Cartolina da Parma e Colorno

Parma_e_Colorno_5

Parma e Colorno per il bicentenario della duchessa Maria Luigia sono state la meta della prima “gita sociale” di AltezzaReale.com e, nonostante il tempo un po’ incerto e il clima non proprio da mese di giugno inoltrato, è stata un successo. Ci siamo trovati veramente da tutta Italia ed è stata una splendida occasione per conoscere finalmente tanti amici di penna e per mettere un volto e una voce ai nick utilizzati nei commenti.

Parma_e_Colorno_1

La prima tappa al museo Glauco Lombardi di Parma è stata straordinaria e molto molto coinvolgente anche perché – e questa era la sorpresa a cui avevo accennato presentando la gita – siamo stati accolti e guidati dalla direttrice in persona, la dottoressa Francesca Sandrini appassionata studiosa della duchessa Maria Luigia e cultrice di memorie parmensi. La visita della mostra temporanea del bicentenario e poi il percorso nelle sale del primo piano sono state una vera full immersion nel mondo e nella vita di questa donna spesso ricordata solo per il suo essere stata la seconda moglie di Napoleone ma che a Parma ha dimostrato di essere una buona governante.

Parma_e_Colorno_2

Il museo, nato grazie alla passione di un collezionista, è un piccolo gioiello soprattutto per il grande valore storico e documentario degli oggetti conservati che permettono di ricostruire la vita intima e personale dell’arciduchessa diventata imperatrice la quale a Parma porta con sé tracce di un passato glorioso e mai del tutto cancellato.  Nelle sale lo splendore delle aquile imperiali, così evidente in oggetti come la splendida corbeille de mariage e i maestosi ritratti, si mescola con le minuzie del quotidiano, le scatole da ricamo, i piccoli gioielli, le commoventi lettere del Re di Roma il figlio rimasto a Vienna, gli abiti passati di madre in figlia.

Parma_e_Colorno_4

La dottoressa Sandrini ci ha portato dentro gli anni parmensi di Maria Luigia con la competenza della storica e l’abilità della divulgatrice e tutti noi saremmo rimasti lì per delle ore visto che alle domande non ci siamo quasi neanche arrivati. Sarà per la prossima volta. Come al prossimo giro non dovranno mancare la Steccata, la galleria Palatina e il Reatro Regio.

Parma_e_Colorno

Dopo un “pit stop” enogastronomico – era in corso il festival GolaGola – ci siamo letteralmente scaraventati in stazione (e fortuna che a Parma in fondo è tutto lì a portata di mano) per perdere il bus sostitutivo domenicale che copre la tratta Parma-Colorno (e parte da un capolinea non indicato e non facilmente visibile), ma eravamo tanti e il taxi alla fine è stata una soluzione fattibile per arrivare dritti alla seconda tappa della nostra “gita sociale”.

Parma_e_Colorno_17

La prima impressione della reggia sotto il sole finalmente splendente e incorniciata da un cielo azzurrissimo e da qualche nuvola è stata splendida. Un altro piccolo gioiello incastonato al centro di un minuscolo paesino della bassa parmense. Non me ne vogliano i cultori delle “colline marchigiane” ma io adoro la pianura padana, l’orizzonte sconfinato, le strade dritte, i campi interrotti dai canali. Quel giorno a Colorno l’aria era anche carica del profumo inebriante dei tigli in fiore… una meraviglia insomma. Una meraviglia fino a qui perché il resto è stato abbastanza deludente. Gli interni della reggia sono vuoti perché come la guida ci ha ripetuto ad OGNI stanza “dopo l’Unità i Savoia si sono portati via tutto per arredare le loro dimore”, ma a parte il fatto che sarebbe ora di fare la pace con la storia patria, in realtà non è questo l’aspetto più negativo. La reggia di Colorno è uno splendido edificio con un’aria molto francese – ovviamente, essendo stata voluta dalla famosa Babette a lillipuziana imitazione della maison paterna – e tanti dettagli interessanti, dalla fuga delle stanze, alla ricchezza dei decori, dalla scelta delle armonie cromatiche alle soluzioni architettoniche originali, ma il complesso è tristemente impolverato e le crepe delle architravi non sono neanche giustificate dal terremoto del 2012. L’ho chiesto e mi è stato risposto che no, lì a Colorno “le scosse non hanno quasi fatto danni”. Non va meglio all’esterno: il parco si può visitare solo in parte e nelle aiuole imperversa la gramigna. Il bosco invece è inaccessibile perché gli alti alberi non essendo stati potati da lungo tempo sono pericolosi. Mi taccio sul bookshoop che non è un bookshop ma un negozio di libri usati, sulla preparazione abbastanza sommaria della guida (che si ok ha avuto la sua giornata sfortunata a capitare con noi) che ci ha spinto velocemente da una parte all’altra mentre ci sarebbe stato da soffermarsi per godere di alcuni particolari davvero suggestivi come la stanzina con il soffitto da cui fanno capolino ciocciole e altri animali.

Parma_eColorno_8

Infine il solito dettaglio stridente ma che ricorre spesso, anche troppo quando si parla di storia: il ‘700 inteso come secolo (e ovviamente anche il ‘200, il ‘400 o l’800) è il Settecento o il ‘700 o il XVII secolo. NON è il 1700. Il 1700 per me e per quelli che conoscono la storia e la studiano è l’anno che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 1700. Non lo dico solo io, lo dice chiaramente anche la Treccani, qua.

Marina

Parma_e_Colorno_9

AltezzaReale in tour a Parma e a Colorno

Appena Marina mi ha chiesto di scrivere un commento\recensione della giornata a Parma sulle tracce di Maria Luigia ho subito pensato di dare alle varie parti del nostro tour un bel voto in base 10 come a scuola. Era la prima volta da quando ero piccolo che tornavo a Parma e per quel poco che ho visto la città mi è piaciuta facendomi venire voglia di tornare per curiosare di più.
La nostra prima tappa è stata, a mio giudizio, la vera sorpresa della giornata. Il Museo Glauco Lombardi si è rivelato uno scrigno di tesori; una raccolta quasi infinita di ritratti, quadri, oggetti, porcellane, lettere, documenti, abiti, medaglie e tanto altro ancora. Tutto legato alla figura di Maria Luigia e al suo periodo a Parma senza però dimenticare il passato da imperatrice napoleonica. Aggiungendo che a farci da cicerone è stata la disponibilissima e appassionata direttrice il voto non può essere altro che un bel 10, una vera eccellenza per la città.
Un 4 invece lo darei alle ferrovie. Bella e comoda la nuova stazione di Parma ma non si sopprimono i treni nel periodo estivo quando arrivano più turisti alla scoperta del territorio. L’autobus sostitutivo all’andata è stato impossibile da trovare a causa delle scarse indicazioni mentre al ritorno abbiamo avuto serie difficoltà a fare i biglietti e a reperire informazioni.

Parma_e_Colorno_23
Colorno invece è stata un po’ una delusione, voto 5. Il castello ducale è la classica località italiana ricca di arte e storia ma in declino, dove sembra mancare totalmente la gestione museale moderna. Potrebbero vivere di turismo e invece poco o niente in questa località è a dimensione di visitatore. Il bellissimo parco gratuito sembra abbandonato tra fontane spente, parti chiuse e erba alta tra le siepi. La reggia esternamente in buone condizioni negli interni mostra crepe e infiltrazioni oltre ad essere in totale decadenza. La nostra guida poi mi è piaciuta veramente poco, abbastanza antipatica e in due occasioni sappiamo ha toppato clamorosamente descrivendo i particolari di un soffitto e di un camino. Pur mancando l’arredamento, oggi sparso tra il Quirinale, Palazzo Pitti e il palazzo reale di Torino, le sale sono affascinanti e ricche di affreschi con pavimenti in marmi policromi meravigliosi. La reggia però avrebbe proprio bisogno di essere valorizzata e restituita al pubblico, si tratta solo di trovare le capacità e le idee per garantirle un futuro sfruttando le sue ampie potenzialità, consiglio agli amministratori un giretto alla Venaria Reale, che 15 anni fa era messa decisamente peggio e oggi attrae turisti da tutta Europa.

Parma_e_Colorno_21
Per la compagnia invece 10 e lode. È stato un piacere rivedere persone già conosciute negli anni e incontrarne altre con cui invece si chiacchera regolarmente sul blog o su facebook. L’idea di riunirci per passare una giornata insieme tra visite culturali e chiacchiere sui nostri royals ma anche su interessi comuni è stata un grande successo.
Concludo ringraziando Marina e tutti gli altri che hanno partecipato all’iniziativa con la speranza di replicare presto in qualche altra località interessante.

Alessandro Sala

Parma_e_Colorno_22

Il soffitto del salone delle feste

Altezza Reale da Maria Luigia: diario di un’avventura parmigiana

Sono approdata a Parma in una piovigginosa domenica di giugno, appena in tempo per saltellare velocemente (io non corro, al massimo trotto forte) verso il Museo Glauco Lombardi, distante dalla stazione una decina di minuti. Il gruppo di Altezza Reale era già riunito lì – praticamente stavano aspettando me, l’imbarazzo! – così dopo poco la visita è potuta cominciare. A farci da guida c’era l’appassionata e coltissima direttrice del museo, probabilmente entusiasta di avere a che fare con un pubblico un po’ più informato dello standard a cui sono abituati (nota di merito: era informatissima anche sui gioielli e sulle onorificenze). Museo piccolo ma interessante e deliziosamente pieno di chicche come il collare dell’Ordine Costantiniano appartenuto a Maria Luigia, l’unico piatto superstite di un intero servito con impresso il suo stemma (vi lascio immaginare la faccia di Marina), l’abito di corte sul quale tutti – sì, proprio tutti- abbiamo sbavato (quello delle foto del post per intenderci), il letto, i ricami, i ritratti e la cassetta dei medicinali appartenuti alla Duchessa. Altro colpo per la nostra Marina è stato quello di sapere che i due vestiti esposti (già delicati a causa dei pesanti ricami d’argento su tulle) vennero indossati e rimodificati per essere indossati per il carnevale. Non mi soffermo oltre sulla visita al Museo, gli altri probabilmente vi diranno tutto quello che vorrete sapere. Una volta finita la visita si era fatta l’ora di pranzo così siamo andati a quella che, a casa mia, si chiama “fiera dello street food”.

Parma_e_Colorno_11

(foto di Francesca Panseri)

Dopodiché abbiamo scoperto quanto siano machiavellicamente ospitali i parmensi. Non sapete le trovate che escogitano per non farti andare via dalla loro città, perfino nasconderti la stazione dei bus! Ma, superato anche questo piccolo inconveniente, ci siamo avviati alla volta di Colorno.
[Modalità TripAdvisor: on] Praticamente è stato come passare da una Ferrari a una Simca1000. Si può capire lo stato di cose anche solo dal biglietto d’ingresso alla Reggia: lo scontrino. Stendiamo un pietoso “parquet di teck” (per citare qualcuno di nostra virtuale conoscenza) sui bagni, sull’accessibilità disabili e sulla guida, i cui misfatti, sono certa, vi verranno spiegati più nel dettaglio dagli altri (io ne esporrò un paio in seguito). La Reggia è piuttosto sgarrupatella e, nonostante i tentativi di riarredamento, molto deve essere ancora fatto. Si apprezza la buona volontà, ecco. Ho trovato delizioso il piccolo osservatorio ma per arrivarci si deve passare attraverso stanze decisamente desolanti che ricordano un po’ quelle dei vecchi cascinali sperduti nelle valli toscane. Ringrazio il cielo e tutti i santi per aver dato a Firenze Anna Maria Luisa de’ Medici, è stato tremendo pensare che anche gli Uffizi, Pitti ecc potevano subire quella fine.
Come annunciato, citerò solo due delle débâcles della guida, quelle che mi hanno infastidito di più: il festìna lente e la croce del Toson d’oro. Mentre la prima è perdonabile (dai, povera piccola parmense che non è mai stata Firenze, capitela) perché quanti sanno che il motto latino venne associato alla tartaruga con la vela da Cosimo I de’ Medici, che lo usò come proprio motto personale? (sì, è sarcasmo, sono sarcastica)
Il secondo sfondone era proprio un errore (e non da poco), soprattutto per noi appassionati stemmi et similia: l’Ordine del Toson d’oro NON ha la croce. Punto. E sullo stemma dei Duchi di Parma che abbiamo visto esso è rappresentato dal vello di pecora che pende dal collare dell’Ordine. Non da una croce. Quella croce, tra l’altro, era quella del Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio, di cui i Duchi di Parma sono tutt’ora titolari. Io boh, sei una Guida Turistica col regolare patentino o ti ci sei improvvisata?

Parma_e_Colorno_10

(foto di Francesca Panseri)

Anche a Colorno sono talmente tanto ospitali che ti nascondono le fermate dei mezzi per andartene. E anche quando capisci come fare, arrivano con tanto ritardo che non ti puoi non sentire commossa per queste attenzioni e per le corse che dovrai fare una volta a Parma per non perdere il treno che ti riporta a casa. Anche perché, sul quel treno, un ragazzino di seconda media con la passione per la storia ascolta la conversazione tra me e Luthien e viene risucchiato nel vortice delle nostre “chiacchere reali” per poi finire lobotomizzato dalla sottoscritta in preda ad una attacco acuto di “professorite”: figliolo, se stai leggendo queste righe sappi che sono orgogliosa di te!!!
Detto questo, sono stata felicissima di rivedere Marina, Ale e Danila Satta (che con i suoi aneddoti mi ha fatta morire “Ma lei, chi è?”), di conoscere Michele (l’amico degli esclamativi!!!), Luthien (un’altra toscana di area fiorentina!) e Laura e tutti gli altri. È stata una giornata piacevole anche se la gita in sé per sé non era tra quelle che avrei scelto o per cui mi sarei smazzata per parteciparvi. Ma col gruppo di Altezza Reale si va sempre sul sicuro perché la compagnia è delle migliori!

Francesca Panseri/Dora

Parma_e_Colorno_7

Questo è il cosiddetto “riarredo della reggia”, fatto così tanto valeva lasciare le sale vuote.

Parma_e_Colorno_25

Parma_e_Colorno_26

Parma_e_Colorno_15

La cupola della chiesa di San Liborio

Parma_e_Colorno_14

Parma_e_Colorno_13

L’osservatorio del duca Ferdinando

Parma_e_Colorno_20

Nel parco della reggia ci sono quattro panchine e non così per dire, ci sono proprio SOLO quattro panchine.

Parma_e_Colorno_27

(foto di Brian McConnell)

I prodi rimasti in attesa del treno/bus per il ritorno a Parma, gli altri fortunati erano in auto e diretti verso altri luoghi. Noi abbiamo cercato disperatamente la fermata dopo una sosta tecnica presso uno dei bar più surreali del pianeta e alla fine grazie a Brian che si è messo letteralmente in mezzo alla strada siano stati pietosamente raccolti e portati fino a Parma.

Per essere una prima volta in assoluto il viaggio a Parma e Colorno è stato un successo e già ci sono alcune proposte per altre gite ditemi cosa ne pensate:

– Caserta, lontano (per me) complicato, ma ci proviamo;

– Monza sulle tracce della regina Margherita;

– Torino con una puntatina ad Hautecombe, in collaborazione con Alessandro Sala che una guida migliore non ce n’è;

– Venezia, il palazzo reale e le sale recentemente restaurate;

– Firenze sulle tracce dei Savoia, proposto da Dora/Francesca

Grazie di cuore per le foto a: Brian, Alessandro, Francesca e Michele.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

25 Commenti

  1. Dora ha detto:

    Torino o Caserta!!! XD

  2. Simplicitas blog ha detto:

    La domenica parmense è stata veramente piacevole, ringrazio Marina e tutti i partecipanti (e mi scuso tantissimo per essere scappata senza salutare ciascuno quando il mio treno stava per arrivare…).
    Il Museo Glauco Lombardi è sempre piacevole da rivedere e la visita condotta in esclusiva dal direttore Sandrini è stata certamente il fiore all’occhiello della giornata. Altra cosa e bene differente è la decadenza della Reggia di Colorno, amplificata dalla sciatteria del servizio in generale (informazioni, toilette, visite guidate in batteria, con tempi strettissimiper ogni stanza e competenza della guida che lasciava a desiderare, difficoltà dei collegamenti con mezzi pubblici).
    I quattro (e dico quattro) arredi rimasti o riallestiti, con i loro piedistalli? tavolini? (vedere foto nell’articolo) parlano da soli della desolazione del percorso espositivo, non certo illuminante.
    Cercando informazioni a riguardo, ho trovato questo link
    http://artbonus.gov.it/progetto-riarredo-reggia-di-colorno.html
    che parla di un progetto piuttosto recente di riarredo… staremo a vedere.
    In definitiva, per me che già conoscevo bene Parma e i due siti della visita, la vera sorpresa sono state le persone che ho incontrato: ognuna interessante, ognuna appassionante, avrei voluto avere più tempo per chiacchierare con tutti. Quindi sì, facciamo questa gita di Altezza Reale episodio secondo, io voto Torino, per comodità logistiche e perché se parliamo di regalità in Italia non possiamo prescindere dalla prima capitale italiana dei Savoia.
    Ancora grazie a tutti, Raffaella

    • Ale ha detto:

      interessante il link ma ho paura che sia a riguardo del riarredo che abbiamo visto.
      a mio giudizio potrebbero fare di più, senza andare a cercare mobili a destra o a sinistra. ovvio se comune e provincia hanno qualcosa ben venga ma io credo che con gli interni restaurati già solo con boiserie soffitti e pavimenti di marmo colorno avrebbe grandissime potenzialità. poi potrebbero veramente fare come a venaria che era vuota vuota, non c’erano più neanche i pavimenti in diverse sale. buona logistica, servizi efficienti, eventi, mostre di pregio, alcuni pezzi prestati da banche e regioni, plastici e pannelli che spiegano la storia della reggia ecc. … e poi iniziano ad arrivare i lasciti dei privati.
      ho visto tante potenzialità non sfruttate a colorno ahimè 🙁

  3. Marinella ha detto:

    Torino, sicuramente…! Cascasse il cielo lascio la bimba al marito e vengo con Voi…! Hautecomb lo spero, il resto, non so…!

  4. Michele ha detto:

    è stata proprio una bellissima giornata in compagnia di persone molto piacevoli e simpatiche che sono stato contento di conoscere di persona! grazie a tutti quelli che erano presenti e grazie a te Marina per la possibilità!
    In quanto al contenuto della giornata il mio 10 va assolutamente al museo glauco lombardi e alla signora Sandrini,la direttrice ,che con grande trasporto e competenza ci ha fatto vivere con le sue parole la duchessa e il periodo che la riguarda dimenticandoci per un attimo di tutto il resto!!
    In quanto a Colorno voto 5 , e la guida ha influito molto per questo voto.
    Avevo aspettative più alte sul palazzo,nonostante esternamente mi sia piaciuto ma all’interno decisamente spoglio e trascurato.

    In quanto alle proposte per prossime gite le quoto tutte=) caserta è più dificoltosa per la distanza ma comunque si può fare =) non vedo l’ora!!!

  5. http://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

    Una cortesia, per un errore mio (quando ho scaricato le foto le ho messe tutte in una sola cartella) non ho potuto mettere il nome sotto a ciascuna. Mi fate la cortesia di individuare le vostre così le attribuisco a ciascuno di voi? Vi ho ringraziato alla fine ma vorrei mettere i nomi sotto a ogni immagine. Grazie e scusate

  6. Donna Bianca ha detto:

    Come Marina sa ho “bucato” l’appuntamento all’ultimo momento a causa di una capricciosa indisposizione. Se ero dispiaciuta già allora, figuriamoci dopo aver letto i vostri resoconti.
    Che dire, speriamo in un domani migliore: nel caso di un nuovo appuntamento comunque voterei senz’altro Torino. E volendo sognare in grande, perché non pensare a Londra, con un bel tour dedicato a The Queen e a tutta la Royal Family? Chissà…

  7. Marilena L. ha detto:

    Anche per me è stata una giornata piacevole.
    La visita al museo in mattinata è stata di grande interesse ed anche la pomeridiana visita a Colorno , aldilà dello stato di trascuratezza in cui versa , ha riservato piacevoli sorprese, in particolare la Chiesa di Liborio.
    L’anno prossimo a scuola con i miei alunni di terza media parlerò a lungo di Maria Luigia e forse li porterò in visita al museo.
    Altre mete….propongo Firenze capitale 1865- 2015

  8. Giulia M ha detto:

    Dai resoconti ho dedotto che è stata una bellissima gita.
    Per la prossima io voterei Venezia, perchè logisticamente per me è la piu facile da raggiungere (Marina se ti servisse aiuto nin esitare a chiedere visto che bazzico spesso nella Serenissima)

  9. luka ha detto:

    Leggendovi ho un poco rosicato, anche se qualcosa e’ andato un poco storto e’ il sale di ogni gita o uscita!
    Sono decenni che TUTTI riflettono sul patrimonio artistico e culturale italiano e sulle sue potenzialità economiche e poi nella realtà ci perdiamo in queste situazioni di semi abbandono (o poca valorizzazione, dipende dai punti di vista).
    ….mmmn… @Marina, mi dissocio dalla tua preferenza alle colline emiliane su quelle marchigiane…. 😉

  10. Ale ha detto:

    giornata riassunta alla perfezione 😀 veramente una bella esperienza 😀
    @marina le foto … allora credo che siano mie la 1, 5, (la 6 se l’hai tagliata un po’ ai bordi altrimenti è simile ma di qualcun altro), 9, 10, 11, (forse la 14), 15, 16, 19
    @dora bellissima l’ironia sull’ospitalità 😀 ho riso di brutto 😀

    per quanto riguarda le mie preferenze sulla prossima meta AR …
    … beh per amore voto torino, per noi appassionati royal è come essere alle giostre 😉 palazzi e musei reali, superga, le reggie nei dintorni, il centro dove ogni angolo racconta una storia legata ai savoia… c’è di che divertirsi 🙂
    in seconda posizione metto monza, perché è assurdo ancora non ci sono andato.
    firenze ci siamo già andati per il duca, poi ci sarò stato una ventina di volte per questioni di famiglia .. ma ci torno sempre volentieri.
    a venezia le sale restaurate del palazzo reale le ho viste praticamente appena aperte grazie al post di AR che mi aveva incuriosito … sono state un po’ una delusione
    caserta mi piacerebbe molto, ma è lontanissima da torino 🙁

  11. laura ha detto:

    E’ stato meraviglioso conoscere finalmente Marina ed altri componenti del gruppo. Le visite al Museo Lombardi e a Colorno sono state estremamente interessanti e anche se la reggia e il parco potrebbero essere in forma migliore, le attuali condizioni non impediscono affatto di godere la visita. Ciò che manca a Colorno ( o magari c’è ma io non l’ho vista) è tutta quella parte introduttiva con poster didattici contenenti testi e piante che in genere sta all’inizio di un percorso per spiegare la storia del complesso.
    Per quanto riguarda le non ottimali condizioni di alcune parti bisogna considerare che mantenere in modo perfetto delle strutture di questa vastità non è certamente cosa semplice. In genere i restauri procedono per lotti e bisogna aspettare decenni fra progettazioni, bandi, gare , ricorsi (che non mancano mai in Italia) e infine esecuzioni di lavori che a loro volta durano molti anni e spesso sono interrotti, per avere finalmente un singolo lotto completo : figuriamoci un complesso vasto come Colorno il cui restauro completo potrebbe prevedere parecchi lotti. Considerate, inoltre gli spietati tagli che negli ultimi anni hanno martoriato Soprintendenze e Musei e a questo punto vedere che , nonostante tutto, la reggia con i suoi affreschi e stucchi e giardino all’italiana sono ancora li, sembra quasi miracoloso.
    Noi siamo rimasti qualche altro giorno e abbiamo anche visitato , fra l’altro, la rocca di Fontanellato e qui davvero la situazione è messa male. Le sale sono solo in minima parte visitabili e quelle visibili si presentano in condizioni davvero precarie (le porte di passaggio tra una stanza e l’altra sono puntellate da tronchi …). Per non parlare delle macchie di umidità e della polvere abbondante. Inoltre la visita di svolge guidati molto velocemente da un giovane incaricato dal Comune che davvero ha ben poco da dire !
    Per una curiosa coincidenza la settimana precedente eravamo stati a Napoli e abbiamo avuto modo di vedere la reggia di Capodimonte e quella di Portici. Portici è stata restaurata parzialmente e nei settori restaurati (molto bene) è stato ricreato il Museo Ercolanese ovviamente in modo virtuale, con pannelli didattici video etc.. A me è sembrata una ottima scelta in quanto si è raggiunto l’obiettivo di fare capire al visitatore come fosse un museo d’antichità nel settecento senza, ovviamente, riportare lì gli oggetti che vi erano un tempo esposti.
    Io non amo particolarmente le visite guidate in quanto preferisco esplorare i luoghi con i miei tempi : naturalmente nel caso del Museo Lombardi è stato non solo un onore ma un vero e proprio piacere avere avuto la direttrice come guida. Una persona davvero squisita e dotata di enorme pazienza. Non mi resta che ringraziare Marina per il bellissimo viaggio.

    • laura ha detto:

      Dimenticavo : io propongo non solo Portici ma anche una visita al museo ferroviario di Pietrarsa che è davvero splendido. Si trova in perfette condizioni essendo stato risistemato solo pochi mesi fa. Si può vedere la ricostruzione (anche attraverso un realtà virtuale) del treno che nel 1839 fece il percorso Napoli-Portici e un paio di carrozze del treno reale (poi diventato per pochi anni presidenziale).

  12. Luthien ha detto:

    Scusandomi per il ritardo ( non sono scomparsa, ma sommersa da tantissime incombenze) volevo anzitutto ringraziare Marina per aver organizzato la giornata a Parma e a Colorno. Purtroppo non ho potuto partecipare alla visita al museo Glauco Marini, a detta di tutti veramente bella ed interessante . Immagino che anche alla direttrice avrà fatto molto piacere accompagnare e rispondere alle domande di un gruppo appassionato e competente.
    Sulla reggia di Colorno è stato veramente detto tutto! Mi stupisco sempre, , che costruzioni cos’ imponenti si trovino nella provincia italiana a testimonianza della sua ricca e varia storia. SI stagliava, infatti, nel sole accecante per me( dopo la pioggia dei giorni precedenti), su un cielo azzurro un palazzo dalle inconfondibili linee settecentesche classiche e simmetriche. Quante opere d’arte ha l’Italia e con quanta cura dovrebbero essere valorizzate. L’interno, salvo i mobili, è stata una scoperta; certo ha bisogno di restauri. Urgono sponsor privati e velocemente! Quello che non mi ha veramente convinta sono state le modalità della visita alla reggia,: gruppi troppo numerosi, guida frettolosa, per nulla cortese e che ha detto anche alcuno sfondoni storici, nessuna possibilità di fermarsi ad ammirare gli affreschi o la fuga delle stanze. Parco trascurato!
    Per la prossima giornata o giornate suggerirei la reggia di Monza, anche se tutte le mete sono validissime. Ho visitato Caserta da ragazzina e posso dire che merita: è davvero la Versailles italiana. Torino va sempre bene e per Firenze e dintorni sulle tracce dei Savoia ci sarebbe villa La petraia, dimora molto amata da Vittorio Emanuele II.
    Dulcis in fundo, è stato davvero bello poter dare un volto ai nomi che firmano i commenti di altezza reale. tutti i partecipanti sono stati gentilissimi, specie Dora , una toscana come me!
    Gli inconvenienti come quelli con treni e autobus più o meno sostitutivi sono
    il sale di ogni viaggio, breve o lungo che sia e lo rendono “.
    epico”.

  13. lutien ha detto:

    Grazie a Marina , Altezza reale e alla visita alla reggia di Colorno , ho potuto fare un figurone in una della mie molteplici attività, tutor di studenti universitari. Sto preparando una ragazza a sostenere l’esame di storia dell’architettura 2 ( ‘700. ‘800 e ‘900). Arrivati al capitolo sull’architettura italiana nel’700, prima ancora di leggerlo, ho spiegato alla mia allieva che il centro di irradiazione del rinnovamento stilistico di stampo francese, in Italia, era stata Parma, grazie all’opera del Petitot, chiamato dalla figlia di Luigi XV, a rinnovare il volto del ducato . Il Manuale lo ha confermato e ha citato come esempio la Venaria del ducato di Parma , cioè la reggia di Colorno e la Chiesa di San Liborio.
    Un bella soddisfazione!
    Buone vacanze a tutti. Basta avere anche un giorno o pochi giorni per leggere o guardare ininterrottamente la propria serie favorita.
    Luthien

  14. michele ha detto:

    Oggi è 1 anno dalla bellissima gita Parma/Colorno!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *