La regina Margherita torna a Monza nella sua reggia

reginaMargherita

Per i 150 dell’Unità d’Italia la regina Margherita, prima sovrana del regno, torna simbolicamente a Monza e apre gli appartamenti di Villa Reale. Fino al prossimo 8 gennaio il primo piano nobile della reggia è aperto per la prima volta al pubblico grazie agli allestimenti della mostra “Regina Margherita”, curata da Elena Fontanella, ideata e promossa da Fondazione DNArt.

“Il centro dell’esposizione è la villa le cui stanze sono le vere protagoniste del progetto – spiega Elena Fontanella, curatrice della mostra e Presidente della Fondazione DNArt – Una grande occasione di valorizzazione per la reggia che spalanca le sue porte al pubblico raccontando la storia di Margherita, prima regina d’Italia, che qui ha vissuto con Umberto I. Ogni stanza rivive grazie ad oggetti, arredi, abiti appartenuti alla regina”.

abito_dipinto_margherita_bassa

Dipinti, sculture, arredi, oggetti, abiti, gioielli, documenti e fotografie accompagnano il visitatore tra le stanze di Villa Reale. Contenuto e contenitore si fondono in un unicum storico, dove l’uno rimanda all’altra e viceversa. Perché la storia di Margherita non può prescindere dal suo legame con Monza e con la Villa. Un luogo prestigioso e suggestivo che assume un ruolo di primaria importanza a cavallo tra il XIX e il XX secolo nelle vicende legate all’Unità d’Italia e ai sovrani della nuova Nazione.  La Reggia,  infatti, è il dono di nozze di Vittorio Emanuele II al principe Umberto, erede al trono del Regno d’Italia, e a Margherita di Savoia, figlia di Ferdinando duca di Genova (fratello di Vittorio Emanuele  II) e di Elisabetta di Sassonia che si sono uniti in matrimonio il 22 aprile 1868 a Torino. Margherita è entusiasta di questo dono e stabilisce sin da subito un legame profondo con la villa e la sente, come lei stessa scrive, “casa nostra veramente, perché il re ce l’ha assegnata in proprio”.

abito_dipinto_stanza_margherita_bassa

Qui Margherita, che ama la cultura, si diletta nella musica e si circonda di poeti, intellettuali e artisti che trovano in lei una fonte di ispirazione e un modello di grazia ed eleganza. La maggior parte degli interventi, sia strutturali che decorativi, subiti dalla villa nel corso degli anni per adeguarsi alle nuove esigenze di comfort e funzionalità generate dai repentini mutamenti della società sono voluti da Margherita. La regina dà una forte impronta personale agli arredi e alle decorazioni, il suo gusto raffinato si coglie nelle scelte che compie nelle tappezzerie, negli arredi, nelle vaselle e nelle suppellettili in generale. A partire dalla tavola. In mostra, infatti, vi è anche la grande tradizione delle tavole della Casa Reale Savoia. In quegli anni, infatti, anche l’arte della cucina e della tavola è investita dallo spirito della modernità che soffia impetuoso in tutti gli ambiti della vita. Lo stile e l’impronta di Margherita incidono anche nell’organizzazione delle tavolate, sulla presentazione delle pietanze e sulla scelta del menù.

divisa_tavola_bassa

Margherita costituisce un interessante soggetto storico e privato nell’ambito della lettura della storia unitaria italiana, non solo per essere stata la prima Regina dell’Italia unita, ma anche per quel particolare stile imposto con la propria forte personalità e il proprio ruolo sull’opinione pubblica italiana. Il fenomeno del “margheritismo”, fondato sul sottile potere di attrazione che la regina esercita non solo su artisti e intellettuali, ma anche sulla gente comune, viene a costruire uno dei volti identitari del nostro paese sullo scenario d’Europa: è il trionfo della bellezza femminile, che lo stile della regina riesce ad incarnare in tutte le sue più svariate e articolate sfaccettature.

Margherita, inoltre, proprio come una sovrana moderna, vive gioie e dolori personali e della nazione. L’unione tra Margherita e Umberto ha per Vittorio Emanuele II un alto significato politico: deve rinnovare e rafforzare l’immagine della dinastia regnante, uscita indebolita dalla terza guerra d’Indipendenza contro l’Austria e avvicinare il popolo alla Corona. Ma il matrimonio è solo apparentemente felice. Umberto, infatti, ancor prima del fidanzamento ufficiale con Margherita frequenta altre donne. In particolare la duchessa Eugenia Litta Bolognini, che abita nell’omonima villa di Vedano, poco distante dalla reggia monzese. Il futuro re è solito percorrere il sentiero che univa le due dimore, dopo l’aperitivo con la regina, per andare a cenare con la sua favorita. Margherita una sera, entrando nella camera da letto del marito lo sorprese impegnato con la Litta e decide di andarsene e abbandonare il marito infedele. L’intervento del suocero, che le ricordò il suo ruolo, le fece cambiare idea. Negli anni a venire Margherita, non si sottrae mai al suo ruolo di regina stando sempre accanto al marito e sostenendolo in qualsiasi scelta politica. Fino al 29 luglio del 1900 quando Umberto viene ucciso per mano dell’anarchico Bresci, lasciando così Margherita in uno stato di costernazione e di malinconia che la accompagnerà fino alla fine dei suoi giorni.

gioielli_bassa

La mostra è l’occasione per restituire alla fruizione pubblica ed agli studi molti arredi della Villa Reale di Monza e di residenze milanesi di Margherita di Savoia (Palazzo Reale, Villa Reale già Belgiojoso Bonaparte) che il Ministero per i Beni e le Attività culturali sta progressivamente affidando al Consorzio per la valorizzazione culturale.

La mostra si realizza grazie alla collaborazione con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e con il Comune di Monza Assessorato alla Cultura e alla Villa Reale; in collaborazione con Regione Lombardia, Provincia di Monza e Brianza ed il sostegno di Intesa Sanpaolo.

“Regina Margherita”

29 luglio – 8 gennaio 2012

Lunedì chiuso

Martedì – Domenica 9.00 – 19.30

Info e prenotazioni:

Fondazione DNArt
Tel. 039 2308970

Tel 02 29010404
info@fondazionednart.it
prenotazioni@fondazionednart.it

www.fondazionednart.it

Piccolo aggiornamento dedicato al diadema indossato dalla regina Margherita. Il gioiello in questione non è nel caveau perché, come potete vedere, è stato indossato anche successivamente al 1946. Se non erro oggi dovrebbe essere in possesso di Vittorio Emanuele di Savoia e mi pare che la moglie Marina lo abbia anche portato. Viene dall’atelier del gioielliere parigino Mellerio.  

Margherita3

 

Margherita2

La regina Maria Josè insieme alla figlia Maria Pia e al di lei marito il principe Alessandro di Jugoslavia.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

94 Commenti

  1. nicole ha detto:

    Ciao Jam! ma ho capito finalmente cosa aspettava Buckingham Palace per il suo di annuncio.
    Qui è una Zarina che diventa mamma, il protocollo…si sa, noblesse oblige 🙂 🙂 🙂
    Marina mi caccerà..no, è spiritosa.
    Non mi metto in lista, ho le mie due ” gattigne” e mi fermo a due.

  2. elettra ha detto:

    Ma Jam, la gravidanza di una blu di Russia era quella che ci mancava, direi la ciliegina sulla torta!!!! Scherzo…voglio dire che sono contenta per te e per la nobile gattina!
    Ti giuro che sarei felice di prendermi un micetto, e tra l’altro i gatti grigi mi piacciono alla follia, ma finchè convivo con un cane non posso…la prossima volta che mi capiterà ( ma non vorrei che capitasse mai , anche se è inevitabile!) prenderò insieme cucciolo di cane e di gatto…se crescono insieme non diventano ostili! auguri!!!!

  3. jacopoamedeo moretti ha detto:

    hhahaaa nicoleee
    mi hai fatto morir dal ridere

    proverò a sentire zia lilibeth se ne vuole:-)hahahaha

    kiss a tutti
    j

  4. Dora ha detto:

    date un’occhiata al diadema della sposa: non vi sembra simile al’ultimo????
    http://www.noblesseetroyautes.com/nr01/wp-content/uploads/2012/05/Scan10917.jpg

  5. Ale ha detto:

    @dora sinceramente mi sento di escluderlo, oltre al fatto che sono simili ma non uguali se guardi l’ultima foto noterai che quello sulla testa di maria josè è più grande dell’altro. e poi non se all’epoca (2006) fosse stato già venduto da maria gabriella. va detto però che nella seconda metà dell’ottocento erano di moda i diademi fatti così e quindi quello che hai lincato è probabilmente un gioiello di quell’epoca.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      molto interessante non conoscevo questo libro, lo prendo subito. comunque da quello che leggo sono completamente d’accordo con lui.

    • Ale ha detto:

      si la regina margherita e sissi si incontrarono nel 1881 durante la visita di stato del re d’italia in austria. non mi ricordo dove, forse nella biografia di Casalegno sulla nostra regina sono riportati alcuni particolari.
      le due figure non possono essere più diverse. e infatti secondo me non si stavano per niente simpatiche. la presenza dell’imperatrice non era per niente scontata (veramente una pessima sovrana, ne abbiamo già parlato tante volte) a vienna anche in occasioni di visite di stato. se non sbaglio infatti diversi giornali austriaci parlarono di visita importante dal punto di vista politico (si stava formando la triplice alleanza) tanto che era presente anche la sovrana, anche se non molto partecipe. è più facile che sissi ci fosse più per la curiosità sulla regina d’italia che per questioni politiche. la visita comunque fu molto importante e francesco Giuseppe fece di tutto per renderla gradevole e proficua, savoia e Asburgo erano tornati da poco in buoni rapporti. credo che entrambe le sovrane incontrandosi siano rimaste deluse. sissi era attentissima alla forma, portava pochi gioielli e preferiva gli abiti pratici, oltre ad avere poco senso del dovere come sovrana e scarsa opinione dell’etichetta di corte. margherita era l’opposto. era golosa e le piaceva assaggiare tutto, e con gli anni iniziarono a notarlo anche i suoi più grandi estimatori: la regina prendeva peso. poi amava tantissimo i gioeilli, meglio se molto preziosi. le sue parure erano famose in tutta europa, in particolare le sue perle che valevano una vera fortuna. amava gli abiti pratici ma avendo un altissimo senso del dovere e della sua posizione portava quando era al quirnale e nelle occasioni ufficiali abiti complessi, ricchi e ricercati, tutti di sartorie italiane, a lei dobbiamo la nascita della moda italiana, il famoso made in italy che oggi tutti cercano. se non sbaglio nacque anche una rivista specializzata chiamata margherita. proprio perché regina di una potenza appena nata e che doveva, sia internamente che all’estero, trovare il proprio posto e il proprio prestigio la regina margherita era la personificazione dell’etichetta e della pompa, in quanto considerava la figura del sovrano come sacra, lo stato personificato in un individuo, il padre della nazione. da regina vedova usava un cerimoniale molto più severo di quello utilizzato dal figlio al quirinale (i famosi tre inchini e il non dar mai la schiena per intenderci). quindi immaginate cosa avranno pensato quando si sono incontrate 😀 immaginate cosa è passato nel cervello di margherita, tutta vestita per il ricevimento che stava per iniziare, quando ha visto arrivare l’imperatrice d’austria in tenuta da amazzone dopo aver cavalcato, con tutto il fango e il sudore che comporta. infatti mi sembra di ricordare che sia proprio in quei momenti che la nuora di sissi per fare conversazione chiese a margherita qualche consiglio per il suo ruolo. la nostra regina le rispose, forse proprio per tirare una frecciatina a sissi, che quando si è regine lo si è sempre in tutte le occasioni per tutte le ore del giorno e quindi bisogna essere all’altezza della situazione ventiquattro ore al giorno, anche quando si è da sole, ne va del prestigio dell’istituzione.

  6. annarita ha detto:

    Si racconta che, durante un concerto o un’opera (questo non lo ricordo), dopo che le loro maestà erano nel palco reale al teatro, terminata l’esecuzione degli inni nazionali, Sissi, con un leggero movimento del capo, si assicurò di avere dietro la poltrona. Invece Margherita non si girò ma “pionbò” a sedere in quella sua. Le venne fatto notare che la poltrona poteva essere spostata e quindi lei aveva rischiato di cadere. Margherita disse che una perfetta regina sa di avere la poltrona perfettamente dietro di sè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi