Come e perché Gabrielle d’Estrées non divenne regina di Francia

Come e perché Gabrielle d’Estrées non divenne regina di Francia

C’è più di un motivo che impedisce alla bellissima Gabrielle d’Estréees di diventare regina di Francia accanto a Enrico IV il sovrano che pacifica la nazione dopo le guerre di religione.

regina di Francia

Gabrielle è una delle due protagoniste di un insolito ritratto che non è un nudo erotico (nel XVI secolo il bagno, nel quale  sono immerse Gabrielle d’Estrées e la duchessa di Villars, è una forma di socialità particolarmente apprezzata dalle élites e la scuola pittorica di Fontainebleau ha quasi codificato il ritratto della nobildonna svestita) ma il mezzo per rendere pubblica un’importante notizia. La dama alla sinistra infatti non si limita a sorridere al pubblico che ammira il suo bel corpo nudo, ma con estrema nonchalance pizzica, stuzzica, solletica, il capezzolo della bionda Gabrielle, amante ufficiale di Enrico IV re di Francia.

Con il suo gesto la duchessa di Villars fa sapere al mondo che la sorella è incinta. Il regno avrà un erede, magari anche una nuova sovrana poiché Gabrielle, guarda la coincidenza, tiene appunto in mano un anello. Certo Enrico IV è ancora sposato alla sterile ed inquieta regina Margot, ma l’annullamento sembra essere cosa fatta e la Francia, appena uscita dalla devastazione e dalle tragedie delle guerre di religione, ha un assoluto bisogno di pace e di un re con molti figli.

Come e perché Gabrielle d’Estrées non diventa regina di Francia

Ma facciamo un passo indietro, chi è questa Gabrielle e come ci è finita nel letto del re? Giovane e bella, mademoiselle d’Estrées è la fidanzata del Grande scudiero di Francia Roger de Bellegarde, il quale ha la pessima idea di invitare il sovrano nel castello del futuro suocero, il marchese di Coeuvres. Ad Enrico, ovviamente, basta uno sguardo per cadere ai piedi dell’affascinante e spigliata Gabrielle, ma lei, che nel cambio ci perde, non cede. Vicino ai quaranta, precocemente invecchiato da una vita di eccessi e di battaglie, poco avvezzo ad usare l’acqua e quindi parecchio puzzolente, il re di Francia non è proprio l’amante ideale, però i d’Estrées, incantanti dalla prospettiva di questa unione e abituati a mettere le loro donne “al servizio” del trono, premono e alla fine Gabrielle cede. Liquidato Bellegarde e tanto per salvare le apparenze, la fanciulla viene sposata ad un gentiluomo compiacente dal quale divorzia subito. La giovane amante dà al re, uno dietro l’altro, tre figli e lui, che desidera ardentemente essere padre, è al settimo cielo. Certo su queste nascite qualcuno solleva dei dubbi, perché Gabrielle pare non abbia mai smesso di incontrare il fascinoso Bellegarde e nello stesso tempo Enrico soffre di una malattia venerea che secondo i medici ha compromesso la sua capacità a procreare. Il re però decide di non avere dubbi e l’amante ufficiale, che ormai fa le funzioni di una quasi regina di Francia, si convince di essere ad un passo dalle nozze.

Gabrielle vuole essere regina di Francia

Tutto questo pur nell’atmosfera rilassata e comprensiva di questo scorcio di secolo e della corte licenziosa del “Vert Galant” (il nomignolo con cui è conosciuto Enrico), non piace. Furiosa per l’arrivo a corte di questa “donnaccia”, la regina Margot, pur disponibilissima a farsi indietro ad esempio per Maria de’ Medici, urla che non lascerà mai la corona ad una “puttana”. I parigini rincarano la dose battezzando Gabrielle, neo duchessa di Beaufort, “duchessa della spazzatura”. La favorita, considerata capricciosa ed altera, secondo alcuni avrebbe anche una pessima influenza sul sovrano che, per di più, tradisce senza vergogna alcuna. In tutto questo bailamme Enrico, come al solito non sa che pesci prendere, temporeggia, organizza le nozze con Gabrielle, incinta del quarto figlio, e già che c’è manda avanti le trattative per il matrimonio con la Medici. Il primo Borbone sul trono di Francia è così, vera forza della natura, spirito avventuroso e cuore leggero, sa combattere e soprattutto sa governare, però è assolutamente incapace di gestire serenamente i rapporti con le donne e spesso le sue relazioni sono finite con grandi scandali o terribili scenate. Questa volta il destino però gioca a suo favore, durante la cena a casa di un banchiere italiano, Gabrielle sente i primi dolori del parto e due giorni dopo muore fra sofferenze atroci che addirittura le sfigurano il viso. Al sovrano viene impedito di vedere un’ultima volta la donna amata, ma sontuose esequie sono organizzate a Saint Germain d’Auxerrois, la parrocchia dei re di Francia. Enrico IV si veste a lutto, cosa del tutto insolita per un monarca, si dice distrutto e disperato il che comunque non gli impedisce, poco dopo, di prendere una cotta terribile per Henriette d’Entrangues, alla quale offre il matrimonio in cambio di un figlio maschio, e di sposare, questa volta sul serio Maria de’ Medici. Che lo farà molto soffrire.

Il dipinto è conservato al Louvre.

La storia di un’altra amante –> Agnès Sorel

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

29 Commenti

  1. Ale ha detto:

    potremmo dire che questa è una delle tante prove che il potere attira le donnine allegre da secoli.
    direi che la frase della regina margot descrive bene la situazione dell’epoca, non poteva esprimersi in modo migliore 🙂

  2. elettra ha detto:

    La biografia della regina Margot, di Castelot, riporta che Enrico,uomo di battaglie e rude soldato, non solo non avesse in simpatia l’acqua, ma che amasse molto anche il cibo povero….trippa di bue o interiora d’agnello, ma il suo piatto preferito era la frittata di cipolle, insaporita con abbondante aglio….insomma ci voleva un bello stomaco a concedersi ad un amante così! se lui disse “Parigi val bene una messa”, lei poteva dire tranquillamente…il trono val bene un po’ di alito pesante, e altro!
    Ciò nonostante pare che la giovane Gabrielle, non mollasse neppure per un istante il suo re, neanche durante le battaglie e con lui dividesse il piacere delle cavalcate….gli diede tre figli , quasi quattro……qualcuno insinua che Gabrielle non avesse mai del tutto abbandonato Bellagarde e che ogni tanto trovasse come svagarsi con lui ….mi chiedo…i tre marmocchi erano figli di Enrico IV?
    La morte di Gabrielle dovrebbe essere dovuta a un ‘eclampsia, cioè a un parto estremamente prematuro dovuto a ipertensione arteriosa, convulsioni ed edemi…morte come si è detto molto dolorosa che sfigurò i lineamenti di Gabrielle, ma si è anche pensato a un possibile avvelenamento, che avrebbe provocato gli stessi sintomi…dati i tempi, anche questa ipotesi ci può stare

  3. marina ha detto:

    🙂 essì @ ale hai ragione
    @ elettra questa della frittata con la cipolla e l’aglio non me la ricordavo, la useremo per le ricette reali 😉 anche se Enrico è diventato famoso con la suam poule au pot.
    e… si di Bellegarde non proprio dimenticato c’è scritto anche sul post 😉

  4. maria alberico saracino ha detto:

    grazie Marina, questo post mi è piaciuto moltissimo, pur raccontando dei fatti storici non certo leggeri, con il tuo ironico sarcasmo hai evidenziato delle sfumature di carattere di questo re che mi hanno fatto divertire.

    Adesso ho solo voglia di saperne di più, un altro merito che ti riconoscono tutti è quello di solleticare la nostra curiosità, darò il via ad una sessione di storia inerente a quel periodo. grazie ancora Maria

  5. nicole ha detto:

    Bellissima storia! La regina Margot all’occorrenza sapeva dire pane al pane..quando ci vuole ci vuole!

  6. elettra ha detto:

    @Marina…mi viene un dubbio sul fatto che una malattia venerea avesse reso sterile Enrico IV……oltre ai sei figli avuti in seguito da Maria de’ Medici, riporto quello che dice Wiky riguardo alla prole che ebbe con le amanti che sostituirono e seguirono la povera Gabrielle

    Cathrine Henriette de Balzac d’ Etrangues…3 figli

    Giacomina Di Bueil……1 figlio

    Carlotta d’Essart….2 figli

    è vero che a volte wiky è fallace , ma stavolta, mi sembra troppo!

    La frittata di cipolle piaceva molto anche a Ferdinando II di Borbone, re di Napoli…forse le cipolle piacciono a tutti i Borboni… …e comunque è veramente squisita, e piace a molti, Borbone e non!

  7. marina ha detto:

    @ elettra non volevo intendere che enrico fosse sterile ma che le malelingue avevano messo in giro delle voci in proposito.i grazie per i commenti sonk contenta che il post vi sia piaciuto. sono in treno e scrivo dal tel. sto andando a milano di corsa. domattina guardate canale 5 Alle 10 e 10. a presto

  8. Dora ha detto:

    @ elettra
    a fantozzi di sicuro!!!! 😀

  9. nicole ha detto:

    Marinaccia..lo avessi detto prima mi organizzavo! Sono in giro per cose varie…ma mi dirai per punizione dove posso guardare in differita, grazie.

  10. elettra ha detto:

    @Marina…tolto Paolo Limiti che è una miniera, un’ enciclopedia vivente di storia ,Hollywood, musica, gossip e quant’altro…..agli altri ,perchè non gli hai dato un morso in testa? e prima di tutti alla Panicucci! ti ha lasciato troppo poco spazio…comunque..molto brava..il turchese è il tuo colore preferito e hai ragione perchè ti sta benissimo e anche i capelli ti donavano molto…molto ben aggiustati…sei una bella signora
    …ma le De Grenet, poveretta, cosa c’entrava, stamattina? infatti non sapeva cosa dire…… no, sono incavolata….
    se vuoi, puoi anche non pubblicare, o tagliare, tanto capisco..fai come vuoi, ma alla mia età (l’altro ieri ho festeggiato il mio diamont jubelee) dico, quando posso ,quello che devo

  11. Dora ha detto:

    c’è un posto in cui si può rivederlo???? io non ho potuto…
    🙁

  12. marina ha detto:

    eccomi di ritorno e mi scuso con tutte e tutti. praticamente è andata così. ero fuori per un’ora d’aria – leggi sono andata a pranzo al mare e a fare due passi in acqua, c’era il sole e ho passato l’estate chiusa in casa a lavorare – torno e trovo una mail:
    “salve è la redazione di Mattino 5, vorremmo invitarla a parlare di Grace Kelly, può darci il suo telefono?”.
    questo è accaduto martedì, mi hanno chiamata, ci siamo accordati. mercoledì confermano e mi rendo conto che no non ce la posso fare anche partendo la mattina prestissimo. decido di prendere un treno serale tanto ho sempre la mia amica Giulia che mi ospita – anzi come sempre GRAZIE GIULIA E GABRIELE siete impagabili 🙂 – giovedì mi chiama uno degli autori, parliamo delle domande, delle curiosità che potrebbero venire fuori, gli mando un po’ di immagini (si quelle in bianco e nero che ho cercato di commentare mentre la Giacobelli mi parlava sopra sparando cretinate perché
    1 – le foto non le conosceva
    2 – e presumibilmente – avendo più anni di me e datosi che pure io ci vedo sempre meno – faceva fatica a riconoscere i personaggi) e alle 19 e 35 parto. dal treno ho cercato di inserire un commento qui nel blog ed evidentemente non ci sono riuscita. 🙁 chiedo perdono.
    ieri mattina sveglia presto e via. poi due chiacchiere con Giulia e di nuovo treno. oggi sono abbastanza in ginocchio, però sono anche abbastanza soddisfatta.
    si ok la Giacobini e Limiti hanno sgomitato, ma Limiti, come dice @ elettra se lo può permettere è un pozzo di scienza in materia di cinema e star. La Giaobini NO, ha solo detto e ridetto cose note e mentre tutti sono stati cortesemente ad ascoltarla lei è saltato sopra ai discorsi degli altri.
    ad esempio Angelo Galavotti – il wedding planner che molti di voi avranno visto nel programma di real time con Enzo Miccio – gentilissimo e molto simpatico, ha iniziato a raccontare cose davvero interessanti lei lo ha interrotto, idem con me.
    Amen, è stata un’occasione d’oro per me e per la promozione del libro.
    E poi vi devo confessare che mai neanche mei miei sogni più arditi avrei mai immaginato di stare seduta in uno studio di Canale 5 a fianco di Silvana Giacobini.
    Grazie a chi mi ha seguita e grazie per l’affetto che mi dimostrate.
    se trovo il link lo inserisco.
    ps la De Grenet credo che faccia l’ospite di professione… beata lei. comunque si è molto, molto bella e molto, molto alta. la Panicucci è molto carina e sorridente, ma io l’ho incontrata un minuto prima della diretta. è anche molto bella. io ero vestita come mia nonna perché ovviamente non ho niente da mettermi per andare in tv non essendo un’hatituée e soprattutto non posseggo scarpe con tacco altissimo, come tutte le altre signore.

  13. paola (baldanzi) ha detto:

    @Marina, ho fatto una mini fuga dai miei impegni lavorativi per vedere la trasmissione… sei stata super-ganza!!! (ma ormai non è una novità:)) Mi ha fatto molto piacere che hai partecipato a questa trasmissione, così hai dato anche visibilità a te e al tuo lavoro. Brava!!

  14. Ale ha detto:

    per chi rivolesse marina ecco il link dal sito di mediaset:

    http://www.video.mediaset.it/video/mattino_5/full/322772/venerdi-28-settembre.html#tf-s1-c1-o1-p1

    andate al minuto 50 circa, ovviamnete dovete aspettare che finisca la pubblicità.

  15. marina ha detto:

    grazie @ Ale 🙂 e @ paola essere definita super-ganza mi fa molto piacere 😀 😀
    ad ogni modo sono davvero una signora, quando la Giacobini si è intromessa per commentare le MIE foto non riconoscendo i personaggi mi sono elegantemente trattenuta dal girarmi e ringhiarle “taci”.

  16. nicole ha detto:

    Ah, ma era ieri mattina..no avrei mai potuto che son al lavoro, anzi ero che vagavo per lavoro in autostrade incasinate da morire.Pensavo oggi, sabato.Che dire? Son contenta Marina per te, che meriti proprio.Tu non sei una che sgomita, sei una vera signora.Ma la Giacobini se è quella che penso io deve avere 80 anni! Era vecchia quando io ero ragazzina..almeno sembrava vecchia, molto ” pose” da sciura,capelli con litri di spray, tutta “studiata”..ora vado a vedere se è lei.

  17. Hermione ha detto:

    @ Marina ah ecco, le foto erano tue, mi sembrava strano che Mediaset potesse possedere tali “raffinatezze”!!! Poi le hanno fatte passare alla velocità della luce e non si capiva niente! La Giacobini è stata davvero maleducata, soprattutto perchè aveva già parlato tantissimo….avrà sentito la competizione, ma così ha fatto una pessima figura 🙂
    P.s. La De Grenet da bambina imitava Grace Kelly??!!!

  18. marina ha detto:

    @ Hermione si 😀 e non ti posso dire il commento di mio marito…;
    @ nicole la mattina e praticamente a Milano ho fatto una toccata e fuga, più veloce della luce, Trenitalia permettendo.

  19. paola (baldanzi) ha detto:

    @Marina, anch’io mi sono indispettita perchè ti hanno fatta parlare poco, mentre gli altri (quasi tutti) hanno detto solo banalità. Tra gli altri invitati ammiro solo Paolo Limiti, che mi sembra un gran signore, anche molto educato. Comunque, come ti dicevo nelle congratulazioni “a caldo”, è stata comunque una bella occasione per te e per il tuo lavoro. Speriamo (e incrociamo le dita) che tu venga chiamata anche in trasmissioni + di approfondimento nelle quali tu possa raccontare le cose che sai e che sono molto interessanti.

  20. elettra ha detto:

    @Marina…sono comunque contenta perchè – hai ragione!- è stata una un’occasione d’oro per la promozione del libro ed anche del blog (siamo pubblicizzati su Canale 5 , che ha fatto vedere il logo del blog)…però davvero avresti meritato un palcoscenico più attento e la conduttrice avrebbe dovuto garantirti i tempi giusti, togliendo la parola a chi si era già presa molto spazio…che poi non usciva più dal loop Sinatra, Juan Carlos ,Vittoria Eugenia…però daì…un passetto alla volta, e sempre più in alto, come una famosa grappa sponsorizzata dal compianto Mike

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi