Prima le nozze e poi il fiocco azzurro in casa del principe Aimone di Savoia Aosta e Olga di Grecia

Prima le nozze e poi il fiocco azzurro in casa del principe Aimone di Savoia Aosta e Olga di Grecia

matrimonio_aimone_olga

E’ nato Umberto di Savoia Aosta e con la scusa di questa nascita posto le foto delle nozze avvenute a Patmos lo scorso 27 settembre dei genitori, Aimone di Savoia e Olga di Grecia. Uno dei matrimoni reali più belli e romantici degli ultimi anni con una sposa straordinaria e originale vestita come la dea Cerere. Si dice e si è letto che le scarpe di Olga, ovviamente opera dell’amico Christian Louboutin (di cui lei, architetto, ha curato l’arredamento dei negozi) avevano ricamata della pasta per ricordare l’origine italiana del futuro marito.

boda-olga2a

Aimone di Savoia Aosta e Olga di Grecia, le nozze

Sono sempre stati cadetti, ma sembrano loro il ramo principale, quello più prestigioso, quello che meglio rappresenta l’ex casa reale italiana.  Sempre perfetti, sempre precisi, brillanti e colti quanto basta e se è il caso persino un tantino eroi. A rincarare la dose (e dicono i bene informati a far schiumare di rabbia Vittorio Emanuele) ci si è messo anche Aimone, l’unico figlio maschio di Amedeo duca d’Aosta. Al ragazzo, bello, biondo, somigliantissimo al padre, ma con gli occhi blu degli Orléans materni, non è bastato fare il manager di successo per la Pirelli a Mosca, si è anche fidanzato e ppi sposato con Olga di Grecia, sangue blu della migliore specie e legami strettissimi con tutti i reali d’Europa, passati, presenti e futuri. Regali parenti (la regina Sofia di Spagna e l’ex re Costantino di Grecia) che, ovviamente, erano in prima fila a Patmos il giorno delle nozze. Mica come al matrimonio di Emanuele Filiberto che, dopo la pubblicità ad una nota marca di sottaceti, quando ha impalmato l’attrice francese Clotilde Coureau ha riempito la romana basilica di Santa Maria degli Angeli di subrettine, politici, familiari stretti, con l’unica aggiunta di Alberto di Monaco allora neanche regnante.

Gli Aosta, invece, da un secolo e mezzo non sbagliano un colpo, a parte lo sfortunato “intermezzo” spagnolo del primo duca, Amedeo, fratello di re Umberto I. Giusti i matrimoni. Con una serie di Orléans (le figlie dei vari pretendenti al trono di Francia tutte belle, colte, ricche e snob) e con una principessa di Grecia molto bene introdotta nelle case reali di Danimarca, Inghilterra, Germania. Giuste e sfavillanti le carriere militari persino nei periodi più bui della storia nazionale. Così mentre Vittorio Emanuele III è passato alla storia per il “nulla osta” al fascismo e per la fuga da Roma, il duca d’Aosta n. 3, un altro Amedeo (viceré d’Etiopia, già di suo famoso per essere affascinante come un attore del cinema) sostenuto sottobanco dalla futura regina Maria Josè critica la dittatura e la guerra, diventa l’eroe dell’Amba Alagi, si guadagna una medaglia d’oro al valor militare e persino gli inglesi, che lo fanno prigioniero, gli rendono l’onore delle armi. E che dire del duca degli Abruzzi, ammiraglio “en passant”, ma soprattutto alpinista e famoso esploratore dal Polo Nord all’Africa? L’attuale duca d’Aosta, non ha conquistato il K2 come il prozio, ma ha la fama di essere un signore cortese e gentile. Collegio navale Morosini a Venezia, nozze benedette dall’ex re Umberto II (all’epoca in rotta totale con il figlio scapestrato e ribelle) e celebrate in pompa magna a Cascais con la figlia del conte di Parigi, tre bambini bellissimi, l’azienda agricola in Toscana. In effetti la coppia è male assortita, però Amedeo ragazzo-padre presto abbandonato dalla moglie, ne viene fuori bene e quando si risposa (dopo l’annullamento) porta in casa una nobile siciliana, una crocerossina con antica storia familiare, vasti possedimenti, molto senso del dovere e molto buonsenso. Che, fra l’altro, le permette di superare il “lieve” inciampo di una breve relazione extraconiugale del marito con annessa figlia e uscite televisive dell’innamorata abbandonata.

boda-olga1a
Nel 2004 Aimone alle nozze di Felipe di Spagna (mentre, en passant, il duca d’Aosta viene preso a pugni dal sempre irascibile Vittorio Emanuele), ritrova Olga di Grecia, bella ed elegante come poche. La frequenta e si innamorano. Un matrimonio d’amore, perfetto più di qualsiasi altra unione combinata. I due colombi sono già parenti fra di loro molte volte, la nonna paterna di lei era la sorella del nonno materno di lui, la madre di lui e il padre lei, cugini di primo grado, sono cresciuti insieme, ma il padre di lei è anche il cugino della nonna paterna di lui, del duca di Edimburgo, del re di Romania, di Ernesto-Augusto di Hannover e via dicendo, insomma quasi un rompicapo cinese. Ma non basta visto che la regina di Spagna (quindi anche l’ex re di Grecia) è cugina in primo grado del duca d’Aosta ed in secondo grado del padre di Olga, Michele di Grecia. Il principe, metà francese e metà greco, ma soprattutto molto cosmopolita, è un famoso scrittore e sua moglie un’apprezzata pittrice e scultrice. Su di loro mai una chiacchiera, mai un pettegolezzo, hanno vissuto in Francia, in Grecia e a New York senza scandali, lavorando entrambi alle loro opere, allevando le due figlie (Olga è laureata in architettura alla Columbia University e, fra l’altro, ha curato gli allestimenti delle boutiques di Christian Louboutin che era presente alle nozze) e viaggiando molto, spesso con la regina Sofia di Spagna alla quale sono legatissimi. Niente esili, niente genitori litigiosi e sorelle fidanzate con attori di serie B, niente matrimoni contrastati, lunghe storie giudiziarie, liti per le eredità e vendite all’asta dei gioielli di famiglia. Insomma, saranno loro a ridare smalto e prestigio alla dinastia italiana? Nelle foto (copyright Hola) le nozze a Patmos; la sposa era vestita Prada, senza diadema, con un’acconciatura di spighe di grano e un bouquet fatto di foglie di ulivo e scarpe, ovviamente, Louboutin. Nell’ultima immagine Olga (che sembra un po’ una splendida dea Cerere) e il padre Michele di Grecia si dirigono verso la chiesa.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

115 Commenti

  1. davide giulio contri di frassineti ha detto:

    Jacopo…sgrunt…prima matrimonio e fidanzamento… e adesso nn mi dici se il video col superdiadema di diamanti e rubini era quello? 🙂

  2. jacopoamedeo moretti ha detto:

    x D&G
    siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii è lei la mia parure…. grazie
    questo è veramente amore…beh ok x il matrimonio..ma adesso siamo virtualmente fidanzati…e sarò fedelissimo….!!!

    :-))) grazie

    me l’ero perso…….pensando che non mi amassi più!!!

    ah!! l’amour!!

    scherzi apparte grazie…stavo impazzendo !!!:-))

    j

  3. jacopoamedeo moretti ha detto:

    ringraziando ancora D&G x la ricerca (con successo della mia parure perduta)

    (guardate soprattutto da minuto 2,30 a 2,50)…
    http://www.youtube.com/watch?v=ayhhCNulYsI

    che ne dite??

    qualcuno ha notizie su origini e attuali proprietari, storia etc… di questa parure????

    ancora grazie a davide…. direi ufficialmente il ricercatore video ufficiale di altezzareale… marina assumilo !!! :-))

    sarebbe una bella idea quella che hai ventilato di mettere un settore video diretto nel blog/sito…

    bon se avete news su quanto chiesto sopra vi sarò riconoscente a vita!!!

    dandk, merci, thanks, grazie, etc

    j

  4. Dora ha detto:

    certo che il pupo assomiglia prorprio a mammà…

  5. Salvo ha detto:

    Auguri ai neo genitori.
    Non sarebbe male approfondire la questione riguardante i diritti di successione al trono d’ Italia e le dispute tra Vittorio Emanuele e Amedeo. Sono sicuro che la nostra bravissima Marina può darci numerevoli notizie e documenti che senz’altro possono aiutarci ad avere una nostra visione personale. (anche se io son un simpatizzante di Amedeo)

  6. Dora ha detto:

    @ salvo
    su wiki è riportato tutto piuttosto fedelmente, personalmente (subito dopo la Repubblica) la linea che sostengo è l’aostana

  7. Ale ha detto:

    leggendo i commenti sui vari matrimoni paritari scritti negli scorsi giorni se non sbaglio @dora ha ricordato anche quello di aimone e olga. giusto, e oltre che per nascita sono state rispettate tutte le procedure sul regio assenso coinvolgendo amedeo.
    comunque ho ripreso questo post perché due giorni fa alain Elkann, padre di john (attuale “capo” del clan agnelli e marito di lavinia borromeo), ha intervistato michele di grecia, il papà della nostra principessa olga.

    http://www.lastampa.it/2015/07/26/societa/michele-di-grecia-qui-che-batte-il-cuore-delleuropa-QhS5xbS4ddelp2TpucXPwK/pagina.html

    il principe parla della sua vita e del suo lavoro di scrittore, sottolineando il suo ultimo lavoro, il suo sito su cui pubblica foto di viaggi e storie di famiglia, essendo lui legato a tutte le dinastie europee. io l’ho trovata interessante.
    del sito abbiamo parlato tante volte, ma mi sembra giusto rimettere il link:

    http://www.princemichaelofgreece.com/

  8. laura ha detto:

    @ Ale , grazie del link . A me piace molto Michele di Grecia, ho letto alcuni dei suoi lavori, non sono molto entusiasta dl libro sui gioielli, ma ho trovato fantastico le Notti bianche di SanPietroburgo che consiglio caldamente. Nella parte iniziale di questo libro, che racconta la storia del fratello maggiore di Olga regina di Grecia, Michele illustra anche la sua componente russa : una persona che davvero racchiude tante identita’ nazionali diverse.

    • Ale ha detto:

      si è vero il libro sui gioielli è famoso per alcuni svarioni. gli altri libri del principe non li conosco bene. ultimamente mi sono appassionato al suo sito, quando parla degli antenati mettendo fotografie private lo trovo veramente interessante.

  9. Chloe ha detto:

    @ale mi era sfuggita questa intervista a tutto tondo, grazie per averla linkata! Ho notato che, nella parte in cui si parla della cuginanza con i re e le regine d’Europa, risponde che sono la famiglia. Come la chiama il duca Amedeo di Savoia.
    Io non ho mai letto nulla di Michele di Grecia (mi piacerebbe leggere qualcosa di storico, @laura grazie del consiglio!), ma intanto proprio settimana scorsa, nella cassetta del bookcrossing posta fuori da un originale negozio del mio quartiere, ho notato e portato a casa proprio il suo “La donna sacra”, il romanzo che il principe nell’intervista afferma essere il suo preferito. Curiosa coincidenza!

    • laura ha detto:

      Ti consiglio oltre Le notti bianche si San Pietroburgo, L’imperatrice degli addii la storia di Carlotta di Asburgo figlia del re Leopoldo del Belgio e moglie di Massimiliano d’Austria. In certi punti e’ praticamente un giallo.

  10. Ale ha detto:

    @chole ho pensato la stessa cosa! dopotutto loro sono parenti abbastanza stretti. michele è figlio di francesca di orleans che era la figlia della sorella (quindi nipote) di elena d’orleans, nonna di amedeo. poi bisogna tenere conto anche che michele se non sbaglio era cugino primo di irene di grecia, mamma di amedeo. in più oggi sono consuoceri 😀 un bel giro di parentele con tanto di intreccio di alberi genealogici come piace a noi 😉
    in più è parente anche di margherita e maria cristina di savoia-aosta. anna di francia e francesca erano sorelle, quindi sono cugini primi.

    • laura ha detto:

      Michele e’ figlio di Cristoforo che era il fratello minore di Costantino padre di Paolo , Irene etc.. Cristoforo era circa 20 anni piu’ piccolo di Costantino e quindi tra Michele e si suoi cugini vi e’ la differenza di una generazione. Ogni volta che penso che Giorgio e Olga di Grecia erano i suoi nonni devo ripensare a questo scarto di generazione

    • Chloe ha detto:

      Esatto! La “cuginanza” tra Amedeo e Michele ha una doppia corrispondenza di parentela recentissima, e le nozze dei figli non hanno fatto altro che intrecciare ancor di più i rami 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici di funzionalità (per la corretta navigazione) e di terze parti per migliorare la tua navigazione. Accetti i cookie sia cliccando sul pulsante a lato che continuando la navigazione del sito. Clicca per la Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi