Kew Gardens, gli splendidi giardini reali di Londra

Come potete facilmente immaginare a Londra i reali sono ovunque. In effige su orrendi gadget (per esempio William e Kate su un grembiule da cucina, giuro l’ho visto ma non fotografato!), in carne ed ossa (ma non ad agosto quando la saison è finita e loro prendono il fresco nelle Highland) ed in spirito nelle numerosissime dimore e luoghi storici di cui la città è ricca. Anzi si può dire che ogni angolo più o meno recondito e remoto di Londra sia legato ai royal di ieri e di oggi. Fantastico, davvero. Soprattutto per me che, come sapete, ho un certo interesse per la materia.

Nella mia breve ma intensa permanenza sulle rive del Tamigi ho respirato l’aria reale nell’ordine a Buckingham Palace, Clarence House (si, la dimora di Carlo e Camilla, ad agosto aprono il piano terra, ve ne parlerò è stata una esperienza surreale), Windsor, la Tower of London (da dimenticare a parte i gioielli, ma il biglietto è unico per tutto il baraccone e dovete sciropparvi per forza anche l’orda di turisti assetati di sangue che cercano il luogo esatto dove è stata decapitata Anna Bolena) e poi nella magica atmosfera dei meravigliosi Kew Gardens.

IMG_0497

Piccola rivelazione di poco conto: la mia metà e me medesima siamo appassionati di piante, fiori, alberi, prati. Una passione che si estrinseca normalmente nella coltivazione compulsiva di fiori in vaso, compressi nello stretto spazio di due balconi (lui), nel furto di talee, getti, semi (io) messi a dimora ed amorevolmente curati dal consorte. Quando si viaggia ovviamente i giardini sono una delle mete predilette, per questo siamo stati ai Kew sperando che ilmeteo.it non ci tirasse una sòla. E non siamo stati delusi, anzi. Direi che i Kew sono uno dei luoghi naturali più belli che io abbia mai visto, persino più belli dei meravigliosi giardini di molti castelli della Loira. E’ inutile raccontarsela su, gli inglesi con fiori e piante ci sanno fare davvero e sono aiutati dal fatto che lassù piove o pioviggina un giorno si e uno no. Inoltre i Kew non sono assolutamente una meta turistica e quindi la pace è assicurata anche perché i visitatori, generalmente estasiati, restano silenziosi, mentre per i bambini (tendenzialmente vocianti, ma non quelli inglesi e comunque in Inghilterra i bambini non possono entrare ovunque e fare di tutto, per esempio nei pub non sono graditi e nei musei i custodi vigilano anche sul silenzio e la compostezza) è stata attrezzata un’immensa area apposita con tutti i giochi della terra. Insomma (a parte il fatto che sono stata inseguita da un pavone furibondo) abbiamo trascorso una giornata meraviglioso e ovviamente anche lì i ricordi della monarchia si sprecano poiché i Kew erano in origine il giardino di una residenza reale.

IMG_0460

Il roseto, meraviglioso, anche se la massima fioritura è verso giugno. Colori stupendi e profumi incredibili, questa ad esempio sapeva di spezie

IMG_0461 

I Kew Gardens, ovvero i Royal Botanic Gardens, l’Orto Botanico di Londra, ospitano il più gran numero di specie vegetali al mondo e dal 2003 sono stati inseriti dall’Unesco nel Patrimonio dell’Umanità. Famosi in tutto il mondo i Kew Gardens sono in pratica l’estensione e l’ampliamento del giardino esotico della Kew House creata da Lord Capel di Tewkesbury, successivamente ingrandito per volere della principessa Augusta vedova di Federico di Hannove, principe di Galles (genitori di Giorgio III), per il quale sir William Chambers costruì parecchie nuove strutture, tra cui la pagoda cinese creata nel 1761. Giorgio III arricchì i giardini, aiutato dalla abilità di William Aiton e di sir Joseph Banks. La vecchia Kew House, demolita all’inizio del XIX secolo è stata sostituita dal Kew Palace (riaperto di recente dopo un importante e complesso intervento di restauro) che per una ventina d’anni sarà residenza di campagna di re Giorgio III e della regina Charlotte che amavano molto la campagna. Successivamente Kew Palace diventa una specie di rifugio, nella solitudine e nella tranquillità del grande parco i medici sperano infatti che il re pazzo, chiamato anche “Giorgio il fattore”, possa trovare dei momenti di sollievo.

untitled

Kew Palace

I 130 ettari di estensione dei Kew Gardens accolgono specie vegetali di ogni tipo ed anche sette enormi serre, ciascuna con un differente effetto climatico, e nel complesso ospitano oltre 40.000 diverse specie di piante, alcune delle quali addirittura estinte in natura.
La Palm House che ricrea la foresta tropicale con 2.248 mq; la Temperate House che ricrea le zone temperate di tutto il mondo e copre un’area di 4.880 mq ; la Princess of Wales Conservatory (inaugurata nel 1987 dalla principessa Diana in memoria di un’altra principessa del Galles, Augusta) con dieci differenti zone climatiche; la Waterlily, la serra più calda ed umida di tutto il complesso, edificata nel 1852, per ospitare la gigantesca Ninfea Victoria Amazzonica (la più grande specie esistente, con foglie che arrivano anche a 3 metri di diametro e gambi di 7-8 metri di lunghezza); la Evolution, la Alpine e la Bonsai House, che accoglie pochi esemplari, ma molto vecchi.

Insomma una vera e propria meraviglia. Purtroppo non siamo riusciti a visitare Kew Palace aperto solo alcuni giorni alla settimana, ma ci siamo promessi di ritornare a breve per goderci un’altra meravigliosa giornata fra piante e fiori. Ovviamente ai Kew che si trovano nel comune di Richmond (Surrey) si arriva comodamente con un treno frequente e velocissimo. C’è anche uno shop e solo il limite imposto dalla Ryanair mi ha trattenuta dall’acquistare vasi e piante.

cottageCharlotte

Il cottage della regina Charlotte

IMG_0475

250anniKew 

Nel 2009 i Kew Gardens hanno celebrato 250 anni di vita ufficiale e ovviamente la regina era là ed ha piantato un albero, comme il faut in queste occasioni. Se lo facessimo anche noi in Italia la penisola sarebbe una foresta.

ps l’ultima foto è di archivio, le altre sono state fatte dal mio marito Stefano, ma quel giorno ci si era scaricata la batteria della Canon e così ha usato l’i-phone, in più nel pomeriggio il cielo si è un po’ velato. Come si dice “la fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo?”.

ps no, la foto del mio scontro con il pavone non verrà messa on line

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

27 Commenti

  1. Angie ha detto:

    Marina, dimmi qualcosa delle rose che ci sono ai Kew. Io adoro le rose! Quelle che hai fotografato sono davvero splendide.

  2. Martina ha detto:

    In effetti il borgo medievale di Viterbo è molto bello, rimasto quasi completamente come era all’epoca, spesso viene utilizzato per girare delle fiction in costume. Molto carino è anche il giardino del palazzo del Comune è piccolo ma c’è una bella fontana e la vista è splendida.
    @ Elettra Il caffè a cui ti riferisci per caso è Schenardi in via del Corso? Perché il nome Schimberni non mi dice niente.

  3. elettra ha detto:

    Martina tutte le volte dico Schimberni ma mi riferisco a Schenardi….chissà perchè mi è entrato in testa così e non c’è volta che non sbagli!persevero nell’errore!

  4. SIMONETTA VALLETTA ha detto:

    Carissima Marina,
    sempre complimenti per aver dato nuova vitalità a status e tradizioni che non saranno mai obsolete. E nel panorama di squallore di un “jet-set” parecchio opinabile, è bello ritrovare persone che hanno mantenute intatte tradizioni, dignità e certi “fondamentali” che danno senso al vivere. E che le antiche famiglie sono dotate di splendide eredi per cui non si capiscono a volte le scelte matrimoniali degli eredi di antichi casati…..
    Tornando agli splendidi giardini, vorrei indicarti, per una prossima visita, di andare a visitare il Castello di Glamis (residenza di famiglia della Regina Madre )e di ammirare nell”annesso parco delle bellissime rose color avorio…..per non parlare delle più belle piante di Rododendro mai viste.
    A presto! Simonetta

  5. jacopoamedeo moretti ha detto:

    x D&G
    immagino il trambusto con tutti quegli uccelli in giro..
    poveretto… se hai bisogno di aiuto… per sistemare…il giardino… ho delle capacità… in merito!!!

    kiss:-))
    scusate in questi gg sono un po assente… e sto ancora cercando in libreria il ns nuovo vangelo…. BY Maryna:-))

    kiss a presto
    j

  6. nicole ha detto:

    Marina grazie per questo esauriente , seppur condensato, articolo sui Kew! Sono veramente una delle meraviglie del mondo.La visita dei Kew è uno sballo, in qualsiasi stagione, posso confermare.Non li ho mai visti in estate, persino in freddi giorni invernali c’è il modo di apprezzare il grande lavoro che c’è dietro, anzi alcune cose del parco immenso le ho potute notare in inverno.Io amo molto la botanica,i giardini botanici e non,la architettura dei giardini: qui ero a bocca aperta.
    Mi ero innamorata di quelle incredibili costruzioni in ferro e vetro, una credo risalga al 1840 o giù di lì, una data una cinquantina d’anni dopo.Vi posso solo dire che con molto orgoglio esibisco da 20 anni tre foto( le ho proprio appese) con particolari della serre vittoriane e non c’è persona che non chieda cosa siano e dove le abbia scattate.
    Per dire..chi non le ha viste se va a Londra corra a visitare, anche in novembre.Ci si rinchiude nelle serre tropicali e si passeggia.
    Per non parlare degli erbari, della attività per conservazione delle specie, della ricerca in genetica botanica…devo tornarci!

  7. LadyF ha detto:

    Fate un giro nei castelli scozzesi per sentire la più meravigliosa varietà di profumi e colori (..e anche forme!) di rose! Da perdere la testa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi