stampa perché so che esce il 28, donna fortunata! Colin è bello anche lì nel manifesto, pensa te dal vivo. L’ho sempre trovato sprecato per quella antipatica della Zelleweggher (si scrive così?) che fa Bridget Jones. Non vedo l’ora di vederlo il film, ma non è che ci anticipi una piccola tua recensione?
    @ jam io direi che basta con il funerale di lady D., ho letto un articolo francese, poveri figli lasciamo in pace almeno loro;
    @ Angie ti racconteremo;
    @ Musidora aspettiamo le tue impressioni e magari anche quelle del marito

  7. jacopoamedeo moretti ha detto:

    brava concordo….. è terribile…. ma su repubblica incalzano con le notizie delle nuove rivelazioni e guarda caso proprio a poco dal matrimonio….. aspettiamoci atttacchi alla monarchia.!!!
    proteggiamoli!!!!

    sono un po chioccia!!!

    haha
    j

  8. jacopoamedeo moretti ha detto:

    saltando di palo in frasca….. avete visto che meraviglia la ricostruzione che il gioielliere Horowitz ha fatto ….. del Toson d’oro di Luigi XV (di francia) ???

    una cosa degna del louvre direi….!!!
    j

  9. marina ha detto:

    @ jam se penso agli sguardi dei due ragazzini il giorno del funerale mi viene una tristezza e quel cesto di fiori con il biglietto con su scritto Mommy, uno strazio.
    visto visto il toson d’oro, bellissimo!

  10. jacopoamedeo moretti ha detto:

    beh facciamo una cosa….
    il film su giorgio VI esce il 28
    decidiamo tutti del blog(interessati ovvio) di andarci la stessa sera…..( ovunque ci troviamo) così poi la mattina dopo ognuno scrive la sua…potrebbe essere divertente,…. a caldo !!!
    che ne dite???
    j

  11. marina ha detto:

    @ jam l’idea non è male, ma io vado il 31 che è il giorno del compleanno del consorte e ci regaliamo cena+cinema. magari facciamo che si commenta tutti quanto prima. a proposito di film storici l’avete visto quello sulla giovane regina Vittoria?

  12. sisige ha detto:

    Si l’ho visto, mi è piaciuto ! Vittoria è stata una donna fortunata ad avere un matrominio d’amore in un periodo nel quale i matrimoni erano meri accordi tra famiglie. E’ difficile immaginarsi quella che poi sarebbe stata l’ispiratrice del ”vittorianesimo” (cioè tutta puritana e moralista) nella donna che il film fa vedere, cioè una donna innamorata e sensuale.
    Non vedo l’ora di vedere il film su Giorgio VI. Bacioni !

  13. jacopoamedeo moretti ha detto:

    regina vittoria??no quando dove ….coem si chiama?!?!
    aiutoooo me lo sono perso!!!
    🙂 dimmi tutto!!
    oppure andiamo tutti il 31 !!!

  14. sisige ha detto:

    Ma dai Jacopo, come hai fatto a perderlo! Oddio, non è che se ne è sentito parlare tanto, pero’…

    http://www.comingsoon.it/Film/Scheda/Trama/?key=40202&film=The-Young-Victoria

  15. Musidora ha detto:

    Avete sentito che finalmente Georg Friedrich di Prussia si è fidanzato? La prescelta è Sophie von Isenburg (cognata dell’Arciduca Martin d’Austria, tra l’altro), sua amica d’infanzia con cui aveva avuto fa una storia diversi anni fa. Si sposeranno quest’anno e credo che così la spinosa questione ereditaria prussiana avrà un termine.

  16. marina ha detto:

    @ sisige lo devo prendere allora, per una serata solitaria. la settimana scorsaho visto un documentario dvd su un personaggio interessantissimo del quale vi parlerò;
    @ jam dal 28 commento libero;
    @ Musidora si ho visto anche la foto dei due, ma lei non assomiglia affatto alla moglie di Martin. non ne ho fatto un post perché ci sono personaggi che in Italia sono quasi sconosciuti (quindi brava che lo conosci sei vera esperta dei roya 😉 ), però la storia degli ultimi Hohenzollern, con relativi casini, è interessante, magari ne farò un post;

    Come avrete letto il film è in corsa per 12 Oscar e dicono sia proprio bello e quindi vi confermo che aspetto tutte le vostre recensioni/impressioni non appena lo andrete a vedere. VI ASPETTO NUMEROSI!
    Ecco il link al trailer http://www.comingsoon.it/Film/Scheda/Video/?key=47963|5524 che ho visto proprio adesso e … si insomma io non faccio molto testo perché adoro i film in cui i buoni vincono e sono coraggiosi e intrepidi, però mi sono venuti i brividi, è davvero coinvolgente. il trailer almeno. e lui Colin (oltre ad essere un bello) è anche bravissimo.

  17. paola ha detto:

    anch’io mi sono persa il film su Vittoria, cercherò di rifarmi con questo su Giorgio VI!
    anni fa lessi un’intervista a Maria Josè in cui parlava proprio della terribile balbuzie del futuro Giorgio VI e di come guarì grazie alla moglie Elizabeth. Maria Josè la giudicava una donna formidabile che aveva fatto superare al marito tutte le sue insicurezze.

    @Sisige, è vero la regina Vittoria era una donna molto sensuale, per niente “vittoriana” 😀 Era innamoratissima del marito che, temo, non la ricambiasse al 100%, ma lei non dubitò mai di lui e dopo la morte ne fece addirittura un idolo con tutte le virtù! (naturalmente questo non le impedì di consolarsi con il “gillie” John Brown, credo che gli stallieri e affini siano sempre stati una grande risorsa x regine e principesse bisognose di conforto 😀 :D)

    M. Paola

  18. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ciao musidora
    non sapevo del prussiano…. dici che avrà un lieto fine la questione ereditaria???? mmmm mi sa che la guerra delle aquile è solo all’inizio…ma speriamo… da una parte avrebbero ragione i 1° geniti viste le tante novità… degli ultimi decenni…. ma x altro la tradizione…!! boh!?!!?
    certo staranno bene cmq!!:-)
    ben x loro

    ma la ysembourg di chi è figlia…???

    kiss
    j

  19. sisige ha detto:

    Visto il film, molto molto carino. Non aspettatevi un film storico perchè gli argomenti storici sono appena accennati. La vicenda si incentra sui problemi di balbuzie del neo re trattati dallo strepitoso dott.Logue. Colin Firth è davvero bravissimo, anche se – come diceva Marina – non somigliante. Abbastanza fedele l’attrice che fa the Queen Mother, orribile quella che recita nella parte di Wallis Simpson…sembra un uomo ! AHAH Vedetelo ! ciao a tutti

  20. Laura ha detto:

    Visto ieri . Un bel film e ottima la ricostruzione dei luoghi e dei costumi. Mi aspettavo diversa la parte relativa all’abdicazione di Edoardo-David perche’ ricordo di avere letto che Bertie-Giorgio era assolutamente disperato e ripeteva “non puoi farmi questo” in quanto non voleva assolutamente diventare re mentre nel film non appare poi cosi’ dispiaciuto. Elisabetta e’ incredibilmente somigliante mentre Bertie non lo e’ affatto. Comunque e’ il bellissimo film e gli attori sono tutti straordinari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi