DSCF3320

Ne parlavo proprio nei giorni scorsi non mi ricordo più con chi, se si vuol (veramente si dovrebbe, senza se e senza ma) parlare, festeggiare, celebrare il Risorgimento, non si può prescindere, volenti o nolenti, dai Savoia. Il dopo, dalle cannonate di Bava Beccaris ordinate da Umberto I alla firma di Vittorio Emanuele III sotto alle leggi razziali, passando per altri fatti ancor meno edificanti, non è stato “brillante”, ma Vittorio Emanuele II è uno di quelli che questa nostra Italia ha contribuito a farla. Oggi la dinastia, estromessa definitivamente dalle italiche vicende con il referendum del 1946, è dilaniata dalle lotte intestine e uno dei suoi rappresentanti ha imboccato, fra mille polemiche, la strada dello show businnes. Amedeo, quinto duca d’Aosta e trisnipote del primo re d’Italia, ha deciso di raccontare a Sette, il magazine del Corriere della Sera, la sua versione dei fatti e i motivi per i quali, secondo lui, il lontano cugino non è assolutamente “degno del nome della famiglia”.

L’intervista lunga e molto articolata, è particolarmente interessante anche perché il Duca si racconta senza peli sulla lingua e parla con molta chiarezza dei suoi rapporti con il “pretendente al trono”, il figlio del Re di Maggio, Vittorio Emanuele e delle scelte di Emanuele Filiberto, ormai lanciatissimo fra programmi tv e fiction, che vanno “a danno di Casa Savoia”. Custode delle memorie familiari, in particolare per quello che riguarda il suo ramo, il duca d’Aosta sta lavorando alla revisione dei diari dello zio omonimo, l’eroe dell’Amba Alagi, e guarda con estrema obiettività al passato dei Savoia. “Nel Novecento – dice – la dinastia ha sbagliato quasi tutto, come uno slalom corso fuori dalle porte”.

Otto pagine e la copertina dedicate ai Savoia, sulla rivista settimanale di uno dei giornali più letti e più autorevoli d’Italia. E poi c’è chi dice che i reali non sono di moda e non fanno notizia.

Ah, dimenticavo, le otto pagine comprendono anche un bellissimo articolo di Luciano Regolo, giornalista ma in questo caso soprattutto biografo di molti Savoia, dalla “regina incompresa” Maria Josè al Re di Maggio, Umberto II. Un excursus veloce per saperne di più sulla dinastia dell’Unità d’Italia, dal “Testa di Ferro” cinquecentesco al cantante contemporaneo. Stesso nome, destini diversi, molto diversi.

ps mi scuso per la foto moooolto personale, però me l’ha fatta ieri notte la mia metà che era decisamente a terra per le note vicende e così, con questo contributo al sito, ha cercato di dare un senso alla sua vita ormai orfana dei Campionati Mondiali …

ps 2 immagino che adesso siate curiosi, Sette dovrebbe essere in edicola per diversi giorni, ovviamente io qua non posso riprodurre il testo per intero e per stralci non avrebbe molto senso. Forse esiste un link da qualche parte, ma non lo trovo, ringrazio in anticipo chi trovandolo me lo segnalasse.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

25 Commenti

  1. marina ha detto:

    @ salvo forse il link è scaduto, mi è successo con un altro video. ad ogni modo su you tube mettendo nella ricerca cose tipo wedding e poi i nomi degli sposi ci sono un sacco di video delle nozze reali. dovrei fare una specie di ricerca ed un catalogo perché alcuni sono molto interessanti, in particolare i video storici che un signore francese sta mettendo on line con regolarità.

  2. Antonio ha detto:

    @Duca Salvo,
    digiti bryllupfest fredensborg e arriverà facilmente a quell’interessantissimo e imperdibile video.
    Vedesse i Savoia…
    Fra tutti mi ha colpito quella straordinaria vegliarda che è Teresa d’Orléans-Braganza, sorella della defunta contessa di Parigi.

  3. duca salvo ha detto:

    grazie lo stesso, però, il video non si apre

  4. jacopoamedeo moretti ha detto:

    x antonio:

    se mai riuscissimo ad abolire la legge salica e ristabilire la monarchia….a quel punto possiamo fare tutto anche mettere M.Gabriella sul trono:-)))))

    credo che prima si debba essere monarchici poi sabaudi o borbonici o……

    la monarchia è si una fede, ma in realtà una scelta politica…e questa deve funzionare a tutti gli effetti…………..

    re hussein II di giordania è stato la prova lampante che una monarchia funziona e che il suo erede doveva esserne degno…

    ho saputo direttamente ( non posso rivelare la fonte)
    che il precedente erede al trono, fratello di hussein fino a pochi gg prima della sua morte, non aveva le stessse caratteristiche “bonarie” e che sua moglie, addirittura, spendendo un capitale, quando ormai credevano la cosa fatta e il re morente con sua moglie Noor erano negli stati uniti…… fece cambiare ogni tappeto del palazzo reale, perchè diceva fosse stato impreganto dello spirito malefico della regina Noor da lei odiatissima….. ( molto non amano Noor perchè in realtà aperta ed in gamba…. poi chi le sta vicino la adora….)

    persi i diritti al trono della giordania dopo la nomina del nipote ed attuale sovrano, la coppia ha deciso di farsi forte della parentela…e si è dichiarata erede al trono dell’Iraq, la cui famiglia reale si è estinta poco tempo fa…. ma ne discende quindi ne vuole i diritti….. una corona in testa con tutto il suo peso…fa fare cose “turche” :-)))

    baci
    jacopo

  5. Salvo ha detto:

    Cosa me pensate della disputa tra Amedeo e Vittorio Emunuele??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi