La donna che cercò di rapire il figlio di Napoleone

figlio_di_Napoleone

In questa elegante villa che guarda il mare Adriatico su una collina a pochi chilometri da Ancona vive, per alcuni anni, una delle nipoti di Napoleone Bonaparte. Purtroppo però in questo angolo sperduto dello Stato pontificio Napoleona Elisa Bonaparte Baciocchi si annoia a morte. La figlia di Elisa, una delle sorelle dell’imperatore, ha il carattere irrequieto dei Bonaparte e anche il loro smisurato orgoglio, e nella villa di Colleameno non sa proprio cosa fare di sé.  Nata nel 1806, è una bambina ribelle e instabile, e un’adolescente indomabile, incapace di accettare le regole. Unica sopravvissuta di tutti i figli di Elisa e Felice Baciocchi, Napoleona a quattordici anni perde la madre, suo unico punto di riferimento e guida. Da allora – siamo nel 1820, e la gloria imperiale è bella che archiviata – fa vedere le pene dell’inferno al padre il quale non vede l’ora di liberarsene.

figlio_di_Napoleone_4 (2)

Napoleona Elisa insieme alla madre Elisa duchessa di Lucca e Piombino, ritratte da Gerard, uno degli artisti della corte imperiale. Il dipinto si trova al museo napoleonico di Roma

Nonostante la ricca dote, non è semplice sistemare questa ragazza un po’ sgraziata e dal carattere molto difficile. Alla fine comunque la perla rara viene fuori: è un conte di diciannove anni, si chiama Filippo Camerata Passionei de’ Mazzoleni, e la sua famiglia, benche non gloriosa come quella della sposa, sembra economicamente solida. Nel novembre del 1824, debitamente e regolarmente sposata, Napoleona parte per Ancona, ma una volta arrivata si scontra con la dura realta che, purtroppo per lei, è ben lontana dai fasti imperiali di cui serba ancora il luminoso ricordo. Alla monotonia della vita nella citta adriatica si aggiungono i rapporti tesi con il suocero, un uomo avaro e dispotico, abituato a comandare e a farsi ubbidire da tutti. La nuora ovviamente si ribell, lei si sente molto superiore, molto diversa e soprattutto sprecata in quel posto dimenticato da Dio e dagli uomini. Cosi, la scoperta che il vecchio conte sta usando il suo denaro per chiudere i debiti le offre un ottimo motivo per esplodere in una delle sue solite scenate, fare i bagagli e rifugiarsi a Roma dai Bonaparte che sono la sua unica vera famille. Nella Città eterna la accolgono a braccia aperte la nonna Letizia, lo zio Girolamo e i cugini. Un’idea apparentemente buona che in realtà si rivela essere pessima: Girolamo Bonaparte, ex re di Westfalia e fratello minore di Napoleone, all’epoca un quarantenne apparentemente affascinate, è ma in realta un personaggio cinico, avido, superficiale e senza scrupoli. E’ ancora il ragazzino viziato cui tutto viene perdonato, cui neanche l’Imperatore aveva saputo negare nulla, così visto che non ha nulla di meglio da fare seduce la nipote. Per lui è solo una delle innumerevoli storie di sesso, per Napoleona invece è il grande amore, soprattutto perché si tratta di un Bonaparte, uno della sua stirpe, di cui è orgogliosissima.

figlio_di_Napoleone_2

Napoleona Elisa ritratta da Podesti  

Ma le apparenze vanno salvate, così la giovane donna torna all’ovile e il 20 settembre 1826 nasce, ad Ancona, Napoleone Carlo Felice Camerata, che quasi sicuramente è figlio di Girolamo. L’anno dopo Napoleona, apparentemente tranquillizzata dalla maternita, si fa ritrarre dal pittore anconetano Francesco Podesti. La finestra che fa da sfondo a Madame Napoléon in posa romantica e parecchio imbellita dal pennello di un artista evidentemente ossequioso, è una di quelle della villa di Colleameno. La serenità guadagnata però è del tutto illusoria anche perché all’epoca i napoleonidi della seconda generazione, cioé i figli di tutti i fratelli dell’imperatore, cominciano ad agitarsi, animati dalla voglia di rivalsa e dal desiderio di proseguire l’opera del grande zio ormai morto nell’umiliante esilio di Sant’Elena.

La rivoluzione del luglio 1830, che caccia i Borbone dal trono di Francia mettendo al loro posto gli Orléans, è un’occasione d’oro per i giovani Bonaparte all’affannosa e disperata ricerca di una rivincita familiare. I nipoti di Napoleone voglio che la corona vada al re di Roma, loro cugino, l’unico figlio legittimo dell’Imperatore, nato nel 1811 ma che dal 1814 è praticamente ostaggio del nonno materno, l’imperatore d’Austria. Ne nasce una specie di complotto, orchestrato con ogni probabilita da Luigi Napoleone Bonaparte (il futuro Napoleone III), al quale Napoleona Elisa aderisce con entusiasmo non perché condivide gli ideali liberali e patriottici della parentela ma per dare sfogo alla propria insofferenza e soprattutto per fedeltà alla sua vera e unica famille.

La donna che cercò di rapire il figlio di Napoleone

Finisce cosi che nell’autunno del 1830 Napoleona, la quale nel frattempo ha lasciato marito e figlio e si è stabilita a Trieste presso la zia Carolina, viene spedita a Vienna con l’incarico di convincere il re di Roma, ora Franz duca di Reichstadt, a unirsi ai cugini Bonaparte. La contessa Camerata, nota per il carattere impetuoso e la totale mancanza di astuzia, è probabilmente la persona meno adatta a condurre una missione del genere, per di piu nell’Austria del cancelliere Metternich, e infatti a Vienna viene subito notata e messa sotto controllo. Audace, temeraria e imbevuta di orgoglio familiare, Napoleona cerca di incontrare il giovane Franz, ma in realtà non sa cosa offrigli e lui, che vive nel culto segreto del padre, teme una trappola. L’impresa viennese finisce così in un nulla di fatto, il duca di Reichstadt morira due anni dopo e tocchera a Luigi Napoleone Bonaparte restaurare, nel 1854, l’Impero dello zio.

Al momento Napoleona passa per una pazza stravagante che ha compiuto un gesto assurdo, ma anni dopo la sua avventura non sara più considerata in modo tanto ridicolo e anzi finirà dritta, dritta, pur con qualche adattamento drammaturgico, in un celebre testo teatrale. Nel suo “Aiglon” Edmond Rostand narra, con alcune liberta storiche, il tragico destino del figlio di Napoleone e il tentativo della cugina – definita ≪amazzone senza elmo / che porta con orgoglio sul viso la sua stirpe≫ – di liberarlo e riportarlo sul trono di Francia.

Separatasi definitivamente dal marito e intrapresa una lunga battaglia per la custodia del figlio, Napoleona non tornerà mai più nella villa anconetana, ma a Colleameno – che per lunghi anni ha ospitato un collegio femminile e oggi è sede di un centro congressi e della casa di accoglienza Dilva Baroni – la presenza di un membro della famiglia Bonaparte resterà per sempre leggendaria.

Dopo la morte del duca di Reichstadt nel 1832, Napoleona Elisa appoggia l’ascesa del cugino Luigi Napoleone Bonaparte che nel 1852 diventa Napoleone III. Trasferitasi a Parigi, ottiene per il figlio la carica di maîtres des requêtes au Conseil d’État, ma il giovane conte Camerata muore suicida, in circostanze misteriose, a soli 26 anni. L’indomita ed energica cugina dell’Imperatore accusa il colpo e lascia la corte; dopo un breve soggiorno in Veneto, si trasferisce definitivamente in Bretagna, dove bonifica delle terre e crea un’azienda agricola e vari allevamenti di pesca. Muore nel 1869 nel suo castello di Korn-er-Hoüet senza vedere la caduta del Secondo Impero e la definitiva sconfitta dei Bonaparte.

Nelle Marche ci sono molti luoghi legati al Napoleone o alla sua famiglia; qui il giovane generale Bonaparte è arrivato da conquistatore rivoluzionario, ad Ancona, secondo la leggenda, avrebbe fatto piangere la Madonna del Duomo, a Tolentino ha firmato il famoso trattato, nella baia di Portonovo il suo figliastro ha fatto costruire un edificio difensivo che ancora oggi si chiama “Fortino Napoleonico”. Poco lontano da Tolentino, nella piana della Rancia è finita l’epopea del cognato Murat e nelle Marche sono tornati sia la nipote Napoleona Elisa che il fratello Gerolamo a cui si deve una splendida villa, quasi una reggia, a Porto San Giorgio.

NB Il ritratto di Napoleona Elisa dipinto da Francesco Podesti è conservato presso la pinacoteca comunale di Fossombrone (PU) dove è arrivato in seguito a lasciti ereditari della famiglia Camerata.

 

 

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

12 Commenti

  1. Ale ha detto:

    Bellissimo! Interessante questa storia che non conoscevo per nulla. Sembra fatta apposta per un film o un romanzo.
    Napoleone III da giovane quando era in esilio tentò diverse strade per ritornare al potere, diciamo che aveva un temperamento diverso dal cugino re di Roma 😉 oltre a non essere prigioniero degli austriaci …

    • FILOSIN ha detto:

      Bonsoir,

      Désolé de dire que malgré tous les efforts de l’auteur j’ai beaucoup de mal à comprendre le sens de cette “passionnante” histoire (quoique lorsqu’il s’agit
      de Bonaparte le révolutionnaire devenu empereur-parvenu avec toute sa clique
      je ne me sens pas frustré)
      S’il existe une version en italien je suis preneur
      Merci

      • FILOSIN ha detto:

        c quoi cette traduction automatique fantaisiste de mes propos qui n’a plus aucune signification?
        C’est quoi ce site?

  2. laura ha detto:

    Davvero non avevo idea di questo personaggio e di questa storia incredibile grazie Marina. Ricordo un film probabilmente romanzato sul duca di Reichstadt nel quale il giovane prende consapevolezza della figura paterna e vuole fuggire da Vienna ma si ammala e non può fare nulla dei suoi sogni

  3. luka ha detto:

    @Marina, ma cosa mi sveli sulla ex villa di Colleameno?….da ragazzino con il gruppo parrocchiale ci sono andato spesso senza saperne nulla!!!

    Il sangue Bonaparte e’ abbastanza riconoscibile nei discendenti, ma sopratutto nelle discendenti : Letizia d’Aosta ne e’ l’esempio più lampante e noto.

    Alla prima lettura la “nostra” contessa anconetana mi ha fatto pensare a Mafalda di Savoia , mandata allo sbaraglio a mediare con il cugino montenegrino per un eventuale ripristino della dinastia Petrov Njiegos.

    Non so come mai e perché ma Alexandra de Bleschamp, la seconda moglie del principe Luciano , e’ morta a Senigallia.

  4. Pellegrina ha detto:

    Certo che donna!
    Poveretta da bambina deve avere subito un bel cataclisma, chissà come i suoi genitori sono riusciti a presentarle la cosa.
    Ad ogni modo che differenza tra gli splendidi vestiti di Gérard che liberano e valorizzano il corpo e le acconciature da cammei antichi e quella triste cappa coprente degli anni’20.
    Sempre in tema di Napoleonidi qui ci sono immagini popolari di Maria Luisa, del figlio e diversi testi su di loro (in francese, dalle collezioni della Biblioteca nazionale).

  5. nicole ha detto:

    GraZie! Non conoscevo nulla a riguardo … Napoleona .. nome ingombrante !

  6. annarita ha detto:

    Grazie Marina per questa storia che non conoscevo. Come sai nella mia città c’è il palazzo ducale dove Elisa è vissuta e la splendida Villa reale, a Marlia, nella quale Elisa trascorreva il tempo estivo con il suo amante, il grande Nicolò Paganini.

  7. luka ha detto:

    Con il passare del tempo le scalmane napoleoniche si sono attenuate, giusto negli anni duemila il pretendente Carlo Napoleone si e’ prestato alla politica prima in Corsica poi a Nemours, senza troppa enfasi ne successo: forse a fatto più scalpore il divorzio dalla moglie Beatrice di Borbone Napli che gli e’ valso il decadimento dal ruolo di pretendente a favore del figlio Jean Christophe.

    Comunque incuriosito da questa storia marchigiana ho cercato qualcosa sui Camerata Passionei di Mazzoleni e nel web da “cosa nasce cosa”: originari della bergamasca si trasferiscono in Ancona nel xvii secolo, dove immediatamente un Camerata impalma una Ferretti (nobile famiglia anconetana della quale credo di ricordare che @Marina abbia fatto la tesi di laurea). Comunque passando per i Ferretti ho letto che il ramo primogenito attualmente risiede in Belgio dove don Fabio ha sposato la contessa Stephanie d’Ursel, sua volta figlia di ha nobildonna belga “cugina ” della regina Matilde (tramite la famiglia Outryve Ydewalle) . Dunque don Fabio e donna Stefania hanno due figli maschi quasi ventenni : che ne pensate di un contino anconetano come principe consorte alla corte belga???? 🙂

    • EmanuelaCarolina ha detto:

      Buongiorno! Letto con molto interesse questa storia di Napoleona, mamma che nome proprio ingombrante! Io sono bergamasca, dunque ho doppiamente piacere che ci siano BG originari che hanno vissuto o vivono nelle Marche! Un Conte Anconetano Bergamasco, anche SR alla lontana, come Principe Consorte Belga? Andiamoci piano, però non mi dispiacerebbe, sperando che sia come il Principe Daniel di Svezia! Perché non è facile stare almeno 1 passo dietro la moglie regina! Buon proseguimento di giornata! E grazie di nuovo a Marina per questo articolo e per il sito regale reale!

  8. Marinella Trossello ha detto:

    Grazie Marina! Quanti legami tra Napoleone e le Marche, sarai molto orgogliosa!
    Complimenti!

  9. Marilena L. ha detto:

    Complimenti davvero interessante!
    Grazie per il blog su questo personaggio affascinante e sconosciuto…ne parlerò a scuola l’anno prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *