Ieri sposi: 19 giugno 1976, Carlo XVI Gustavo re di Svezia e Silvia Sommerlath

Ieri sposi: 19 giugno 1976, Carlo XVI Gustavo re di Svezia e Silvia Sommerlath

NozzeSilvia14La principessa ereditaria di Svezia ha scelto un giorno speciale per le sue attesissime nozze. Victoria si sposerà, infatti, il 19 giugno 2010, esattamente 34 anni dopo i suoi genitori. Sono le 12 e 45 del 19 giugno 1976 quando, nella chiesa di Storkyrkan a Stoccolma,la giovane e bella Silvia Sommerlath dice “Ju” a Carlo XVI Gustavo, re di Svezia. Intorno alla coppia visibilmente innamoratissime c’è un parterre di teste coronate tutte più o meno imparentate con i Bernadotte (Baldovino e Fabiola del Belgio, Marharethe e Henrik di Danimarca, Jean e Joséphine-Charlotte del Lussemburgo, Beatrice e Claus dei Paesi Bassi, Costantino e Anna Maria di Grecia, lord Mountbatten prozio d’acquisto del re, la regina madre di Danimarca Ingrid zia del re, mancano solo i reali di Spagna freschi di ascesa al trono, ma considerati ospiti “imbarazzanti” dal governo socialista) e Silvia finalmente può tirare un sospiro di sollievo. La storia d’amore fra i due, lui erede del nonno Gustavo VI Adolfo, lei affascinante hostess poliglotta, inizia più o meno quattro anni prima nel marzo del 1972 durante i giochi olimpici di Monaco. Il principe ha 26 anni, quattro sorelle, una madre ambiziosa e altera che da ragazzino l’ha isolato nel mondo irreale della corte e una solida reputazione dai play-boy. La ventinovenne Silvia è la sua guida e lui che aveva dichiarato “mi sposerò solo per amore, credo che sia fondamentale per riuscire come re”, è colpito. Re Gustavo VI Adolfo, intellettuale di alto livello, archeologo e letterato, amatissimo per la sua umanità e spontaneità, ma anche uomo estremamente rigido riguardo le unioni in seno alla famiglia reale, non avrebbe mai permesso queste nozze. NozzeSilvia12

La “deroga” del re di Svezia

Nel passato chi aveva “derogato” alle rigidissime leggi dinastiche svedesi scegliendosi una sposa al di fuori del “gotha” (ad esempio due zii di Carlo Gustavo), aveva perso titoli e diritti alla corona. Un anno e mezzo dopo l’anziano nonno re muore e Carlo Gustavo sale su un trono antichissimo ma sempre più traballante. In Svezia sono in molti ad avere dubbi sia sull’utilità della monarchia che sulle capacità del nuovo sovrano. Sarà la “borghese” Silvia ad invertire la situazione. L’idillio, tenuto nascosto fino al dicembre del 1975 e coltivato in gran segreto con la complicità di amici e parenti, scatena i commenti acidi del ristretto circolo dei “reali” europei che mai prima di allora aveva dovuto accogliere una regina senza sangue blu, ma piace immensamente agli svedesi. Poteva essere diversamente?

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=gIs-KstpMHI&feature=youtu.be[/youtube]

Il giorno delle nozze Silvia è splendida e il famoso diadema di cammei (la storia del gioiello è qui) le dona in modo particolare. Marc Bohan della maison Dior ha disegnato per lei un abito lineare e semplicissimo taglio “princesse” in faille di seta bianca con un lungo strascico. All’uscita della chiesa la coppia attraversa la capitale in carrozza scoperta e poi prende la Vasaorden una barca che per tradizione, durante i grandi eventi reali, trasporta il re attraverso i canali della Venezia del nord. Poco dopo all’ingresso del Palazzo Reale il governatore accoglie la sua nuova regina e il re nella cortile d’onore presenta simbolicamente la sua sposa agli svedesi dicendo “ecco la regina, regnerà con me, amatela. Ecco quella che ho scelto come moglie”. Una specie di favola alla quale assistono meravigliati e commossi milioni di svedesi. Pochi mesi dopo il re autorizza lo zio, il principe Bertil fino ad allora reggente del regno e secondo nella linea di successione, a sposare l’inglese Lilian Craig la donna con cui vive in segreto da quasi 30 anni. Ma questa è un’altra storia.

 NozzeSilvia8

NozzeSilvia7

nozzesilvia2

4756328_1

NozzeSilvia11

 nozzesilvia3

NozzeSilvia10

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

59 Commenti

  1. Claudiadb ha detto:

    Mari, che matrimonio romantico, alla fine quando il Re ha presentato la sua sposa mi sono venuti i lucciconi!

  2. Filippo ha detto:

    Stupenda coppia reale!
    Non dimentichiamo però che molti anni prima di lei un’altra “commoners” (non di sangue blu) aveva impalmato un principe sovrano, mi riferisco a Grace Kelly, alle sue nozze nel 1956 nessun sovrano di altre corti eurepee presenziò alla cerimonia. Nel 1976 le cose erano cambiate un poco, certo non come oggi, dove i principi ereditari sposano di tutto e di più!
    Saluti
    Filippo

  3. Marina ha detto:

    @ Claudia è vero è stato un matrimonio romanticissimo e lei era stupenda;
    @ Filippo vero, ma nel “giro” del gotha europeo Ranieri di Monaco è sempre stato un po’ snobbato. Si racconta che quando Ranieri e Grace arrivarono ad Atene per il matrimonio di Sofia e Juan Carlos nel 1962, l’allora conte di Parigi (il pretendente orleanista al trono di Francia), vedendoli scendere dall’aereo fece un commento acido “in fondo chi sono, lui un sovrano di operetta e lei una ex attrice” e una anziana zia piuttosto pragmatica rispose “si ma lui, a differenza tua è un sovrano regnante”. Mi piace la parola “commoners” in francese è “roturière”. Grazie per avermela ricordata, la userò.

  4. Filippo ha detto:

    Effettivamente quello che dice è vero.
    La corte monegasca ancora oggi non gode di molto prestigio nel ghota europeo. Ma anche nella comunità internazionale non è che abbia molto peso. Chissà perchè!
    Forse per le ridotte dimensione del suo territorio. Mah!
    Il commento sul “sovrano da operetta” lo conoscevo, ma non sapevo che anche il conte di Parigi l’avesse ripetuto in pubblico.
    Anche loro “gossippari” (a casa mia sparlettieri).
    Filippo

  5. Marina ha detto:

    Filippo credo che siano questioni di lana caprina, in effetti i Grimaldi sono solo “Altezze Serenissime”, quindi un gradino sotto alle “Altezze Reali” e nell’almanacco di Gotha sono appunto catalogati in capitoli diversi. Solo Caroline da quando ha sposato Ernest August è salita al rango di “Altezza Reale” e pare ci tenga moltissimo. Leggevo oggi su un sito francese chela Casa del re di Spagna ha commesso una piccola gaffe. Caroline è nei Paesi Baschi per celebrare l’anniversario di un centro oceanografico alla cui creazione contribuì Alberto I e nella nota ufficiale viene definita Sua Altezza Serenissima. Però dovrebbero sapere bene qual è la sua condizione perché suo marito è il cugino di primo grado della regina Sofia.

  6. sisige ha detto:

    Dunque ci si chiede come mai Monaco non goda di prestigio europeo…sono piuttosto certa che dopo gli ”anni d’oro” che Grace ha regalato al Principato, una delle cose che ha affossato l’immagine di Monaco e’stata Stephanie (scusate ma non la reggo troppo!) che tra domatori di circo, maestri di sci e guardie del corpo, ha dato tutto fuorche’ una immagine dignitosa di donna e di principessa. Anche il buon Alberto, benchè dotato di discreta allure di principe moderno, ha seminato figli qua e la non contribuendo certo a migliorare le cose!
    Ditemi se sbaglio! non vedo all’orizzonte nessuna donna ”con gli attributi” degna di un cambio di rotta ! La povera Charlene non riesce a strappare una promessa di matrimonio…ma sara’quella giusta?

  7. nicole ha detto:

    Mi pare che la data sia qualcosa della tradizione, che anche altri re o eredi al trono si siano sposati il 19 giugno. quelle cose lette e messe in cassetto, fino ad oggi, anzi fino a quando ha annunciato il matrimonio la giovane coppia. Bella Silvia, era veramente bellssima.
    Marina, stai “domando” il sito alla grande!

  8. Marina ha detto:

    @ Sisige condivido in pieno su Stéphanie, troppi soldi, troppi pochi pensieri. Mi ricordo che sono inorridita quando ho visto non so dove le foto della sua mega roulotte all’epoca in cui stava con il domatore di leoni. Che tristezza, pensare Grace che stile, che allure. Albertino ovvio che sta cercando una sostituita, sono molto tentata da questa biografia “autorizzata” che è uscita di recente, ma il fatto che sia autorizzata mi frena;
    @ Nicole non mi ricordo di altri matrimoni il 19 giugno, farò indagini in merito. Eh magari fossi riuscita a domarlo sul serio il sito, ci sono ancora cose che non vanno, tipo la home dovrebbe avere 8 “strilli” invece ne ha nove, ma domani cercherò di capire.

  9. Sissi ha detto:

    Mari l’abito mi piace molto anche se è decisamente ..semplice.
    Di una semplicità quasi monacale.
    Lo scollo è un pò troppo alto, se fosse stato ad esempio a barchetta mi sarebbe piaciuto maggiormente..era pudico comunque ma con più stile.
    Il bouquet è favoloso…

  10. Diadema, abito e principessa memorabili. Grande classe… E soprattutto: storia d’amore vera (almeno stando alle apparenze). Certo, una considerazione merita d’esser fatta, su tutte: queste signorine (Grace compresa) di origini borghesi avevano tutta l’allure delle regine. Un segno dei tempi che oggi non se ne trovino più tante all’altezza? … reale, intendo…
    Ciao Marina

    Sabrine

  11. Antonio ha detto:

    Ah, che bei ricordi!
    L’atmosfera era bellissima, molto piacevoli gli sposi, degnissimi gli invitati: ricordo bene la regina Fabiola in color zafferano e la regina Ingrid affascinante come sempre.

  12. paola ha detto:

    che bella coppia e come era bella Silvia! così mora e con gli occhi neri deve aver fatto sensazione in Svezia!! anche ora rimane una bella donna, anche se x me è troppo stiracchiata dalla chirurgia plastica… Certo che, visto lo scandalo che ha coinvolto re Carlo Gustavo, viene da dire che tutte le belle favole hanno il loro risvolto prosaico, ma forse una corona… “val bene una messa” (??)

    M. Paola

  13. nicole ha detto:

    Sapete una cosa? Son sempre stata convinta, da quando mi son resa conto di come invecchiava male Silvia, con ripetutti lifting( era di una bellezza incredibile!), che fosse poco felice.Non ho mai visto una donna veramente felice ed equilibrata che si rifacesse, non parlo solo di VIP.
    Una cosa è togliere una cicatrice,una macchia, correggere un naso brutto ( e che spesso se brutti sono pure problemi danno), una cosa è
    “spianarsi”ripetutamente. Provo molta tristezza quando vedo certe facce.Poi ci sono quelle che dicono che lo fanno..per lavoro, ma per piacere!
    Una sera pochi anni fa avevo vicino una nota cantante di quando ero bambina: un mostro! Ma un mostro irriconoscibile.Siccome parlava, ho riconosciuto la voce.tremendo!

  14. elettra ha detto:

    @ Nicole sono molto daccordo con te…. una donna felice ed appagata vive con pienezza, tutte le sue stagioni e in ognuna di loro trova qualcosa di bello e di unico che nelle altre non c’era!
    Ci possono essere dei momenti di rimpianto per la bellezza sfiorita, ma si devono trovare altre bellezze interiori,che magari non si ha mai avuto il coraggio di far uscire…se poi si invecchia bene, tanto meglio!!!
    Devo confessare che un giorno anch’io ho avuto un'”amica” che mi ha consigliato delle punturine, contorno occhi e labbra…. sai cosa ho risposto?….ma come ci ho messo così tanto tempo per farmele venire?!
    Ho copiato le parole da Anna Magnani che disse la stessa cosa, credo…..

  15. Lady Vivian ha detto:

    Quando si fa’ chirurgia plastica facciale, si fa’ per se stesse, senza tenere conto del giudizio degli altri.
    Il problema e’ quando si fa’ chirurgia plastica per gli altri, per piacere a gli altri o per credere di essere piu’ bella, piu’ giovane.
    La bellezza non si puo’ comprare.
    Io ho sempre detto a tutte, sopratutto alle mie amiche che indipendentemente dall’aspetto o dallo stato sociale di ricchezza o poverta’; la giovinezza è un passaggio della vita, è impossibile riaverla, questo per una serie di motivi non solo fisici ma sopratutto mentali.
    Per restare sempre giovani occorre fare qualche follia ( a volte, senza esagerare).
    Vi svelo un segreto.
    Lasciatevi invadere dalle emozioni, siate sempe curiose, simpatiche, tolleranti, apritevi alle cose nuove ( anche stupide)..
    non createvi pregiudizi, essere donne emancipate si guadagna sempre 10 anni in meno.
    Potrei fare tanti esempi di donne che non hanno voluto fare chirurgia plastica, ma che dimostrano molto meno dell’eta’ anagrafica, proprio grazie al suo carattere si sono rese desiderabili, questo non vuol dire che fare chirurgia plastica è uguale ha non avere carattere, ma la chirurgia plastica da sola non basta.

    L’ho ripetuto tante volte, non è l’aspetto esteriore che determina l’eta’ di una donna ma i suoi atteggiamenti, il modo di pensare,
    di parlare, d’agire, d’amare.

    “Charlotte Bronte” nel suo insuperabile romanzo “Jane Eyre” nel 1847 scriveva:
    E’ il carattere della persona
    a determinare la sua essenza,
    e non l’aspetto esteriore.

    Certo l’aspetto esteriore aiuta, ma la bellezza di solito dura 10 minuti se poi non si ha un carattere e una personalita’ spiccata.
    La chirurgia plastica comunque è una cosa che spesso cambia i connotati di una persona, e quindi credo ci sia un percorso di sentirsi mentalmente in un determinato modo, con una determinata identita’.
    Poi esistono, (come sappiamo) altre tecniche che non sono di taglio, nel senso che non sono invasive o permanenti.
    io personalmente ( anche se non avrei bisogno perche’ sono piuttosto bella) ho un’infinita’ di creme, per il giorno, la notte, contorno occhi e zigomi (costosissima) anticellulite, crema dopo bagno … !
    E poi il mio profumo, (ma questo non lo dico nemmeno sotto tortura!).
    Tutte queste cose me le porto sempre con me, quando devo viaggiare, o per vacanze.
    Mi fanno sentire bene, e in casa, nel bagno, ho il mio angolo tutto personale di cui sono gelosissima..

    con simpatia

  16. marina ha detto:

    @ paola anche a me lei è sempre sembrata di una bellezza radiosa e perfetta, peccato per gli stiramenti davvero esagerati degli ultimi anni;
    @ nicole @ elettra io penso che sotto ai ferri ci si deve andare solo in caso di necessità e di salute, la chirurgia estetica no grazie…
    @ Vivian le persone che riescono a dirsi da sole “…sono piuttosto bella” mi lasciano sempre piuttosto basita. anche perché lamia severissima nonna diceva “chi si loda si sbroda”. ho naturalmente cancellato il nome del prodotto anticellulite che usi, non mi pare proprio il caso.

  17. Dora ha detto:

    victoria è uguale alla madre da giovane!!!
    carl gustav invece mi ricorda terence hill o,O

  18. paola ha detto:

    Però sinceramente a tutti piacerebbe rimanere giovani e belli! è vero che il fascino ha il suo peso e che c’è una bellezza x ogni età… ma in ogni caso sentirsi attraenti a livello estetico è gratificante, credo che sia umano! io ho un po’ di timore degli interventi chirurgici, quindi non ho mai fatto niente, ma se una persona si sente meglio a farsi qualche piccolo “ritocco” non ci trovo nulla di male!
    Certo la regina Silvia ha esagerato, ha “perso” completamente il suo viso originario! 😀
    @Elettra sei tu (o un altro amico/a del blog) che una volta l’hai definita con la bocca da “ornitorinco”? mi ricordo che mi sganasciai dal ridere 😀 😀

    M. Paola

  19. paola ha detto:

    @Lady Vivian, cara, ma sei vera o il personaggio di un fumetto? lo dico con simpatia perchè adoro i fumetti 🙂

    M. Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi