Miserie e splendori dei Tudor

Enrico

Passiamo la Manica e dedichiamoci alle miserie e agli splendori dei Tudor, sanguinari, violenti, sanguigni, decisamente permalosi, ma geniali in particolar modo l’ottavo Enrico della serie e sua figlia Elisabetta I.

Il sistema più semplice (ed anche quello più economico, visto che tutte le opere sono state pubblicate nella serie Oscar Mondadori al modico prezzo di 8 euro o poco più) per scoprire vita, morte e miracoli dei Tudor più cospicui (in effetti la dinastia emersa vincente dalla Guerra delle due Rose ha dato all’Inghilterra solo cinque fra re e regine) è l’acquisto magari in serie delle quattro biografie che la storica americana Carolly Erickson ha dedicato a Enrico VIII, Anna Bolena, Maria Tudor ed Elisabetta I. Rigorosamente documentati, ma scritti con piglio moderno e tono divulgativo i lavori della Erickson raccontano, con dovizia di particolari, non solo la storia pura e semplice dei personaggi in questione, ma nno dimenticano l’indagine psicologica, l’analisi dell’ambiente e della società dell’epoca, fra cui il ruolo delle donne a corte e nell’Inghilterra del periodo, gli scontri politici, senza trascurare, inoltre quell’intreccio inestricabile fra ragioni personali e ragion di Stato che animava ogni corte del Rinascimento.

Le vicende sono, almeno a grandi linee abbastanza note, ma questa è un’occasione imperdibile per saperne di più su “Il grande Enrico”, su “Anna Bolena” (moglie numero due e madre di Elisabetta), su “Maria la sanguinaria” (figlia di primo letto di Enrico) e infine su “Elisabetta I, La regina vergine”. Una nota finale, la lettura in serie (che consiglio cronologica perché l’autrice alle volte dà qualche cosa per scontato) riserva delle sorprese e sfata alcuni miti, come quello insaziabile sete di sangue cattolico da sempre appiccicato a Maria, donna si rigida e spietata, ma anche sola, infelice ed anche vittima, per molti anni, del terribile padre.

La serie completa la trovate qui e anche qui, insieme a tutte le altre opere della Erickson (fra cui uno pseudo diario segreto di Maria Antonietta che però vi sconsiglio e le biografie dell’ultima zarina di Russia, di Caterina la Grande e di Josèphine de Beauharnais) che ha recentissimamente pubblicato anche un libro dedicato alla vita di Catherine Parr, ultima moglie di Enrico VIII.

Questa è anche un’ottima soluzione per dimenticare il terribile sceneggiato “The Tudors” vera sagra del falso storico, del posticcio e dell’invenzione per adattare la vicenda ai gusti odierni.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

17 Commenti

  1. Anna Righeblu ha detto:

    Ciao Marina, le vicende dei Tudor saranno stra-note a te ma io faccio fatica a ricordare tutti gli intrecci… per sommi capi sì… ma vuoi mettere i particolari di una biografia con una visione moderna?
    Mi annoto le tue segnalazioni, per l’estate…

    Un abbraccio e a presto

  2. Marina ha detto:

    Ciao Anna, ops non volevo fare la “capisciona”, vado a correggere il tiro!

  3. Babuska ha detto:

    Nonostante i miei libri preferiti siano le biografie (dopo quelli di cucina, off course), devo ancora finire di leggere quella di Maria Antonietta iniziata quasi sei anni fa… Da vera donna del Duemila preferisco i tuoi post, brevi ma sempre esaurienti, senza nulla togliere alla signora Erickson eh!
    Buona giornata.

  4. Marina ha detto:

    Bubuska sono commossa e ti ringrazio. Sai che anche io ho una piccola collezione di libri di cucina, vecchiotti però, ereditati o comperati proprio per il loro stile vintage.

  5. Mariarita ha detto:

    Allora nonostante io non sia ferrata in materia, avevo capito che non era un capolavoro il serial sui Tudor…pensavo di essere troppo esigente!!!
    Grazie per le dritte sui libri, mi affascinano.
    Baci
    Mariarita

  6. Marina ha detto:

    Mariarita il serial è da dimenticare in fretta, se vuoi vedere un bel film dedicato alla materia ti consiglio il vecchio, ma sempre valido, “Anna dei mille giorni” con Richard Burton nella parte di Enrico VIII.

  7. Mammazan ha detto:

    Non mi resta che andare da Mondadori e fare gli acquisti che consigli fermo retando che resto affezionata ai tuoi post sempre godobilissimi!!
    Un bacio

  8. Anna Righeblu ha detto:

    Marina… ma non era un post da “capisciona”, era ed è un bellissimo ed interessante post 🙂
    Baci

  9. Antonio Candeliere ha detto:

    bel blog.

  10. Marina ha detto:

    @ Anna, grazie, ma alle volte ho la tendenza a dare per scontate certe cose.
    @ Antonio grazie anche a te, ho fatto un salto sui tuoi blog interessanti gli argomenti trattati, complimenti.

  11. Rosella R. ha detto:

    Marina ,vorrei leggere una biografia su Maria tudor,personaggio che conosco poco e superficialmente.Sono convinta che l’appellatio “sanguinaria” è riduttivo.
    Ho visto le indicazioni….ma tu cosa mi consigli?
    Un saluto…sudato

  12. Marina ha detto:

    Ciao Rosella, mamma mia che giornate fortuna che ogni tanto arriva un po’ di brezza dal mare. Allora io ti consiglierei la Erickson con la biografia di Maria Tudor. Della “Sanguinaria” ho sempre letto quello che dicono i biografi del padre e della sorella, a lei non mi sono mai dedicata in modo assoluto ed esclusivo, lo dovrò fare presto e mi piacerebbe anche trovare qualcosa sul marito Filippo II di Spagna. Si comunque il soprannome è riduttivo e “di parte” e di certo lei non ha avuto una vita facile, fra il ripudio della madre, un padre ingombrante e via dicendo. Buona lettura!

  13. nicole ha detto:

    Sempre della medesima collana ricordo di Antonia Fraser " le sei mogli di Enrico VIII".Lo lessi parecchi anni fa, notizie a valanga, leggibile, documentazione ottima. Pensai che a scuola forse la storia dovrebbero insegnarla anche così.
    Un tipo..da prendere con le molle il signore!

  14. Alessandra ha detto:

    Marina,
    ho notato solo ora questo post. tra breve dovrò scriverne uno con i consigli di lettura per l'estate: sappi che ti linkerò! 🙂 doppie volte grazie, a presto!

  15. Marina ha detto:

    Ciao Alessandra, grazie!
    Ci sono dei consigli di lettura anche in altri post più indietro, libri su l'imperatrice Elisabetta (Sissi), su lady Diana, su Napoleone.

  16. nicole ha detto:

    Come dicevo sopra anni da .. Da prendere con le mille, ma confesso di averlo sempre trovato molto affascinante, intelligente, certo tipico sovrano assoluto , ma non possiamo giudicarlo con canoni contemporanei.
    Ho letto di recente su questo sito che un storici .
    Quindi non sono l’unica !
    Credo che la sua personalità abbia molto preso da quella della nonna Margherita , indomita donna della quale mi piacerebbe sapere di più . Devo fare oggi che ho tempo ricerca perché qualcosina letto qua è là mi ha incuriosita.
    Per caso qualcuno di voi ha già dei suggerimenti?
    Grazie

  17. nicole ha detto:

    Ovvio che intendessi Margherita di Beaufort, madre di Enrico VII

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi