L’11 dicembre 1911 a Delhi re Giorgio V è incoronato imperatore delle Indie e per l’occasione Garrard, il gioielliere di corte, realizza su richiesta della regina Mary un nuovo diadema, più importante e voluminoso di tutti quelli che la sovrana già possiede che diventerà famoso con il nome di Durbar Tiara. Come noto la moglie di Giorgio V adora i gioielli, se ne adorna con grande abbondanza e non è mai sazia di parure e diademi.

Mary1

La Durbar Tiara, che ornerà la sua testa nel momento dell’incoronazione ad imperatrice delle Indie, è una vera e propria corona aperta che circonda per intero il capo, è imponente, ma molto eleganze fatto di archi e volute e nella parte centrale ha un’altezza di 15 centimetri. Il diadema, per la cui realizzazione Mary ha fornito tutte le pietre necessarie smontando un’altra tiara di Boucheron, ha una particolarità: la sezione centrale si può staccare e i motivi di diamanti che la compongono possono essere sostituiti con due grossi diamanti, uno a forma di goccia e l’altro a taglio cuscino, provenienti entramvi dal Cullinan, il più grosso diamante mai trovato in Sud Africa.

Mary2

Qualche anno dopo Mary farà fissare sulla sommità del diadema dei ganci ai quali attaccare dei grossi smeraldi a goccia provenienti dall’eredità di sua madre, la duchessa di Cambridge e indossa la sua Durbar Tiara in pendant con la sua splendida collezione di pietre verdi.

QueenMum-Durbar

La durbar Tiara da Mary a Elizabeth

Alla morte della regina Mary nel 1953, Elisabetta II eredita gli smeraldi, mentre il diadema finisce nella cassaforte, già ben fornita, della Queen Mum che lo porta una sola volta. Il sontuoso gioielli mal si adatta alle pettinature moderne, così sparisce e c’è anche ci pensa sia stato smontato. Ma Elisabetta non è tipo da vendere o smembrare i ricordi della sua famiglia, il diadema è semplicemente in attesa di una nuova proprietaria e infatti nel 2005 eccolo riapparire sulla testa di Camilla, neo duchessa di Cornovaglia. Anche in questo caso, come per la tiara Greville, la scelta della regina è attenta ed oculatissima, la tiara non è legata al ricordo di un personaggio recente e quindi nessuno si può offendere o gridare allo scandalo.

Durbar

Mary3

Durbar2

CamillaDurbar2

Il diadema prende il suo nome dal Delhi Durbar cioè la “Corte di Delhi”,  un’assemblea che si svolgeva al Coronation Park di Delhi dove aveva luogo l’incoronazione del re e della regina del Regno Unito a imperatore e imperatrice d’India. Conosciuto anche col nome di Imperial Durbar, la cerimonia si tenuta tre volte nella storia dell’Impero Britannico: nel 1877, nel 1903 e nel 1911. Il Durbar del 1911 è l’unica cerimonia a cui presenziarono anche i sovrani. La regina Vittoria non ci pensò neanche di fare il viaggio fino in India, mentre suo figlio Edoardo VII aveva promesso di andare e invece poi alla fine spedì il fratello Arturo duca di Connaught. Edoardo VIII nel 1936 non fa in tempo neanche ad essere incoronato in Inghilterra, mentre nel caso di suo fratello Giorgio VI è la guerra a mandare a monte i progetti.

per le foto ringrazio ancora una volta Claudio, lettore appassionato di gioielli reali che mi offre sempre il suo aiuto per le ricerche.

ps nei prossimi giorni non riuscirò a collegarmi spesso, si parte, nel senso che trasloco e quindi sarò oltre che impegnata – purtroppo – anche per un paio di giorni senza connessione.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

86 Commenti

  1. elettra ha detto:

    Grazie @Marina … non ricordavo la Spagna franchista… il nostro Juan Carlos, è stato talmente bravo a farla dimenticare, che sembra una cosa di chissà quanti anni fa!
    Le due bambine, si agitano?..i gatti del quartiere, sono tutti come Romeo degli Aristogatti,tutti cacciatori…. hanno adocchiato le due pulzelle e si stanno passando la voce….attenzione,Marina,ATTENZIONE!!!!!!!!

    Grazie @Paola…anch’io credo che Cristina fosse molto innamorata, del resto così bruttina, il primo che l’ha circondata di attenzioni, ci è cascata come una pera…poveretta , mi dispiace!

  2. Filippo ha detto:

    Buon pomeriggio
    @Ale, anche io ho guardato e riguardato le due foto in questione, ha ragione Elettra si tratta di piccole congiunzioni nelle volute superiori che probabilmente servivano a tenere più chiusa la tiara e a riempire quei vuoti, Camilla la porta più aperta e quindi saranno stati rimossi.
    @Elettra mi fai ridere con “”a pane di paese”” però sono contento che un modo dire palermitano sia entrato nel linguaggio comune di una romana nativa, se non sbaglio, del trentino.
    Saluti
    Filippo

  3. elettra ha detto:

    @ Filippo se devo proprio svelare il mio luogo di nascita è Brescia…….poi fai un po’ tu riguardo alla regionalità che mi vuoi dare…..hai di che scegliere!!!!!!!!!

  4. Ale ha detto:

    sto cercando di farmi uno schema sulla situazione delle dinastie europee. vorrei sapere da qualcuno più esperto di me se questo elenco di famiglie esistenti oggi è giusto?
    1)dinastie regnanti e non regnanti:
    • Anhalt,
    • Asburgo-Este,
    • Asburgo-Lorena,
    • Asburgo-Lorena di Toscana,
    • Assia-Kassel,
    • Assia-Philippsthal-Barchfeld,
    • Baden,
    • Bernadotte,
    • Bonaparte,
    • Borbone delle Due Sicilie,
    • Borbone-Orléans di Francia,
    • Borbone di Parma,
    • Borbone di Parma-Nassau-Weilburg,
    • Borbone di Spagna,
    • Hannover,
    • Hohenzollern,
    • Hohenzollern-Sigmaringen,
    • Hohenzollern-Sigmaringen di Romania,
    • Grimaldi,
    • Karađorđevic,
    • Liechtenstein,
    • Lippe,
    • Meclemburgo,
    • Oldenburg,
    • Orange-Nassau dei Paesi Bassi,
    • Orléans-Braganza del Brasile,
    • Petrović-Njegoš del Montenegro,
    • Reuss-Gera,
    • Reuss-Greiz,
    • Romanov,
    • Sassonia,
    • Sassonia-Coburgo-Gotha,
    • Sassonia-Coburgo-Gotha del Belgio,
    • Sassonia-Coburgo-Gotha della Bulgaria,
    • Sassonia-Coburgo-Gotha-Braganza,
    • Sassonia-Gessaphe,
    • Sassonia-Meiningen,
    • Sassonia-Weimar-Eisenach,
    • Schaumburg-Lippe,
    • Schwarzburg-Sondershausen,
    • Schleswig-Holstein,
    • Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg-Beck di Danimarca,
    • Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg-Beck di Grecia,
    • Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg-Beck di Norvegia,
    • Waldeck e Pyrmont,
    • Windsor,
    • Wittelbach,
    • Württemberg.
    2)famiglie mediatizzate dell’Impero Asburgico:
    • Auersperg,
    • Colloredo Mannsfeld,
    • Esterházy,
    • Kaunitz-Rietberg,
    • Khevenhüller,
    • Lobkowitz,
    • Metternich,
    • Orsini von Rosenberg,
    • Salm-Reifferscheid-Krautheim,
    • Schwarzenberg,
    • Schönburg-Waldenburg,
    • Schönburg-Hartenstein,
    • Starhemberg,
    • Trauttmansdorff,
    • Windisch-Graetz,
    • Meszaros von Linz.
    3)famiglie mediatizzate del Sacro Romano Impero:
    • Aremberg (duchi),
    • Bentheim-Steinfurt,
    • Bentheim-Tecklenburg oder Rheda,
    • Croy (duchi),
    • de Mérode,
    • Fugger-Babenhausen,
    • Fürstenberg,
    • Hohenlohe-Langenburg-Langenburg,
    • Hohenlohe-Langenburg-Oehringen,
    • Hohenlohe-Langenburg-Kirchberg,
    • Hohenlohe-Waldenburg-Bartenstein,
    • Hohenlohe-Waldenburg-Bartenstein-Faxtberg,
    • Hohenlohe-Waldenburg-Schillingfürst,
    • Isenburg-Offenbach-Birstein,
    • Leyen,
    • Leiningen,
    • Ligne,
    • Looz-Coswarem (duchi),
    • Loewenstein-Wertheim-Rosenbrg,
    • Loewenstein-Wertheim-Freudenberg,
    • Oettingen-Spielberg,
    • Oettingen-Wallerstein,
    • Salm-Salm,
    • Salm-Kyrburg,
    • Salm-Reifferscheid-Krautheim,
    • Salm Horstmar,
    • Sayn-Wittgenstein-Berleburg,
    • Sayn-Wittgenstein-Hohenstein,
    • Solms-Braunfels,
    • Solms-Lich und Hohensolms,
    • Waldburg-Wolfegg-Waldsee,
    • Waldburg-Zeil-Trauchburg,
    • Waldburg-Zeil-Wurzach,
    • Wied,
    • Thurn und Taxis.
    4)famiglie nobili europee che godono del trattamento di Altezza Serenissima:
    • Croÿ-Rœulx,
    • Croÿ-Solre,
    • Gonzaga principi di Vescovado,
    • il duca di Beaufort-Spontin,
    • il duca di Looz-Corswarem e la sua famiglia,
    • Odescalchi principi romani,
    • Orsini.

  5. Ale ha detto:

    nelle famiglie reali ho dimenticato di mettere i savoia

  6. LadyF ha detto:

    Guardando la tiara con attenzione sembra che la trasformazione nella forma aperta possa essere definitiva. Vicini alle volute centrali ci sono adesso due fiori di brillanti che prima non c’erano. Anche il pendente centrale e’ stato variato con l’aggiunta di un bel diamante che mi sembra di taglio esagonale….come dire…col cavolo che ci attacci i Grannie’s Chips!!
    La maggioranza dei siti che ho consultato riportano la tiara come “in prestito” dalla Regina Elisabetta.

  7. marina ha detto:

    premetto @ ale poi leggo con attenzione, ma direi che li hai messi tutti;
    @ LadyF in effetti la Durbar tiara è riapparsa sulla testa di Camilla ma è molto probabile che sia solo un prestito come per tutte le gioie di proprietà della regina (tipo la Lover’s Knot prestata a Diana e tornata dopo la sua morte nei forzieri reali), mentre la Greville Carlo l’ha ricevuto in eredità dalla nonna quindi è di sua totale proprietà.
    le osservazioni sulle varie modifiche sono tutte molto precise, avete ragione, rispetto a quella portata da Mary sono stati apportati diversi cambiamenti, però guardando bene la foto con il solo gioiello non sembra che il retro sia tutto saldato e non riesco a capire come, nel caso abbiamo fatto ad aprirla. o forse l’apertura è solo una nostra illusione ottica? ci vorrebbe una foto dal retro.

  8. elettra ha detto:

    Probabilmente sto dicendo una stupidaggine, ma potrebbe eesere un’idea….come porta la tiara Camilla sembra quasi un cerchietto per capelli, che si può posizionare come si vuole e si allarga quanto necessario…forse si può rimuovere e rimettere l’intera parte posteriore, tramite gancetti ed ottini…..sì bisognerebbe avere una fotografia di camilla vista da dietro, perchè anche i capelli mi sembrano che siano lisci…..con quel po’ po’ di corona o i capelli dovrebbero essere sopra o si dovrebbe intrvedere il posteriore della corona all’interno…. non so se sono riuscita a spiegarmi bene, però questi gioelli si prestano a molte soluzioni e questa potrebbe essere una di quelle…..non mi sem bra un’illusione ottica, Marina….Camilla la porta anche molto avanti, quasi sulla fronte, dove la sezione della testa è più larga…..

  9. elettra ha detto:

    Ops… un sacco di errori di battitura, sorry!

  10. Ale ha detto:

    @ladyf giusto non avevo notato la comparsa dei fiorellini .. che occhio!
    @marina grazie ho impiegato molto tempo a verificare l’esistenza di tutte quelle casate, le più complicate poi sono le tedesche tutte unite tra di loro non solo coi matrimoni ma anche sui diritti ai vari troni.
    purtroppo non ho nessuna foto del retro della tiara però secondo me si smonta il pezzo centrale della parte posteriore e così si può portare aperta. ho una foto di camilla di profilo quando indossa la greville e si nota chiaramente che la porta aperta, probabilmante il principio è lo stasso visto che anche questo diadema si può chiudere.

  11. LadyF ha detto:

    @ale…quando dici “aperta” intendi dire che non si chiude a cerchio dietro? Potrebbero aver tolto una parte, in caso contrario Camilla dovrebbe avere una testa minuscola …e non mi sembra proprio.
    @marina.. avevo messo un link molto interessante nella mia risposta a “I gioielli della duchessa di Cornovaglia: la Greville Tiara” , beh, interessante per me! 😉

    Mi ripeto, ma se avete una fonte a cui indirizzarmi (libri, siti…)per saperne di piu’ su come sono fatte le tiare (dico costruzione e montaggio, per intendersi…) fatemelo sapere. Mi indispone non poter comprendere a fondo un cosi’ bel gioiello!

  12. elettra ha detto:

    @Lady f….veramente brava!…sì, insomma qualche trasformazione l’ha avuta questa corona, o invece è stata pensata e progettata proprio per avere trasformazioni….se guardate la foto grande tra i due archetti aperti alla sommità si può notare un passantino d’oro bianco o platino(?) fatto apposta , CREDO, per poterci agganciare una grossa pietra, come si vede , per esempio, il grosso diamante a goccia o briolette di Mary o uno degli smeraldi

    @Ale…che bella lista…ma come ti eri dimenticato i Savoia, proprio tu!?….Freud ti direbbe che li hai dimenticati, perchè te li volevi dimenticare, non considerandoli più all’altezza….:-)

  13. Matteo ha detto:

    Scusate l’assenza, come al solito mi perdo i pezzi…

  14. LadyF ha detto:

    @Elettra. Non per appenderci una pietra qualunque….Come puoi vedere nella prima foto di Queen Mary le due pietre sono il Cullinan III e IV ! Adesso sono montate a broche e sono una delle spille preferita da Lilibeth…come darle torto???

  15. Matteo ha detto:

    @ Ale: se vuoi posso mandarti una mail con un mio elenco

  16. marina ha detto:

    @ LadyF, si si l’avevo letto e poi mi sono dimenticata di risponderti e ringraziarti, insomma i corsi e i ricorsi della storia 🙂
    Mrs Greville era amica di Alice Keppel, famosa amante di Edoardo VII, e madrina della madre di Camilla, Rosalind Cubitt, quindi il cerchio si è in qualche modo chiuso.
    vero come dare torto a Lilibeth, quella spilla è magnifica, se trovo una foto la aggiungo al post.

  17. LadyF ha detto:

    Ecco qui Mary con i Granny’s Chips come pendenti e un altro paio di diamantini come devant de corsage…il Cullinan I e II

    http://orderofsplendor.blogspot.com/2011/10/flashback-friday-splendor-of-queen-mary.html

    Per dire…il Cullinan I e’ lo Star of Africa e di solito sta incastonato nello scettro di Sant’ Edoardo!

  18. LadyF ha detto:

    Ci siamo sovrapposte Marina! Io quando vedo sbrilluccicare non capisco piu’ niente!

  19. elettra ha detto:

    @ lady F….perbacco !!!hai proprio ragione!!! però mi sfugge la spilla….sarebbe veramente interessante trovarne una foto,@Marina…..aspetto fiduciosa

  20. paola ha detto:

    anch’io come Elettra ho pensato che Ale, dimenticandosi i Savoia, abbia avuto un lapsus freudiano!! 🙂

    M. Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi