Tutti gli ospiti di Victoria e Daniel e una favola reale

Pronti per il royal wedding svedese? Ma in attesa di diademi e corone vi regalo una favola reale. A Stoccolma la febbre da matrimonio reale sta toccando il suo apice visto che i primi ospiti sono attesi già per oggi. Intanto i reali fidanzati con annessa famiglia (compresa una abbastanza serena e sorridente Maddaleine, nonostante la delusione delle sue nozze cancellate) ieri hanno preso parte al primo ricevimento ufficiale sulla nave Götheborg (riproduzione contemporanea di una imbarcazione costruita nel 1745) dove si è svolta una cena con tutti i governatori delle province svedesi. Le foto le trovate qua; si può solo commentare che lei ha l’aria immensamente felice e lui in fondo sembra proprio un bravo ragazzo (e fin qui di passi falsi non ne ha commessi e non sono neanche venuti fuori i soliti temutissimi scheletri nell’armadio) molto innamorato della sua futura regina e pure meno imbalsamato e congelato del solito.

Oggi i sovrani offriranno una cena privata nel palazzo de Drottningholm, mentre domani  sarà il Governo svedese ad invitare il Re, la Regina e i fidanzati. A seguire concerto al teatro reale di Stoccolma. Sabato 19 giugno cerimonia religiosa nella Cattedrale di Stoccolma (ore 15 e 30), quindi i neo sposi si imbarcheranno sul Vasaorden per il tradizionale giro del porto e dei canali. Alle 17 e 30 la principessa con il marito assisteranno, all’entrata del Palazzo Reale ad un concerto della corale Lejonbacken, seguirà il banchetto nuziale.

Intanto la lista degli ospiti è stata resa ufficiale e pubblica (sul sito della casa reale, se volete fare un giro è qua) e ci sono alcune piccole sorprese. Il principe regnante di Monaco Alberto II sarà accompagnato da Charlene Wittstock, una presenza inattesa che farà molto chiacchierare gli osservatori delle vicende reali perché trasforma la bionda ex nuotatrice sudafricana da accompagnatrice ufficiosa in fidanzata semi ufficiale del principe Alberto. Il protocollo delle corti reali (ed in generale quello di tutte le istituzioni, esperienza diretta persino nella piccola Provincia di Ancona) è particolarmente rigido ed attento quando a precedenze, mogli, mariti, fidanzati e Charlene che non ha uno statuto preciso è una specie di caso speciale. bateau2

Le famiglie reali di Olanda, Norvegia, Belgio e Lussemburgo saranno al completo, mentre i  danesi lasceranno a casa il figlio secondogenito Joachin che deve fungere da reggente in assenza della reale madre. Non mancherà a queste nozze svedesi il re di Spagna che in un primo momento era stato dato come non presente, forse a causa del recente intervento chirurgico. Nel 1976 Juan Carlos, sovrano da pochi mesi per volontà del generalissimo Franco, era stato pregato, dall’allora governo socialista svedese, di non presentarsi alle nozze di Carlo XVI Gustavo e Silvia. Attesa a Stoccolma anche una semi desaparecida delle case reale, la triste e depressa principessa ereditaria del Giappone, Masako. Contrordine, Masako è sparita dall’elenco degli ospiti reali, Naruhito come sempre si presenterà da solo, pare che lo stress del viaggio e delle cerimonie sia troppo per la depressa principessa ereditaria del Giappone.

Gli altri ci saranno tutti, sovrani regnanti e non, principi ereditari di troni ancora esistenti o spariti da decenni, i principi del Lichtenstein, l’ex re di Grecia, la principessa ereditaria di Romania. Nutrito il contingente della Giordania, meno quello dalla Germania (solo due i Sassonia Coburgo Gotha, cugini del re), scarna la rappresentanza dall’Inghilterra che invia solo i conti di Wessex. Evidentemente, come in tutti i matrimoni di questo mondo, è anche una questione di rapporti, legami ed amicizie, il principe di Galles c’era a Madrid per le nozze dell’erede al trono, ma due settimane prima a Copenhagen, per un altro erede erano stati spediti a rappresentare il Regno Unito solo i Wessex. Per i Westling, la famiglia dello sposo, ci sono 32 persone, mentre i Bernadotte (le quattro sorelle del re, i figli e i nipoti, più qualche cugino sparso) saranno 43.

Alcune foto degli ospiti reali qua

E infine come promesso ecco la storia reale che SIMONA GENINAZZA ha deciso di regalare a tutti i lettori e lettrici del sito Altezza Reale. Il racconto, ambientato proprio a Stoccolma si intitola guarda caso AltezzaReale. Se cliccate sul titolo potrete scaricare il pdf. Buona lettura!

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

28 Commenti

  1. marina ha detto:

    Che il quotidiano di Genova, il Secolo XIX fosse un ottimo giornale lo sapevo, me lo conferma questo articolo uscito nell’edizione on line

    http://www.ilsecoloxix.it/p/magazine/2010/06/13/AMe9SOmD-victoria_borghesi_storie.shtml

    è documentato, preciso e scritto con mano leggera. purtroppo non è firmato, complimenti all’ignoto autore.

  2. Titti the first ha detto:

    Cara Marina,
    ho letto l’articolo segnalato, davvero ben fatto!!
    Grazie per averlo messo a disposizione di noi tutti!!

    A presto, Titti the first.

  3. marina ha detto:

    Buonaserata a tutte/tutti, oggi sono stata a Rimini ad un festival di letteratura, una bella giornata, ma senza connessione a parte pochi minuti per scaricare una mail di lavoro. Mi sono riconnessa solo ora e ho visto un po’ di foto e sapete che vi dico, il lato romantico ha preso il sopravvento, ci sono delle immagini dei due sposini che mi hanno fatto sciogliere il cuore. Lei è stra-cotta, lui ancora impacciato però si vede che ci tiene a fare bella figura. Insomma viva gli sposi! A domani

  4. laura ha detto:

    Poiché sono bloccata a casa con l’influenza guardando qua e là ho trovato questo video relativo al concerto pre-nozze di Victoria e Daniel.
    Purtroppo la qualità non è eccelsa ma trovo molto simpatico vedere tutti questi reali (magari non tutti ma molti) cantare insieme con il coro : Can’t help falling in love with you.
    Buon fine settimana !

    https://www.youtube.com/watch?v=zWOeSr-si90

    • luka ha detto:

      Allora grazie @influenza 🙂 per questo simpatico video dove quasi tutti sembrano felici e qualcuno canterino (uniche eccezioni lo sguardo ermetico di Letizia e quello imbambolato di Charlene).
      Ma i bambini cantano una filastrocca svedese?

      Comunque gli smeraldi di Astrid del Belgio sono sempre eccezionali!

      @Laura meglio a casa con l’influenza che fuori con sta pioggia ( almeno a Milano) 😉

    • Michele ha detto:

      Che bel video!! Non mi ricordavo 🙂

  5. laura ha detto:

    Qui c’è una versione migliore e alla fine tutti (regina Margrethe compresa) cantano l’inno svedese.

    https://www.youtube.com/watch?v=XBaEyzWQJUw

  6. Sisige ha detto:

    Approposito…che orrore quelle immagini della famiglia reale danese davanti ad uno stuolo di animali morti dopo una battuta di caccia ! Penso come sia diseducativo per i bambini presenti.

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      viste e provato enorme ribrezzo. ne abbiamo già parlato in passato, per loro è la normalità anche con bambini al seguito 🙁

      • Roberta ha detto:

        anche io sono rimasta allibita dalle foto ed ho immaginato che se la famiglia reale posava con tanta naturalezza davanti a quell’orrore era perchè “per loro è la normalità anche con bambini al seguito”…però stupisce che un paese come la Danimarca così attento ai diritti civili di tutti non abbia questo tipo di sensibilità…..

      • Ale ha detto:

        io non ho visto queste foto, dove le posso vedere?

    • Giulia M ha detto:

      Per quanto riguarda la Danimarca so che queste battute di caccia vengono organizzate e sorvegliate dalla guardia forestale per il fatto che c’è una sovrabbondanza di questi animali.
      Per il resto avete giá detto tutto voi.
      Comunque in Inghilterra, da quando hanno abolito o ristretto, non ricordo, la caccia alla volta, è pieno di volpi anche nei centri cittá, di notte camminano tranquillamente nei hiardini delle case in verca di cibo

  7. Antonella.A ha detto:

    Scusate il mio intervento ma la Danimarca non mi sembra un paese che ama molto gli animali.Sarà anche attento ai diritti civili però,riguardo ai nostri pelosi,ho dovuto constatare una notevole insensibilità.Ricordate la giraffina uccisa davanti a una scolaresca ?inoltre,sappiate che in quel paese sono legali gli accoppiamenti uomo/animale.Mi fermo,non voglio dire altro su una cosa così disgustosa e aberrante.E ora mi dite che la famiglia reale…………………….

  8. Donna Bianca ha detto:

    Nella tradizione nobiliare la caccia è uno dei divertimenti per eccellenza. In The Queen è emblematica la scena in cui Filippo porta i piccolo William e Harry a cacciare un cervo per distrarli dal dolore per la perdita della mamma.
    E infatti mi chiedevo come possano oggi questi ragazzi conciliare l’impegno ambientalista con la tradizione di famiglia. Marina ne sai qualcosa?

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      La caccia è lo sport delle élite, ovunque, in particolare in UK. Ogni romanzo inglese contiene un episodio legato alla caccia e alle tradizioni connesse – ricevimenti, cene, pranzi, etc, etc – anche romanzi recenti (che se scritti da non inglesi contengono vistosi errori, tipo andare a caccia di fagiani a cavallo… che ancora mi rovescio dal ridere) il che mi lascia sempre abbastanza basita. Io come sa chi mi legge da un po’ sono molto molto contraria alla caccia – e anche alla corrida – e ammetto che questo aspetto della cultura inglese mi disturba parecchio. Anche se legato alla regina. In The Queen la scena del cervo io la salto, nel senso che chiudo gli occhi, non posso proprio guardare. Ricordo benissimo Filippo che porta a caccia i ragazzi e ricordo anche altre immagini vere, tipo i Middleton che entrano nel circolo dei reali con una bella caccia a non so che.
      A me pare comunque che ultimamente se ne vedano meno di foto di William e Harry a caccia, forse hanno capito che non fa bene alla loro immagine? Non lo so. Qualcuno può obiettare che cacciare fagiani da mettere in pentola e cacciare elefanti in via di estinzione non è la stessa cosa, per me a livello di impatto si.

      • Donna Bianca ha detto:

        Anche secondo me a livello di immagine l’impatto non è molto diverso. Per questo mi chiedevano se in privato vadano ancora a caccia o se anche in questo settore porteranno un’aria nuova.
        Per esempio Charles, di cui è noto l’impegno ambientalista, è ancora un cacciatore?

    • Dora ha detto:

      in realtà la caccia serve ad evitare la proliferazione di animali che a, a parte l’uomo, hanno pochi nemici naturali. per esempio qui in toscana c’è sovrabbondanza di cervi e cinghiali, per questo hanno esteso la stagione della caccia.
      detto questo, a me la caccia non piace, ma un pò di cinghiale, cervo, lepre e capriolo non la vedo così male! XD

      • Angie ha detto:

        E perché secondo te c’è sovrabbondanza di cervi e cinghiali? Ovviamente perché non i sono più i loro predatori naturali.
        Come mai?
        Chi è che ha creato questo squilibrio?

        • milady ha detto:

          in Sicilia, nella Madonie, i cinghiali sono diventati pericolosi ed hanno ucciso un uomo vicino a Cefalù. Anch’io sono contraria alla caccia, ma, se controllata, è l’unico modo per evitare che l’eccessivo numero di animali danneggi le coltivazioni o altri animali.

      • Dora ha detto:

        in realtà i lupi ci sono e si stanno pure avvicinando troppo alle case. mancano i cacciatori. ai tempi dei miei nonni quasi tutti qua in toscana lo erano.
        una delle più antiche sagre italiane è proprio quella del tordo (sì, l’uccellino) a montalcino.

        • Angie ha detto:

          Venitemi a raccontare tutto, ma non che la caccia è utile.
          Forse lo era in un lontano passato, o presso le popolazioni primitive. Ora è solo un macabro e dannoso “divertimento”!

        • Pellegrina ha detto:

          confermo Dora, i lupi sono tornati sulle alpi anche da tempo, in piemonte, in trentino… e si avvicinano alle case (lo so per esperienza). ma l’uomo oggi non è più abituato a conviverci e i cacciatori ai lupi non possono sparare legalmente. malgrado la disponibilità per ora di ungulati e greggi prima o poi un guaio capiterà.
          un conto è avere in giro degli erbivori un altro gruppi di grossi predatori carnivori.

  9. laura ha detto:

    Scusate ma perché tutta questa discussione sulla caccia in Danimarca sul post che si riferisce a qualcosa di completamente diverso e cioè agli invitati delle nozze svedesi ?

  10. Sisige ha detto:

    Beh la spiegazione è che per fare commenti vari dobbiamo ”agganciarci” a post già esistenti, anche se l’argomento non c’entra; invito Marina magari a pensare ad uno spazio dove poter ”lanciare” degli argomenti nuovi da parte dei tuoi followers. GRAZIE !

  11. laura ha detto:

    Dià ma allora agganciatevi ad un post sulla regina di Danimarca e non a quello degli sposi svedesi che non hanno nulla a che fare con la caccia !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi