Harry di Galles, uno spice boy imperfetto che oggi confessa il suo dolore

Harry-spice-mmmLo spice boy della famiglia reale inglese che, dimenticate le intemperanze e gli errori e assunti in pieno gli oneri del suo ruolo, ha visto aumentare in modo esponenziale la sua popolarità, adesso è ancora più amato. Harry di Galles, secondogenito del principe Carlo e di lady Diana, ieri ha fatto outing e in una lunga intervista al Telegraph ha confessato quanto il dolore per la morte della madre lo abbia devastato e come, quella disperazione per anni tenuta dentro, si sia placata solo dopo un lungo lavoro su se stesso con l’aiuto della famiglia, di uno specialista, della boxe e naturalmente di una donna che lo ama e lo comprende.

L’intervista ha colpito nel segno e spiega l’impegno del principe a favore della fondazione che ha creato con il fratello e la cognata, a favore delle persone colpite da malattie mentali, ma non solo. La confessione dell’ex ragazzinoche ha seguito a testa bassa il feretro della madre, sta facendo il giro del mondo e i commenti sono i più diversi e vari. Chi inneggia alla ritrovata libertà di espressione e sentimenti dei membri della famiglia reale inglese contro una nonna attaccata al trono “come una tellina” e un nonno “zuzzerellone”, dimenticando però la regina Vittoria, antenata del principe in questione, il cui dolore per la morte del marito fu plateale, condiviso e non si placò mai. D’altro canto ci sono quelli che considerano l’intervista come una specie di colpo basso e una forzatura per imporre Meghan Markle, fidanzata ufficiosa e, pare non molto gradita, a palazzo. Come negare a un ragazzo che ha tanto sofferto per la morte della mamma il conforto di una donna che finalmente lo capisce?

Comunque per ricordare a tutti voi chi è Harry ecco di nuovo il post di Francy (pubblicato nella sua versione originaria l’8 febbario 2016) che ci racconta perché questo spice boy, che probabilmente non sarà mai re (ma non è detto, il suo bisnonno lo è diventato e anche il suo trisnonno) e dovrà vivere all’ombra e al “servizio” del fratello maggiore, è davvero adorabile.

Il principe dopo qualche passo falso che ha fatto tremare le vene dei polsi a nonna Lilibet, adesso è tornato sulla retta via e sta mietendo una serie di successi mediatici anche perché sembra avere trovato la propria strada fra carriere nell’esercito, missioni umanitarie e tanto, tanto, tanto sport.

Nonostante una infanzia travagliata a causa della separazione dei genitori e un’adolescenza marcata dalla tragica morte della madre, spice Harry oggi è un giovane uomo brillante e pieno di energia che ha messo il suo entusiasmo al servizio della Firm. Ovvero della famiglia reale e della monarchia. Adesso tutti si aspettano che si trovi una fidanzata carina e adatta al ruolo, ma dopo un paio di storie importanti lo spice boy non ha trovato l’amore vero ed è un peccato perché questo ragazzo è davvero adorabile.

Fra le fan dello principe c’è anche la nostra Dora/Francy/Francesca che quasi tutti i giorni mi spedisce o mi segnala delle nuove foto di Harry. La sua è una passione esclusiva e totalizzante e che cresce a ogni nuova immagine o mirabolante avventura dello spice boy britannico. Dopo molto riflettere e selezionare Dora/Francy ha creato per noi questa bella gallery dedicata allo spice boy della casa reale e fate bene attenzione alle didascalie delle foto e alla premessa. E adesso lascio la parola a lei, la fan n.1 del principe Harry

Harry spice boy

Avete presente la scena del film Shrek in cui lord Farquaad deve scegliere la propria “scapolottina reale”? (se non ce l’avete guardate qua), ecco, c’è un motivo per cui Harry del Galles è schizzato in cima alla mia classifica degli scapolottini reali, scalzando prepotentemente Nicholas di Romania. O meglio, di motivi per cui amare Henry del Galles ce n’è almeno una trentina, li ho sintetizzati per voi, in immagini.

 

Harry-spice

1 – perché è sempre pronto ad aiutare la gente a rialzarsi

Harry-spice2

2 – e ci riesce facendola sentire a proprio agio

Harry-spice-alto

3 – perché è veramente SUA ALTEZZA

 Harry-spice-altezza2

4 – perché è sempre all’altezza della situazione

Harry-spice-animal

5 – perché ama gli animali

Harry-spice-balla

6 – perché si butta via…

Harry-spice-boy

7 – perché ama un sacco i bambini

Harry-spice-Charles

8 – perché vuole bene a papà e alla Cami

Harry-spice-colosseo

9 – perché non sai se ammirare più lui o lo sfondo (ma vince lui)

Harry-spice-etnico

9 – perché riesce a essere figo anche in versione etnica

Harry-spice-fratello

 10 – perché è un ottimo fratello

g royal wedding william walk 290411

11- No, seriamente è un buon fratello

Harry-spice-granny

12 – perché è un nipote affettuoso

Harry-spice-granny2

13 – perché, come tutti i nipoti, tenta di spiegare le cose a sua nonna

Harry-spice-inno

14 – perché potrebbe cantare Dio salvi la nonna

Harry-spice-kid

15 – perché ascolta tutti

Harry-spice-love

16 – perché tutti vogliono essere abbracciati da lui

Harry-spice-old

17 – cosa dicevano, che ascolta tutti? si proprio tutti

Harry-spice-polo

19 – perché ha fatto suo lo sport di famiglia, il polo

Harry-spice-rugby

20 – perché… ma perché c’è bisogno di dirlo qua? parliamone…

Harry-spice-rugby-cup

21- perché si presta a fare di tutto… ma per capirlo meglio guardate qua 

Harry-spice-sport

22- perché è uno sportivo

Harry-spice-Will

23 – perché è molto meno ingessato del fratello

Harrys-spice-direzione

24 – perché sa indicare la direzione giusta

Harry-spice-tifo

25 – perché si diverte anche solo tifando

Harry-spice-animal2

26 – perché ama gli animali, lo avevamo già detto? si ma va bene ripertelo

Harry-spice-NZ

27 – perché fra spice boy ci si riconosce subito

Harry-spice-Montecassino

28 – perché in divisa è un figo da paura e guardando questa foto mi chiedo per quale diamine di motivo quel giorno non sono andata a Montecassino

copyright foto Getty Image, PPE, The British Monarchy

Dal gennaio 2015 William, Kate e Harry sono live con l’account twitter @KensingtonRoyal

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

115 Commenti

  1. laura ha detto:

    Il credo che gli atteggiamenti di Harry siano spontanei e derivati non solo dalla madre ma anche dalla vita militare e dal senso di cameratismo che è rimasto molto vivo nel giovane. Questo si è capito molto bene nei due discorsi di Harry agli Invictus discorsi che, anche se preparati e in parte letti, ritengo davvero sinceri : la vita militare per lui ha rappresentato veramente la famiglia che solo in parte ha avuto.
    Per quanto riguarda il titolo ho letto quello che la regina Vittoria dichiarò quando alcuni si meravigliavano del fatto che, da vera rivoluzionaria quale in fin dei conti era, aveva non solo consentito ma addirittura promosso le nozze di una sua figlia con un suddito. “Luisa rimane quello che è”. Nel senso che la qualità di principessa del regno unito non veniva minimamente modificata dal fatto di diventare la moglie di un suddito (peraltro un futuro duca).
    Per quanto riguarda le precedenze ho letto questo episodio piuttosto interessante che ci fa capire quanto questi aspetti fossero importanti nelle famiglie reali dell’epoca. Ad una cena ad Atene la granduchessa Elena, moglie del principe Nicola, stava per uscire dalla sala quando viene preceduta velocemente da Marie Napoleone la moglie di Giorgio. Chi delle due aveva diritto alla precedenza ? La storia venne raccontata a Edoardo VII che era noto per la sua perfetta conoscenza dell’etichetta e lui fece notare che Maria aveva la precedenza non solo in quanto moglie del figlio maggiore ma anche perché molto più ricca delle sue cognate. Insomma già Edoardo si adeguava ai tempi.

    • http://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      avevo letto – bio monumentale di Vittoria di lady Longford – che alla fine quanto al titolo e al trattamento di Louisa venne deciso che sarebbe stata lady Lorne in casa del suocero (il titolo dell’erede dei duchi di Argyll è marchese di Lorne) e e HRH la principessa Louisa in casa della madre.
      Marie la moglie di Giorgio di Grecia non è una “Napoleone” (come lei stessa ricordava) ma una Bonaparte, non discende infatti da quelli che Napoleone considerava suoi eredi, ma da Luciano il fratello con cui l’imperatore aveva litigato.

    • Pellegrina ha detto:

      La spontaneità calorosa di Harry non ha molto in comune con l’atteggiamento di sua madre, direi proprio nulla, lei era sempre molto contegnosa e anche molto in cerca di omaggi, lui vuole piacere, certo, ma in maniera molto più diretta e scanzonata. Lui sembra sempre molto protettivo, lei sembrava sempre in cerca di protezione.

    • Ale ha detto:

      bellissimo l’aneddoto sulle precedenze 😀 Edoardo VII doveva avere molto senso dell’umorismo

  2. ziowalter1973 ha detto:

    Non posso che notare che l’ ormone è partito e non lo ferma più nessuno!! 😀 Per quanto riguarda il futuro re dopo Carlo (salvo che la regina gli sopravviva..) non so chi sia più preparato e pronto per il trono tra i due fratelli. William e Kate sono due modelli da rivista patinata (vabbè.. lui è scuccato..) mentre Harry mi aspetto sempre di trovarlo in qualche rivista di gossip (il ragazzo ha messo la testa a posto pare..). Non so nemmeno chi sia più indicato per gestire famiglia e firm (coincidenti o meno).

    Io faccio il tifo per Harry perchè William e Kate mi stanno antipatici! 😀

    • Pellegrina ha detto:

      Dunque, EII sopravvive al figlio, e pure al primo nipote, ragion per cui il secondo si trova al posto di C ora; ma la regina giunto il momento, decide che è meglio tramandare il trono per via femminile, dato che le donne paiono assicurare meglio la continuità monarchica, passandolo quindi alla bisnipotina, messa sotto tutela dello zio fino all’età giusta. I due si divertono un sacco per un paio di decine d’anni e bandiscono l’Angela sterminatrice Kelly interdendole di avvicinarsi per sempre a qualsiasi materia tessile. Lui le insegna tutti gli sport all’aria aperta, la porta in esplorazione in tutti i castelli e le brughiere della Scozia, la fa andare a vela nel mare del nord; lei gli spiega che non si devono mai mettere le scarpine ai popi e ottiene di potersene andare scalza sull’erba finché le parrà. Lui si guarda bene dal mettere bocca sulla lunghezza delle sue gonne – perché? hanno un orlo le gonne? ma va’?, bo’ ci sono altre cose nella vita! e lei gli racconta mille storie inventate dopo le loro avventure. Lui la associa fin da piccola a tutto ciò che fa, lei in cambio conquista anche gli interlocutori più ostici. Entrambi non leggono riviste patinate, ma aprono le università Oxbridge anche ai figli dei poveri – anzi: per far entrare un ricco devono prima entrarne due poveri e senza doversi indebitare. In omaggio al padre e al nonno mettono tutti i possedimenti della corona a coltivazione biologica, riconvertono tutti gli edifici a risparmio energetico e ove possibile all’autosufficienza. Partono in vacanza a cavallo sui sentieri amati dalla bis-nonna e spariscono per giorni con gran divertimento. Ballano ovviamente le danze scozzesi a ogni ricorrenza. Le tiare vengono noleggiate a ricconi vari ogni volta che non servono: bisogna far fruttare il capitale; poi i soldi vanno in libri e in manutenzione del patrimonio culturale. E gli amori? Ah, certo, gli amori, ma sono un’altra cosa rispetto al crescere felici se si vuole concepire degli stati felici. Un giorno lui la vede cresciuta e nel momento in cui deve poter dare il meglio di sé senza tutele; e allora si ritira accanto al camino di una qualche residenza con una donna discreta e gentile, anticonvenzionale il giusto, a meditare nuove avventure allungando le gambe verso il fuoco, stropicciandola perbene. Lei intanto girerà il mondo, e ricorderà la sua ava.

  3. Pellegrina ha detto:

    @Dora: grazie dei link, gentilissima!

  4. luka ha detto:

    Ad agosto fa caldo e quasi tutti sono in ferie ma comunque la mente e i pensieri spaziano…..

    SE il Regno Unito unito uscirà (presto?) dall’UE, SE la Scozia decida per la secessione, SE la regina Elisabetta II accettasse la divisione a patto che un Windsor diventasse re di Scozia, SE gli scozzesi scegliessero il rosso Harry come loro re, SE pero’ ambissero anche ad un erede giacobita…..

    http://3.bp.blogspot.com/-BoxSUSc4sHM/VN_RuGUo_xI/AAAAAAAALJ4/dd9vx7yaa3k/s1600/princess-marie-caroline.jpg

    Ecco la sposa adatta per Harry: la ventenne e cattolica Maria Carolina del Liechtenstein la cui madre Sofia di Baviera viene considerata la pretendente Stuart al trono scozzese!

    Tanti e troppi SE, tanto e’ estate! 🙂

  5. nicole ha detto:

    Si sa dove sia parcheggiato / attraccato al momento? Sbaglio o son mesi che non si sa nulla di Harry?

  6. Michele ha detto:

    Si è’ scomodato Kensington palace con un comunicato questa mattina a difendere la privacy di Meghan Markle attualmente indicata come fidanzata di Harry !! Be’ direi che dopo questo non ci sono dubbi!!! https://www.royal.uk/statement-communications-secretary-prince-harry

  7. sabrina-anna ha detto:

    Più vecchia e divorziata?
    The Queen avrà dei forti mal di stomaco, due divorziate ed una commoner in famiglia… ( senza contare gli altri figli e nipoti)
    Ma non esistono più quei bei matrimoni dinastici in cui si univano quarti di nobiltà che si detestavano tra loro (NO, e per fortuna …)
    Comunque speravo una lady per Harry …ma se son rose fioriranno…

    • Pellegrina ha detto:

      anche sua figlia è divorziata. e pure risposata, da qualche decennio, ma sempre presentissima nel lavoro di rappresentanza e in ottimi rapporti con la madre. Le cose in questo campo sono molto meno rigide di come sembrano…
      Il divorzio di Carlo è stato complicato dalla popolarità di Diana, dall’accostamento con la storia di Edoardo, in cui però la questione del divorzio copriva probabilmente ragioni politiche (le simpatie naziste del re e dell’aristocrazia britannica) e dalla noiosissima ossessione dello “scandalo”, (le telefonate) ma avrebbe potuto filare molto più liscio, ormai le cose, vivaddio, erano cambiate.

  8. laura ha detto:

    Mi chiedo se per rilasciare questa dichiarazione Harry poteva decidere del tutto in autonomia o doveva avere una sorte di beneplacito dai suoi superiori ? Magari no dalla regina, magari no dal papa (che è in visita all’estero) ma forse si dal fratello maggiore con cui condivide l’ufficio stampa di Kensington Palace. Non so se ci sono precedenti del genere ricordo solo la dichiarazione di William che richiedeva una minore ingerenza della stampa nella vita dei suoi figli.

    • Ale ha detto:

      io credo che sia stato autorizzato a procedere. non so esattamente come funzionino gli uffici stampa dei Windsor, ma tendo a escludere che harry possa fare una mossa del genere senza avere l’ok della regina e del suo staff, che al momento se non ho capito male è integrato con quello di carlo. un principe in una casa reale non può agire in autonomia senza avere l’avvallo del capo famiglia, potrebbe creare dei danni immensi. inoltre non credo che william al momento abbia potere decisionale, forse verrà consultato su alcune questioni.

  9. Pellegrina ha detto:

    1) Diversamente da molti non ritengo che la famosa intervista di Diana sia stato il momento culminante dei problemi dei figli. Questo significa reagire da spettatori, ma loro hanno dovuto convivere con una madre disperatamente infelice e smarrita, priva dell’equilibrio sentimentale che il padre aveva più o meno sempre potuto conservare, durante anni e anni di crisi familiare e di post separazione. Lì è stato fatto il danno, non nel momento in cui esso è stato reso pubblico. Certo, allora si è trattato di ripararli dalla curiosità morbosa, come ha fatto il decano di Eton. Ma il problema peggiore l’hanno vissuto quando le figure di riferimento si sono lacerate, non allora.
    Oggi Harry ha fatto esattamente come sua madre (tanto vituperata) davanti a un momento drammatico della sua vita: ha raccontato in pubblico il problema affrontato e curato in privato, compiendo un gesto certamente liberatorio, specialmente per una famiglia in cui vigeva una soffocante ipocrisia pubblica (il pessimo marito di EII sempre coperto e protetto, ad esempio) e repressione emotiva,
    2) come si sapeva già, i due figli (sempre tanto lodati, specie il primo) non hanno intenzione di dimenticare la figura della madre infilandola nella caricatura di reproba indegna di essere presente nella famiglia reale a pieno titolo per avere semplicemente detto chiaro e tondo ciò che tutti sapevano, invece di abbozzare come la suocera davanti a un marito discretamente sadico e mille volte peggiore del suo, e intendono celebrarne l’anniversario addirittura con una statua. Forse un po’ troppo visibile, ma eloquente su quanto vogliano – e abbiano bisogno – di una memoria pubblica, palese e in qualche senso imperitura. Speriamo soltanto che lo sculture abbia più buon gusto di Angela Kelly,
    3) a livello pubblico ha fatto come gli anglosassoni fanno, ritenendo che se persone in qualche modo note fanno partecipi gli altri della propria (a volte anche inventata ma non certo qui) esperienza, ciò potrà aiutare una causa
    4) Harry diventa il miglior ambasciatore di sé stesso e dell’organizzazione caritativa dei due fratelli.
    5) Il che è ancora un modo per ricordare la mamma, perché i suoi “disordini alimentari” erano appunto problemi psicologici non affrontati e aggravati dalla vita ipocrita che faceva,
    6) a livello generale ciò dà una bella lezione ai benpensanti su come “mettere la testa a posto” abbia tutto un’altro significato dalla semplice operazione di imbiancamento moralista con cui si vuole intendere l’espressione.

    Il fidanzamento secondo me non c’entra per niente. L’intervista arriva adesso semplicemente perché è adesso il momento giusto: ricorre infatti il ventennale della morte di Diana Spencer che i figli, piaccia o meno, si apprestano a celebrare anche così: spiegando cosa sia stato per loro e invitando gli altri a non fare come in quell’ambiente devastante si è purtroppo fatto per troppo tempo, a danno di tutti.
    Insomma un gesto di rottura piuttosto chiaro, anche se all’interno del loro ruolo, ovviamente.

    • Roberta ha detto:

      Sono pienamente d’accordo con Pellegrina, a questo vorrei aggiungere che immagino la regina abbia probabilmente fatto “pace” con la memoria di Diana, affermo questo pensando ai due eventi che si tengono a Kensington Palace e cioè “Diana: Her Fashion Story” (con molto successo) e ora “Il giardino Bianco”. Sunken Garden si trasformerà temporaneamente in un giardino bianco, con fiori e foglie ispirati ai ricordi della vita della principessa. Questi due eventi io penso che siano una sorta di “perdono” pubblico, in caso contrario sarebbe ipocrisia, uno sfruttare la memoria di Diana solo per scopi commerciali, inoltre ricordo di aver letto tempo fa da qualche parte (purtroppo non ricordo la fonte) in cui la regina Elisabetta parlando di Diana sembra abbia riconosciuto che era stata una buona mamma per William e Harry e che probabilmente non era stata seguita abbastanza nella sua malattia…

  10. tody ha detto:

    Mah questi discorsi in pubblico ho visto pure il servizio su sky dove c’erano pure william e kate mi sembra molto photo opportunity, non è dignitoso, a dir poco che una famiglia che si dice reale si abbassi a questo per avere un po di popolarità o mantenere quella che ha. Il buon Enrico VIII o Carlo I o le Regine Elisabetta e Vittoria si rivoltano nella tomba, e i soldati inglesi peraltro molto meglio pagati e meglio governati rispetto ai nostri dovrebbero morire per costoro?
    Non sono degni di succedere sul trono di san giacomo sarebbe tempo che gli inglesi comincino a valutare la possibilità di trasformarsi in una bella repubblica federale con la Teresa May presidente eletta dal popolo ovviamente dopo che Elisabetta avrà terminato il suo regno. La monarchia se questi sono i successori di elisabetta ha fatto il suo tempo. Ma certo sono i britannici a dover decidere.

  11. EmanuelaCarolina ha detto:

    Oggi, venerdì 15 settembre 2017, compie 33 anni, Sua Altezza Reale Principe Henry, o Harry, D’Inghilterra! AUGURONISSIMIIIIIIIIIIIII! Au revoir!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *