L’ultimo saluto a Carlo Ugo di Borbone Parma e l’omaggio al nuovo duca – II

Dopo l’ultimo saluto a Carlo Ugo di Borbone Parma la Steccata ha accolto l’omaggio al nuovo duca. La sepoltura accanto agli antenati del principe Carlo Ugo conclude solo la prima parte della suggestiva cerimonia di sabato 28 agosto nella basilica magistrale costantiniana della Steccata a Parma. Appena ritornata la famiglia ducale sull’altare, un cavaliere spagnolo legge la “Carta de Conferimiento” con la quale S.A. R. il principe Carlo Ugo di Borbone Parma, designa formalmente, dopo aver richiamato le proprie prerogative e diritti dinastici, suo figlio maggiore, il principe Carlo Saverio di Borbone Parma, quale legittimo erede e nuovo Duca di Parma e Piacenza e stati annessi. E richiamando il trattato di Acquisgrana, che chiude la guerra di successione austriaca e porta un ramo dei Borboni spagnoli sul trono di Parma, il Duca defunto ribadisce anche il diritto della famiglia alla corona di Spagna.

vestizione 1

L’omaggio al nuovo duca di Borbone Parma

Il nuovo duca di Parma e Piacenza, quindi si alza seguito dal fratello minore Giacomo Bernando il quale di fronte all’altare “impone” a Carlo Saverio il Gran Collare dell’Ordine Costantiniano. I due giovani Borbone-Parma, sui cui visi si leggono i segni di  questi dieci giorni di viaggi, condoglianze ufficiali e dolore privato, sono entrambi particolarmente commossi, ma nel sorriso del minore c’è il segno di un affetto e di un riconoscimento senza dubbi e tentennamenti e soprattutto in tutti e due è evidente la volontà di rispettare la memoria di un padre amatissimo e stimatissimo. E il primo discorso del nuovo duca di Parma e Piacenza è prima di tutto un omaggio al genitore “un uomo che ha dedicato la propria vita a fare del mondo un luogo migliore” e che forse “non avrebbe mai immaginato che così tante persone lo riconoscessero come guida e avrebbero sentito da subito la sua mancanza”. “Dopo il suo lungo lavoro per la democrazia e la libertà in Spagna – prosegue Carlo Saverio – egli ha voluto ritornare a Parma e Piacenza per confermare le sue radici e qui ha trovato profondo affetto ed amicizia e soprattutto una grande ospitalità”. Un affetto che non ha mai cessato di esistere e, ha ricordato il nuovo Duca, “si è materializzato con la rivitalizzazione dei nostri ordini dinastici e meritocratici”. Secondo Carlo Saverio il padre ha svolto “il suo ruolo di ambasciatore della storia, con l’intento di aiutarci a sviluppare il nostro avvenire, poiché non si trattava di un uomo che si nascondesse dietro di essa o dei suoi privilegi. Piuttosto vedeva la storia come una base dalla quale partire per effettuare le tante scelte della nostra vita”. “Il suo sogno – continua il Duca – lo conosciamo tutti, l’ha condiviso con noi, i suoi figli, le sue sorelle, tutti gli amici e tutti quelli che ha avvicinato: fare di questa regione un luogo di felicità e solidarietà che diventi un esempio. Si tratta di un aspetto fondamentale per la Global Governance e il miglioramento della nostra società universale. Le generazioni cambiano, ma i valori restano immutati. Ognuna di esse adatta il suo linguaggio al tempo in cui vive e questo è quanto nostro padre ha messo in pratica durante la sua vita. Anche noi, dopo di lui, continueremo a perseguire i medesimo valori cristiani, morali e politici”. Il principe Carlo Saverio conferma la volontà di “continuare secondo gli insegnamenti di nostro padre nei rapporti che si sono instaurati tra la nostra famiglia e tutti voi”. “Ci mancheranno tantissimo la sua profonda fede, sincerità e amore, ma troviamo un grande conforto nella consapevolezza che nel suo ricordo tanti amici e tante persone ci dedicano la loro fedeltà, il loro affetto e insieme, da oggi, potremo trovare la forza per continuare quanto nostro padre aveva iniziato; nel rispetto dei valori di questi antichi territori”. Il principe chiude il discorso con un saluto in spagnolo molto toccante ”Aita padre, estas con nostros. Siempreestaras. Seguiremos tu sueno en Italia, Espana, Europa y en el Mundo, ennuestras decisiones diarias. No te digo: descanses en paz, sino quedate con nosotros en paz”.

vestizione 2

vestizione 3

Questa lunga cerimonia, preceduta sia in Italia (a Piacenza per la precisione) che in Olanda per volontà della stessa regina Beatrice da omaggi e commemorazioni, impone senza dubbio una riflessione sul senso di un evento del genere e sul motivo per cui quest’uomo è stato ricordato con tale intensità da una città che ha messo alla porta suo  nonno nel lontano 1849. Negli anni successivi alla sua sconfitta politica ed all’abbandono dell’impegno attivo nel Partito Carlista (ma attenzione, non degli ideali), il principe Carlo Ugo si è riavvicinato alla gente ed alle terre governate (ad intermittenza e per brevi periodi a dire il vero) dai suoi avi ed ha rivitalizzato con grande entusiasmo e passione quell’Ordine Costantiniano che è riconosciuto dallo stesso Stato Italiano. Ecco Parma gli è grata per questo, per le opere, soprattutto, fatte con molta discrezione ed in silenzio, senza grandi battage mediatici. Im questo senso, secondo me, va letta la cerimonia alla Steccata, il saluto ufficiale al defunto e nello stesso tempo una occasione per il suo erede morale e spirituale di farsi conoscere dalla gente. E per far conoscere Parma, bellissima città ricca di opere d’arte, ma schiacciata fra altri centri molto più noti e frequentati. In un lungo commento sul sito N&R il giornalista francese Vincent Meylan (capo del settore “famiglie reali” del settimanale Point de Vue) osserva che volendo a Parma “c’è davvero da fare per il discendente degli antichi sovrani”, per esempio promuovere il patrimonio culturale e storico della città e del ducato.

DSCF3391

Le foto sono state gentilmente fornite dalla segreteria della real casa di Borbone-Parma, tranne l’ultima che è stata fatta da me.

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

58 Commenti

  1. Antonio ha detto:

    @Matteo,
    sugli invitati alle nozze di Tristan ho avuto il tuo stesso pensiero: avrà potuto raccattare un sacco di Parma e di altri cugini Savoia, Assia, Bulgaria, Yugoslavia. Anche se, pensandoci, visto che non si trova materiale al riguardo, saranno state probabilmente nozze molte intime o, comunque, lontane dalla regalità: le normali nozze tra un giornalista e una architetto, immagino.

  2. Antonio ha detto:

    Tristan e Shira Szabo si sono sposati civilmente il 21 Agosto 2010 nel municipio di Cumières ( Marne ).

  3. jacopoamedeo moretti ha detto:

    http://royautes.centerblog.net/496-fiancailles-de-tristan-de-bourbon-de-parme

    non so se posso inserire un sito…in caso marina perdonami fai tu ….

    vbolevo chiedere un parere…poi ( a limite se vuoi lascia questa parte del messsaggio):-))

    sembra che in nepal parlino di restauro della monarchia….

    ora parlo per me:

    IO SONO CONVINTO FINO ALL’ULTIMA GOCCIA DI SANGUE CHE UN REGIME ( DEMOCRATICO) MONARCHICO SI AMIGLIORE DI UNA REPUBBLICA
    ma:..:

    la famiglia reale del nepal fu trucidata pochi anni fa…. portando al trono il fratello del precedente re… con sua moglie ( se non erro sorella della precedente regina) ed i loro figli….

    il nuovo re oltre ad essere un tiranno ( il precedente non era democratico ma le cose sembravano essere migliori ) è anche risultato essere ( o meglio hanno confermato) il mandante assoluto e solo del massacro di gruppo della famiglia reale….. dando poi la colpa alla follia dell’erede al trono che si era suicidato.

    Fu proprio lui a far uccidere tutti ….chiusi in un salone e fucilati a tradimento.

    (Birenda se non erro ) il nuovo re dopo pochi anni di tirannia è stato destituito e la repubblica ha preso il posto della monarchia.

    Beh in quel caso… io non ho per niente sofferto ed ho anzi approvato…
    ora l’idea che sia ristabilita e che “possa” essere lui a tornare al potere mi fa venire i brividi.

    ma non so altro di preciso…. che sa mi aiuta…e soprattutto…ditemi cosa ne pensate….

    Ricordo in cambogia… sia l’attuale re che suo padre…sono stati una manna ..con la restaurazione x quel paese…..oltre alla modernità delle loro menti…. il re precedente prima di abdicare ( ad 80 anni e con un tumore all’ultimo stadio.-….morì poco dopo) volle promulgare una legge per i matrimoni tra omosessuali…dicendo: se Dio li ha creati perché io li debbo combattere…. o non debbo farli sposare….

    beh sarei contento che alcuni nostri politici facessero un viaggetto in cambogia:-))
    scusate la partecipazione…

    jacopo

  4. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ops dimenticavo
    chi ha news specifiche sulla lista dei presenti al matrimonio di tristan può dirla…. sono curioso come una scimmia.-)))
    hahah

    figuriamoci se ci sono problemi tra i cugini borbone…. non voglio nemmeno immaginare i loro rapporti con i savoia…..hahaha si leticheranno pure il posto a sedere:-))

    jacopo

  5. lukas ha detto:

    @ Jacopo. a quanto mi risulta c’è un partito che spinge per il ritorno della monarchia, sostenendo che è necessaria al paese e che il popolo vi era affezionato…ora, su questo avrei qualche dubbio visti i recenti trascorsi…ma certamente la fragilità politica e istituzionale del paese non aiuta…
    certamente la repubblica è da preferirsi a un tale individuo, ma avevo letto da qualche parte che puntavano le loro carte sul nipote dell’ex re, ma ora non so dirti nulla di più preciso…farò qualche ricerca.
    mi piacerebbe conoscere i motivi della tua propensione verso la monarchia…ma forse questo non è il luogo adatto per tale discussione 🙂
    buonanotte

    lukas

  6. Matteo ha detto:

    Se si riesce a farsi accettare l’amicizia a grandi linee i bourbon-parme (non solo gli under 30) su facebook ci sono tutti…

  7. marina ha detto:

    @ Antonio io ho la nettissima sensazione che Tristan de Bourbon Parme non abbia molti legami/contatti con i suoi royal parenti. Credo che faccia il giornalista e basta, da quello che ho capito ora è corrispondente a Londra per un quotidiano belga e per un altro francese. da ciò deduco che le sue nozze siano state privatissime;
    @ jacopo hai mai letto il piccolo libro di Domenico Fisichella (politico, ma prima di tutto importante accademico) “Elogio della monarchia” edito nel 1995 da Vallecchi? E’ molto interessante, perché offre una serie di riflessioni – diciamo scientifiche – sulla questione monarchia/repubblica.
    @ lukas potete discutere di quello che volete, non ci sono problemi;
    @ Matteo ho visto infatti su FB i vari Bourbon Parme, magari provo a chiedere l’amicizia, chissà che non ci raccontino storie interessanti sui loro avi;

    Infine ho fatto un giro di ricerche e ho scoperto che in questi giorni i Bourbon Parme francesi (alcuni) sono molto in ansia perché la reggia di Versailles ospiterà una mostra dell’artista giapponese Murakami. Bene come già fatto un paio di anni fa per la mostra di Jeff Koons stanno sollevando un casino, nel senso che sostengono come il luogo sia inappropriato. Fra i sostenitori di questa tesi il fratello del defunto duca, Sixte-Henri e il figlio di un cugino, Charles Emmanuel (il padre di Amaury il ragazzino che ha portato il cuore di Luigi XVII a S. Denis). Quest’ultimo nel 2008 aveva addirittura avviato una procedura legale per bloccare, in quanto discendente diretto di Luigi XIV, tale oltraggiosa mostra. Ovviamente la giustizia francese ha respinto il ricorso.

  8. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ciao a tutti
    no marina non lo conoscevo il libro…. (lui una volta…)

    i borbone parma vivono in gran massa a versailles compresi michele e m:pia di savoia e tanti altri a differenza degli orleans ( che pur salvandola nell’800…) hanno distrutto tutti gli appartamenti che ancora oggi non sono stati ricostruiti e forse mai lo saranno del tutto.
    ricordo anche che il matrimonio di guglielmo di lussemburgo con la moglie( propnipote per casa torlonia di una zia del re di spagna attuale) fu celebrato nella chiesa di St.Louis nella città di versailles ( non quella di palazzo)…insomma i parma sono legati a quella reggia più di ogni altro borbone..( e nonostante tutto, per me sarebbero i migliori eredi al trono francese tra tutti i borbone…anche i più imparentati con la casa di francia…qui lo dico e non lo nego:-)))

    trovo assurdo che cerchino di bloccare delle mostre… la vita va avanti e la reggia costa… bene che ce ne siano…. magari si arriva prima a mantenerla in modo più decente di quanto non facciano o possano….
    cmq bisogna dire che Charles Emanuele e la moglie sono dei presenzialisti infaticabili… ( lui figlio 2° genito di michele) e assumono a volte posizioni che non gli spettano.

    bon a dopo
    jacopo

  9. jacopoamedeo moretti ha detto:

    prima di chiudere x oggi…propongo un partito:
    carlo di borbone parma re di francia e navarra…..

    :-))
    bon dev’essere il fatto che oggi compio…….. — anni…che mi rende così :-))
    haha
    vado a festeggiare in un minuscolo ristorante di viareggio ( zona borbonica tanto per restare in tema) dove i turisti non vanno…. si mangia divinamente si spende meno che in una pizzeria di un centro storico e … beh solo arrivare fin la può essere faticoso:-))) non abitando a viareggio ovvio

    chi vuole info chieda e gli sarà … detto!!!

    buona serata a tutti!!!!

    jacopo amedeo moretti

  10. Antonio ha detto:

    Murakami a Versailles non mi scandalizza: è un artista piuttosto divertente. E anche se dovessero esporre il suo estremamente esplicito e giocoso “My lonesome”, non vedrei un grosso problema: in fondo quella reggia ne ha viste di tutti i colori con le avventure sessuali di Luigi XIV e di Luigi XV ( e chissà quanto d’altro ). Penso che a Maria Antonietta Murakami, con la sua apparente frivolezza, sarebbe potuto piacere. Certo che tra una mostra del giapponese e una di, poniamo, Elisabeth Vigée-Lebrun, scelgo quest’ultima.

  11. My Greetings from Costa Rica .

    I am Ronald Pelayo Porta(Della Porta Tüchler)

    My Families are:

    Della Porta Family of Spain , Italy , France , England

    My Great Grand Grand Father is: Ramon Porta i Solans of Barcelona, Spain, brother of The Count Palatine Laterano Raimundo Ignacio Porta y de Solans.

    My Great Grand Grand Mother is: Feliciana Roldan of France .

    My Ancester is The Marchesse Ferdinando Della Porta of Naples , Italy, and The Count Antonio Della Porta.

    Tüchler Family of Bromberg , Poland , Germany .

    Meyer Family of Bromberg , Poland , Germany .

    Romanov-Romanoff Family of Russia.( My Ancesters are Czar Imperial Family of Russia )

    My Great Grand Grand Father is: Israel Tüchler Romanov (Romanoff)

    My Great Grand Grand Mother is Jetty Meyer.

    My Great Grand Father is: Bernhard Tüchler Meyer

    P.O Box(Post office box): 781-2200 Coronado , San José , Costa Rica , Central America .

    Email: ronald_porta@yahoo.com, ronald_porta@hotmail.com, ronaldporta@gmail.com, ronald_porta58@myspace.com, RonaldPort636@dukeprinceprincess-royalty.ning.com, RonaldPort636@monte-carlo.ning.com, RonaldPort636@tmeihsthevictorious.ning.com, RonaldPort636@albertofmonaco.ning.com, RonaldDell911@monte-carlo.ning.com, RonaldDell911@napoleonexchangeworld.ning.com

    http://www.facebook.com/ronaldpelayo.porta/
    http://www.familiaporta.com

    With love, your friend from Costa Rica ,

    Ronald Porta (Della Porta Tüchler)

  12. marina ha detto:

    @ jacopo in ritardo ma auguri di cuore! spero che la tua serata sia stata bella, serena e piacevole;
    @ Antonio, idem adoro madame Vigée Le Brun;
    @ Ronald benvenuto e grazie per il commento con la sua genealogia.

  13. Antonio ha detto:

    A proposito dei Borboni, dopo un funerale e un matrimonio, il battesimo dei gemelli del duca d’Angiò nella basilica di San Pietro. Cosa ne ha detto la stampa italiana?

  14. marina ha detto:

    @ Antonio, ho letto velocemente di questo battesimo, come dicevo in questi giorni ho problemi di connessione e solo poche ore a disposizione, quindi faccio un giro veloce on line e chiudo. Ho letto sul sito francese del battesimo dei due gemellini, ma non ho analizzato la stampa italiana. Alfonso di Borbone y Martinez Bordiù non è molto conosciuto in Italia quindi dubito, ma se chi leggesse avesse qualche link lo può mettere nel commento senza problemi.
    Però visti i tanti gemelli sto pensando ad un post proprio sui gemelli “reali”, ma dovete avere pazienza.
    Inoltre sempre on line ho appreso che il nuovo duca di Parma, il cui matrimonio religioso era stato annullato a causa dell’aggravarsi delle condizioni di salute del padre, si sposerà il 20 novembre a Bruxelles.

  15. sisige ha detto:

    Marina, carina l’idea dell’articolo sui genelli. Mi piacerebbe anche vedere un sondaggio sui reali/ le principesse più amate…cosa ne dici?

  16. marina ha detto:

    carissima Sisige lo sai che ci stavo pensando ad un sondaggino, ne parlerò con la mi fantastica webmaster 😉

  17. nicole ha detto:

    Marina, assolutamente i gemelli e le gemelle! Guarda che lo hai promesso! 🙂

  18. jacopoamedeo moretti ha detto:

    domanda:

    dopo che il conte di parigi ha nominato il nipote carlo filippo, (figlio di suo fratello michele) duca d’angiò, non ritenendo valide le pretese di alfonso di borbone y Bordiù, voi come vi ponete??? a chi lascereste il titolo??
    siete più orleanisti o borbonico-legittimisti ?
    perchè questo povero ragazzone un po solo e sfortunato direi… dalla nascita….. è così mal visto da tutti ( tranne il bisnonno dittatore o il padre..beh non dico altro… ) in fondo non mi sembra una testa calda???
    che ne dite???

    altra domanda:

    se per caso …dico per caso… fosse vero che alfonso XII figlio di isabella II di spagna, fosse figlio del suo amante e non del cugino-marito duca di cadice….. gli attuali borbone di spagna , sia il re che l’angiò-cadice-Bordiù, non sarebbero legittimamente borbone….. sarebbero solo legittimamente eredi della regina e quindi del trono avendo all’epoca abolito la legge salica, ma per il resto ??

    insomma non si possono richiedere indagini….segrete…per scoprirlo….??? (provocazione ovvio)

    nel caso fosse vero… i primi in lista sarebbero i “morganatici” borbone-siviglia eredi al trono di spagna ( parlo di primogenitura)…. e come si porrebbe la situazione dei legittimisti francesi, favorevoli al ramo spagnolo dei borbone ???

    sono curioso di sapere cosa ne pensate :-)))

    sempre che si possano fare simili domande:-)

    sono curioso anche di vedere bene chi sarà presente al matrimonio di carlo saverio di parma anzi ora direi Carlo V di Parma….etc !!

    kiss

    jacopoamedeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi