Royal baby in arrivo, Kate è ufficialmente in attesa

Britain Royals

Visto alla fine era vero? Catherine duchessa di Cambridge aspetta un bambino. La notizia è stata diffusa oggi pomeriggio – 3 dicembre – attraverso il sito della Royal Monarchy e a quanto pare sono tutti molti felici: The Queen, The Duke of Edinburgh, The Prince of Wales, The Duchess of Cornwall and Prince Harry. Impossibile a questo punto nascondere la notizia visto che Kate oggi pomeriggio è stata ricoverata al King Edward VII Hospital nel centro di Londra per “Hyperemesis Gravidarum” in pratica nausee molto intense e vomito. La nota ufficiale della Royal House precisa che la gravidanza è nelle prime settimane e Sua Altezza Reale la duchessa di Cambridge resterà in ospedale per diversi giorni, poi necessiterà di un periodo di riposo.  Il bambino – o la bambina – dovrebbe nascere a luglio e sarà il primo nipote del principe di Galles e dei signori Middleton e il terzo pronipote della regina Elisabetta che con questo felice annuncio chiude davvero alla grande l’anno del suo Giubileo di Diamante.

prince-william-hopital2_reference

Il principe William mentre esce dall’ospedale Edward VII di Londra, tempi duri si annunciano per la coppia che o resta nascosta o rischia davvero l’assalto mediatico, ma fa parte del gioco. Come dice la nostra amica Laura Cardia, essere erede al trono non è una professione, ma una condizione quindi niente week end e privacy, ma impegno e attenzione 24h.

kind-edward-vii-_reference

per chi fosse a Londra e volesse fare un saluto, l’ospedale è questo.

******

Qui sotto il post del 20 novembre

La notizia si sta diffondendo con una grande velocità: Kate potrebbe essere in dolce attesa. Ma a quanto dicono i tabloid britannici la Casa reale vorrebbe aspettare il mese di dicembre per l’annuncio ufficiale, molto atteso dalle favolose nozze del 2011. A rivelare il “dolce segreto” è stata un’intima della futura mamma Jessica Hay che, le cose sono due: o è già una ex cara amica o ha spifferato tutto su commissione, cioè con il consenso della diretta interessata. Miss Hay – compagna di scuola di Kate e naturalmente presente alle nozze – ha aggiunto che la duchessa di Cambridge è un po’ ingrassata ultimamente e le avrebbe confidato la sua grande voglia di fondare una famiglia. La futura regina inoltre sarebbe più felice di avere prima un maschio e poi una bambina, ma sa già che i suoi figli saranno al massimo quattro. 

Insomma diciotto mesi dopo il matrimonio, compiuti tutta una serie di doveri di rappresentanza in giro per il mondo, archiviati il Giubileo di Diamante di Elisabetta II e le Olimpiadi, la coppia felice pare abbia finalmente messo in cantiere l’attesissimo erede. Una notizia ancora da confermare, ma si aggiunge a quella recentissima del prossimo abbandono da parte di William della sua carriera nella Raf in modo da poter essere coinvolto in modo maggiore nei doveri di rappresentanza. Fra l’altro a breve la coppia traslocherà nel nuovo appartamento di Kensington Palace.

Il o la pronipote della regina, terzo o terza nella linea di successione al trono. La gioia per un lieto evento da molti auspicato è un po’ moderata da una questione, come dire, tecnica. In Inghilterra le donne ovviamente possono salire al trono e questo non da ieri – la prima regina regnante è stata Maria Tudor  nel 1553 – ma in una stessa linea il maschio prevale sempre anche se minore di età. L’esempio pratico è che fra gli aventi diritto al trono Anna, la principessa reale, secondogenita di Elisabetta viene dopo i fratelli minori Andrea e Edoardo. Del cambiamento si sta discutendo, ma la faccenda pare molto complicata anche perché tutti i paesi del Commonwealth dovranno dare il loro formale assenso. Tutta la storia la trovate qua.

E come mi hanno ricordato Elettra e Ale oggi Elisabetta II e il principe Filippo duca di Edimburgo festeggiano 65 anni di matrimonio. Un record assoluto per la monarchia inglese.

A proposito, William e Kate hanno anche un nuovo sito pieno di foto e notizie.

MarioTestino

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

218 Commenti

  1. nicole ha detto:

    A proposito di articoli incredibili vi metto il link di uno comparso mesi fa a che ieri ho visto per caso, non ricordo cosa cercassi.
    A parte la notizia così incredibile,e che non commento, ognuno dice la sua maH!!!
    Guardate le foto, la seconda in particolare, come era bella da piccola la madre di Elisabetta.

    http://www.dailymail.co.uk/news/article-2123012/Queen-Mother-Fury-books-claim-her-brother-born-familys-French-cook.html

  2. elettra ha detto:

    Quando un famiglia o una persona vivono un momento particolarmente felice, arriva sempre qualche sciocco guastafeste…oltre che leggere per puro spirito di informazione e benevola ironia, non ho niente da commentare se non confermare che la Queen Mum era davvero un bellissima bambina e una graziosa giovinetta…poi certo in vecchiaia, bellissima non era, però sempre illuminata da un sorriso disarmante

  3. Lady Vivian ha detto:

    Si’, effettivamente la discendeza Inglese non potra’ piu’ vantare la provenienza aristocratica di entrambi i genitori, ma ormai in quasi tutta europa è cosi’.
    Quindi mi sembra proprio inutile fare concetture sulla discendenza aristocratica Italiana, che è proprio al pari di altre case Reali europree.
    I Middleton con l’aiuto dello spirito santo, si sono creati uno stemma nobiliare tutto suo, e con questo stemma aristocratico automaticamente si fregiano la sorella, il fratello, la madre, e ovviamente anche il padre Middleton, in poche parole è come diventare automaticamente aristocratici.
    E’ una cosa tutta particolare.
    Se qualcuno mi sa’ dare qualche spiegazione in merito?
    E’ come se una persona comune non aristocratica si crea il proprio stemma nobiliare, non saprei dire fino a che punto puo’ essere considerato valido e aristocratico.
    Probabilmente la monarchia Inglese ha dato assenso creando cosi’ una nuova stirpe aristocratica, infatti il fratello della Middleton,se avra’ figli e l’intera sua stirpe futura, potranno fregiarsi dello stemma nobiliare Middleton.
    Insomma e’ una situazione un po’ cosi’…

    Cosa molto diversa è stata per la Principessa del Lussemburgo, “Sua Altezza Reale La Granduchessa Ereditaria di Lussemburgo, Contessa Stephanie Marie Cluadine Christine De Lannoy” dove tranquillamente ha potuto sfoggiare l’aristocratissimo Stemma di famiglia.

    Stephanie è proprio una aristocratica, pesate, lei vanta discendenza nobile sia da parte di padre che di madre, quindi direi propio perfetta per un matrimonio Reale.

    Lasciatemelo dire, credo proprio che questo sia un caso unico, almeno per quanto riguarda questa epoca moderna, probabilmente l’ultimo.

    Kate vedo che ha molta difficolta’ con queste gravidanze, speriamo in bene, considerando il fatto che se tutte le volte per avere un figlio deve affrontare un simile travaglio, allora penso che la cosa assume aspetti un po’ problematici.

    Come avevo segnalato 3 anni fa’ circa, molto prima del matrimonio, dove sono stata fortemente criticata, ci sono aspetti di lei che non sono stati ufficiosamente resi noti, ma che lo saranno a breve.

    Per il resto ho gia’ anticipatamente scritto di lei, insuccessi, perdite, gravi errori e problemi di ogni genere.

    Lady Vivian

  4. Lady Vivian ha detto:

    Una particolarita’..

    Stephanie del Lussemburgo, la sua famiglia vanta anche “32 quarti di nobiltà” ( veramente un’enormita’).
    Sono arrivata a capire questo attraverso miei calcoli e ricerche personali, proprio perche’ non riuscivo a capire per quale motivo lo stemma Araldico, nel corso dei secoli, subisse continue e forti variazioni e anche perche’ ve ne’ fosse cosi’ tanti e molto diversi tra di loro, pur mantenendo tutti il nome intatto ” De Lannoy”.

  5. Angie ha detto:

    A mio parere alla mitica Queen Mum non si addiceva la moda degli anni venti e trenta: il taglio dei capelli, o il modo di portare i cappelli o anche i diademi sulla fronte, la foggia dei vestiti che comunque ingoffava. Pochissime stavano bene, solo Maria José e un paio di Orléans, ma era la moda…

  6. Dora ha detto:

    anche se ritengo che la queen mum fosse bellissima da ragazza, sottoscrivo @angie

    @lady vivian
    no, i middleton continuano a rimanere non nobili, anche se l’organo che si occupa di araldica gli ha assegnato uno stemma al pari della nobiltà

    c’è un ordine, il cui gran maestro è l’imperatrice d’austria e che viene “assegnato” a quelle donne che hanno almeno 16/4 di nobiltà (mi sembra!!!!)

    praticamente più nessuno… XD

  7. nicole ha detto:

    Avere 16/4 di nobiltà vuol dire avere tutti, dai trisnonni in poi, nobili, sia linea paterna che materna.Specifico solo per chiarezza, perchè quell'”almeno” può indurre a errore.

  8. Ale ha detto:

    @lady vivian ha ragione @dora i middleton non sono nobili. il fatto di possedere uno stemma non vuol dire automaticamente avere un titolo, questo vale in tutta europa. loro lo hanno perchè ovviamente a kate serviva uno stemma da combinare poi con quello di william, ma quasi chiunque può averlo. in gran bretagna c’è un ufficio araldico a cui rivolgersi, praticamente devi avere tanti soldi (soprattutto per pagare i loro servigi), una dimora in campagna con una tenuta agricola annessa e devi dimostrare che vivi come un gentiluomo. se superi tutte queste verifiche vieni autorizzato a fregiarti di uno stemma per te e i tuoi successori. tecnicamente poi sono molti i borghesi (anche in italia) che lo possiedono perchè discendono da rami cadetti di famiglie nobili (soprattutto minori) e che in quanto cadetti non hanno ereditato un titolo, oppure basta pensare al patriziato cittadino che quasi sempre è dotato di stemma.
    @dora @lady vivian non è un granchè se ci pensate 32/4, alla fine vuol dire avere tutti gli antenati nobili da 5 generazioni (se pensate che umberto II era il 44esimo capo famiglia e ora i savoia sono alla 31 o 32esima generazione, o pensate alla nobiltà tedesca). penso ci sia molto di meglio sia in italia che in europa conosco famiglie che hanno fatto da sempre solo matrimoni tra nobili. frequento un paio di ragazzi titolati e vi assicuro che per la maggior parte di loro il mondo è cambiato molto poco, anche se c’è la repubblica. una volta al mese più o meno si ritrovano tutti in casa del nobile di turno per ballare (mi sembra lo chiamino carrè, iniziano col valzer e poi passano a cose più moderne), stringono amicizie quasi solo tra loro e naturalmente si sposano quasi tutti con persone di sangue blu. solo perchè non li vediamo non vuol dire che non ci siano più. addirittura so di una contessa che qui in piemonte ogni autunno organizza la caccia alla volpe nella sua tenuta. vi consiglio di guardare i cda delle grandi aziende o delle banche, c’è sempre un titolato. senza fare nomi pensate a luca cordero di montezemolo, vi assicuro che molti dirigenti fiat sono suoi amici titolati o parenti.
    facendo un esempio pratico l’ordine di malta ha due categorie che esigono ancora la presentazione delle prove nobiliari, sono quelle “di ‘onore e devozione” e di “grazia e devozione”. per essere ammessi tra i cavalieri di onore e devozione, occorrono infatti:
    -4/4 di nobiltà per 200 anni, oppure:
    -250 anni di nobiltà per la linea paterna oltre a 200 anni degli altri 2/4 oltre alla sanatoria per 1 ava, oppure:
    -300 anni linea paterna oltre a 200 anni degli altri 2/4 oltre alla sanatoria per un’ava, oppure:
    -350 anni, linea paterna oltre a 200 anni di un altro quarto[20], oppure:
    -450 anni linea paterna.
    per essere ammessi tra i cavalieri di grazia e devozione occorrono invece:
    -200 anni della linea paterna oltre ad avere madre nobile o di dignitosa posizione sociale da almeno 3 generazioni, oppure:
    -più di 100 anni della linea paterna oltre a 100 anni del quarto materno.

  9. Ale ha detto:

    mi sono dimenticato fare un esempio facile facile, il nostro ministro degli esteri: giulio terzi di sant’agata.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Giulio_Terzi_di_Sant%27Agata

    ha una bel pò di titoli: marchese, conte, barone, e cavaliere del sacro romano impero più quello per i primogeniti di signore di sant’agata.

  10. Ale ha detto:

    mi è venuto in mente che anche per camilla, sophie e sara ferguson sono stati “inventati” degli stemmi come per kate, visto che non credo che ne avessero già uno di famiglia.

  11. Anna ha detto:

    @Ale in occasione del matrimonio, anche la famiglia Middleton si è procurata uno stemma da 4.400 sterline: ben 5mila euro! I colori scelti dalla famiglia sono il rosso e blu, per rendere il loro blasone in tinta con quello dall’erede alla corona britannica. Il simbolo rappresenta tre rametti di quercia (in ricordo della contea del Berkshire dove Kate è cresciuta) ognuno dei quali portante una ghianda, simbolo dei tre figli. Una V rovesciata color oro riporta al cognome della signora Middleton da giovane: Goldsmith. Sopra lo stemma un fiocco blu che simboleggia lo status di nubile della futura sposa.
    Dopo il matrimonio questo stemma e quello del Principe William si uniranno insieme: a sinistra le armi dello sposo, a destra il blasone di Kate.
    Naturalmente ho fatto una ricerca in merito, non sono così informata.
    Ho trovato tra l’altro molto bella l’idea dei Middleton, di regalare a Kate per le nozze degli orecchini(tra l’altro stupendi) che richiamano proprio delle ghiande.

  12. elettra ha detto:

    ebbene…vi farò una confidenza, ma lo vorrei scrivere piccolo piccolo, perchè non mi piace fare la sbruffona e credo che l’abbiate capito….anch’io ho uno stemmetto di famiglia e non sono nobile, originario del regno delle 2-Sicilie, credo, sicuramente antecedente al 1700, e che compare -anche -e, addirittura, sulla tomba di famiglia, laddove tutti dovremmo essere uguali…anzi mi piacerebbe sapere perchè, in passato, venivano elargite queste” benemerenze”, quali privilegi portavano e che importanza avevano….oggi come oggi nessuna, in un paese per di più repubblicano…

  13. marina ha detto:

    @ elettra wow
    @ Anna lo stemma dei Middleton si è unito a quello di William per formare lo stemma di Kate. William continua ad avere solo il suo personale. per tradizione le donne ne usano uno che è metà quello del marito e metà quello della famiglia di origine. http://www.altezzareale.com/2011/04/20/nozze-reali/nozze-reali-2011/william-kate-lo-stemma-la-diretta-e-corona/

  14. elettra ha detto:

    @Anna ……come lo stemma dei Middleton è stato pagato?
    io credevo che fosse stata una concessione, visto che una rampolla di questa famiglia, andava sposa a un nobile di massimo livello…sono sbalordita…e a cosa serviva?
    E le altre commoner arrivate nei pressi del trono, anche loro si sono dotate di uno stemma a pagamento?
    ma questa cosa succede solo in UK o anche altrove?

  15. Ale ha detto:

    anch’io non voglio fare lo sbruffone e cerco sempre di volare basso, non l’avevo scritto prima per non strafare ma anche io ho uno stemma di famiglia, anche se non è molto usato. tramite mia nonna paterna ho 1/16 di sangue blu, molto blu secondo lei visto che fino all’ultimo non hai perso occasione per ricordare a tutti che i suoi antenati erano duchi, marchesi, cardinali e hanno fatto pure le crociate (lei si che faceva la spatus, come si dice a torino 🙂 ). ironia della sorte (visto il mio essere acceso sostenitore di casa savoia) il papà di mia nonna era figlio di un cadetto di un’importante famiglia nobile di sorrento e di napoli che nonostante abbiano accettato l’unità d’italia non hanno comunque mai dimenticato i borboni delle due sicilie, in pratica servendo due re.
    @anna se ne era parlato molto all’epoca del matrimonio dello stamma dei middleton, addirittura forse una spiegazione simile alla tua ce l’ho in un libro. comunque grazie non conoscevo la somma esatta 🙂 alla fine non costa tanto.
    @elettra wow! è una cosa di cui andare fieri, è un pezzo della storia di famiglia. noi non lo abbiamo sulla tomba ma mio padre ha un pò di oggetti e un anello-sigillo con lo stemma di famiglia ereditato dal bisnonno materno. a lui non piace per niente mentre io lo guardo quasi come una reliquia, è questione di punti di vista. comunque venendo al sodo era molto facile in passato acquistare un titolo o uno stemma, bastava avere i requisiti e pagare. gli stati erano costantemente senza soldi e i titoli portavano sgravi fiscali oltre allo status sociale, quindi se ne vendevano a gogò. funzionava così ancora fino agli anni ’20, il padre di un mio prozio avendo i requisiti ha valutato seriamente se acquistare un titolo, poi siccome era tirchio ha visto che non gli conveniva abbastanza e ha rinunciato.

  16. marina ha detto:

    @ Ale wow anche per te. e si è davvero una cosa di cui andare gieri. oltre e al di là dello stemma io credo che sia meraviglioso sapere chi sono i propri antenati e conservarne con cura la memoria. è una cosa che mi ha sempre affascinata, ho cercato di ricostruire il mio albero genealogico ma essendo la mia una famiglia con natali piuttosto modesti non mi è stato possibile andare molto in là.
    sull’acquisto di stemmi e titoli (si sapevo che i Middleton se l’erano fatto fare a pagamentoanche perché comunque richiede uin gran lavoro di ricerca e anche di elaborazione dei disegni, ma non conoscevo la cifra quindi grazie @Anna) era cosa normale e abituale anche se comunque un minimo di “selezione all’ingresso” comunque c’era. qua ad Ancona l’imperatore Federico III passato per andare a Roma a farsi incoronare ha distruibuiti diversi titoli di “conte palatino imperiale” a un ramo dei Ferretti per esempio che sicuramente hanno versato un obolo ma di certo come famiglia erano già importante.

  17. elettra ha detto:

    Insomma, nulla è cambiato…si pagava in passato e si paga ancora oggi…
    @Ale..@Marina…non è che io non ne vada fiera, è che preferisco pensare che le persone mi apprezzino e stimino per quella che sono e che mi sono guadagnata io, e non per delle cose, per cui non ho alcun merito…certo fa piacere sapere chi erano i tuoi avi , qualche generazione addietro, anzi, avere tempo da sprecare sarebbe bello fare più ricerche nei comuni e nelle parrocchie… a volte ci sono notizie anche delle cosidette “pecore nere” e alla fine sono i personaggi di famiglia più simpatici…

  18. Dora ha detto:

    caspita ale!!!!! wow!
    volevo dire anch’io di sarah ferguson ma nel commento lo dimenticai

  19. Laura ha detto:

    E’ certamente interessante conoscere il passato della propria famiglia : nel mio caso dal lato della mia nonna materna si e’ risaliti a Roberto il Guiscardo : un avventuriero piuttosto privo di scrupoli direi che e’ lui la nostra pecora nera !

  20. Ale ha detto:

    @marina @elettra @laura è vero è molto bello e appassionante conoscere la storia della propria famiglia, che vi consiglio di mettere per iscritto in modo che possa sfidare i secoli 🙂
    @elettra è vero che molte persone partono già con dei preconcetti appena vedono qualche lato della nostra personalità o del nostro aspetto, ma addirittura giudicare una persona solo perchè ha uno stemma mi sembra un pò eccessivo. per quanto mi riguarda può incuriosirmi, poi una volta conosiuta posso stimare la persona per quello che è.
    @dora alla fine non è niente di speciale e si rischia di passare per boriosi. infatti io spesso ci rido sopra e mi dico che magari i miei antenati hanno fatto la crociata dei pezzenti 🙂 anche se ho letto da qualche parte che ne hanno fatte tre, ma non ricordo quali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi