Nel 1908 viene inaugurata a Roma la scuola per infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana e l’anno dopo fra le allieve in divisa bianca c’è anche una signora sottile ed elegante. La nuova aspirante crocerossina si chiama Hélène d’Orléans ed oltre ad essere altissima, affascinante ed energica è anche la moglie di Emanuele Filiberto di Savoia duca Aosta, cugino di re Vittorio Emanuele III. La prestigiosa adesione viene salutata con la massima soddisfazione dai vertici italiani della Cri, poiché la principessa è, come si direbbe oggi, una persona molto dinamica e la cosa in giro si sa. Ispettrice Generale delle Infermiere Volontarie dal 1911, la duchessa crocerossina partecipa alla sua prima missione sulla nave ospedale Menfi che rimpatria i soldati feriti o malati dalla Libia. Nel 1915, allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, Hélène inizia a visitare ospedali grandi e piccoli lungo tutta la linea del fronte, quello che vede spesso non le piace, ma lei non è certo il tipo da stare zitta e far finta di nulla. “Grazie al suo spirito organizzativo – racconta il nipote, il principe Amedeo attuale duca di Aosta – e insieme a validissime collaboratrici, riuscì ad organizzare il Corpo delle Infermiere Volontarie e a gestire una logistica non facile, con le crocerossine sempre a fianco dell’esercito, che svolgevano la  loro missione fin nei luoghi più avanzati del fronte. Grazie al suo forte carattere riuscì ad imporre le sue infermiere in seno ad un ambiente sanitario e militare che fino ad allora tendeva a considerare le donne solo alla stregua di buone samaritane e non certo professioniste preparate e motivate quali erano; bastò poco comunque perché le Sorelle si facessero conoscere ed apprezzare per il loro prezioso lavoro”. La duchessa di Aosta durante tutti gli anni della guerra si impegna in prima persona e, come testimoniano i suoi superiori, dà prova di coraggio, resistenza alla fatica ed ai disagi, e grande efficienza. Ma è anche pronta a protestare quando si trova di fronte a situazioni insostenibili dal punto di vista medico e sanitario. Energica, piena di iniziativa e di una severità che la fa giudicare intransigente (ma ci voleva specie nei primi tempi della guerra) Hélène non si lascia intimidire dalle greche del generali a cui rivolge le sue richieste di provvedimenti. La duchessa crocerossina non ha paura, né dei bombardamenti, spesso resta in prima linea accanto ai soldati, né dei vertici dell’esercito e per tutti gli anni del conflitto combatte una sua personale lotta contro l’inefficienza e le disposizioni assurde. Il diario che tiene in quel periodo è ricco di annotazioni sui feriti trasportati in carri bestiame nei quali le condizioni igieniche sono disastrose, sugli ospedali disorganizzati e sporchi, ma anche sulle strutture dove l’assistenza funziona come si deve. Donna di gran cuore la duchessa crocerossina è spesso vicina ai malati e ai feriti in un modo non certo convenzionale per una signora dell’alta società per di più reale; a Venezia ad esempio non esita ad assistere fino all’ultimo minuto, tenendolo stretto fra le sue braccia, un giovane fante moribondo che nel delirio l’ha scambiata per la madre. “Dai numerosi diari, lettere ed altri scritti di infermiere volontarie – osserva il nipote – si evincono soprattutto le doti  di profonda umanità, compassione e bontà (non disgiunta mai da fermezza) della loro ispettrice generale. Sempre preoccupata anche del benessere fisico e psicologico delle sue ‘figliole’ come spesso chiama le sue infermiere  o col termine stesso di “sorelle di carità” da lei usato in una commemorazione e che sostituirà definitivamente quello di ‘dame’ utilizzato fino ad allora”.

Foto2-sposa

Hélène in abito da sposa

Italiana per matrimonio e francese per origini, Hélène è inglese di nascita, ma assolutamente europea per conoscenze, frequentazioni, cultura, studi e abitudini. La principessa, nata a Twickenham nei pressi di Londra il 13 giugno 1871, è infatti una delle figlie di Luigi Filippo “conte di Parigi”, condannato all’esilio in quanto pretendente al trono di Francia. La futura duchessa d’Aosta, che ha una sorella regina del Portogallo e per via materna discende dai Borboni di Spagna, cresce fra Villamanrique, una grande finca vicino a Siviglia, e la Gran Bretagna dove frequenta la corte inglese e ha come compagni di giochi i figli del principe di Galles, futuro re Edoardo VII. Le relazioni sono così strette che una storia d’amore fra i rampolli reali è quasi inevitabile: il duca di Clarence primogenito dell’erede al trono, non resiste al fascino di Hélène, le fa una corte assidua, si comincia a parlare di nozze, ma il padre della principessa, nonostante il prestigio di una tale unione, pone un veto deciso ed irremovibile. Hélène non può abiurare al cattolicesimo, conditio sine qua non per salire sul trono d’Inghilterra, e lo stesso papa Leone XIII fa sapere che una scomunica seguirebbe a ruota ad una eventuale conversione della principessa francese alla chiesa anglicana. Così il matrimonio inglese sfuma. Lui ci rimane molto male, però si fidanza prontamente con un’altra perché la dinastia ha bisogno di eredi, ma una polmonite lo stronca poco prima delle nozze e la promessa sposa passa velocemente al fratello. Saranno re Giorgio V e la regina Mary. Come volergliene alla povera Mary per questo frettoloso rimpiazzo, sapendo che il defunto fidanzato nell’agonia aveva invocato solo la perduta Hélène?

Foto3

Emanuele Filiberto duca d’Aosta

Sempre per questioni di fede e di abiure non contemplate va a monte anche un altro progetto matrimoniale, quello con lo zarevic Nicola, figlio dello zar Alessandro III, così Hélène a 23 anni è ancora insolitamente (per la sua epoca e per il suo ceto sociale) nubile. Ci vuole un lutto per cambiare drasticamente la situazione. Al funerale del padre nel 1894, Hélène solleva per un attimo il fitto velo nero ed incontra lo sguardo di Emanuele Filiberto duca d’Aosta, inviato dallo zio re d’Italia a rappresentare i Savoia. Un’occhiata rapidissima, ma più che sufficiente. L’unione, per quanto dinasticamente perfetta, però non è vista di buon occhio in Italia e lo sposo fatica a portare all’altare la sua principessa francese la quale oltre ad un albero genealogico impeccabile pare abbia anche una buona dote (e forse persino qualche lascito dal prozio duca di Aumale), il che non dispiace allo squattrinato duca d’Aosta. I motivi delle perplessità sabaude sono politici (con la Francia i rapporti non sono cordiali) e di opportunità visto che il principe ereditario Vittorio Emanuele è ancora scapolo. Il duca di Aosta la spunta ed il 25 giugno 1895 sposa finalmente Hélène, ma l’accoglienza in Italia è freddina, la principessa cosmopolita, padrona di quattro lingue, colta, a suo agio nell’alta società internazionale, viene guardata quasi con timore da una corte recente e tutto sommato ancora abbastanza provinciale. Il commento apparentemente benevolo della regina Margherita ha un retrogusto al veleno: “per educazione e per fisico è una vera inglese, la dicono buona, intelligente e colta, diventerà una bella donna”. La prima sovrana d’Italia non solo odia cordialmente tutto quanto connesso con la Francia, ma soprattutto ha un figlio che non è un adone (al contrario di tutti i Savoia Aosta) e che non riesce ad accasare. Con il resto della famiglia non va meglio, il principe ereditario è per carattere scontroso e diffidente, la matrigna del marito Letizia Bonaparte, contrarissima alle nozze, mantiene la sua posizione ad oltranza, i cognati uno dedito ai cavalli, l’altro alle esplorazioni (è il famoso duca degli Abruzzi) sono praticamente invisibili, solo il re è cordiale. Così Hélène si butta sulla beneficenza e nel frattempo mette al mondo due figli Amedeo e Aimone che educa secondo il severo modello britannico. Il matrimonio ad ogni modo funziona molto bene e una reale complicità nasce fra i due sposi che non prendono mai decisioni senza il consiglio l’uno dell’altro. Negli anni ci saranno cedimenti e da una parte e dall’altra, ma la coppia resterà sempre unita e solidale.  Hélène ha le “physique du role” e lo stile della vera principessa, è brillante, elegante, raffinata, originale e quindi diventa presto molto popolare fra tutte le classi sociali della nuova nazione. Compiaciuta per il rispetto che le dimostrano gli italiani la duchessa di Aosta sposa gli interessi e le cause del suo nuovo paese e la “figlia di Francia” diventa rapidamente più italiana degli italiani.

Foto5

Hélène con il marito, i due figli e la madre l’infanta Isabella (figlia a sua volta di Luisa Fernanda sorella della regina Isabella II di Spagna) vedova del conte di Parigi, pretendente Orléans al trono di Francia

La principessa però non gode di buona salute, è spesso febbricitante ed una tosse stizzosa la lascia sovente senza forze, i medici diagnosticano una tubercolosi e, come si usava all’epoca, le consigliano un lungo soggiorno nei climi caldi. La duchessa parte nel 1907, arriva in Egitto e poi si spinge fino all’Oceano Indiano. Torna in Italia giusto in tempo per accorrere a Messina dove presta assistenza alle popolazioni colpite dal disastroso terremoto, il che non giova alla sua salute, così nel 1908 riprende i suoi viaggi, ma questa volta si dirige verso sud, Sudafrica, Rodhesia, poi l’anno dopo Kenya e Somalia. I paesi lontani e sconosciuti l’attraggono in modo irresistibile, nel 1913 arriva fino in Asia, visita l’India, Ceylon, l’Indocina, il Borneo, Sumatra, l’Australia, la Nuova Zelanda, torna attraverso gli Stati Uniti, il Canada e la Spagna. La malattia ormai è solo un ricordo e durante questi lunghi peripli prende appunti che diventeranno dei libri: “Viaggi in Africa”, “Verso il sole che si leva”, “Vita errante”, “Attraverso il Sahara”. Nel frattempo è diventata crocerossina, è stata nominata Ispettrice Generale (lo resterà fino al 1921), ha fondato l’Opera Nazionale di Assistenza all’Italia Redenta e D’Annunzio l’ha celebrata con versi non particolarmente belli, ma molto esaltati. Hélène per il Vate è la personificazione della amatissima Francia unita alla regalità italiana; per la duchessa la “La canzone di Elena di Francia”  la sesta delle “Canzoni d’Oltremare” è invece la consacrazione ad eroina sabauda.

Foto5bisE quegli ch’ebbe stritolato il mento/dalla mitraglia e rotta la ganascia,/e su la branda sta sanguinolento/e taciturno, e i neri grumi biascia,/anch’egli ha l’indicibile sorriso/all’orlo della benda che lo fascia,/quando un pio viso di sorella, un viso/d’oro si china verso la sua guancia,/un viso d’oro come il Fiordaliso./Sii benedetta, o Elena di Francia,/nel mar nostro che vide San Luigi/armato della croce e della lancia”. Hélène ammira D’Annunzio per l’eroismo, ma è infastidita da certi aspetti del suo  carattere e della sua personalità di uomo libertino e miscredente. Infatti la principessa anticonformista, amica di intellettuali e massoni, è profondamente religiosa e vive il suo rapporto con il cattolicesimo in una maniera intensa e priva di ostentazione.

Foto6Nel 1905 i duchi di Aosta si trasferiscono a Napoli e nel palazzo di Capodimonte Hélène  tiene una corte splendida e il suo prestigio diventa quasi quello di una regina. Stimata dalla Chiesa per la sua devozione e la sua carità ossequiata dalle autorità, popolare fra la gente, la duchessa visita i bassi di Napoli e fra la miseria più nera si muove con naturalezza; persino Matilde Serao, la potentissima giornalista de “Il Mattino” le dimostra una certa simpatia.

Foto6bisAllo scoppio della I Guerra Mondiale la principessa, interventista fin da subito, è al fronte con il marito, comandante della III Armata, ed i figli di 17 e 15 anni. Ottiene una medaglia d’argento al valor militare due croci al Merito di Guerra, due onorificenze francesi, una inglese, e la medaglia Florence Nightingale, ma il drammatico conflitto lascia su di lei una impronta indelebile, scrive: “niente potrà cancellare la visione mostruosa della guerra”. Nel 1919 riprende a viaggiare, ma rientra per manifestare la sua adesione all’impresa dannunziana di Fiume, recandosi nella città contestata accolta dal poeta, ed attirandosi così i fulmini del Governo. Nitti la definisce una “lady Macbeth” che, “nella più pura tradizione di tradimento degli Orléans, sta lavorando per spodestare il ramo principale della casata a favore del marito e dei figli”.

Foto7

Una celebre foto, da sinistra il duca d’Aosta, Hélène, e i figli Aimone e Amedeo, tutti e due altissimi e molto belli

Con Mussolini la duchessa ha rapporti amichevoli tanto che il libro sulla sua esperienza al fronte, pubblicato nel 1930 “Accanto agli Eroi. Diario di guerra” ha la prefazione del Duce. Il capo del Governo è sempre deferente verso di lei, accontenta le sue richieste, tollera le asprezze del suo carattere in sostanza se ne fa un’alleata, ma pare che ad un certo punto Mussolini si sia irritato per la mania della duchessa di farsi ritrarre nei suoi sempre  molto frequenti viaggi in Africa assieme alle popolazioni locali.

Foto8

Il duca e la duchessa d’Aosta escono da una udienza al Vaticano, il figlio Aimone racconterà che la madre si era messa a discutere con il Papa al quale aveva chiesto di intervenire per risolvere un problema legato ad un istituto benefico.

Emanuele Filiberto muore all’improvviso nel 1931, ma lei resta a Capodimonte (dove si installa anche il secondo marito il colonnello Otto Campini, sposato nel 1936) e nonostante l’età e la malattia ai polmoni conserva una stupefacente energia fisica e nervosa. In quel periodo un affetto particolare la lega alla principessa di Piemonte, Maria José del Belgio come lei intelligente, anticonformista, priva di pregiudizi, di mentalità aperta al limite della stravaganza. Sono anche gli anni in cui i figli si sposano, Amedeo con Anna d’Orléans, cugina per parte di madre e per parte di padre, Aimone che all’epoca era considerato uno degli uomini più affascinanti d’Italia, con Irene di Grecia.

Nel palazzo di Capodimonte la duchessa rimane durante tutto il secondo conflitto mondiale e nei giorni dell’occupazione nazista è il suo coraggio a salvare una situazione disperata. “Un giorno un soldato tedesco viene colpito da una fucilata tirata da una finestra del palazzo – racconta il nipote Amedeo – poco dopo si presenta un colonnello delle SS insieme ai suoi uomini armati di mitragliatrici e dopo aver fatto allineare contro un muro tutti i domestici chiede di denunciare il colpevole. Mia nonna scende dai suoi appartamenti e dice al colonnello: ‘signore, in questo palazzo niente si fa senza che io lo sappia. Dunque sono l’unica responsabile. Se lei ha qualcosa da dire o da fare è a me che si deve rivolgere’. L’ufficiale impressionato sparisce con i suoi soldati. A Napoli ancora se ne parla”.

Sono anni di grandi dolori, la morte dei figli lontani (Amedeo, prigioniero degli inglesi nel 1942, Aimone a Buenos Aires nel 1948), la fuga del re, il referendum che cancella la monarchia, ma Hélène resiste e va avanti. Dopo il 2 giugno 1946 si ritira in un albergo a Castellammare di Stabia e quando Umberto impone a tutta la famiglia di lasciare il paese la duchessa non si muove. “Sire – fa sapere al re – sono diventata italiana e resto in Italia”. L’ultimo gesto di amore nei confronti di quella che è ormai la sua patria è il dono, nel 1947, alla Biblioteca Nazionale di Napoli del Fondo Aosta, costituito dalla Raccolta libraria (oltre 11.000 volumi ed opuscoli), ed anche dalla straordinaria Raccolta africana e da una notevole Raccolta fotografica. Hélène d’Oléans duchessa di Aosta muore a Castellammare di Stabia il 21 gennaio 1951.

Elenaragazzina

Una immagine di Hélène ragazzina a Londra

Elenaragazza

Hélène è diventata una principessa da marito

ElenaGalles

La futura duchessa di Aosta insieme a due amiche inglesi, a sinistra Alexandra principessa di Galles, moglie del futuro Edoardo VII e la principessa Vittoria d’Inghilterra

ElenaDiademaSavoiaAosta

Hélène con i gioielli dei duchi di Aosta, il diadema con i nodi marinari e il collier di smeraldi

Elenadiadema

Qualche anno dopo lo stesso diadema

RobertMargherita

Molti anni dopo la nipote di Hélène Margherita, figlia di Amedeo, indossa il collier ereditato dalla nonna. La foto è stata presa al ballo che precede le sue nozze con l’arciduca Robert d’Asburgo (con lei nella foto). Devo questa immagine rarissima alla cortesia di un amico fiorentino del sito.

astrid

Il collier di smeraldi ora viene indossato dalla nuora di Margherita, la principessa Astrid del Belgio

ducaOrléanspadre

Il conte di Parigi, padre di Hélène, in divisa dell’esercito nordista. Poco graditi in Europa dopo la caduta della Monarchia di Luglio gli Orléans (figli e nipoti) di re Luigi Filippo, girano per il mondo e fanno esperienze diverse, come partecipare alla Guerra di Secessione americana. 

IsabellaOrléansBorbonmadre

La madre di Hélène in abito da sposa. E’ infanta di Spagna, ma anche Orléans per parte di padre, quindi ha sposato un cugino.

ducaOrleansfratello

Philippe duca d’Orléans, fratello di Hélène e qui sotto le sorelle

IsabelleJeanGuise

Isabelle e il marito, un altro Orléans, Jean duca di Guisa, sono i nonni degli attuali pretendenti al trono

AmaliaCarlos

Amélie con il marito futuro re del Portogallo, un matrimonio non molto felice e finito male perché lui viene ucciso in un attentato insieme al figlio maggiore.  

LouiseCarlos

Louise e il marito Carlos di Borbone Sicilia, sono i nonni materni dell’attuale re di Spagna

Devo molte delle informazioni contenute in questo articolo, ed in particolare quelle riguardanti l’attività durante la I Guerra Mondiale, alla gentilezza di S.A.R il principe Amedeo di Savoia duca d’Aosta e di sua moglie S.A.R la principessa Silvia duchessa d’Aosta.

La foto della duchessa d’Orlèans in divisa da crocerossina è tratta dal sito della Croce Rossa Italiana.

Ho pubblicato questo comunicato anche nelle news qui accanto, ma se non ci aveste fatto caso eccolo anche qua:
La Corte di Appello di Firenze ha disposto la sospensione della provvisoria esecutività della sentenza del Tribunale di Arezzo in data 27 gennaio 2010, rilevando come il Giudice di Primo Grado non abbia individuato correttamente i presupposti per la tutela civilistica del diritto al nome. “In particolare – fa sapere l’avvocato Maurizio de Gasperis – i Giudici accogliendo le tesi difensive svolte insieme all’avvocato Daniela Marcucci nell’interesse di S.A.R. il Principe Amedeo di Savoia, hanno riconosciuto che non risulta sussistere alcuna norma che, al di fuori di particolari esigenze formali, imponga di utilizzare il proprio nome e cognome anagrafico in forma necessariamente completa”. Di conseguenza “le LL.AA.RR. Amedeo ed Aimone di Savoia, attesa la loro reale titolarità del cognome ‘di Savoia’ potranno liberamente usare il loro nome, unitamente o meno all’indicazione del predicato nobiliare cognomizzato, senza che ciò possa ritenersi lesivo di diritti altrui”.
Comunicato della Real Casa di Savoia pubblicato on line il 22 settembre
Condividi su:Share on Facebook147Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

48 Commenti

  1. Ale ha detto:

    aveva proprio un bel caratterino ed era fissata per l’efficenza … l’anno scorso ho letto “ritratti sabaudi” di dino ramella che racconta i savoia privati con le loro manie e le loro abitudini e anche qui c’è scritto che la duchessa era solita battibeccare con tutti. addirittura una volta durante un’udienza sgridò il papa per l’inefficenza di un convento che aveva visitato poco prima … non le mandava a dire a nessuno!

  2. paola ha detto:

    al suo arrivo in Italia Elena d’Orleans fece impressioni contrastanti: un uomo politico, ovviamente vicino a Margherita, la stronca con giudizi per niente gentili “Di statura altissima, è un vero stecco per magrezza e rigidità… la scelta non è felice politicamente e nemmeno fisicamente”, altri invece la trovavano piacente (va detto che all’epoca le donne molto alte e molto magre non erano troppo apprezzate). Vittorio Emanuele III sembra abbia detto: “è troppo alta! ma è vero che io sono troppo piccolo!!” Sicuramente, a quanto ho letto, Elena era una donna intelligente, brillante e molto anticonformista

    M. Paola

  3. elettra ha detto:

    Ma povera Elena, sembrava non la volesse nessuno…..dapprima il duca di Clarence, poi deceduto, per rinuncia di lei e del di lei padre, per via della scomunica… poi Nicola lo Zarevic si innamora di quella faccia piangente di Alessandra… per ultimo i reali italiani che non amano confondersi con gli Orleans e le preferiscono l’altra Elena del Montenegro….. insomma!!brutta non era , forse un po’ legnosa, ma non brutta!
    Non doveva essere nata sotto una buona stella…è rimasta vedova presto ed è sopravvissuta a entrambe i figli! lo credo che non le mandava a dire…era arrabbiata col mondo, anche se era crocerossina….. questa voleva essere una battuta, ma sicuramente le prove della sua vita devono aver influito sulle sue scelte di aiuto, soccorso ed asssistenza al prossimo….donna interessante!

  4. Cristiano ha detto:

    Ho una storia molto simile una zia da parte di mio padre era la dama di compagnia della duchessa ho vari cimeli tra cui alcuni molto rari e unici tra cui il passaporto di amedo da bimbo vorrei vendere la collezione qualcuno mi potrebbe indirizzare qualche collezionista o indirizzarmi su qualche stimatore

  5. Ale ha detto:

    @cristiano per fare una stima mi sa che devi andare in una casa d’aste o da qualche antiquario. e poi probabilmente dipende se vendi tutto in un blocco unico o pezzo per pezzo.
    se fossi in te però non venderei, quei cimeli rappresentano una parte del passato della tua famiglia e secondo me è sempre un peccato separarsi dai ricordi dei nostri antenati. e poi non è mica da tutti possedere simili oggetti.

  6. Chloe ha detto:

    Nel messaggio di oggi che la duchessa Silvia ha inviato in occasione del convegno tenuto ad Albenga dal titolo “Riflessioni sulla Prima Guerra Mondiale. Donne non solo angeli del Focolare”, dedicato al tema del ruolo delle donne nella Grande Guerra e in particolare delle Crocerossine, è ricordata naturalmente anche la duchessa Hélène d’Orléans:

    http://www.crocerealedisavoia.it/index.php?option=com_content&task=view&id=467&Itemid=0

  7. moia massimiliano ha detto:

    ciao cristiano, ho una lettera firmata dalla dama della duchessa inviata personalmente del 1942 a mia zia.

  8. Maria2 ha detto:

    Che accento aveva la principessa quando parlava italiano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi