IERI SPOSI: 25 anni fa le nozze di Astrid del Belgio e Lorenz d’Asburgo-Lorena

IERI SPOSI: 25 anni fa le nozze di Astrid del Belgio e Lorenz d’Asburgo-Lorena

Astrid

Volevate la sposa? Ecchela qua e siccome qui le cose si fanno per bene o per niente, oggi è anche il venticinquesimo anniversario di matrimonio dei due che forse ai più sono quasi sconosciuti anche se, guarda caso, si tratta di due persone molto legate all’Italia. Lei è Astrid del Belgio, figlia di Alberto all’epoca principe di Liegi, e di Paola Ruffo di Calabria, la bellissima italiana che alla fine degli anni ’50 ha sposato il fratello del re del Belgio. Lui è l’arciduca Lorenz di Asburgo-Lorena (sul titolo ci sono delle controversie, secondo alcuni andrebbe chiamato arciduca Lorenz d’Austria, ma a me piace di più così), nipote a sua volta di alcuni personaggi davvero mitici. I suoi nonni paterni sono l’ultimo imperatore d’Austria, Carlo I e la moglie la straordinaria e tostissima imperatrice Zita, nata principessa di Borbone-Parma. Una piccola donna di acciaio che nei due brevi anni di regno si adopera per la conclusione di una guerra (la Grande Guerra) tragica e devastante e poi esiliata e presto vedova, con otto bambini piccoli, sceglie la strada del rigore, dell’understatement e dell’impegno sociale, nella memoria dell’adorato sposo defunto. Da parte materna Lorenz ha come nonno Amedeo duca d’Aosta, l’eroe della battaglia dell’Amba Alagi che, sconfitto, preferisce restare in Africa con i suoi soldati. Ad Amedeo, che muore in prigionia, gli inglesi rendono l’onore delle armi e il suo nome oggi rivive in uno dei pronipoti, il figlio primogenito di Lorenz e Astrid.

La principessa e l’arciduca (lei ha 22 anni e lui quasi 31) convolano, fra la soddisfazione dei parenti reali (in un’epoca in cui molti principi hanno portato all’altare delle fanciulle borghesi), il 22 settembre 1984 nella chiesa di Notre Dame du Sablon in una piovosissima Bruxelles e il detto “sposa bagnata sposa fortunata”, in questo caso pare ci abbia preso davvero. La coppia resiste da 25 anni senza scosse, senza turbamenti e soprattutto senza scandali. Lui è un banchiere, lei assolve ai doveri di rappresentanza “reale” da quando (dopo la modifica della Costituzione nel 1993) alle donne è stato consentito l’accesso al trono. Insieme hanno tirato su cinque figli, Amedeo, Maria Laura, Joachim, Luisa Maria e Laetizia Maria e, nonostante qualcuno sussurri che Astrid non è una mamma molto presente, la coppia pare felice e la famiglia unita ed armoniosa.

al2

Eccoli oggi (nella foto qui sopra), nella loro veste ufficiale e di rappresentanza. Il giorno delle nozze, a cui prendono parte i rappresentanti di tutte le famiglie reali d’Europa, Astrid indossa un abito a crinolina del couturier belga Louis Mies e sceglie di non portare uno degli splendidi diademi della casa reale, ma ferma lo chignon con alcuni fiori bianchi. Il velo, in pizzo antico a punto di Bruxelles, appartiene alla famiglia Ruffo di Calabria e viene portato da tutte le donne di famiglia.

al4

Gli sposi iniziano la loro vita coniugale a Basilea, dove Lorenz lavora, e ritornano a Bruxelles solo all’inizio degli anni ’90, ma restando nell’ombra. Astrid e Lorenz vengono proiettati sul davanti della scena nell’estate del 1993 alla morte dello zio, re Baldovino. Quella che è ormai la figlia del nuovo sovrano si assume in pieno i suoi doveri anche perché, oltre ad essere seconda nella linea di successione, è anche una delle poche donne della famiglia poiché i fratelli non sono ancora sposati e la regina vedova Fabiola si avvia verso un’esistenza quasi monacale.

BELGIUM-WEDDING-ARCHDUCHESS-MARIE-CHRISTINE-AUSTRIA

Chi la conosce bene ne parla come di una persona timidissima, ma anche molto cordiale e piacevole, semplice e gentile. Secondo alcuni la principessa Astrid si è aperta un po’ di più, acquistando anche una certa sicurezza, dopo aver superato i 40 anni e da allora ha anche modificato il suo modo di vestire, abbandonando le mise classiche e un po’ antiquate per abiti più alla moda. La foto qui sopra, presa nel dicembre scorso al matrimonio dell’arciduchessa Marie Christine d’Asburgo-Lorena, dimostra però come, sia lei che la figlia, nonostante il cambiamento e la modernizzazione, abbiano bisogno urgente di una stylist e di un bravo parrucchiere.

Approfondimenti per i francofoni qui nel sito Noblesses&Royautées.

ps 1 – mi scuso con chi aspettava la terza puntata su lord Mountbatten, arriverà nei prossimi giorni, ma queste nozze d’argento mi sembravano un’occasione da non perdere, oltretutto (“mea culpa”) non ho avevo mai parlato dei reali del Belgio;

ps 2- mi dispiace, non ho messo link ai nomi dei vari personaggi, l’impeatrice Zita, il duca d’Aosta, ma ultimamente wikipedia mi ha un po’ delusa. Portate pazienza…

Condividi su:Share on Facebook72Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

49 Commenti

  1. Dora ha detto:

    quindi (se ho ben capito) la casata imperiale d’austria si chiamerebbe asburgo lorena???? o.O

  2. Laura ha detto:

    Ma dove era nascosto questo post ? Non lo avevo mai visto. E’ proprio vero che i vestiti da sposa anni Ottanta con quelle maniche assurde adesso sono assolutamente inguardabili (vedi anche Diana), invece gli abiti da sposa anni Sessanta sono eterni …

  3. paola (baldanzi) ha detto:

    Quindi Lorenzo e Astrid dovrebbero essere (se la Storia fosse andata diversamente) duchi di Modena, ma non si vedono mai negli antichi possedimenti degli Asburgo-Este, o sbaglio? a differenza dei Borbone Parma che sono piuttosto presenti.

    Guardavo la foto della coppia con i figli: Maria Laura è proprio Asburgo al 100%!!

  4. paola (baldanzi) ha detto:

    @Dora Dora Dora! mi caschi sugli Asburgo Lorena!!! 😀

  5. Ale ha detto:

    @dora hai capito bene, da maria teresa in poi la casa d’autria e tutte quelle che da essa discendono (in quanto nate da discendenti dell’imperatrice) portano il nome di asburgo-lorena. la storia è riassunta bene qui:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Asburgo-Lorena

    http://it.wikipedia.org/wiki/Asburgo-Lorena_(Toscana)

    http://it.wikipedia.org/wiki/Asburgo-Este

    http://it.wikipedia.org/wiki/Casato_di_Hohenberg

  6. elettra ha detto:

    Gli Asburgo sono stati i precursori di quelli che oggi sono gli eredi britannici, danesi e olandesi…..al cognome del casato hanno aggiunto quello paterno e mi pare che la stessa cosa sia successa anche, per la piccola Estelle, figlia di Vittoria di Svezia..tra l’altro il marito di M.Teresa assunse anche il titolo di imperatore, parimenti alla moglie… a dir la verità pure oggi il principe consorte dovrebbe assumere il titolo di re consorte….sarebbe un’uguaglianza in più tra uomo e donna, così come la moglie del re, è regina consorte…una coppia di sovrani è e resta una coppia di sovrani, non può avere titoli diversi…una Maestà e l’altro Altezza Reale
    Sono stati più moderni gli Asburgo, due secoli fa!

  7. marina ha detto:

    @ elettra non tanto moderni 😉
    in effetti l’imperatore “en titre” era proprio Francesco Stefano di Lorena, Maria Teresa era solo la consorte perché MAI avrebbe potuto essere eletta (all’epoca l’imperatore del Sacro Romano Impero veniva ancora eletto da un gruppo di elettori ecclesiastici e non). i titoli personali di MT erano arciduchessa d’Austria e re, nota bene re d’Ungheria.
    🙂

  8. LadyF ha detto:

    Ho letto una intervista a Lady Nicholas Windsor, née Paola de Frankopan, dove spiegava come mai lei, ferventissima cattolica, aveva preferito non portare gioielli per le sue nozze: “I embraced the Roman patrician Catholic tradition that brides do not wear any jewelry on their wedding day: no tiaras, no earrings, not even an engagement ring. You are naked of these fineries as you go to your destiny.”
    Credo che anche per Astrid sia stata la stessa cosa.
    Ricordo che la profonda fede cattolica di Fabiola la portò ad indossare il bianco per la morte del marito, in segno di giubilo per la sua anima!

  9. Chloe ha detto:

    Sulla scia delle ricorrenze, oggi per loro gli anni di matrimonio sono 30!
    E l’occasione è buona per rileggere questo post di @Marina di cinque anni fa 🙂
    … e poi non stavamo parlando giusto giusto in questi giorni degli abiti da sposa anni ’80? 😉

    Qui un breve video sulle nozze:
    http://deredactie.be/cm/vrtnieuws/videozone/nieuws/binnenland/MV-140922-archief-astrid-lorens

  10. Paola (Baldanzi) ha detto:

    @Chloe, grazie del filmato sulle nostre Astrid-Lorenz. Come erano tutti giovani, compresi Paola (molto bella) e Alberto. Ma il bel ragazzo che si commuove accanto alla signora anziana era Laurent? ricordo che da giovane era molto carino, anche se come è ridotto ora sembra impossibile.

    • Luka ha detto:

      Se il giovane che si commuove intendi quello con divisa da”aviatore” seduto accanto alla signora voluminosa dovrebbe trattarsi del principe Filippo, ora re. Lorenzo dovrebbe intravedersi, in verde militare, dietro la sposa durante lo scambio degli anelli e delle promesse!

      Almeno credo, inoltre tra il presunto Filippo e la signorona dovrebbe esserci il conte d’Arco Zinnenberg, cognato dello sposo Lorenzo!

      Spero di non essere stato fuorviante! 🙂

  11. annarita ha detto:

    @Paola credo che il giovane sia Filippo, Astrid ha seguito la madre Paola che sul velo non aveva nessun gioiello ma una coroncina di fiori. Certo che le maniche, a vederle oggi, erano proprio brutte ma era la moda. Quello che non ho capito è perchè lui ha la fede a destra.

  12. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Chloe..molto carino il video, che ho visto per la prima volta…i belgi, come sempre, molto privati! di quelle nozze avevo visto solo la foto degli sposi sugli scalini della chiesa!..tutti molto giovani, molto magri e anche molto emozionati…una sposa con un passo incerto e una camminata un po’ da cammello….l’ho già detto, ma scusate, lo devo ripetere: ma perchè nessuno dei figli di Paola, ha preso la finezza della madre?..Astrid, che sembra molto dolce,direi che da quel giorno è migliorata , fisicamente e ha anche acquistato più eleganza…oggi mi piace molto, ma vestita da sposa faceva pietà…tra le maniche e tutte quei tromboni bianchi in testa!…….ma una coroncina di non-ti-scordar-di-me, non sarebbe stata più carina?….oltretutto, quelle maniche impedivano al bel velo, di incorniciare il volto, tanto che spesse volte la sposa, cerca di portarlo avanti e si tocca la testa, come a fermarlo,…come se avesse la sensazione di perderlo

  13. Paola (Baldanzi) ha detto:

    @Luka, @Annarita, già avete ragione è Filippo! io mi ricordo comunque che Laurent era un ragazzo carino, chissà come ha fatto a diventare un simile tapiro!

    @Elettra, Astrid mi ha fatto tenerezza, a me sembra fosse anche abbastanza carina, ora la trovo molto imbruttita. Certo che i geni di Paola Ruffo non si riconoscono proprio nei suoi figli!

  14. Chloe ha detto:

    @elettra – Anch’io finora avevo visto pochissime immagini di quelle nozze e l’anniversario di ieri è stata l’occasione per saperne di più. Sì, Astrid comunica molta dolcezza e, nonostante la gran scomodità di maniche e acconciatura, era visibilmente emozionata e raggiante allo stesso tempo nel gesto spontaneo di sbracciarsi per salutare la folla!

    Per quanto riguarda parenti e invitati, qui abbiamo una foto di gruppo delle nozze:
    http://4.bp.blogspot.com/-Fw5SYhQCCDI/U8FlWdbj4LI/AAAAAAAAKbI/wvQtMi-omxY/s1600/photo+de+groupe.jpg

    e in questo articolo esausivo sulle nozze, verso la fine, abbiamo anche la didascalia con tutti i nomi dei presenti in quella foto:
    http://royalementblog.blogspot.it/2014/07/retour-sur-le-mariage-dastrid-et-lorenz.html

    • luka ha detto:

      Che bella la foto di gruppo con didascalia, grazie a questa sono riuscito a identificare la signora anziana seduta vicino a Filippo: la duchessa vedova Anna d’Aosta! Non sapevo che invecchiando usasse una sedia a rotelle, comunque ha mantenuto la maestosità fisica!
      Amedeo e Anna erano proprio una bellissima coppia Amedeo ed Anna!

  15. elettra/cristina palliola ha detto:

    @Paola…forse perchè adesso, come donna di 50 anni e oltre, è più vicina ad un ideale di bellezza femminile di quell’età, almeno per me, ecco, perchè, la preferisco…quel giorno ha commesso molti errori, compresi anche i capelli, che erano un tantino troppo tirati…un’acconciatura più morbida le avrebbe giovato…certo non si deve essere fatta consigliare dalla mamma, che sa sempre come vestirsi e truccarsi
    il carattere, sembra per la spontaneità che ha sempre dimostrato, un buon carattere e come i suoi fratelli penso sia stata molto affezionata allo zio re e ancora oggi a Fabiola…gli zii, hanno saputo dare e tutti e tre molto amore e molto spesso devono anche aver supplito alle mancanze genitoriali, quando erano bambini…Fabiola ha saputo creare solo amore intorno a se e oggi che è bisognosa e anziana, si vede, che tutti la pensano e la amano

  16. Caterina ha detto:

    Bel video e belle foto. Sono passati 30 anni. Certo che fa impressione guardare Astrid così giovane, io la trovo migliorata con gli anni, più raffinata. La rassomiglianza tra Amedeo e suo Padre giovane, l’avevo notata guardando le foto di queste nozze in occasione delle nozze di Amedeo ed Ellisabetta. Sapete invece cosa mi ha sempre lasciata un po’ perplessa? Il fatto che da una coppia bellissima ed elegante come Paola ed Alberto non siano nati tre figli altrettanto bellissimi ed eleganti come loro. Forse si salva un po’ Filippo ma Laurent e’ inguardabile anche nella foto di gruppo semra avere un taglio di capelli a porcospino, tremendo! Quanto alle foto, nella settima foto postata da Royalement blog, mi sbaglio o coloro che stanno dietro re Olav e la regina Sofia sono i Duchi di Gloucester ed un impressionante giovane Principe Naruhito? Auguro a questi Principi i miei più sentiti Auguri per le Nozze di Perle.

  17. Laura ha detto:

    Ho visto il video solo adesso. Direi che con la camminata da cammello @ Elettra ha centrato ancora una volta il colpo. In effetti sembrava che non sapessero come muoversi … la sposa abbandonata dal padre si dirige da sola all’altare …barcollando per il peso del vestito….. una cosa mai vista. E poi all’uscita la marcia dell’Aida !
    Insomma devo dire che per questo la perfezione ancora una volta va alla cerimonia di Victoria : palma per vestito, per diadema, velo e acconciatura, per musiche, per coreografia dei presenti, per gioielli delle signore

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Lauraaaaaa, ma allora non sono una strega cattiva.:D
      ho pensato esattamente le stesse cose. esattamente. lei cammina come un cammello, si diceva una volta che caracolla. solo un’altra l’ho vista così, Sarah Ferguson, ‘na tristezza. e poi mollata dal padre che deve andare da sola verso lo sposo. no ma dico e le prove?
      l’Aida non l’ho sentita perché non ho avuto cuore di arrivare fino alla fine, ma forse era solo la musica del video, all’inizio c’è l’Inno alla gioia.

      • Laura ha detto:

        No, sono proprio le musiche loro … Viva Victoria di Svezia !

        • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

          davvero dei raffinati melomani… passi l’Inno alla gioia, ma la marcia trionfale dell’Aida davvero non posso pensare sia stata usata per un matrimonio 🙁

      • Paola (Baldanzi) ha detto:

        la stessa Matilde, che peraltro è molto elegante, quando cammina è sgraziata. Io trovo che Lady Diana sia stata tra le donne reali più eleganti sia nel look che nei movimenti. Sara fergusson… stenderei un velo pietoso…

  18. Luka ha detto:

    Correva l’anno 1993, tanti anni fa e tutti ovviamente eravamo tutti più giovani, ed io scoprivo i royal con la notizia della morte improvvisa di re Baldovino e l’ascesa al trono belga di re Alberto II: noi italiani avremmo avuto finalmente una regina italiana.

    Venticinque anni fa quando internet non c’era, i rotocalchi nostrani conoscevano i Windsor e i Grimaldi e Point de Vou non era ovunque diffuso e costicchiava: ma vi rendete conto cosa ci siamo persi in quell’anno???
    Almeno nove royal wedding : Carlo d`Asburgo e Francesca von Thyssen, Narhuito e Masako del Giappone, Abdullah e Rania di Giordania, Federico del Wurttemberg e Maria del Wied, Alois del Liechtenstein e Sofia di Baviera, David Armstrong-Jones e Serena Stanhope, Kurbat e Carla di Bulgaria, Carlotta del Lussemburgo e Mark Cunigham e Clotilde d’Orleans e Eduard Crepy.
    Tutte coppie che questa anno avrebbero potuto festeggiare le nozze d’argento e che all’epoca avrebbero intasato di post AR.

    Un omaggio ad una coppia di sposi, con una foto un poco furbetta…. 🙂

    http://3.bp.blogspot.com/-FKrDEWjpoko/T9PtyRC5jDI/AAAAAAAAH5k/wSrtk9TCy2Y/s1600/_Couple.jpg

    • https://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      Va bene quando mi verrete a trovare – con Tobia – prometto che ti faccio trovare tutta l’annata 1993 di Point de Vue da sfogliare e commentare insieme, però mi manca lo speciale della morte di Baldovino che è misteriosamente sparito mentre ero a Roma…

    • Maria ha detto:

      Un poco furbetta?!la conosco da anni questa foto ma non avevo notato che é un po strana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi