La regina Margherita torna a Monza nella sua reggia

reginaMargherita

Per i 150 dell’Unità d’Italia la regina Margherita, prima sovrana del regno, torna simbolicamente a Monza e apre gli appartamenti di Villa Reale. Fino al prossimo 8 gennaio il primo piano nobile della reggia è aperto per la prima volta al pubblico grazie agli allestimenti della mostra “Regina Margherita”, curata da Elena Fontanella, ideata e promossa da Fondazione DNArt.

“Il centro dell’esposizione è la villa le cui stanze sono le vere protagoniste del progetto – spiega Elena Fontanella, curatrice della mostra e Presidente della Fondazione DNArt – Una grande occasione di valorizzazione per la reggia che spalanca le sue porte al pubblico raccontando la storia di Margherita, prima regina d’Italia, che qui ha vissuto con Umberto I. Ogni stanza rivive grazie ad oggetti, arredi, abiti appartenuti alla regina”.

abito_dipinto_margherita_bassa

Dipinti, sculture, arredi, oggetti, abiti, gioielli, documenti e fotografie accompagnano il visitatore tra le stanze di Villa Reale. Contenuto e contenitore si fondono in un unicum storico, dove l’uno rimanda all’altra e viceversa. Perché la storia di Margherita non può prescindere dal suo legame con Monza e con la Villa. Un luogo prestigioso e suggestivo che assume un ruolo di primaria importanza a cavallo tra il XIX e il XX secolo nelle vicende legate all’Unità d’Italia e ai sovrani della nuova Nazione.  La Reggia,  infatti, è il dono di nozze di Vittorio Emanuele II al principe Umberto, erede al trono del Regno d’Italia, e a Margherita di Savoia, figlia di Ferdinando duca di Genova (fratello di Vittorio Emanuele  II) e di Elisabetta di Sassonia che si sono uniti in matrimonio il 22 aprile 1868 a Torino. Margherita è entusiasta di questo dono e stabilisce sin da subito un legame profondo con la villa e la sente, come lei stessa scrive, “casa nostra veramente, perché il re ce l’ha assegnata in proprio”.

abito_dipinto_stanza_margherita_bassa

Qui Margherita, che ama la cultura, si diletta nella musica e si circonda di poeti, intellettuali e artisti che trovano in lei una fonte di ispirazione e un modello di grazia ed eleganza. La maggior parte degli interventi, sia strutturali che decorativi, subiti dalla villa nel corso degli anni per adeguarsi alle nuove esigenze di comfort e funzionalità generate dai repentini mutamenti della società sono voluti da Margherita. La regina dà una forte impronta personale agli arredi e alle decorazioni, il suo gusto raffinato si coglie nelle scelte che compie nelle tappezzerie, negli arredi, nelle vaselle e nelle suppellettili in generale. A partire dalla tavola. In mostra, infatti, vi è anche la grande tradizione delle tavole della Casa Reale Savoia. In quegli anni, infatti, anche l’arte della cucina e della tavola è investita dallo spirito della modernità che soffia impetuoso in tutti gli ambiti della vita. Lo stile e l’impronta di Margherita incidono anche nell’organizzazione delle tavolate, sulla presentazione delle pietanze e sulla scelta del menù.

divisa_tavola_bassa

Margherita costituisce un interessante soggetto storico e privato nell’ambito della lettura della storia unitaria italiana, non solo per essere stata la prima Regina dell’Italia unita, ma anche per quel particolare stile imposto con la propria forte personalità e il proprio ruolo sull’opinione pubblica italiana. Il fenomeno del “margheritismo”, fondato sul sottile potere di attrazione che la regina esercita non solo su artisti e intellettuali, ma anche sulla gente comune, viene a costruire uno dei volti identitari del nostro paese sullo scenario d’Europa: è il trionfo della bellezza femminile, che lo stile della regina riesce ad incarnare in tutte le sue più svariate e articolate sfaccettature.

Margherita, inoltre, proprio come una sovrana moderna, vive gioie e dolori personali e della nazione. L’unione tra Margherita e Umberto ha per Vittorio Emanuele II un alto significato politico: deve rinnovare e rafforzare l’immagine della dinastia regnante, uscita indebolita dalla terza guerra d’Indipendenza contro l’Austria e avvicinare il popolo alla Corona. Ma il matrimonio è solo apparentemente felice. Umberto, infatti, ancor prima del fidanzamento ufficiale con Margherita frequenta altre donne. In particolare la duchessa Eugenia Litta Bolognini, che abita nell’omonima villa di Vedano, poco distante dalla reggia monzese. Il futuro re è solito percorrere il sentiero che univa le due dimore, dopo l’aperitivo con la regina, per andare a cenare con la sua favorita. Margherita una sera, entrando nella camera da letto del marito lo sorprese impegnato con la Litta e decide di andarsene e abbandonare il marito infedele. L’intervento del suocero, che le ricordò il suo ruolo, le fece cambiare idea. Negli anni a venire Margherita, non si sottrae mai al suo ruolo di regina stando sempre accanto al marito e sostenendolo in qualsiasi scelta politica. Fino al 29 luglio del 1900 quando Umberto viene ucciso per mano dell’anarchico Bresci, lasciando così Margherita in uno stato di costernazione e di malinconia che la accompagnerà fino alla fine dei suoi giorni.

gioielli_bassa

La mostra è l’occasione per restituire alla fruizione pubblica ed agli studi molti arredi della Villa Reale di Monza e di residenze milanesi di Margherita di Savoia (Palazzo Reale, Villa Reale già Belgiojoso Bonaparte) che il Ministero per i Beni e le Attività culturali sta progressivamente affidando al Consorzio per la valorizzazione culturale.

La mostra si realizza grazie alla collaborazione con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e con il Comune di Monza Assessorato alla Cultura e alla Villa Reale; in collaborazione con Regione Lombardia, Provincia di Monza e Brianza ed il sostegno di Intesa Sanpaolo.

“Regina Margherita”

29 luglio – 8 gennaio 2012

Lunedì chiuso

Martedì – Domenica 9.00 – 19.30

Info e prenotazioni:

Fondazione DNArt
Tel. 039 2308970

Tel 02 29010404
info@fondazionednart.it
prenotazioni@fondazionednart.it

www.fondazionednart.it

Piccolo aggiornamento dedicato al diadema indossato dalla regina Margherita. Il gioiello in questione non è nel caveau perché, come potete vedere, è stato indossato anche successivamente al 1946. Se non erro oggi dovrebbe essere in possesso di Vittorio Emanuele di Savoia e mi pare che la moglie Marina lo abbia anche portato. Viene dall’atelier del gioielliere parigino Mellerio.  

Margherita3

 

Margherita2

La regina Maria Josè insieme alla figlia Maria Pia e al di lei marito il principe Alessandro di Jugoslavia.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

94 Commenti

  1. paola ha detto:

    @Dinora, anche mio marito si è scandalizzato come te per la mia ignoranza! e mi dice che in Romagna sono nati, tra gli altri: Giovanni dalle Bande Nere, Sigismondo Malatesta, Uguccione della Faggiola, Guido da Montefeltro!! ehilà ma allora i romagnoli sono proprio dei superganzi!!! e un po’ rissaioli aggiungo io 😀

    M. Paola

  2. paola ha detto:

    p.s. … su questi gioielli reali c’è molta suspense! aspetto il post chiarificatore di Marina e Ale

  3. Ale ha detto:

    @elettra personalmente non credo a meno che non si tratti i un diadema creato per le figlie di Umberto II negli anni della dolce vita …. su quelli non so molto.
    Umberto II ha riconsegnato quei gioielli allo stato perchè era un gentiluomo e sapeva che erano solo in dotazione alla corona (quindi non di proprietà). probabilmente se li avesse portati in esilio con sè nessuno gli avrebbe detto niente (così ha ammesso anche Luigi Einaudi, allora presidente della banca d’Italia) ma, come sempre, è stato onesto.

  4. elettra ha detto:

    Ale , mi riferivo -anche se non lo ritengo probabile – al diadema di origine russa….. se hai il libro dei gioielli di casa Savoia, come penso che tu abbia , di Stefano Papi e M. Gabriella, è a pag. 119….mi sembra di ricordare che è stato venduto…..
    Ma allora cosa è rimasto nella Banca d’ Italia..dagli scritti tuoi e di Filippo , ho capito che si tratta di ben poca cosa, rispetto a quello che c’era….non vedo l’ora di leggere la tua ricerca…..
    I Savoia, come dici tu erano usi rimodernare o riadattare i gioielli che possedevano…qui a Roma erano clienti di Petochi, negozio storico di piazza di Spagna, che ha chiuso nel dicembre 2009 , con una svendita che non ho parole per definire,….io l’ho seguita e credevo di svenire ad ogni oggetto…….
    come va a Torino? il Po sembra essersi calmato….Ieri sera ho visto la Gran Madre tutta illuminata e mi è venuta una enorme nostalgia…ho vissuto a Torino un periodo molto felice della mia vita….

  5. Dinora ha detto:

    Carissima Paola non mi sono sentita “denigrata”, non ti preoccupare ma avendo tu accanto un marito della mia terra sai certamente come noi ne siamo orgogliosi! Comunque la dote maggiore di noi Romagnoli, chiedilo a tuo marito, è la sincerità anche se a a volte può smbrare “rozza” ma è sempre meglio dire ” a faccia a faccia” ciò che si pensa. Siamo un pò chiassosi ma leali. Salvo sempre le dovute eccezzioni comenin tutto.
    Gli Attendolo-Bolognini non discendono da Muzio Attendolo “Sforza”.
    La Duchessa Eugenia Litta Visconti Arese nasce da una relazione extraconiugale della madre con un Principe Porcia. Il marito, Conte Attendolo Bolognini, scoperto il tutto cacciò la moglie da casa ma al momento della nascita della nuova bambina la riconobbe come sua per evitare uno scandalo, anche se in seno all’aristocrazia si chiacchierava non poco.
    Eugenia sposera diciottenne il Conte Giulio Litta Visconte Arese che divenne Duca alla morte del fratello.

    Per quanto riguarda Giovanni dalle Bande Nere nacque a Forlì da Caterina Sforza e dal suo terzo marito Giovanni de’ Medici. Il suo nome di battesimo fu Ludovico in onore dello zio, successivamente, quando il padre morì Caterina Sforza decise di cambiargli nome in Giovanni per ricordare il marito.

    Hai più che mai ragione sulla Regina Margherita e la sua passione per Mussolini. Pure lu,i nel bene e nel male, lo si deve annoverare nella storia dei condottieri romagnoli. La storia di tutte le Nazioni contiene sempre un personaggio che fa discutere i posteri!

    Una cosa che diciamo condivido, scusate il dire, con la Regina Margherita sono le perle come gioiello, in tutte le loro forme ed anche colori. Le adoro!!!!

    INTERESSANTISSIMO LE VICESSITUDINI E LE “TRAVAGLIATE” STORIE DEI GIOIELLI DI CASA SAVOIA. Concordo con molti di voi nelpensare che nel caveau della Banca d’Italia vi siano una certa parte die gioielli di Casa Savoia e non vedrei nulla di male nelli esporre in un museo. Fanno parte della nostra storia.
    Inoltre attirerebbero certo un grannumero di viditatori; molte signore!!
    Probabilmente dietro a questra ritrosia ci saranno problematiche da superare con i discendenti diretti anche se non più riconosciuti come legittimi successori.
    Tempo fa, penso l’anno scorso, vi fu una trasmissione dedicata ai gioielli di casa Savoia ed un gioielliere di cui non ricordo il nome, forse un Petochii, riprodusse su disegni originali d’epoca i gioielli che dovrebbero essere custoditi nel caveau. La “parata” risultò mozzafiato.
    Buona notte Marina e un caro saluto a Paola. Saluti anche al mio conterraneo!!

  6. Dinora ha detto:

    Un piccolo post per Paola appassionata di moro GP come me
    Domenica hanno ricordato Simoncelli in modo memorabile. Condottiero moderno, della terra di Romagna, assieme a Valentino e Capirossi che abita non lontano da noi. Persona simpatica, disponibile, sensibile e poco “gasata”; alla romagnola!!
    Io sono nata a Imola e quindi l “motore” è nel mio DNA, fin da piccola andavo all’autodromo a vedere prima le moto (Agostini ecc) poi la F1 con i gradi piloti che, allora non erano così irragiiungibili como lo sono ora. Ricordo una cosa simpatiica e poi chiudo la digressione. Quando avevo diciotto anni i miei genitori miregalarono una Fiat 127. Non ricordo per quale motivo ma miritrovai ferma al semaforo dell’autodomo che porta, lungo viale Dante, in centro ad Imola. Ad un certo punto vedo alla mia destra comparire un musone rosso con un “ruggio” pazzesco! Io nell mia macchinuzza circondata da questa meraviglia di Ferrar, mi sporsi un pò per vedere chi era lla guida: Michele Alboreto. Ora penso non si riesca neanche ad incontrarsi un meccanico casualmente!!!Ciao e di nuovo Buona notte
    Scusateci nelle nostre digrassioni. Ma come ho sempre detto, questo sito è veramente molto bello perchè finalmente si può spaziare a 360° sulle diverse culture e curiosità RISCUSATE LA DIGRASSIONE. E’ FINITA!!

  7. Ale ha detto:

    elettra a torino va abastanza bene, le uniche cose allagate come sempre sono stati i murazzi e i suoi locali. immaginavo parlassi della tiara russa …… è stata venduta da maria gabriella per pagare le tasse di successione sull’eredità di maria josè e mi sento di escludere che sia quella della foto della terza moglie del sultano del brunei … anche perchè secondo me è un delitto modificare un gioiello del genere.

  8. Filippo ha detto:

    Buon giorno
    @Ale, quindi come ho già detto e confermato da te, non esistono Gioielli della Corona, per intenderci, del tipo quelli inglesi, danesi, svedesi.
    @Elettra, azzardo una risposta, forse re Umberto II era così convinto che tutto si sarebbe risolto con il suo ritorno in Italia, chiarita la questione dei voti del referendum, e ti confermo per avere letto su internet che i pezzi, in custodia presso la Banca d’Italia, sono ben poca cosa, a parte il diadema di perle, il davant de coursage e fili di perle.
    E’ quindi bene sfatare la legenda che vuole i favolosi gioielli della corona d’Italia nel caveau della banca.
    E non sono dello Stato Italiano perchè se così fosse non ci sarebbe nessun dubbio sulla loro proprietà e la Banca d’Italia li avrebbe consegnati “a chi di diritto”.
    Saluti
    Filippo

  9. paola ha detto:

    @Dinora, per la tragedia di Simoncelli ho pianto x una settimana, poi però domenica ho guardato di nuovo il MotoGP con grande entusiasmo! pazzia, passione, non so… 🙂
    a 20 anni, prima di prendere la patente per l’automobile, presi quella x la moto, ma ero molto povera e riuscii a comprarmi solo una vespa di seconda mano, ma con quella feci un tour simpatico: andai a Sarajevo da sola a prendere un mio amico ( va beh il mio fidanzato di allora :))
    L’altro giorno è venuta qui una mia cognata, benestante e collezionatrice di gioielli… diceva che voleva realizzare un 20.000 euro in più per comprarsi qualche altro bel gioiello, io mi comprerei sicuramente una moto!! 🙂 SCUSATE anche la mia digressione!!

    M. Paola

  10. paola ha detto:

    Umberto II secondo me era troppo buono e troppo onesto per lo stato italiano!

    M. Paola

  11. elettra ha detto:

    Paola,ma anche tu partecipi , in primavera ed autunno, a quei raduni, a volte di centinaia di motociclisti?
    Quando li vedo tutti insieme sulla strada,mi fanno una gran paura,anche se devo dire sono molto rispettosi del codice della strada…..insomma un po’ mi intimidiscono….

  12. paola ha detto:

    @Elettra, no non partecipo ai raduni, anzi in questo periodo non ce l’ho proprio la moto. Però sì, sono riunioni simpatiche, pensa che un mio amico che ha il sidecar si trova con altri matti come lui 1 volta l’anno a un raduno nella Foresta Nera!

    Chissà se c’è o c’è stato/a qualche altezza reale con la passione del motociclismo!?

  13. maria alberico saracino ha detto:

    Dora mi sei piaciuta moltissimo, ti spiego essendo una vecchia,ma arzilla signora, certi vocaboli forse mi sono più congeniali, sempre di corna si parla ma vuoi mettere “fedigrafo” al posto di “cornuto”!
    Visto che Marina ha sdoganato il video vi devo avvertire, se non mi cancella, che ne ho visto un’altro dove la Signora in questione balla, anche bene direi ,vestita con un abito azzurro da favola . Sono aperte le offerte per saperne di più!!!!!!.
    DIanora, io mi chiamo Alberico ma di cognome, peccato non faccio parte della nobiltà….. Maria

  14. Dora ha detto:

    @ maria (alberico saracino 😉 )
    il termine che hai usato è perfetto …ma scritto male!!! è uno di quei vocaboli ingannevoli che si tende a scrivere senza pensarci troppo
    non fedigrafo, quindi, ma fedifrago…
    la differenza è minima ma interessante (ed esilarante!)
    mi successe una cosa analoga durante un esame orale di letteratura, anche se con la parola ludibirio che storpiai di brutto (molto brutto, in realtà…)
    e chi mette le corna non è detto che sia cornuto! (anche se gli starebbe bene!!!!!!!!!!!) 😉
    baci

  15. maria alberico saracino ha detto:

    Dora hai ragione, meno male che ti sei accorta dell’errore e mi hai ripresa, eviterò in futuro di rifarlo, anche se sono nata in Italia l’italiano non è la mia lingua madre ,ho studiato in svizzera nel cantone francese e ancora oggi penso in francese e traduco in italiano con i risultati che si vedono! Baci Maria

  16. paola ha detto:

    @Dora, Maria: ah già fedi-grafo è uno scrive delle fedi!! ho capito bene??? 😀

    io x es. dico sempre “estefferato” invece di esterefatto, lo disse una volta un mio parente veneto pensando di dire una parola ricercata e mi “garbò” moltissimo 😀 😀

    M. Paola

  17. paola ha detto:

    ho letto su una biografia della regina Elena, che, in occasione della nascita della principessa Jolanda, la regina Margherita tirò dietro a suo figlio Vittorio E III un astuccio con un gioiello che lui le aveva regalato, perchè delusa dalla nascita di una femmina. Credo sia un aneddoto vero, lo riporta una nipote di Jolanda, dicendo anche che questo gioiello (una spilla a forma di trifoglio) lo conserva proprio lei, la nipote, come ricordo di sua nonna. certo Margherita… che caratterino!!

    M. Paola

  18. elettra ha detto:

    Paola , anch’io conosco questa storia.. una grossa broche a forma di trifoglio con tre grossi diamanti… il re allora la regalò alla moglie…(carino, però,eh!?)la quale la tenne in gran conto e successivamente, la donò alla figlia Jolanda, come logica conseguenza…io la so così…certamente Jolanda dopo la avrà regalata a sua volta…ma se è ancora così come allora e nelle mani di una discendente, me ne rallegro!
    Sì Margherita aveva un carattere piuttosto pepatino…si dice anche che, dopo il matrimonio con Calvi di Bergolo,essendo un matrimonio, a suo avviso, non all’altezza della nipote, non le rivolse più la parola, con grande dispiacere della regina Elena, anzi incolpò la nuora, di non aver saputo educare da principesse, le figlie e che quelle erano le logiche conseguenze…..

  19. Ale ha detto:

    non solo … prima del matrimonio disse (probabilmente anche in tono dispregiativo) a jolanda: potevi essere regina e hai scelto l’amore! … perchè jolanda avrebbe potuto sposare edoardo VIII, direi che ha scelto bene…

  20. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ciao a tuttei

    come va??

    allora : ho avuto il permesso di marina quindi ora posso scriverlo:

    una delle mie gattine ( del mio ex a firenze x precisione)
    zarina roxanna feodorowna, E’ INCINTA
    e circa il 12 di dicembre partorirà….
    ovvio vi farò sapere…. dopo 3 mesi di svezzamento i gatti sono vendibili…quindi se QUALCUNO FOSSE interessato…. sappiate che …:-))
    ovvio chi “proviene” da qui…. è trattato in modo speciale…
    so che parlare di commercio di animali è ORRENDO… ma purtroppo … è così… quindi detto questo… chiunque… interessato… puo chiedere il mio numero o mail a marina… e contattarmi!!!

    grazie e grazie ancora marina!!!!!!!!
    kiss
    a presto
    jacopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi