Nozze reali: 21 ottobre 1911, Carlo e Zita d’Asburgo

ZitaCarlo2

La mattina del 21 ottobre 1911 l’imperatore Francesco Giuseppe lascia Vienna a bordo del suo treno personale. Deve arrivare al castello di Schwarzau dove si svolgerà un evento finalmente felice dopo anni di lutti e tragedie d’ogni genere. L’arciduca Carlo, erede in seconda del vecchio Kaiser si sposa e questa volta non c’è nessuna crisi dinastica all’orizzonte, la futura moglie del pronipote di Francesco Giuseppe è una principessa reale comme il faut. Il Kaiser infatti respira di sollievo quando viene a sapere che il timido, ma brillante ed intelligente, pronipote sta facendo una corte discreta ed intensa alla figlia dell’ultimo duca regnante di Parma. La giovanissima e bella Zita viene da una famiglia che l’Unità italiana ha lasciato senza trono, ma i suoi antenati sono ancora o sono stati sovrani di mezza Europa a partire da Luigi XIV e passando per gli stessi Asburgo. Questa volta la parità di rango è perfettamente rispettata e gli Asburgo possono accogliere a braccia aperte la fidanzata, dimenticando l’affronto del matrimonio morganatico di Francesco Ferdinando, l’erede al trono (dopo la drammatica morte dell’arciduca Rodolfo nel 1889) che impone ad uno zio furibondo ed ad una famiglia orripilata la donna di sua scelta, una semplice contessa boema.

NozzeZita

Insomma in questa limpida mattina di autunno Francesco Giuseppe arriva a Schwarzau, la residenza austriaca dei Borbone-Parma, davvero di ottimo umore ed è accolto da una folla festante e da una miriade di principi, tutti parenti stretti degli sposi. Ci sono ovviamente gli Asburgo (anche perché una delle zie della sposa e la “nonnastra” dello sposo e ha giocato un ruolo non da poco nella conclusione del fidanzamento) e i Borbone-Parma (una folla, il defunto duca di Parma ha avuto da due mogli 24 figli dei quali una ventina ancora in vita), ma anche i Braganza, i Borboni di Spagna e di Sicilia, gli Orléans, i Coburgo, i Sassonia, i Wurtemberg, i Wittelsbach e i rami Asburgo di Modena e Toscana, il tutto in un tripudio di divise militari, decorazioni, abiti di seta e diademi.

Nozze3

Zita indossa un abito di satin avorio, intessuto con fili d’argento e con uno strascico sul quale sono ricamati i gigli dei Borboni. Fra i capelli neri la principessa diciannovenne porta un diadema di brillanti dono dell’Imperatore che, appena arrivato, la saluta molto affettuosamente baciandola sulla guance. La Messa, celebrata nella piccola cappella del castello, inizia alle 12, gli sposi sono molto emozionati. Entrambi ferventi cattolici, si tratta di un momento particolarmente inteso in cui l’amore si fonde con la dimensione spirituale dell’unione. All’interno delle fedi nuziali l’arciduca ha fatto incidere Karl von Osterreich – Zita von Bourbon Parma sub tuum presidium confugimus sancta Dei genitrix. Francesco Giuseppe si asciuga più volte gli occhi, questo matrimonio rappresenta la perennità della casa d’Austria, della sua dinastia. Alla fine del pranzo Francesco Giuseppe prende la parola per un brindisi “questo matrimonio che ci rallegra tutti e per il quale ci siamo riuniti mi procura una grande gioia e mi riempie di soddisfazione”.

ZitaCarlo

In effetti l’Imperatore aveva messo gli occhi sulla principessa Margaretha di Danimarca (cattolica perché figlia di Marie d’Orléans che sposerà, guarda caso, uno dei fratelli di Zita, René) ma va bene ugualmente, la nuova arciduchessa è perfetta sotto tutti i punti di vista e il Kaiser in persona dirige persino le manovre per la foto di gruppo sul terrazzo del castello e si concede sorridente alla macchina da presa (cliccate qui per un video imperdibile ed emozionante).

Carlo e Zita lasciano la festa subito dopo la partenza del Kaiser per cominciare la loro luna di miele nella villa di Wartholz dove il 20 novembre 1912 nasce il loro primogenito Otto. Inizia così una unione breve, ma molto felice ed intensa, fra due persone che si amano, si completano e si comprendono profondamente.

Caduto l’impero, perduta ogni speranza di restaurazione anche nella sola Ungheria, morto Carlo nel triste esilio di Madera, Zita ne conserverà per sempre la memoria.

Ma chi è in effetti Zita e come si è formata questa coppia che vivrà gli ultimi tragici giorni dell’impero asburgico?

 I – segue 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

97 Commenti

  1. elettra ha detto:

    Vi ringrazio Nicole e Matteo..lo sapevo…ma riguardando il video, mi dicevo ..guarda, guarda Francesco Ferdinando come si dà da fare a togliere di mano i fiori allo zio, mentre ancora ha 5 anni giusti giusti da vivere e lui (Francesco Ferdinando) meno di tre…finchè hai denti in bocca non si sa quel che ti tocca… e me lo sono ripetuto talmente tante volte da convincermi….
    Grazie,ma pensate che ancora oggi dico un requiem per lui Il 21 novembre , e uno il 10 settembre per Sissi, come insegnatomi da mia nonna che con gli imperatori insieme a mio nonno condivideva i giorni dei due compleanni
    Con gli anni ho aggiunto anche il 16 ottobre anniverario di M. Antonietta! Ditemi che sono folle , ma è così!!!!!

  2. elettra ha detto:

    Angie sono veramente molto, ma molto contenta…complimenti!!!!!!

  3. paola ha detto:

    @Angie, che brava! sei una superganza!!!

    @Livio, ha ragione sui rischi che vanno messi in conto quando si va a 200 all’ora, però seguendo il moto GP ci si affeziona ai piloti (io tra l’altro non ero nemmeno tifosa di Simoncelli, ma del pilota che ha già vinto il mondiale), ci sembra di conoscerli di persona, insomma è stato uno shock e un dolore veder morire in diretta un ragazzo così giovane e simpatico (che poi anche altri sport, come x es. l’equitazione, dove si va molto + piano comportano anch’essi rischi pazzeschi)

    M. paola

  4. paola ha detto:

    … tornando alle nostre cose, da quello che ho letto Francesco Giuseppe mi è sempre stato molto simpatico come uomo, cioè se penso al suo temperamento e alla sua vita privata (grande lavoratore, grande senso del dovere e credo anche un grande gentiluomo). Storicamente però è una figura con molte ombre, insomma “non ne indovinava una”, ha perso il Lombardo veneto, ha perso la (breve) guerra contro la Prussia, nei primi anni 50 ha represso in maniera ferocissima la rivolta ungherese facendo impiccare centinaia di rivoltosi e poi con la prima guerra mondiale, intrapresa da lui, ha fatto perdere anche l’Austria agli Asburgo!

    (grazie Matteo per i chiarimenti su Regina di sassonia)

    M. Paola

  5. Angie ha detto:

    Grazie a tutti ragazzi/e! Sono commossa dalla vostra partecipazione! Grazie di cuore!

  6. elettra ha detto:

    Sto leggendo , guarda caso il libro di Edmund de Waal
    “Un’eredità di avorio ed ambra” che mi piace moltissimo e che illustra in modo perfetto la Vienna della fine ‘800 e dei primi anni ‘900, nobiltà, ricca,anzi ricchissima borghesia, banchieri, palazzi splendidi ,prima guerra mondiale…non solo Vienna,ma anche Parigi, con i suoi pittori e intenditori d’arte ,Odessa e Sampietroburgo….per me è un bellissimo libro che sto letteralmente “respirando”!..vi farò sapere quando lo avrò finito…..per il momento sono a metà e mi sembra di essere lì in mezzo a quelle arciduchesse al matrimonio di Carlo e Zita

  7. marina ha detto:

    al volo anche oggi:
    @ Angie COMPLIMENTI quando verrai in zona – ma non c’è stato un campionato ad Ancona? – ti prego di farmelo sapere che ti vengo a vedere;
    @ elettra devo leggere anche io questo libro, lo cerco subito, grazie 🙂

  8. Dora ha detto:

    che bella che era zita al suo matrimonio… 🙂

  9. elettra ha detto:

    JAM grazie! cercherò il teatro!
    Magari in seguito , tramite Marina ci potremo scambiare gli indirizzi di posta, per poterci incontrare, se avrai tempo e ti farà piacere…
    per ora , in bocca al lupo per il tuo prossimo futuro!

  10. Angie ha detto:

    GRAZIE Marina! Sei troppo gentile. Si c’è stato un campionato ad Ancona la settimana scorsa, ma la nostra scuola non ci ha mandato (è ancora presto per la stagione e non siamo tutti pronti; anche ieri l’altro eravamo in metà).
    Verrò il prossimo mese a Fabriano per le prove del campionato italiano. AIUTO!

  11. jacopoamedeo moretti ha detto:

    elettra….con infinito piacere scambio cell mail etc… se marina vuole farci da tramite sarei veramente contento!!

    per il teatro poi vi do indicazioni sarei contento…

    per il libro che stai leggendo… mi hai incuriosito…. anche se al momento…. con mio padre e il trasferimento a roma…. CONFESSO che non ho finito per poche pagine il libro di Marina… che ora mi radierà dall’albo!!! (scusaaaaaaaaa ma ti ho già detto in privato….)

    anzi: dimenticavo… se Marina mi permette, vi comunico che il 5 e 6 novembre alla nuova fiera di Roma (credo padiglione 9 .. ma poi vi dico)…con il mio ex, ed il suo gruppo di amici allevatori, saremo all’internazionale dei gatti di razza (con una delle ns gattine Blu di Russia….Delfina Zarewna Feodorowna, ovvio noi non ci mettiamo in gabbia…io poi non ho un pelo addosso:-)) se volete venire…

    finito lo spot scusate!!

    Bon…a presto……

    kiss kiss

    j

  12. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ah dimenticavo…
    il 16 ottobre.. avrei voluto proporre un minuto di silenzio tasti… x commemorare M.Antonietta…. ma poi non mi è stato possibile!!!
    :-))

    j

  13. elettra ha detto:

    OK, JAM…allora a presto…..
    Per quanto riguarda la mostra felina, ho già un impegno per quella data e inoltre ti confesso che la nuova fiera di Roma più lontana di così non la potevano mettere…è a circa 80 km da casa…vicina all’aeroporto… a Roma le distanze sono galattiche… e che cavolo!

  14. marina ha detto:

    mmo c’entra niente, però visto che ne avevamo parlato e non mi ricordo chi l’aveva trovata un po’ più in carne del solito (o forse diceva che di profilo era più incarne, non mi ricordo 🙂 ) ecco qua rivelato il mistero. In effetti il principe Nicolas di Grecia e la moglie Tatiana (sposi dall’agosto dell’anno scorso) aspettano il loro primo figlio.
    Così i nipoti degli ex sovrani ellenici diventeranno 11. Mica male.
    ecco il post sulle nozze
    http://www.altezzareale.com/2010/08/25/nozze-reali/tatiana-e-nicola-di-grecia-oggi-sposi-a-stepses/

  15. Dora ha detto:

    altro che 3×2 di gravidanze reali!!!!! praticamente siamo ai saldi!!!!! 😉

  16. elettra ha detto:

    Ebbene, ebbene c’ho colto! Non era la linea di una modella ,quella che sfoggiava Tatiana in quelle foto!
    E non solo, ma lo sguardo di una donna incinta, quando è contenta di esserlo, è un pò langido, sognante,stanco quasi assonnato….assume una strana morbidezza…. e così era quello che usciva dalle immagini della principessa….
    non ci resta che scommettere sul sesso dei tre nascituri….che ne dite?

  17. jacopoamedeo moretti ha detto:

    buongiorno…
    allora che facciamo partiamo col TOTO nomi????

    :-))

    j

  18. Dora ha detto:

    dei 4 nascituri: sono incinte Victoria di Svezia, Marie di Danimarca, Tatiana di Grecia e Autumn Philips (anche se lei non è proprio proprio una royal, lo ammetto…)

  19. elettra ha detto:

    Brava Dora! mi ero persa un bambino per strada!!!

  20. jacopoamedeo moretti ha detto:

    wow… ma c’è una cicogna superdotata…. o è un virus ??? .:-))

    beh non dovrei aver problemi…ma meglio prendere una pillola!! haha
    j

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi