JuanCarlos

Don Juan (Carlos) come don Giovanni, anzi meglio. Qualche settimana fa una notizia ha fatto stranamente scalpore. Dico stranamente perché a parte la catalogazione, con annessa contabilità della cifra esatta che resta comunque aleatoria non avendo il sovrano spagnolo Leporello al suo servizio, la cosa si sapeva e da mo’.

In tempi non sospetti e quando tutti gli spagnoli erano ancora felicemente juancarlisti e Letizia Ortiz faceva la studentessa di sinistra senza velleità alcuna di cingere una corona, serissimi studiosi già sostenevano che il matrimonio del re di Spagna era  abbondantemente naufragato sugli scogli dell’infedeltà. Charles Powell nel 1996 e Paul Preston nel 2003, autori di due corpose biografie (storico-politiche, non di pettegolezzi) su Juan Carlos, scrivono nome, cognome e indirizzo della più nota maitresse reale. Le confidenze fatte dalla regina Sofia alla giornalista Pilar Urbano (la sua biografia, l’unica autorizzata della sovrana, è uscita per Plaza & Janes nel 1996) confermano una realtà di coppia complessa e difficile. Che i due abbiano attraversato momenti di crisi non è un mistero e che sia stato il senso del dovere – forte in entrambi – a riportarli verso una almeno apparente serenità, se non alla passione di un tempo, emerge molto chiaramente quando la regina di Spagna afferma che, secondo lei, l’amore è un sentimento vivo, ma in continua crescita ed evoluzione. “Il mio, il nostro – dice – si è trasformato in amicizia. Sono la sua compagna di viaggio e in questo viaggio noi siamo insieme su un cammino che non finisce mai. Perché noi conduciamo delle esistenze nella stessa direzione, spinti dalle identiche motivazioni”. Più chiaro di cosi.

Insomma i problemi ci sono stati, ma la regina evidentemente ha fatto in modo che essi non prendessero mai il sopravvento sui doveri. Probabilmente fra i due si è arrivati ad una sorta di “gentlemen agreement” per il bene dei figli e della nazione, visto che la Spagna oggi non può fare a meno né dell’uno, né dell’altra. Sono anni che il re e la regina di Spagna non vengono ritratti in atteggiamenti affettuosi l’uno verso l’altra, come era un tempo, ad esempio per Baldovino e Fabiola del Belgio, come è tutt’ora per gli attuali sovrani del Belgio o per Margarethe di Danimarca e il principe Henrik. Qualcuno attribuisce questa mancanza di calore al naturale riserbo di Sofia, ma la regina non è sempre così, basta guardarla quando è in compagnia dell’adorato figlio Felipe, dei nipoti o del fratello e della cognata che essa bacia e abbraccia con grande trasporto anche in pubblico. Difficile parlare di timidezza, visto che la famiglia reale spagnola – al contrario di quella inglese – non ha mai indossato la maschera dell’imperturbabilità e della compostezza. I sovrani ridono, si entusiasmano per le vittorie sportive, sono in lacrime al funerale di don Juan e a quello dell’anziana zia, l’infanta Cristina, il re piange apertamente durante le esequie della madre, la regina e il principe Felipe esultano alle Olimpiadi per le vittorie degli atleti spagnoli.

JuanCarlos2

C’è da dire che Sofia di Grecia sapeva benissimo chi stava sposando. I Borboni sono costituzionalmente focosi e caratterialmente infedeli. Basta dare un’occhiata all’albero genealogico del re di Spagna.

  • Alfonso XIII, suo nonno, il bambino nato re, è un grande cacciatore di selvaggina e di donne di tutti i ceti sociali e alla moglie Vittoria Eugenia di Battemberg, della quale si innamora rapidamente e brevemente, farà vedere i sorci verdi. I suoi figli non saranno da meno, di uno in particolare, don Jaime, si narrano imprese epiche e performance da record che mettono a dura prova anche la pazienza della moglie, sottoposta a pesanti tour de force. Anche don Juan, il conte di Barcellona, padre del re pare si sia dato molto da fare;
  • Isabella II, la sua quadrisavola, era piuttosto vivace, tanto che diversi dei suoi figli probabilmente non sono del marito legittimo, il quale – ad onor del vero – preferiva alla legittima e non avvenente consorte, i giovani ufficiali;
  • Maria Luisa di Borbone-Parma, moglie di Carlo IV non solo è sciocca, brutta ed arrogante, ma è anche una ninfomane, perversa e intrigante che rimarrà nella storia, con il gentile contributo del pennello crudele ed implacabile di Goya, come una delle peggiori regine di Spagna;
  • Luigi XV, re di Francia e nonno di Maria Luisa, è un traditore del genere ossessivo compulsivo; secondo gli storici con il sesso cura la sua latente depressione e la sua paura della morte. Oltre alla serie delle amanti ufficiali e note ha anche una specie di riserva di caccia il celebre “parc aux cerfs”, una villetta dove giovani e leggiadre fanciulle aspettano la visita reale, insomma un harem in stile Francia del XVIII secolo; 
  • Filippo V, re di Spagna, ha un robusto appetito sessuale e la mancanza di “sfogo” gli procura feroci mal di testa, ma è anche molto religioso, così si sfoga obbligatoriamente solo con le mogli. La prima, sfinita, muore presto, la seconda usa il letto per ottenere quello che vuole e successivamente governare il paese; 
  • Luigi XIV, re di Francia, bisnonno di Luigi XV e nonno di Filippo V, per questioni politico-dinastiche ha una moglie noiosissima ma si consola in fretta e facilmente;
  • Enrico IV, re di Francia, più volte antenato dei Borboni di Spagna. Ci saranno pure dei buoni motivi se Enrico passa alla storia con l’affettuoso soprannome di “Vert Galant”. Tradotto alla lettera significa “verde galante” e non si riferisce al colore del ritratto equestre piazzato a metà del parigino Pont Neuf, ma alla sua passione sfrenata per le belle donne. Le due parole sono una espressione letteraria che indica un uomo intraprendente, dal punto di vista sentimentale, nonostante l’età, e rappresentano con estrema precisione la personalità e le attitudini di Enrico. Il primo Borbone sul trono di Francia alle donne corre dietro per tutta la vita e nei numerosi letti in cui si riesce ad infilare forse rischia più che in battaglia. Enrico, che combatte prima per salvare la vita e i suoi possedimenti e poi per il regno, coltiva in serenità e senza molti problemi, una lunga serie di relazioni con annessi figli illegittimi che fa allevare insieme alla prole ufficiale e per tutti ha un amore ed una tenerezza enorme. Sposa Maria de’ Medici, ma si impegna anche con Henriette d’Entrangues, tanto che le due signore partoriscono un figlio di Enrico ad un mese di distanza l’una dall’altra.

Ovviamente lungi a me giustificare il don Juan (Carlos) ma un gatto resterà sempre cacciatore (e questo lo dico con cognizione di causa, in questi giorni una delle mie due passa il suo tempo con il naso incollato alla finestra, per ora fa solo bird watching ma non oso pensare cosa potrà combinare appena avrà libero accesso al giardino) e il giovane sovrano, già notevolmente prestante di suo, quando sale al trono acquisisce automaticamente quella dose aggiuntiva di charme che è indissolubilmente legata al potere.

Insomma che Pilar Eyre (autrice di vari libri sulla monarchia spagnola, fra cui una storia romanzata di Vittoria Eugenia e un “Secretos y mentiras de la familia real”) riveli nel suo “La soledad de la reina” (biografia segreta e ovviamente non autorizzata della regina di Spagna) qualcosa che più o meno si sapeva mi lascia abbastanza indifferente, mentre  il fare notizia con il numero (1500 in una trentina d’anni più meno fa una cinquantina all’anno, cioè quasi una alla settimana, quindi una attività ricreativa decisamente impegnativa per una persona con una agenda abbastanza piena) e con il nome che fa sempre scalpore (lady Diana) mi pare soprattutto una manovra giornalistica di bassissima lega.

Di sicuro la fama di donnaiolo ha contribuito alla popolarità di Juan Carlos, piuttosto che il contrario e in generale gli spagnoli hanno sempre difeso e perdonato il loro amatissimo re. Infatti quando, nel 1992, un giornale italiano porta alla ribalta la notizia di una presunta relazione del re con la catalana Marta Gayà, in Spagna si grida al complotto. Lo stesso primo ministro Felipe Gonzàles accusa gli autori dello scoop di essere manovrati da qualcuno che vuole minare il prestigio della nazione e del sovrano in un anno di grandi trionfi. Pablo Castellano, esponente di spicco dell’estrema sinistra dichiara: “mi interessa una sola notte della sua vita, quella del 23 febbraio 1981”.

Venti anni dopo la situazione è diversa, Juan Carlos è ancora molto amato ed apprezzato per il ruolo avuto nel momento della transizione e per essere stato il garante ed il custode della democrazia; il ruolo e l’apporto di Sofia sono considerati fondamentali, ma sul resto, cioè sulla famiglia, sull’erede al trono e sul futuro della monarchia, sulla sua necessità, pochi sono quelli che hanno vere certezze. La freddezza della coppia Asturie, tanto diversa dal calore e dalla cordialità di Juan Carlos, gli scarsi consensi raccolti da Letizia (che è migliorata nello stile, ma non nella simpatia) e lo scandalo Urgandarìn rischiano oggi di aver conseguente assai disastrose, più del catalogo di dona Pilar.

E se volete saperne di più sulle nozze fra Sofia di Grecia e Juan Carlos di Borbone cliccate qua

ps ovviamente, a parte il capoverso finale che è serissimo, prendete il tutto con il dovuto sense of humor, a partire dal catalogo di Leporello e dalla lista dei Borboni focosi che si insomma è tutto storicamente provato, ma non ho verificato se ci siano studi scientifici sulla trasmissione genetica dell’impulso a mettere le corna 😉 …

aggiornamento del 14 aprile (grazie Paola!)

Il re di Spagna – a caccia di elefanti nel Botswana, uno stato del continente africano – è caduto fratturandosi l’anca destra ed è stato immediatamente rimpatriato per essere operato a Madrid. Le fonti ufficiali – la Casa real – hanno fatto sapere che al sovrano questa mattina questa mattina è stata inserita una protesi. Un periodo decisamente negativo per la famiglia reale spagnola, prima con i guai del genero Undargarìn, poi con l’incidente di Felipe de Marichalar il figlio della infanta Elena che si è sparato ad un piede con un fucile da caccia (fra l’altro il ragazzino ha tredici anni e, secondo la legge, ce ne vogliono quattordici per maneggiare un’arma il che ha scatenato accese polemiche) e adesso la caduta e l’operazione di Juan Carlos. Magari se lasciassero perdere la caccia sarebbe meglio per tutti, in primis per gli elefanti e poi anche per i loro arti.

Ulteriore aggiornamento, secondo il sito Hola.com la regina Sofia non sarebbe a Madrid al capezzale del marito, come tutti si aspettavano, ma in Grecia insieme al fratello Costantino ed alla sua famiglia per le celebrazioni della Pasqua ortodossa che cade questo fine settimana. Non rientrerà prima di lunedì. Credo che qualsiasi commento sui rapporti della coppia reale spagnola sia, a questo punto, del tutto superfluo.    

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

85 Commenti

  1. Martina ha detto:

    Bellissimo questo articolo, anche se effettivamente non sono notizie che fanno così tanto scalpore, ormai la storia ci insegna che di nobili donnaioli ce ne sono a iosa e di spose felici davvero poche soprattutto quando ancora i matrimoni erano combinati, speriamo che sarà diversamente per le nuove coppie. Che poi ho sempre pensato, per quanto riguarda al meno le storie più vecchie, che se la coppia reale restava unita solo per questioni rappresentative, i figli soprattutto quando erano ancora piccoli ne risentivano molto con conseguenti problemi depressivi e ossessivi compulsivi che li avrebbero portati a comportarsi anche loro in modo sbagliato verso le o i loro consorti. Quindi l’ossessione per il sesso non sarà ereditaria, ma di certo i cattivi esempi non facevano bene ai pargoli reali. Ovviamente la mia è una riflessione personale fatta qui per qui. Te Marina sei sempre divertente e piena di humour come al solito, è un piacere leggerti.

  2. Ale ha detto:

    come ha già detto martina i re cornificatori non sono certo una novità. qualche giorno fa ho letto invece sulle news dell’umi i risultati di un sondaggio spagnolo dei primi di marzo sulla monarchia. circa il 70% approva la monarchia, il 50% la giudica abbastanza moderna e il 77% è favorevole a juan carlos. personalmente non credo che il trono spagnolo corra dei rischi in futuro, anche se mai dire mai.

  3. elettra ha detto:

    @Marina…gradevolissima presentazione, piena di humor e post che si preannuncia divertente e pruriginoso
    Io non credo che il nostro Juan Carlos sia stato così fedifrago, almeno così tanto…è sempre stato, anche prima di sposarsi un ragazzo vivace,e Sofia sapeva chi si sposava, ma addirittura a un ritmo, vorrei dire, forsennato, NOOOO, via!!!
    Io penso che il loro sia stato un matrimonio, con tante frizioni, ma anche fatto di tanta stima reciproca e affetto! Due persone con una personalità molto strutturata, è chiaro che abbiano avuto degli atriti! Può darsi che Sofia qualche rospo l’abbia ingoiato, in anni passati e c’abbia anche fatto il callo, però ci sono anche foto che ritraggono i due che si guardano in modo molto complice…litigi? e quali sono quei coniugi che non litigano?
    Juan Carlos ha avuto , qualche tempo fa, seri problemi di salute per il polmone e anche all’anca o qualcosa di simile alla gamba, l’abbiamo visto con le stampelle, ha 73 anni…..insomma , penso che si sarà anche un po’ calmato !!!!
    Fra un mese questa coppia taglierà il traguardo delle nozze d’oro e spero che si organizzi qualche festeggiamento pubblico, anche se dubito, visti i problemi con la figlia Cristina, lo spero proprio, così potremo ancora commentare… a me piacciono molto tutti e due

    Scusate …ma chi ha tenuto il conto di tutti questi presunti incontri?????…ma sono mille e tre signore o mille e tre volte? (1003 o si deve leggere 1300?) aiuto sto cadendo nel pettegolezzo più becero……….!!!!!!!!!

  4. marina ha detto:

    @ Martina grazie, sei molto gentile. questo matrimonio in particolare non si è mai capito quanto sia stato combinato e quanto sia stato amore, in effetti lei era ortodossa e lui cattolicissimo, per lei la madre voleva un trono e all’epoca JC era solo un bel giovane con un nonno re, insomma a vederlo così non sembra un matrimonio di interesse, ma chissà;
    @ Ale be’ i sondaggi mi sembrano buoni per JC, resta da vedere se saranno gli stessi anche con Felipe;
    @ elettra nel suo libro la Eyre parla di 1500 donne, ma io nel titolo mi riferisco alla celebre aria del don Giovanni di Mozart (la puoi ascoltare cliccando sul nome Leporello) in cui il servo sciorina tutto il catalogo delle conquiste e in Spagna “son mille e tre”, quindi se è vero quello che ha scritto la Eyre, JC è stato anche meglio di don Giovanni.
    le nozze d’oro saranno una specie di cartina tornasole, vedremo un po’ come saranno celebrate, ma già gli altri anniversari erano stati festeggiati moooolto sottotono.

  5. anonimo ha detto:

    Elettra!! Ho letto e avevo intenzione proprio di scrivere quello che hai scritto tu in ultime due righe..sei una donna tremendissima! 🙂 🙂
    Di rospi ne ha ingoiati tantissimi, non tanti.
    Una anziana signora spagnola mi disse anni fa, ma data per certa la notizia, che era di dominio pubblico molti anni fa che in due occasioni fu chiuso aereoporto per alcune ore perchè Sofia non se ne andasse con i figli.Ora non so, fate voi, ma la persona è una che poteva essere informata, certo dissero altro per i voli bloccati!
    Lui fu sentito una volta urlare a lei che gli urlava ti odio( letto su stampa forse inglese anni fa), odiami pure, ma arrangiati in qualche modo visto che non puoi divorziare.Ricordo che mi sembrò di un pragmatismo , di una freddezza..ero giovane..in pratica le disse
    ” prenditi chi vuoi non sarò io a rompere le uova a te”.Era il periodo di Felipe Gonzalez quando Juan Carlos sparì per 2-3 gg con la sua bella arredatrice e nessuno sapeva dove fosse e bisognava firmare una legge o un decreto, ci fu il panico, uno scandalo appena soffocato.Forse Marina può confermare, poi Gonzalez, uomo di Spagna parò il fondo schiena al suo re. Era Gonzalez veo, Marina?

  6. elettra ha detto:

    Stavo riflettendo, che in fondo Sofia è in buona compagnia… sui troni europei, solo Harald e Sonia non hanno dato adito a pettegolezzi… pure in Lussemburgo sembra che le cose siano filate lisce se non ricordo male, e anche in Olanda tra Beatrice e Claus…… per il resto, se non sono state corna, sicuramente ci sono state forti tensioni…. speriamo bene per le giovani coppie che non avrebbero neppure la scusa della ragion di stato , visto che si son tutti sposati per amore o così hanno creduto

  7. elettra ha detto:

    1500?????

    GULP!!!!!!!!!

  8. nicole ha detto:

    Anonimo ..c’est moi! Che ora mi copiano anche

  9. LadyF ha detto:

    Uhh…quante storie per un po’ di corna!…se vuoi la corona devi fare il callo anche ad altri “copricapi” ;-D.
    Altrimenti fai come me che le guardo da lontano!! 😉

  10. paola ha detto:

    @Nicole, l’episodio che ricordi (Sofia che urla “ti odio” e JC che in pratica ribatte “chi se ne frega”) fu riportato alcuni anni fa dal pungente (per non dire velenoso) giornalista Jaime Penafiel nel suo libro “Ritratto di un matrimonio”

    http://www.corriere.it/cronache/08_gennaio_12/juan_Carlos_spagna_sofia_scappatelle_0ddf63cc-c111-11dc-91df-0003ba99c667.shtml

    a quanto ho capito pressappoco le stesse cose che racconta ora Pylar Eyre erano già state scritte da Penafiel (numeri a parte :)), ma forse sbaglio perchè lo deduco dalle recensioni dato che non ho letto nessuno dei 2 libri.

    Già che siamo nel gossip… ricordo che diversi anni fa una nobile signora italiana scrisse su una nota rivista un memoriale sulla sua relazione con JC che si era conclusa poco prima delle nozze con Sofia. La signora, se non sbaglio, affermava che da questa relazione era addirittura nata una figlia. La storia era ben documentata, ma a un certo punto la nobildonna negò tutto, insomma si pentì e disse che era stata tutta una sua fantasia (mah)… girando sul web ho scoperto che la storia è di dominio pubblico e che naturalmente è già stata riportata da varie biografie non autorizzate e da Pilar Eyre:
    http://www.cotilleando.com/f6/paola-di-robilant-hija-natural-del-rey-y-su-madre-olghina-48611/index5.html

    se la storia è vera, questo JC è stato proprio tremendo fin dagli albori!! 😀

    M. Paola

  11. paola ha detto:

    @Elettra, a proposito di matrimoni fuori dai pettegolezzi, pensa che io, fino a quando non è scoppiato lo scandalo, pensavo che il matrimonio tra Carlo Gustavo e Silvia di svezia fosse tra i + felici del gotha, addirittura da additare ad esempio 😀 A volte ci facciamo trarre in inganno dalle apparenze… o dalla nostra voglia di vedere una bella storia d’amore di quelle eterne “e vissero felici e contenti”!
    Sulla coppia del Lussemburgo vennero fuori delle voci anni fa, me ne ricordo perchè la smentita e il pianto pubblico di Maria teresa mi sembrarono un po’ fuori luogo… qui dall’archivio del Corriere della sera:
    http://archiviostorico.corriere.it/2002/luglio/09/Lussemburgo_sesso_bugie_Palazzo_co_0_0207092792.shtml

    Henri e M. Teresa sono un’altra coppia che mi è sempre piaciuta, speriamo allora che non ci sia stato niente di vero

    M. Paola

  12. Mademoiselle Vivian ha detto:

    Juan, la voce del cuore è inconfondibile…

    No, in questo caso invece no,
    non credo che Juan abbi tutte queste donne che li vengono attribuite, c’e’ qualcosa in lui che mi dice che non e’ un fuocoso donnaiolo come fanno credere.
    Voi sapete dirmi se vi risulta che abbi dei figli illegittimi?
    O che ne’ abbi riconosciuti?

    A me sembra un’uomo abbastanza autoritario, serio, pero’ deve stare in guardia a non essere troppo sicuro di se’, deve stare attento a non cercare troppo sostegno negli allori passati o futuri, ottimista e pieno di sè , certamente, ma con attenzione.
    La sua famiglia gli potra’ dare dei colpi di scena…

    Anche lui ha il solito problema di non riuscire molto bene ad aprirsi ai sentimenti, li sente chiaramente, ma non ha capacita’ di espressione.

    Mi sembra un’uomo molto compiaciuto di se’,
    di quello che ha ottenuto.
    Juan deve trovare coraggio di ascoltare la voce del suo cuore, a costo di rimetterci la sua immagine.

    Juan e’ una persona con molte risorse, ha un senso di stabilita’ e concretezza notevole.

    Lui ha qualcosa di grande a livello fisco,
    il suo corpo ha una capacita’ di guarigione superiore alla media di altri uomini, riesce a rimettersi bene da malattie, infortuni o incidenti.
    Sento che lui,ha una grande e straordinaria capacita’ di recupero fisico.
    E’ una cosa sua, personale,di natura.

    Caro Juan…

    Tutte le parole hanno un suono, vanno capite, ascoltate, assecondate, se escono dal cuore le riconoscerai…
    Sono quelle che producono un suono

    inconfondibile….

    Vivian

  13. elettra ha detto:

    @Marina…sapevo che sarebbe stato molto stuzzicante questo post!!!!!
    Della signora in questione, in certi ambienti romani ,si è a conoscenza della grandissima passione che ci fu con JC , e che abbia anche dato dei frutti -una figlia, per l’appunto!- e che anche lui era molto preso da questa signora, tanto che dovette intervenire il padre, perchè, benchè nobile, la ragazza non era all’altezza (e anche un po’ scapestratella!) della situazione che si andava profilando per il futuro re….erano due ragazzi..poco dopo JC si fidanzò con Sofia
    La signora, che non ha mai rivelato la paternità della figlia, tiene anche sul web una rubrica di attualità, che ora non ho più tra i preferiti, ma la cercherò, e scrive anche su un giornaletto di quartiere,che spesso mi capita di leggere, ed entrambi usa come una sferza, per castigare i costumi altrui!!!!!!!!

    @Nicole…come Sofia voleva scappare, con i figli?????? e noi che ci siamo tanto meravigliati di Charlene!!!!!!
    …..e il re sparito per 3 giorni???… se l’avessero ritrovato ora dovremmo commentare su 1490/95 e non su 1500!!!!AHAHAHAH!!!!!!!

    @Paola non mi ricordavo per niente di questa storia , grazie per avermela rammentata!
    Mamma mia, la defunta Josephine-Charlotte!!!non sembrava così perfida, anche perchè una vera signora, principessa o no, non dovrebbe mai raggiungere gli eccessi! da mettere, SUBITO, anche lei nel post delle suocere terribili!
    Anch’io spero che la cosa non sia vera….però se lui non ha detto nulla, gatta ci cova…forse non ha voluto essere spergiuro…mah!

    @Lady F….l’età mi ha insegnato, che il guardare da lontano è non è fruttuoso!…bisogna guardare vicino, molto vicino!!!!!!..e che non bisogna mai abbassare la guardia, ritenendosi immuni….sulla testa, prima di indossare le corna, meglio mettere le antenne!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Con simpatia!

  14. Martina ha detto:

    Mi piacerebbe tanto leggere di una coppia reale veramente innamorata e appassionata non solo affettuosa, senza corna e bugie in mezzo. Delle volte mi faccio un’idea di coppie felici e invece ci rimango male, se scoprissi in futuro che William ha tradito Kate, resterei di sasso, loro sembrano davvero affiatati.

  15. nicole ha detto:

    Ma bene, ora abbiamo anche il profilo astrologico di Juanito!
    Eh, sì, perchè è scritto come quelle robe che si leggono in giro.
    Io son convinta che uomo sia stato un pochino sopra le righe, ma il numero, suvvia…non ci penso nemmeno.
    Il rapporto con la arredatrice durò una vita, fu lunghissimo, a quanto si dice.E’ una donna molto affascinante, bella, elegante e fine( va detto!).
    Sì Marina, proprio così mi disse la signora madrilena, la faccenda dell’aereoporto.
    Credo che Fabiola e Baldovino fossero molto presi uno dell’altro e non fedeli solo per forma o credenze loro.
    Silvia e Gustavo, erano di dominio pubblico anche le festicciole di lui scapolo, molto molto attivo.Ma vabbè, era libero.
    Credo poi che il potere generi un’aurea particolare, tale che ti trovi tra i piedi anche se non vuoi una marea di donne di vario genere e così…occasioni a gogò..

  16. Dora ha detto:

    ma anche henrik di danimarca ha fatto il “birboncello”?
    io sapevo che le tensioni con margherita erano dovute a fatti che concernevano il suo ruolo, non da eventuali corna…
    cmq non proprio uno stinco di santo, JC…

  17. davide giulio contri di frassineti ha detto:

    …ehheeh Enrico IV° di Francia/III° di Navarra era davvero un capo-harem… con amanti prima, durante, attraverso i suoi due matrimonii (quasi tre…) ma si ritrovò addirittura la prima (così osteggiata…) moglie e la seconda alleate e partecipi del governo…(sarà stato l’aver il medesimo sangue dei “banchieri fuorentini”? :-))) )

  18. elettra ha detto:

    Concordo in pieno con Nicole….quando si occupano posti di un certo rilievo sociale, anche senza arrivare così in alto, donne che si propongono, ne trovi a iosa!….mi dispiace dirlo, perchè , come donna, dovrei difendere le persone del mio stesso sesso, ma purtroppo è così….ora la mentalità degli uomini, che sono rimasti un passo indietro rispetto a noi – e anche questo va detto!- è quella che si fa una brutta figura, tirandosi indietro…..e una donna rifiutata diventa una donna molto pericolosa, e può renderti la vita molto difficile!…inoltre è molto difficile che un uomo, rinunci a una donna che chiaramente si propone….tutto questo se non vogliamo perdere di vista la società umana che ci siamo costruiti,ma che non corrisponde alla nostra vera natura
    .è scritto nel DNA…sto parlando in modo scientifico in questo momento,da manuale di biologia, e non per luoghi comuni..
    Nel maschio, non solo uomo, ma anche negli animali si riscontra, perchè è una questione ormonale, il testosterone sostiene l’aggressività, la competitività e la prosecuzione della specie ed e il maschio è studiato per avere più figli possibile, quindi più femmine possibili, specialmente nei mammiferi, dove il maschio abbandona la femmina incinta e cerca una nuova compagna…….è la nostra cultura e mentalità che non vogliono accettare questa cosa e ci si attacca all’amore, alla fedeltà e via discorrendo…ma in natura son tutte bubbole, infatti un uomo può generare figli fino a tarda età, mentre la donna, no…siamo dei fedifraghi per natura … e per ormoni!!!!
    La fedeltà appartiene solo agli uccelli, che infatti crescono insieme la nidiata… e c’è un motivo: la difficoltà nel reperire il cibo e la rapidità con cui i pulcini si devono rendere indipendenti
    Ho fatto un trattato di biologia riproduttiva animale,SCUSATEMI, ma volevo solo spiegare il perchè in fondo è una cosa così diffusa, a tutti i livelli
    …poi ci sono coppie, che trovano che la reciproca compagnia ed assistenza , la capacità di privilegiare l’amicizia l’uno dell’altro, riescono a trovare delle intese molto forti e durature….ma, secondo me a prova di bomba non c’è niente!
    Quando Sofia dice…siamo diventati dei buoni compagni di viaggio …..dice una cosa molto saggia, anche se ci sono voluti 50 anni e molti terzi incomodi

  19. paola ha detto:

    a proposito di Borboni “calienti”, come ha ricordato giustamente Marina anche Isabella II di Spagna si dette molto da fare (la regina Vittoria era, o fingeva di essere, scandalizzata dal temperamento “focoso” di Isabella). Isabella l’ho sempre trovata inquietante anche d’aspetto 😀

    http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Isabella_II_of_Spain_in_exile.jpg?uselang=it

    Per il discorso dell’ereditarietà di certi istinti (o sono comportamenti acquisiti??) sembra però che Felipe attuale principe delle Asturie non assomigli al padre: quanto JC è ardito (non solo in certe abitudini, ma anche come carattere in genere) tanto il Felipe mi sembra “sbiadito”… poi non credo sia infedele alla Letiziuccia se no te lo sistema lei!!! 😀 😀

    M. Paola

  20. tody ha detto:

    si dimentica che il suddetto matrimonio fu stipulato alla vecchia maniera, matrimonio d’interessi, anche sul duca d’edimburgo se ne dicono tante, invidia sociale, a volte il gossip lo creano perchè vorrebbero essere lì ma non ci sono chi l’avrà mai messe in giro queste voci maligne e a scopo di facile guadagno………………………………………………………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi