Royal baby in arrivo, Kate è ufficialmente in attesa

Britain Royals

Visto alla fine era vero? Catherine duchessa di Cambridge aspetta un bambino. La notizia è stata diffusa oggi pomeriggio – 3 dicembre – attraverso il sito della Royal Monarchy e a quanto pare sono tutti molti felici: The Queen, The Duke of Edinburgh, The Prince of Wales, The Duchess of Cornwall and Prince Harry. Impossibile a questo punto nascondere la notizia visto che Kate oggi pomeriggio è stata ricoverata al King Edward VII Hospital nel centro di Londra per “Hyperemesis Gravidarum” in pratica nausee molto intense e vomito. La nota ufficiale della Royal House precisa che la gravidanza è nelle prime settimane e Sua Altezza Reale la duchessa di Cambridge resterà in ospedale per diversi giorni, poi necessiterà di un periodo di riposo.  Il bambino – o la bambina – dovrebbe nascere a luglio e sarà il primo nipote del principe di Galles e dei signori Middleton e il terzo pronipote della regina Elisabetta che con questo felice annuncio chiude davvero alla grande l’anno del suo Giubileo di Diamante.

prince-william-hopital2_reference

Il principe William mentre esce dall’ospedale Edward VII di Londra, tempi duri si annunciano per la coppia che o resta nascosta o rischia davvero l’assalto mediatico, ma fa parte del gioco. Come dice la nostra amica Laura Cardia, essere erede al trono non è una professione, ma una condizione quindi niente week end e privacy, ma impegno e attenzione 24h.

kind-edward-vii-_reference

per chi fosse a Londra e volesse fare un saluto, l’ospedale è questo.

******

Qui sotto il post del 20 novembre

La notizia si sta diffondendo con una grande velocità: Kate potrebbe essere in dolce attesa. Ma a quanto dicono i tabloid britannici la Casa reale vorrebbe aspettare il mese di dicembre per l’annuncio ufficiale, molto atteso dalle favolose nozze del 2011. A rivelare il “dolce segreto” è stata un’intima della futura mamma Jessica Hay che, le cose sono due: o è già una ex cara amica o ha spifferato tutto su commissione, cioè con il consenso della diretta interessata. Miss Hay – compagna di scuola di Kate e naturalmente presente alle nozze – ha aggiunto che la duchessa di Cambridge è un po’ ingrassata ultimamente e le avrebbe confidato la sua grande voglia di fondare una famiglia. La futura regina inoltre sarebbe più felice di avere prima un maschio e poi una bambina, ma sa già che i suoi figli saranno al massimo quattro. 

Insomma diciotto mesi dopo il matrimonio, compiuti tutta una serie di doveri di rappresentanza in giro per il mondo, archiviati il Giubileo di Diamante di Elisabetta II e le Olimpiadi, la coppia felice pare abbia finalmente messo in cantiere l’attesissimo erede. Una notizia ancora da confermare, ma si aggiunge a quella recentissima del prossimo abbandono da parte di William della sua carriera nella Raf in modo da poter essere coinvolto in modo maggiore nei doveri di rappresentanza. Fra l’altro a breve la coppia traslocherà nel nuovo appartamento di Kensington Palace.

Il o la pronipote della regina, terzo o terza nella linea di successione al trono. La gioia per un lieto evento da molti auspicato è un po’ moderata da una questione, come dire, tecnica. In Inghilterra le donne ovviamente possono salire al trono e questo non da ieri – la prima regina regnante è stata Maria Tudor  nel 1553 – ma in una stessa linea il maschio prevale sempre anche se minore di età. L’esempio pratico è che fra gli aventi diritto al trono Anna, la principessa reale, secondogenita di Elisabetta viene dopo i fratelli minori Andrea e Edoardo. Del cambiamento si sta discutendo, ma la faccenda pare molto complicata anche perché tutti i paesi del Commonwealth dovranno dare il loro formale assenso. Tutta la storia la trovate qua.

E come mi hanno ricordato Elettra e Ale oggi Elisabetta II e il principe Filippo duca di Edimburgo festeggiano 65 anni di matrimonio. Un record assoluto per la monarchia inglese.

A proposito, William e Kate hanno anche un nuovo sito pieno di foto e notizie.

MarioTestino

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

218 Commenti

  1. elettra ha detto:

    @Ale…@Laura, le vostre conoscenze vanno molto in là, nel tempo…le mie si fermano al 1600, però, per certo so che il mio cognome (che non è quello con cui compaio su FB) è di origine latina, anzi è un plurale neutro di un oggetto, che si dice fosse concesso, nell’antica Roma, come segno di riconoscenza, agli schiavi di origine greca liberati, che si erano distinti per meriti particolari…ancora oggi, figura sui vocabolari di latino e siamo in pochissimi a portarlo e quei pochi, siamo tutti parenti
    @Marina scusa questo OT

  2. marina ha detto:

    allora sempre in tema di royal baby, ieri è nata a Parigi una bimba, la figlia di Aimone di Savoia-Aosta e Olga di Grecia. Questa terza gravidanza è stata avvolta nel più stretto riserbo, ma… vi devo confessare una cosa. Non sono stata una brava giornalista 🙁 lo sapevo da una ventina di giorni e sono stata pregata di non scrivere nulla. ci ho pensato su un po’, una notizia è sempre una notizia, ma alla fine ho deciso per il no e non perché avessi un qualche impegno da rispettare, in fondo la persona che me l’ha detto sapeva benissimo di parlare con una giornalista – anche perché gli stavo appunto chiedendo un appuntamento per una intervista con il duca Amedeo – e a un giornalista NON dici cose che non vuoi vengano risapute. ho deciso per il no perché sono un po’ scocciata da tutta questa situazione e non volevo dare ulteriore risalto a persone che stanno facendo molto le preziose.
    giusto, sbagliato, non lo so. ad ogni modo da ieri Umberto e Amedeo hanno una sorellina.

  3. marina ha detto:

    il post sulla nascita di Umberto lo trovate qua
    http://www.altezzareale.com/2009/03/08/storie-reali/fiocco-azzurro-in-casa-savoia-aosta-e-nato-umberto-il-figlio-di-aimone-e-della-principessa-olga-di-grecia/

    ps cioè preciso non è che i duchi di Aosta non abbiamo il diritto di rifiutare un’intervista, ma almeno dire “no grazie” sarebbe cortese e chiuderebbe la faccenda. invece mi sento un po’ presa in giro, specie dall’entourage…

  4. Ale ha detto:

    @marina che notizia! non ne sapevo nulla, hanno veramente mantenuto il segreto, chissà come mai. in effetti con te amedeo sta facendo proprio il prezioso e contemporaneamente una pessima figura, devo riconoscere che mi ha deluso, non me lo aspettavo. umberto ti avrebbe accolto a braccia aperte, ma d’altra parte signori si nasce! per quello che conta hai tutta la mia solidarietà, che antipatici quelli dello staff, mi auguro che sia soprattutto colpa loro.
    però almeno c’è una bella notizia abbiamo una nuova principessa italiana 🙂

  5. Ale ha detto:

    @marina hai comunque fatto uno scoop! sul web non ho trovato nessuna notizia della nascita, neanche sul sito degli aosta.

  6. elettra ha detto:

    @Marina…io credo che tu hai fatto benissimo a comportarti come hai fatto…se l’entourage voleva che tu mantenessi il segreto, hai fatto capire che sei una persona affidabile, se invece ti hanno fatto questa confidenza per metterti alla prova, hai fatto capire che sai come si deve comportare un giornalista che ha una buona deontologia professionale…..sicuramente non c’hai perso nè come giornalista, nè come donna….una cosa però mi chiedo…perchè tanta riservatezza…la nascita di un bimbo è sempre una bella notizia e neanche è una cosa che dopo i nove mesi canonici, si può nascondere…tanti auguri alla piccola principessa Savoia….quale sarà il nome?…si andrà a cercare nella linea materna o paterna?Sono curiosa!
    Se fossimo in tempi in cui i matrimoni erano combinati, potremmo pensare alla piccola, come una futura regina di Danimarca, poichè Cristiano, per il momento è il solo erede al trono maschio…oppure andare a cercare nei comuni vicini, ma già abbastanza lontani , in termini di parentela, cugini greci….sto un po’ volando con la fantasia

  7. Alex ha detto:

    Tutto in segreto, non se ne capisce proprio il motivo; mi fa piacere di questa terza nascita e sono curioso per il nome, Elena, Isabella, Margherita, Francesca? Per quanto riguarda questo comportamento mi sono già espresso e se non vogliono farsi intervistare e non hanno nemmeno risposto un “no grazie” pazienza, peccato perchè sono loro ad averci perso di immagine, almeno con lei Marina e con noi del blog. Credo sia stata una scelta giusta non pubblicare nulla sulla nascita se le avevano chiesto di non farlo, ma, visto che il lavoro del giornalista è riportare le notizie, sarebbe stato meglio che il suo contatto non l’avesse detta affatto.

    Alessandro

  8. Dora ha detto:

    l’unico motivo che mi viene in mente di tanto riserbo è che ci sia stato qualche problema… 🙁

  9. Laura ha detto:

    @ Marina tu hai fatto come sempre la scelta giusta. Naturalmente tutti hanno il diritto di mantenere il riserbo che ritengono opportuno, ma forse in questa famiglia si esagera un po’. Sono andata a rivedere il sito di Croce reale e ho notato che l’ultimo comunicato “recente” risale ad oltre un anno fa !!!
    Non mi pare che queste persone della segreteria del duca siano poi cosi’ oberati dal lavoro da non potere dare una risposta scritta alla richiesta di una giornalista !

  10. Ale ha detto:

    dal sito ufficiale di casa savoia ancora niente, tutto tace.
    @elettra @alex aimone e olga ai loro figli hanno dato nomi dal forte valore simbolico, umberto e amedeo non sono certo dei nomi scelti a caso tra quelli degli antenati. secondo me è probabile che scelgano un nome che susciti bei ricordi agli italiani, personalmente sceglierei margherita ma anche elena sarebbe un’ottima scelta, in quanto ricorderebbe sia la regina che la duchessa d’aosta. però quest’ultimo nome è già stato usato dalla sorella mafalda per la sua ultimo genita, quindi è difficile che ci siano due cugine con lo stesso nome.
    @elettra non avevo pensato al fatto che con questa storia abbiano messo alla prova marina, mi pare molto plausibile come cosa. in effetti è strano andare a fare una confidenza simile a una giornalista che si occupa di reali e chiederle di non andare in giro a raccontarlo ….. devo confessare che anch’io ho volato con la fantasia per futuri matrimoni (improbabili), la butto così e se kate avesse un maschietto?
    @dora ci ho pensato anch’io, data l’età di olga di grecia (1971) che non è proprio la migliore per avere dei figli. speriamo che sia andato tutto bene, se anche non fosse la vedo dura a mantenerlo nascosto e per di più non ne vedo il motivo.

  11. Laura ha detto:

    Dimenticavo : nel sito Croce reale tanto per essere di attualita’ c’e’ un messaggio di auguri natalizi … ma attenzione si riferisce al Natale 2008 !

  12. paola (baldanzi) ha detto:

    @Ale, forte la storia della tua famiglia! com’è fatto lo stemma?

    non c’entra affatto essere sbruffoni, ognuno racconta un po’ le proprie storie. per es. la mia famiglia è super-proletaria, mentre quella del mio compagno è aristocratica (avevano feudi nel meridione). Lui vorrebbe che ci sposassimo anche perchè così io diventerei Nobildonna, ma non baronessa perchè lui è il secondogenito, quindi è solo nobiluomo e non barone (se ho capito bene!). Evidentemente lui ci tiene molto, a me questa cosa invece fa un po’ ridere, ma capisco che siano valori familiari importanti per un certo tipo di famiglie (comunque per il momento non lo sposo, perchè ha un temperamento un po’ prepotente 🙂 anche ieri gli dicevo che è un aspetto forse dovuto al fatto che loro nei secoli sono stati abituati a comandare, ma ora i tempi sono un po’ cambiati, almeno dalle mie parti)

  13. paola (baldanzi) ha detto:

    ho guardato, ma brevemente, sul web e non ho trovato annunci di questo fiocco rosa in casa Aosta, anch’io sono curiosa sul nome… poi perchè li fanno nascere tutti all’estero?

  14. Laura ha detto:

    L’unico altro blog dove appare la notizia e’ questo e credo che l’abbia presa da qui o dalla pagina FB di AR.

    http://royalmusingsblogspotcom.blogspot.it/

    L’autrice e’ una bibliotecaria che vive in Virginia e ho evidentemente accesso agli archivi dei quotidiani statunitensi perche’ il suo blog riporta soprattutto notizie d’epoca.

  15. elettra ha detto:

    @Ale…devo dire che a Margherita non avevo pensato…Elena sì, l’avevo presa in considerazione perchè , oltre a ricordare la nostra regina, viene sia da parte Orleans, sia da parte Aosta, sia da parte greca….ho pensato pure a Irene , Francesca, Isabella, Sofia….direi che Elena raccoglie un po’ tutto…quando si saprà?..sono curiosa!

  16. Dora ha detto:

    o perchè no anche mafalda o bianca.
    @elettra appunto. non c’è niente da tenere nascosto e non capisco tutto questo riserbo
    @ Paola b.
    penso che parigi sia una via di mezzo tra la scandinavia/russia (lavoro di lui), lavoro di lei (mi sembra moda (ma dai!)) e l’italia. una donna incinta non la puoi far partorire in un posto “solo” perchè ha un forte valore simbolico. o forse sì?

  17. marina ha detto:

    grazie a tutti, avete capito il dilemma 🙂
    credo che i bambini siano nati tutti a Parigi semplicemente perché è là che vivono i genitori di lei, Olga, e ecco sinceramente al di là di tutte le considerazioni dinastiche penso che una donna voglia soprattutto avere accanto a sé, in un momento del genere, la sua mamma. lo dico non avendo figli, quindi chiedo alle mamme presenti la loro opinione. comunque la notizia c’è anche sul sito dell’umi, http://www.monarchia.it dove generalmente vengono anche pubblicate foto in esclusiva.

  18. Anna ha detto:

    La famiglia d’origine di mia madre, così come altre famiglie del suo stesso paesino, situato nell’entroterra napoletano, hanno ricevuto qualche anno fa da una contessa novantenne che viveva lì da piccola con la sua famiglia, lo stemma che li rappresentava.
    Marina ho provato a fare anche qualche ricerca in rete su questa famiglia di Nobili(presunti Conti di Caravita),ma non trovato niente. Le uniche informazioni che ho, sono ricordi legati ai racconti di mia nonna, che parlava di questa famiglia con un rispetto ed un’ammirazione non comune.

  19. Matteo ha detto:

    @Anna: si riferisce alla famiglia che porta il cognome Caravita (oggigiorno Marchese Don Giuseppe Caravita, Principe di Sirignano e Patrizio Napoletano è il capofamiglia)? Un tempo i Caravita erano anche i Duchi di Toritto.

  20. jacopo amedeo moretti ha detto:

    salve a tutte/i

    cara marina, ho letto al volo
    condivido la scelta del silenzio… non solo per la deontologia etc etc etc… che poi viene riconosciuta solo a tempo e comodo da coloro che ne usufruiscono…
    ritengo… cmq che i Savoia-Aosta, stiano ormai prendendo una piega che personalmente non amo.
    Dovrebbero mantenere quel minimo di attaccamento e dignità di rango, rappresentativo, visto che sono gli unici savoia rimastici in linea maschile ( tranne i villafranca soissons, che dal 1888 non sono più dinastici e fanno vita totalmente privata senza alcun tipo di contatto con aristocrazie varie) quindi in funzione di questo e delle varie battaglie legali e non gli aosta sono la famiglia reale d’italia.

    Si comportano come se veramente non gl’ìimportasse e soprattutto Ajmone è ASSENTE totalmente … se si tolgono delle sparute apparizioni in circoletti che ormai fanno solo cenette di provincia per gli associati. direi vergonga e mancanza di senso del “dovere” dinastico, della storia da perpetrare…e se non lo fanno loro … ma chi diamine dovrebbe???

    i parma lo fanno i 2 sicilie.. beh…. no comment
    i “modena” pure no comment insomma che ci piaccia o no loro abbiamo e loro sono e lo sanno!!! perché tutto questo?
    perché non hanno più un soldo ??? beh mica debbono tirare fuori i soldi per essere quel che sono dovrebbero esserlo e basta…

    vabb mi fermo perché sento il veleno uscire… e siamo a NAtale facciamo finta di essere buoni
    per altro… gli nasce una figlia ad una settimana dal 21/12/12 potevano giocaarsi sta carta…. se MAYA avessero ragione uscivano col botto:-)) vabbè è una battuta:-))

    kiss a tutti e se non ci troviamo qui…auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    jam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi