Una notte d’estate al Fortino Napoleonico

Il centro della bellissima baia di Portonovo è dominato dal Fortino Napoleonico che controlla e protegge l’accesso ad Ancona definita da Bonaparte: “base preziosa per assicurare alla Francia il dominio dell’Adriatico e le vie d’espansione verso l’Oriente”.

Fortino Napoleonico

E proprio per difendere Ancona, ma anche per applicare strettamente le norme del blocco continentale deciso dall’Imperatore a Berlino dopo la sua vittoria sulla Prussia nel 1806, Eugenio de Beauharnais (figliastro amatissimo di Napoleone e vicerè d’Italia decide) intorno al 1811, di costruire un fortilizio a guardia della baia di Portonovo. Il Forte di Portonovo doveva entrare a far parte di un sistema terrestre navale di fortificazioni per controllare l’Adriatico e il Mediterraneo, diretto a impedire lo sbarco di merci provenienti dall’Inghilterra o comunque di navi straniere che avevano toccato porti inglesi. Ma la scelta di Portonovo rispondeva naturalmente ad altri scopi tattici ed in particolare alla difesa della piazzaforte di Ancona da sud per prevenire sbarchi di truppe britanniche o alleate all’Inghilterra. Inoltre la presenza di soldati impediva alle navi inglesi, che incrociavano nell’Adriatico alla caccia di vascelli francesi o del regno d’Italia, di approvvigionarsi presso la fonte di Portonovo, situata a circa 200 metri dal Fortino. Squadre navali britanniche, alcune delle quali avevano probabilmente partecipato tre anni prima alla  battaglia di Trafalgar, erano ormeggiate nelle basi delle isole Ionie da cui si spingevano nell’alto e medio Adriatico. Le navi avevano anche il compito di controllare il traffico tra Ancona e la Dalmazia, acquisita da Napoleone pochi anni prima con la vittoria di Austerlitz , poi inclusa nelle “Provincie Il liriche”. Edificato, sembra, utilizzando parte delle pietre dell’antico monastero adiacente alla chiesetta romanica di S.Maria di Portonovo, il Fortino costituisce un esempio classico di architettura militare francese, con qualche influsso del dalmata Francesco di Giorgio Martini che ha lavorato ad Ancona nel XV secolo. La struttura consta di bastioni rotondeggianti, situati sulla spiaggia a nord di monte Calcagno, su cui si erge la Torre Clementina Trave, che si protende dirimpetto al Fortino dalla spiaggia sottostante il Monte dei Corvi. I bastioni, sui quali venivano posizionate batterie di cannoni, contenevano all’interno delle casematte che servivano da caserme e depositi di munizioni e viveri.

Fortino Napoleonico, i ricordi dell’Impero

Al centro del semicerchio costituito dalle casematte vi era un cortile in mezzo al quale sorgeva il posto di comando, forse realizzato in parte con il materiale di recupero di un tempio romano. Secondo gli storici la guarnigione era costituita da circa 600 soldati dell’esercito del regno italico. Negli anni successivi, fra la creazione del presidio e la caduta dell’impero napoleonico, il soldati del Fortino vigilano, ma non sono protagonisti di fatti rilevanti. Successivamente al 1815 il forte viene reintegrato nello Stato Pontificio e dopo la battaglia di Castelfidardo (1860) entra a far parte del demanio dello Stato Italiano, ma i nuovi governanti se ne disinteressano e così l’edificio napoleonico cade in rovina. Restaurato completamente negli anni ’60 il Fortino Napoleonico oggi ospita uno degli hotel più belli e suggestivi della costa marchigiana dove la sera di Ferragosto abbiamo organizzato un Gran Ballo Ottocentesco.

DSCF3342

ballo fortino 117

 Il luogo, questa magnifica terrazza a picco sul mare con alle spalle il monte Conero e sullo sfondo la costa anconetana, è incantato già di suo. Qui, da sempre, si respira la storia, ma siete pronti a fare davvero un salto nel passato?

DSCF3354

Danzatori in costume con una delle ospiti della serata, la presentatrice tv Rosanna Vaudetti

Perché stasera al Fortino Napoleonico Aldo e Rosanna Roscioni [i gentilissimi titolari dell’hotel n.d.r.] hanno voluto proporre qualcosa di davvero straordinario. Sulla terrazza arriveranno, per uno strano gioco spazio-tempo, dame in crinolina e cavalieri in frack, per ballare quadriglie, mazurke, marce e naturalmente il sempre affascinante ed inebriante valzer viennese. Uno scherzo? Assolutamente no e lo vedrete fra poco, quando accanto a voi compariranno i protagonisti di un vero ballo ottocentesco e sarete improvvisamente immersi in un salone forse nella Parigi del Secondo Impero, forse in un palazzo nella Vienna di Francesco Giuseppe, ma chissà anche nella “house” di un duca londinese in piena epoca vittoriana. A voi chiudere gli occhi e scegliere e non farà nessuna differenza, perché la musica e le danze, in una Europa di metà ‘800 agitata dalle guerre e dai moti insurrezionali per l’unità italiana, dilaniata dalle rivalità fra le grandi potenze, sono identiche ovunque. Dal tacco dello stivale, fino alla punta dello Jutland e anche oltre fino alle brughiere inglesi. La cultura musicale e l’amore per il ballo, che non è una prova di resistenza fisica ma un esercizio alle relazioni sociali, uniscono oltre le lingue e le frontiere. I saloni delle feste sono luoghi di divertimento, ma anche spazi di incontro dove transitano idee politiche, amori, storie.  Gran cerimoniere di questo evento straordinario, il professor Roberto Lodi che, come in uso all’epoca, “chiamerà” le danze, guidando cavalieri e dame nella sequenza delle figure e nelle evoluzioni. L’organizzazione del Gran Ballo è stata curata dalla presidente di Società di Danza Ancona, Paola Pennacchietti (qui sotto insieme a me ).

Altre foto della serata, con la sfilata degli ospiti in costume, le trovate qua

ballo fortino 171

 ps se capitate in zona Portonovo merita una sosta, in qualsiasi stagione e poi magari vi potreste anche godere un pranzo o una cena da “Emilia”, romantico ristorante sulla riva del mare, poco lontano dal Fortino Napoleonico. Nella saletta interna ancora campeggia la foto storica di una visita veramente reale, quella del principe di Galles nel lontano 1988.

Ballo

per darvi una idea del luogo…

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

8 Commenti

  1. nicole ha detto:

    Grazie delle notizie storiche: non conoscevo nulla di quanto hai scritto, a parte la passione per le danze.
    Hai un abito bellissimo.

  2. marina ha detto:

    Grazie Nic, è sempre quello dell’altra volta ma arricchito con i pizzi (le cornicette come dice la mia metà).

  3. nicole ha detto:

    Insomma è riciclato come nelle migliori famiglie.
    Sai che non me ero accorta? Così è molto più bello.W le ” cornicette”.

  4. simonaWP ha detto:

    Ci sono stata due giorni fa!!!
    Una mia cliente me lo ha fattop visitare durante i mille impegni proprio come possibile location nozze…che coincidenza.

    Che meraviglia questo ballo ed i costumi…

  5. marina ha detto:

    @ Nicole, maddai davvero non lo avevi riconosciuto, allora abbiamo fatto un buon lavoro. Sai il bello del ballo (perdona il gioco di parole) è anche tutto il contorno, fra cui ovviamente la creazione degli abiti, la ricerca degli accessori. Bisogna trovare la stoffa giusta, i pizzi, il modello deve essere aggiustato e alle volte lo devi mettere per capire come stai, se ci balli bene, se ti senti a tuo agio. Ecco l’abito azzurro è stato un work in progress;
    @ SimonaWP il luogo è incantato, e se le nozze sono estive il tramondo sul mare è magico.

  6. fabio ha detto:

    ho sentito parlare di portonovo815
    un gruppo in divisa da soldato pontificio
    che partecipa alle rievocazioni storiche.
    mi sapete dire qualcosa di piu
    grazie FABIO

  7. marina ha detto:

    fabio a Portonovo, cioè al Fortino Napoleonico so che fanno ogni anno una sorta di rievocazione dello sbarco dei soldati imperiali (non pontifici), ma non credo esista un gruppo specifico. puoi dare un’occhiata al sito del Fortino, so invece che c’è un gruppo che si chiama Tolentino 1815 che rievoca la battaglia.

  8. massimo ha detto:

    Salve a tutti, esiste un gruppo e lo trovate al sito sopra indicato, anzi nel 2011 ricorre il bicentenario dell’episodio interessato e narrato dal Leoni nella STORIA DI ANCONA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi