Concerto5

Vi siete emozionati ieri sera? Io si, nonostante non sia una addicted del rock e diversi di quelli che si sono avvicendati sul palco non avessi neanche idea di chi fossero. Però c’erano due miti, assoluti ed incontrastati, lei The Queen l’unico grande ed inossidabile simbolo della Gran Bretagna e lui sir Paul lo straordinario ed ancora pimpante ex Beatles. Insieme hanno incantato gli inglesi convinti sempre di più di essere davvero una straordinaria nazione. E come dargli torto?

Le celebrazioni per il Giubileo stanno procedendo a gonfie vele, persino con il tempo inclemente di domenica, la partecipazione è stata ovunque enorme per dissipare anche i più vaghi dubbi sulla tenuta della monarchia e l’apprezzamento dei sudditi. Ma non è solo amore per la sovrana, l’Inghilterra è davvero un luogo a parte, è fuori dall’euro, si confronta con la multirazialità da sempre, non è blindata contro il terrorismo ma protetta, affronta la crisi come tutto il mondo occidentale, il tenore di vita è cresciuto, nessuno ha pronunciato la parola sobrietà e oltre il 70% della popolazione secondo l’ultimo sondaggio, è soddisfatto di Elisabetta e del suo regno. Insomma se ci guardiamo in casa, fra polemiche, passi falsi e sacrifici a senso unico, c’è da farsi venire la depressione.

Tornando a ieri sera e in attesa della celebrazione a Saint Paul di oggi, con a seguire pranzo ufficiale e corteo fino a Buckingham Palace, ecco qua alcune immagini con la regina prima seria e poi finalmente sorridente pur con il pensiero del marito ricoverato in ospedale (per una infezione alle vie urinarie, dicono cosa da nulla, ma Filippo ha pur sempre quasi 91 anni e le quattro ore in piedi e al freddo non devono avergli giovato), felice di questo omaggio incredibile a cui hanno preso parte non solo tutti i grandi della musica contemporanea inglese (o del Commonwealth, come mi ha fatto notare il consorte Kylie Minogue è australiana) ma anche migliaia di persone assiepate lungo il Mall.

Concerto3

Nel palco reale c’erano un po’ tutti, il principe di Galles, la duchessa di Cornovaglia, il duca e la duchessa di Cambridge, il principe Harry, il duca di York, le princesse Beatrice e Eugénie di York, il conte e la contessa di Wessex, la princessa Anne et Timothy Laurence, Peter et Autum Philips, Zara Philips et Mike Tindall, il duca e la duchessa di Kent con il loro figlio maggiore il conte di Saint Andrews, sua moglie e i figli, lord e lady Linley con il figlio Charles, il duca e la duchessa di Gloucester, il visconte e la viscontessa il conte e la contessa di Ulster, la princessa Alexandra de Kent, James e Julia Ogilvy, lord e lady Nicholas Windsor, il principe Michael e la princessa Marie Christine de Kent, lord Frederick Windsor.

Concerto

Concerto4

Concerto2

Concerto10

Concerto9

ps il discorso del principe di Galles è stato ugualmente emozionante, ma per parliamo dopo, sta per iniziare la cerimonia a Saint Paul…

ConcertoRegina

Aggiornamento delle 13 e 50. Sto seguendo la diretta (Mediaset Premium mai più senza anche se questo mi costringe a convivere con tutte le partite del campionato…) e mi ha fatto un po’ tristezza vedere la regina risalire sola la navata di Saint Paul, penso che la mancanza del marito si sia fatta sentire, ma lei è stoica (una “vecchia quercia” come direbbe qualcuno) e il senso del dovere viene prima di tutto anche sei sentimenti personali. Sto anche leggendo qua e là. Secondo le riviste – e i siti – di moda italiani Kate domenica ha fatto una gaffe indossando un abito rosso fuoco. Lei si vedeva subito, la regina in bianco meno, molto meno. Sinceramente a me lei è piaciuta molto sia domenica che oggi, la ragazza ha classe da vendere, non so davvero se innata o appresa a fatica in anni e anni di attesa, sta di fatto che Kate è sempre elegante e misurata e sopratutto sa come ci si combina, in ogni occasione e non per la cena del Rotary, ma per partecipare agli eventi di una delle monarchie più formali della terra. Tutto questo per dire che mi è capitato di vedere un’altra uscita della povera Leti in pantaloni (e da dietro secca com’è mi viene in mente la celebre battuta di un celebre film), golfino e borsettina con la tracolla che le arriva alle ginocchia. Un orrore. Non si capisce se lei si senta davvero bella e fica, se disprezzi i consigli, se non abbia nessuno a consigliarla. Il risultato è sempre un disastro, Leti ti prego, fai una telefonata a Kate.

Kate

Kate3

Kate2

Kate splendidamente vestita da Sarah Burton per Alexander McQueen

Letizia

Copyright foto: Zimbio, Paris Match, Getty Images

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

125 Commenti

  1. Filippo ha detto:

    Buon giorno
    @Paola (baldanzi), ho letto anch’io l’articolo e anche io in un primo momento sono stato tentato di scrivere una email alla redazione, ma poi ho lasciato perdere pensando che si sarebbero fatti una risata sarcastica e allora ho riso io di loro pensando che pur non facendo il loro mestiere ne sapevo più di loro.
    Saluti
    Filippo

  2. Matteo ha detto:

    @Filippo e Paola: andate sul post che Marina aveva dedicato alla morte dell’Arciduca Otto e leggete il primo commento che e’ il mio dove riporto il comunicato dell’Ansa poi ripreso da tutte le testate. Ecco ora potete inorridire!!:-)

  3. marina ha detto:

    🙂 che dire se non che c’avete tutti ragione.
    l’argomento lo abbiamo toccato varie volte e detto chiaro in vari modi qual è la situazione, quindi manco son capaci di fare una ricerchina su google e visto che il blog viene in alto nei motori di ricerca copiare su.
    ah non sprecate tempo a mandare mail, tanto non rispondono.
    però una spiegazione c’è – non giustificazione, attenti – nelle redazioni ormai il pressapochismo regna sovrano per vari motivi:
    – costi: i giornalisti free lance e i collaboratori – a parte i grandi nomi – vengono pagati pochi spiccioli e il risultato è quello che vedete;
    – selezione non per meriti, ma per conoscenze, così il primo arrivato, magari “figlio di”, viene buttato a scrivere su un argomento di cui non sa nulla e il risultato è ancora una volta quello che vedete;
    – approssimazione totale;

    in conclusione rassegnamoci e usiamo altri mezzi per trovare informazioni e notizie.

  4. Alex ha detto:

    Secondo voi come mai questa volta al balcone di Buckingham Palace non si sono affacciati anche gli altri componenti della famiglia reale, come ad esempio i nipoti della Regina, mentre per il giubileo d’oro c’erano anche loro?

    Alessandro

  5. Alex ha detto:

    Intendevo gli altri nipoti non figli dell’erede al trono, perchè Willian e Henry, come abbiamo visto, c’erano.

  6. elettra ha detto:

    @Alex…secondo me la regina ha voluto dare un chiaro segno della continuità dinastica…ha voluto far capire a tutti che il suo erede naturale sarà Carlo, senza salti in mezzo, e dopo di lui i suoi figli, cioè uno dei suoi figli , ma non potendo prevedere il futuro (e noi facciamo gli debiti scongiuri!)potrebbe diventare re anche Harry o un suo figlio….lo stesso padre di Elisabetta non doveva diventare re, era solo il secondogenito…siccome Elisabetta ha rispettato sempre le regole, ha voluto fare intendere che, dopo Carlo, l’altra possibilità potrebbe essere Harry….non so se mi sono spiegata bene, forse la grande simpatia che ci ispira William, ci offusca un po’, ma che so?, potrebbe non avere figli, e allora ecco che il ramo principale diventerebbe quello di Harry…fermo restando il fatto, che noi William lo amiamo e gli auguriamo tutto il bene possibile!
    Tornando al perchè gli altri membri della famiglia non sono apparsi, è lo stesso per cui non erano sulla chiatta reale, ma un po’ qui e un po’ là…inoltre, io credo anche, che la regina abbia approfittato di questo festeggiamento per far capire, che Camilla è stata accettata in toto e tra loro non ci sono antipatie, anzi il contrario…..l’ha voluta al suo fianco durante il discorso di Carlo, l’ha voluta seduta accanto a sè sulla carrozza di ritorno dal Te deum e spesso l’abbiamo vista commentare con la nuora … tra le due donne ci sono molte cose in comune e sicuramente è la moglie giusta…giusta e silenziosa, dalla sua bocca non è mai uscita una parola nè pro nè contro nessuno e questo Elisabetta deve averlo molto apprezzato!

  7. marina ha detto:

    @ elettra sono molto, molto d’accordo con te, sulle presenze al balcone e su Camilla.

  8. nicole ha detto:

    Elettra grazie dei link.Spero che tu resista bene allo stress e impegno assistenziale di questo periodo.
    Anche io concordo con presenze ( e assenze) al balcone. Il saluto , mi pare di capire, ai festeggiamenti dei giubileo li hanno fatti gli..aventi diritto.
    Voi che sapete tutto: chi era quella signora azzurrovestita che sedeva in auto con Elisabetta il giorno del Te Deum( non so se si chiamasse così) , insomma di quella funzione religiosa con the Queen che entra in solitario, preceduta da Willi,Kate, Carlo..religiosi vari?Ho visto uno spezzone , un attimo,ma non ho capito chi fosse, di sicuro no Camilla che era vestita di grigio.
    Grazie.

  9. Filippo ha detto:

    Buon giorno
    @Elettra, hai perfettamente ragione su tutti i punti, e concordo pienamente con te sul buon rapporto suocera e nuora. Camilla sa stare al suo posto e questo è molto apprezzato dalla regina, come già scrissi in un altro post Camilla sarà regina, non rientrerà nella classifica delle più belle regine europee, ma sarà un’ottima regina che affiancherà il suo re e lo supporterà come Filippo ha fatto con la regina in tutti questi anni, e poi sarà la volta dei duchi di Cambridge, facendo un rapido calcolo tra una ventina di anni.
    Saluti
    Filippo

  10. elettra ha detto:

    @Nicole…esattamente non so chi fosse la signora azzurrovestita, io credo fosse la sua segretaria personale, però non lo posso dire con sicurezza….la tua domanda però ,mi ha dato lo spunto per dire una cosa carinissima e che ho scoperto da poco…. solitamente la segretaria particolare di Sua Maestà, che sbriga gran parte del lavoro e, in particolar modo, la corrispondenza, si firma ,al posto della regina in questo modo….Lady-in- waiting……era ed è una tradizione che mi ha molto divertito, e che solo le dame al servizio della regina possono fare, perchè solo loro sono sempre in attesa di servire Sua Maestà…carino, no?
    Quanto allo stress e all’umore va a giornate…grazie per l’interessamento!

  11. Ale ha detto:

    @nicole era lady “non mi ricordo come si chiama” dama di compagnia di elisabetta, se non sbaglio era la lady in waiting (dama più imporante di elisabetta e forse si occupa anche di gestire il guardaroba). ha avuto il compito di accompagnare la regina vista l’assenza di filippo.
    @elettra anch’io sono d’accordo con te su camilla e sulle presenze sul balcone. e aggiungo che ho letto che gli altri non c’erano anche perchè pare che in questo periodo di magra agli inglesi non piaccia vedere tutta la famiglia reale al gran completo (compresi i gugini della regina) perchè pensano a quante persone devono mantenere pagando l’appannaggio reale. insomma gli sembra di vedere gente inutile e che non produce niente, ma che vive con i soldi della nazione. pare che la scelta di escluderli sia stata soprattutto di carlo, che avrebbe detto anche al fratello andrea che le raagzze york devono trovarsi un lavoro che le mantenga perchè non avranno incarichi ufficiali in futuro.

  12. Filippo ha detto:

    @Matteo sono andato a rivedere e in effetti c’è di che ridere, qualche giorno fa in televisione hanno fatto su RAI 3 un servizio su Lourdes, in un filmato dell’epoca (anni ’50) tra i fedeli c’era l’imperatrice Zita ed il figlio Otto, ma la voce del programma la presentò come la nipote dell’ultimo imperatore e non come l’imperatrice vedova. Mah!
    saluti
    Filippo

  13. Filippo ha detto:

    @Ale non credo proprio che i Gloucester e i Kent abbiano un appannaggio forse avranno qualcosa da Sua Maestà ma non dallo Stato e comunque sono ambasciatori di S.M. che li manda in giro per il mondo a rappresentarla, quindi il “pane” se lo guadagnano, durante il Te Deum proprio i Gloucester erano seduti dietro la regina.
    Quello che tu fai mi sembra proprio un discorso all’italiana, bada che non ti sto criticando, perchè anch’io sono italiano e mi metto nel mazzo.
    Saluti
    Filippo

  14. nicole ha detto:

    Ho capito! In effetti avevo letto un esauriente articolo sulla signora in questione, vi metto il link trovato a fatica perchè non ricordavo il nome, si chiama Angela Kelly.
    L’articolo è molto interessante, uno spaccato presumo sincero, di una persona che è proprio accanto a the Queen da anni.

    http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/1571986/The-Queen-and-I-by-Her-Majestys-PA.html

    Grazie a tutti!

  15. elettra ha detto:

    @Filippo..penso anch’io che quando arriverà il momento, Carlo sarà un buon re e cambierà alcune regole e, magari approfittando del tempo che trascorrerà tra la sua ascesa al trono effettiva, e la sua incoronazione, farà in modo che anche la moglie possa diventare regina di fatto, e non solo principessa consorte, come sembra debba essere per ora…io credo che cambierà anche le regole che stabiliscono l’impossibilità di sposare, per i membri della famiglia reale,un cattolico…cose che magari Elisabetta non ha potuto fare …ogni cosa a suo tempo e i tempi devono maturare e anche la monarchia inglese, come la Chiesa, ha tempi biblici!
    il regno di Carlo ,per motivi anagrafici,non sarà lunghissimo, ma credo sarà intenso!

    @Ale è vero la famiglia reale è infinita, se si contano tutti, anche i cugini, e infatti sono un po’ tanti per essere mantenuti tutti…se Carlo ha consigliato alle nipoti Beatrice ed Eugenia di cercarsi un lavoro per il loro futuro, questo non fa altro che dare forza alla mia tesi e cioè, che quando sarà re, cambierà molte cose!
    Ma solo alle due Yorchette toccherà questa triste realtà? e a tutti gli altri nipoti e cuginetti?…figli di Anna, di Edoardo…figli di zia Margaret?

  16. Ale ha detto:

    @filippo è vero risuona molto all’italiana, ma io non ho espresso una mia opinione ho solo riportato una cosa che ho letto, mi sembra, sulla stampa. è probabile che i cugini della regina abbiano anche solo un rimborso spese da parte della casa reale, ma la dotazione della casa reale, a parte le rendite derivanti dai titoli, proviene dallo stato. ho letto in un libro che la dotazione data allo corona dallo stato deriva da un accordo tra giorgio III e il parlamento, il re cedeva allo stato tutti i possedimenti del crown estate in cambio di una rendita annuale, denominata lista civile. sempre questo libro riporta che carlo vorrebbe rinuciare alla lista civile in cambio di una percentuale sulle rendite del crown estate, aumentando così le entrate della corona e diminuiendo anche la sua dipendenza dalla benevolenza del governo. i kent e i gloucester negli ultimi tempi (a causa della crisi economica) hanno comunque perso privilegi, già solo l’affitto a prezzo di mercato per i loro appartamenti a kensington palace, e di sicuro non per volere della regina.

  17. Sofia ha detto:

    @ Nicole
    La signora di azzurro vestita che sedeva in auto con la regina è la sua lady in waiting, Diana Marion, The Lady Farnham.

  18. Sofia ha detto:

    @ Elettra
    I figli di Anna già si mantengono da soli, Zara è una fantina (che sta cercando di qualificarsi per le Olimpiadi, tra l’altro) mentre Peter ha lavorato in Formula 1 e nel sistema bancario.
    Credo che i figli di Edward, già per il fatto di essere i figli del quartogenito della regina e, un giorno i nipoti o i cugini di un re, dovranno trovarsi un lavoro. I genitori hanno anche rifiutato, per loro, il titolo di Altezze Reali, e sono “solo” i figli di un conte, per ora.
    Beatrice, essendo già laureata, sta cercando (o forse già sta facendo) degli stage. Eugenia immagino farà lo stesso, una volta laureata, perchè sì, è vero, lo zio Carlo ha messo in chiaro che loro non saranno a tempo pieno nella Firm (termine con cui la famiglia reale si autodefinisce!)

  19. Sofia ha detto:

    Angela Kelly non dovrebbe avere il titolo di lady in waiting, ma quello di assistente personale. Inoltre è la couturier della regina. Ha relizzato, tra gli altri, sia l’abito per la sfilata delle barche sul Tamigi che quello per il servizio nella cattedrale.

  20. paola (baldanzi) ha detto:

    ecco qui la regina con la “Lady in waiting”: secondo la didascalia sarebbe proprio Lady Diana Farham, come dice Sofia.

    http://jacksonville.com/entertainment/2012-06-05/story/crowds-cheer-queen-last-day-jubilee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi