Poche speranze per il principe Friso

friso

La conferma ufficiale è arrivata oggi, una settimana esatta dopo l’incidente sulle piste di sci della cittadina austriaca di Lech: per il principe Johan Friso, secondogenito della regina Beatrice dei Paesi Bassi, non ci sono molte speranze.

Wolfgang Koller, responsabile dell’unità di traumatologia dell’ospedale universitario di Innsbruck, ha detto durante una conferenza stampa che “oggi non ci può dire con certezza se il principe riprenderà un giorno conoscenza e ha aggiunto che “per la rieducazione neurologica ci vorranno mesi, forse anni”. Johan Friso era stato trasportato una settimana fa in elicottero all’ospedale dopo essere rimasto sepolto sotto una valanga. Il principe è stato rianimato per 50 minuti dopo aver passato 20 minuti sotto la neve, ha precisato Koller. “50 minuti è un tempo lungo, si può dire troppo lungo”. Dopo un ulteriore esame effettuato giovedì è apparso chiaro che la mancanza di ossigeno ha provocato dei danni cerebrali gravissimi”.Al momento attuale la famiglia pare stia cercando un centro specializzato idoneo alla sua situazione particolarmente critica.

Mabel

La regina Beatrice insieme a Mabel e al principe Willem Alexander

Mabel2

Constantijn, la regina e sua sorella Margriet, Mabel e Willem Alexander

Intorno alla famiglia del principe, il quale non è più membro della casa reale olandese dopo il suo matrimonio con Mabel che gli ha dato due figlie Luana e Zaria, si sono stretti tutti i familiari, la regina Beatrice e i fratelli Willem Alexander e Constantjin, le cognate, la zia Margriet.  Un bell’esempio di solidità familiare  e mi mani strette in cerca di forza. 

Friso

untitled

Dopo aver diffuso questo triste aggiornamento della situazione la famiglia reale olandese ha chiesto di non invadere d’ora in poi la vita privata di Mabel e delle bambine che dovranno riorganizzare tutta la loro esistenza.  

Per non so quale motivo non ho mai linkato a questo post  quello sulle nozze di Mabel e Friso nel quale trovate anche tutta la vicenda che ha portato il principe a rinunciare ai suoi diritti al trono.  

E qui il link all’articolo – davvero bello, documentato, serio e scritto con grande cuore ed attenzione alle persone non solo alla notizia – di Andrea Tarquini, corrispondente di Repubblica sul dramma della scelta.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

128 Commenti

  1. elettra ha detto:

    Mentre stavo cucinando -tanto stamattina- a sky tg24, è passata la striscia che diceva , appunto, poche speranze per il principe Friso…non vedevo l’ora di venire qui per saperne di più…in questo momento, penso tanto alla regina Beatrice e soffro con lei e credetemi, non sono parole di circostanza…penso anche tantissimo alle due piccole figlie, che non sanno neppure lontanamente, ed è giusto così, quale immane sciagura si sta abbattendo su di loro…hanno davanti una vita per scoprirlo, ora hanno solo bisogno della vicinanza affettuosa dei loro parenti…il grande benessere materiale che le circonda,è sicuramente una garanzia,ma non è minimamente sufficiente a riempire il grande buco della mancanza intellettuale e fisica del padre….

  2. Laura ha detto:

    Purtroppo era prevedibile. So che Victoria di Svezia e il principe di Orange sono molto amici e da tanti anni … e nello stesso momento una grande gioia e un grande dolore per i due .. gli scherzi del destino

  3. nicole ha detto:

    A questo punto hanno fatto una conferenza stampa ufficiale col consenso dei familiari.Diciamo quando hanno capito che la situazione era irrecuperabile.
    Il punto è che ha avuto un arresto cardiaco e il cuore è ripartito solo dopo una lunghissima rianimazione. Si sapeva in ambienti ristretti dei gravissimi danni,di frattura alla base cranica, ma sai la famiglia ha anche sperato.Che tristezza.

  4. Erika ha detto:

    Accidenti…mi spiace molto..

  5. Martina ha detto:

    Queste situazioni sono sempre molto brutte, anche perché personalmente credo che quando una persona deve vivere come un vegetale o comunque con danni cerebrali gravi, è meglio che muoia, ma questo è un discorso a parte.

  6. Dora ha detto:

    che mondo: questo annuncio proprio con l’annuncio della nascita della principessina svedese (mi rifiuto di scriverne il nome per protesta…) 🙁

  7. Sofia ha detto:

    Pensare che ha due bimbe così piccole. E poi la madre e la moglie. Terribile.

  8. paola ha detto:

    mi dispiace molto per questo povero ragazzo e per la sua famiglia

    M. Paola

  9. Dinora ha detto:

    Buona sera Marina, mi spiace moltissimo per questa notizia ma purtroppo me lo aspettavo. Troppo tempo, 20 minuti sotto la neve era troppo per sperare in una ripresa! Impossibile. Bastano 5 minuti di anossia per avere dei gravi risentimenti a livello cerebrale.
    Mi spiace per la Madre, è terribile il dolore che si sente nel cuore quando un figlio se ne va (anche se in questo caso non fisicamente).
    E’ una parte di se stessi che si spegne!!
    Mi spiace per la Moglie per il vuoto che sentirà in se pensando anche a quanto lui rinunciò per Lei ( sapevo che aveva rinunciato alla sua posizione di successione ma che il titolo di Altezza Reale fosse mantenuto) e sopratutto per le due figliolette che non avranno più la figura del padre accanto a loro. Come si fa a far capire a due bimbe che il loro papà non riuscirà a ritornare!?!
    Terribile!!
    Con tutti voi abbiamo condiviso e commentato le gioie di matrimoni e nascite ( Auguri alla nuova Principessina!) e ora stranamente condividiamo questa terribile notizia che riguarda sopratutto una persona giovane, troppo giovane per non avere più nessuna speranza.
    Mi spiace moltissimo. Sinceramente.

  10. elettra ha detto:

    Io ho spesso dei risvegli notturni e stanotte spesso ho ripensato a questa assurda situazione che non si è verificata per una malattia, ma per l’ebrezza di un minuto di pura felicità….una corsa con gli sci, in un luogo incontaminato, con intorno un panorama unico…è ancora più difficile da accettare!
    Questi sono dei veri e propri lutti, che a differenza degli altri ,qui non si può scrivere la parola fine….è strano, ma accettiamo meglio una morte, di una cosa del genere…. questo è un dolore che si rinnova continuamente a ogni intervento che l’infermo necessita… e di interventi ne hanno bisogno in continuazione…è vero che i medici devono fare l’impossibile per salvare la vita,ma questa che vita è? Perchè non lasciarlo andare dopo un arresto cardiaco e 50 minuti di rianimazione?
    Una cosa del genere cambia la visione della vita per sempre…non parlo solo della regina che non si riprenderà più, ma di tutti quelli che erano vicini al principe, non solo i parenti
    Tutti avevamo notato che la famiglia reale era molto unita e li abbiamo sempre visti tutti insieme allegri e ridanciani ….io ho sempre pensato che tra loro ci doveva essere uno con un grande senso dell’umorismo…chissà ora!!!
    Mi sembra veramente impossibile che Beatrice, benchè sia una regina ben conscia del suo ruolo e di quello che ci si aspetta da lei, possa continuare a regnare…ci vogliono energie per farlo, e in questo momento sarà completamente svuotata …
    E vero Dinora… ci siamo sempre confrontati, abbiamo sempre scritto, commentato , spesse volte anche in allegria…. a volte un po’ di gossip…… a volte all’ acido muriatico sulle varie mises di questa o di quella… stavolta ci troviamo tutti uniti e tristi per una cosa a cui nessuno può e sa dare una spiegazione…..

  11. wgabry ha detto:

    Triste notizia scontata ma sempre triste. Speriamo che il Principe presto possa terminare definitivamente il suo calvario.

  12. Sisige ha detto:

    Dinora ha espresso bene quello che sento anch’io. COndivido.

  13. Matteo ha detto:

    Condivido quel che dice Elettra, la fatalita’ di un singolo istante.
    Da un lato questo giovane principe e la sua giovane famiglia distrutta. E dall’altro la morte dell’Infanta Maria Adelaide di Portogallo che e’ mancata ieri a cent’anni!e’ la vita!

  14. alessia ha detto:

    Da sciatrice di ormai vecchia data la maggior parte di questi incidenti è provocata dall’imprudenza…. non si tratta di una fatalità. Sciare fuori pista è sempre pericoloso. Sono molto triste e dispiaciuta per quello che sta passando in questo momento la famiglia reale olandese e soprattutto penso alla povera principessa Mabel e alle bimbe. E’orribile quello che è successo e spero che il bollettino medico emesso dall’ospedale univerisitario di Innsbruck sia solo uno sbaglio.

  15. nicole ha detto:

    Penso al pericolo segnalato correttamente e ignorato, veramente non mi capacito.Avesse almeno avuto lo ski air bag anche lui.Sui giornali austriaci i lettori a volte erano un poco sarcastici e si leggevano cose del tipo” sarà mica colpa della valanga vero?”” la natura matrigna, poi si dice così” e cose anche molto antipatiche.
    @Alessia,di sicuro non conosci(per fortuna tua!) quel reparto, famoso in Europa, sì perchè è molto quotato. Se hanno parlato così dopo una settimana non credo proprio ci siano grandi speranze, anche se i familiari, ovvio si attaccheranno a quelle poche.Bisogna dire che nella disgrazia è anche capitato in posto super qualificato, forse non sarebbe finita così se fosse stato altro ospedale meno attrezzato e con équipe differente.Ci siamo capiti.

  16. elettra ha detto:

    @ Wgabry… condivido la tua opinione… un vero calvario che sarebbe meglio per TUTTI, se potesse finire presto… il principe Friso era un uomo giovane e in piena salute e purtroppo in questo momento, non è una cosa che aiuta…..credo di aver scritto una cosa terribile e non vorrei passare per cinica,ma penso che queste rianimazioni sono ciniche…in natura non esistono questi casi di vita vegetativa o si è di qua o di là… e infatti il principe era già partito…perchè riprenderlo? si sa quali sono i risultati dopo tanto tempo! se c’è un medico tra noi, mi farebbe piacere se potesse dare una risposta……

  17. nicole ha detto:

    Anonimo: ero io! Ma mi tradisce sempre più spesso eppure son da stesso PC.

  18. elettra ha detto:

    @ Anonimo….penso sempre che tu sia un uomo , invece poi capisco che sei una donna….perchè, non anonima?
    E’ vero … familiari si attaccheranno a tutto, per qualche tempo, sperando sempre in un risveglio….ma arriveranno a un giorno in cui vorranno non più vedere l’immagine sofferente (?)del loro caro…. arriveranno al punto di pensare che la morte, in certe situazioni, è un regalo….@ Alessia…. bisogna esserci passati per certe strade……..

    @ Wgabry…ho scoperto che sei un medico…dimmi perchè , ti prego,si deve per forza praticare questo accanimento, anche quando si sa che il risultato sarà quello di una vita vegetativa e l’interessato non può neppure opporsi e var valere la propria volontà….io lo dico sempre a tutti quelli che un domani potrebbero essere interessati, alla mia vita,…fate in modo di non vivere un’esperienza del genere per me e per voi…ma so benissimo, che se mi dovesse succedere una cosa del genere, non avrebbero voce in capitolo…non è giusto!

  19. Matteo ha detto:

    Difficile che quanto affermato dai medici sia errato. Non conosco il posto ma credo che trattandosi di famiglia reale non si tratti di medici fra i tanti, ma tra i migliori sulla terra. Poi vero a questo punto ci si rimette nelle mani di Qualcuno che può sempre cambiare tutto.

  20. elettra ha detto:

    @ Nicole.. questo tuo computer sta diventando veramente disubbidiente…non è che per caso gli hai fatto vedere “2001 odissea nello spazio ” e si è montato un po’ la testa? mi viene da ridere tutte le volte che devi correggere…ehi ! sono io ! sono Nicole! ahahahah!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi