William e Kate cinque anni dopo… e la favola continua

William e Kate cinque anni di già eppure sembra ieri. Il duca e la duchessa di Cambridge festeggiano oggi le “nozze di legno”, ovvero un lustro di matrimonio. In questi cinque anni è a accaduto un po’ di tutto (a loro e anche a me a dire il vero, ma io ne avrei volentieri fatto a meno): hanno avuto due bambini, George e Charlotte (che il due maggio compie un anno); hanno iniziato a viaggiare come ambasciatori della corona e ogni tour è stato un grande successo mediatico visto che sono giovani, belli e felici; Kate si è confermata un’ottima promoter della moda britannica e specie i capi low cost, che ama indossare in un sapiente mitch&match, finiscono sold out in un nanosecondo; sempre sul versante stile, secondo alcuni osservatori,  la moglie di William ha preso un andazzo un po’ old style, della serie anziana signora inglese tipo Miss Marple, ma a onor del vero è difficile essere giovane e moderna in tailleur al ginocchio e cappellino british.

In questi 5 anni, nonostante sia diventata  Sua Altezza Reale la duchessa di Cambridge, Kate ci ha dato ben poche soddisfazioni sul lato brillanti&Co. Lei, a parte lo storico zaffirone del fidanzamento, ama lo stile minimal e predilige i piccoli gioielli dei creatori contemporanei. Dal giorno delle nozze ha indossato il favoloso collier del Nizam e tre diademi diversi, la Halo di Cartier, la Paphyrus, che in passato era fra quelle prestate alle principessa Margaret, e la Lover’s Knot realizzata per la regina Mary ma resa celebre da Diana.

William e Kate cinque anni

Sempre sul versante frivolo lui in questi cinque anni ha perso un sacco di capelli il che lo invecchia parecchio e ogni tanto ha il viso stanco e tiratissimo del giovane padre di famiglia con bambini che hanno scambiato la notte per il giorno. Però in divisa e copricapo abbinato resta sempre un bel ragazzo aitante. William esci più spesso in divisa!

William e Kate cinque anni nella Firm

Il duca e la duchessa oggi affiancano la regina durante importanti eventi familiari (il Trooping the Colour, il Commonwealth Day, il Remembrance Day, la sfilatata dell’Ordine della Giarrettiera a Windsor) e iniziano a prendere parte a qualche evento istituzionale; la coppia ha partecipato la sua prima cena di Stato lo scorso anno in occasione della visita del presidente della Cina ha visitato e ha partecipato due volte, nel 2013 e nel 2015, al ricevimento del corpo diplomatico.
Nel 2011 pochi mesi dopo le nozze William e Kate hanno visitato diverse province e territori canadesi – Ontario, Quebec, Prince Edward Island, Northwest Territories, e Alberta – e hanno poi fatto una sosta a Los Angeles. L’anno successivo, in occasione del Diamond Jubilee i duchi sono stati nel sud-est asiatico – Singapore, Malaysia, e le Isole Salomone – ma il successo del tour è stato oscurato dalle foto di Kate in topless, scattate con un teleobiettivo mentre la coppia era in vacanza, pubblicate da un tabloid francese. Nel 2014 il piccolo George è stato la vedette del lungo viaggio effettuato dai genitori in Nuova Zelanda e Australia, mentre nel recente tour in India e Bouthan i bimbi, diventati due, sono rimasti a casa.

Il duca è un ufficiale della Raf e continua a fare il pilota di elicotteri per il soccorso e la ricerrca ma ogni tanto la sua attività scatena qualche polemica perché se da un lato questo lavoro lo “normalizza”, dall’altro gli impedisce di essere un royal a tempo pieno, con annessi doveri di rappresentanza, e in più si dice che goda comunque di un orario ridotto cosa poco apprezzata dai colleghi. Però vuoi mettere essere soccorsi dal futuro re d’Inghilterra?!?! C’è di che farsi venire subito un bell’infarto per l’emozione. Fino al 2013 è stato pilota di elicottero Sea King fino al 2013, nel 2014, è diventato un pilota con la East Anglian Air Ambulance, e ha preso la licenza per fare il pilota civile. William devolve interamente il proprio stipendio Air Ambulance.

Come tutti i membri della Firm anche Kate ha assunto una serie di patrocini scegliendo i settori che le sono maggiormente congeniali; la duchessa segue in particolare associazioni che si occupano di tossicodipendenze, un ospedale pediatrico nell’East Anglia, la National Portrait Gallery, Place2Be, SportsAid, il Museo di Storia Naturale, 1851 Trust e il Freud Centre. La duchessa inoltre ha preso il posto del duca di Edimburgo alla testa dell’associazione dei cadetti RCAF.

William-e-Kate-cinque-anni

William e Kate cinque anni dopo hanno anche messo su casa e come tutti gli inglesi che se lo possono permettere hanno una casa a Londra e una in campagna all’interno della grande tenuta reale di Sandringham nel Norfolk. Nella capitale gli eredi in seconda hanno ristrutturato (in uno stile molto sobrio e classicheggiante come abbiamo potuto vedere nelle foto con la coppia presidenziale americana) l’appartamento che fu della principessa Margaret nel complesso residenziale di Kensington Palace. La vera casa familiare però sembra sia Amner Hall immersa nel verde e nella pace della bella campagna inglese e qui la coppia e i bambini passano la maggior parte del tempo tanto che George è stato iscritto alla locale scuola materna montessoriana. William e Kate cinque anni dopo hanno messo su una bella famiglia, come era nelle loro intenzioni e come il principe desiderava moltissimo e aveva auspicato più volte ai tempi del fidanzamento parlando dei futuri suoceri Middleton.

Cinque anni dopo il mondo ancora ricorda l’emozione di quelle nozze che gli sposi avevano voluto sobrie e low cost (?) con gli ospiti reali e i rappresentanti delle tante associazioni sostenute dal principe; nozze senza regali ma con offerte devolute a tanti progetti dedicati al sociale e alla salvaguardia della natura; nozze pur sempre principesche in un’abbazia di Westminster trasformata nel bosco delle fiabe. Nozze social che più social non si può e soprattutto nozze comunicate via web con un sito, un canale youtube dedicato e una diretta streaming per tutta la giornata (il che ha consentito a noi italiani di bypassare i penosi commenti delle reti televisive nazionali).

Il blog ha una sezione dedicata a William e Kate, qui trovate tutti i post su viaggi, nascite e ovviamente sulle nozze. http://www.altezzareale.com/category/williamkate/

ps questo non è un blog di chiacchiere personali ma spesso le vicende della mia vita influiscono sulla sua gestione; inoltre la maggior parte dei lettori sono diventati amici virtuali e non, dunque ogni tanto racconto anche vicende private. Insomma sabato notte mio padre – 87 a settembre – si è sentito male, guardia medica (arrivata peraltro la mattina dopo), ricovero al pronto soccorso dell’ospedale geriatrico di Ancona, analisi con annessi e connessi e la diagnosi: calcoli alla colecisti che era particolarmente sofferente e infiammata. Alle 19 di domenica è stato ricoverato nel reparto di Medicina (anzi clinica universitaria) ed è finito nella stessa camera dove mio zio ha soggiornato per tutto lo scorso mese di dicembre. Scherzi del destino… Il reparto è in condizioni strutturali pietose ma dentro ci lavorano delle persone bravissime, medici, paramedici, Oss. Comunque mio padre è ancora lì, sotto antibiotici. Sta meglio ma è molto scocciato perché gli hanno prospettato un piccolo intervento. Quindi se ogni tanto sparisco sapete perché.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

58 Commenti

  1. Michele ha detto:

    E I Cambridge quest anno natale In relax con i Middleton !! https://www.facebook.com/britishroyalsblog/posts/1280273578710639

    • Dora ha detto:

      io direi anche basta. è l’ennesimo natale di fila che non vanno a sandrigham. e poi uno si domanda perchè la regina non smolla ordini a kate… -_-

      • Pellegrina ha detto:

        Io non me ne perderei uno non fosse che per ballare le danze scozzesi! (-:
        Ricordo uno dei rari bei vestiti di Spencer in velluto e tartan di seta, magnifico, per un Natale a Sandringham.

    • Dora ha detto:

      ps
      ho controllato, in realtà ci sono quasi sempre stati

      • Ale ha detto:

        è comunque strano vedere che la regina riunisce tutta la famiglia, cugini compresi e l’erede in seconda, quello che è sempre stato descritto come il nipote preferito, va dai suoceri ….
        i Cambridge non sembrano anche degli abituali frequentatori di Balmoral, sbaglio?

      • Michele ha detto:

        Ma si infatti in 5 anni di matrimonio Questa credo sia la seconda volta che mancano!! Dispiace che manchino solo loro a queste belle riunioni famigliari di The Queen ma alla fine e’ anche giusto che ogni tanto vadano dai middleton d’altronde anche loro sono i nonni di quei due bimbi 🙂

  2. elettra/cristina palliola ha detto:

    Io invece penso che a Natale dovrebbero proprio essere dalla regina che in fondo è come se estendesse un invito e non andare significa rifiutare. Capisco che dai Middleton, l’atmosfera può essere più rilassata e calorosa, ma sposando William, Kate ha sposato tutto quello che si portava in dote, invito di natale compreso e sapeva o doveva sapere che in un certo senso la sua famiglia d’origine sarebbe venuta dopo tutti gli impegni del suo ruolo…oltre tutto, lui non è un membro della famiglia di secondo piano è il figlio dell’erede, la linea diretta al trono. Dai Middleton, potrebbero passare i giorni che seguono il Natale e magari restare fino a Capodanno…a Kate, quando ancora il suo matrimonio con William sembrava incerto, fu molto gradito l’invito che Elisabetta le fece a Natale, di non mi ricordo quale anno…in pratica era un mezzo,sì, va bene! troppo comodo ora! Non mi piace come sta gestendo questo matrimonio e a volte mi sembra che con più tatto e meno arroganza, ma abbia un comportamento simile a quello che aveva Letizia qualche anno fa….lei decide e il marito, le va dietro! capisco che i Middleton sono nonni anch’ essi degli stessi nipoti, ma qui non si può ragionare come nelle nostre famiglie! …che quand’anche fosse, quanti di noi, passa il Natale in una famiglia e il santo Stefano, nell’altra?

    Non sono così sicura che William sia il nipote preferito tra i due figli di Carlo…a volte mi sembra che sia molto divertita e che apprezzi molto Harry, anche se qualche volta l’ha fatta molto arrabbiare…in fondo lui ha tutto quelle qualità che non sono di Elisabetta e questo credo che sia un ottimo attrattivo

    • Dora ha detto:

      io penso che, come persona, lilibeth apprezzi di più harry.

      • Ale ha detto:

        nel commento precedente avevo scritto della preferenza di william solo perché anni fa avevo letto così, visti i recenti sviluppi la regina potrebbe aver cambiato idea 🙂
        harry si sta impegnando molto nella firm, e infatti l’hanno scorso la regina l’ha creato cavaliere di commenda dell’ordine reale vittoriano. anche se secondo me è un po’ pochino, si meriterebbe forse la giarrettiera….
        con william però la regina è stata più generosa, giarrettiera nel 2008 e ordine del cardo nel 2012

        • Michele ha detto:

          Penso anche io che harry si stia vermente impegnando molto per la famiglia forse molto più di william in oltre ha una grande dote che non e’ poco ,una grande empatia verso la gente! Una capacità innnata di entrare nel cuore delle persone il che fa solo bene!! Credo anche io meriterebbe più riconoscimenti! La giarrettiera ci starebbe !

        • Andrea ha detto:

          Mi pare di aver letto, al tempo, che la nomina di William a cavaliere dell’ordine della giarrettiera sia stata fatta un po’ in anticipo con i tempi perché si voleva che fosse lui il millesimo ad esserne insignito.
          Charles l’ottenne nel ’58, ma era già erede al trono da un paio di anni. I suoi fratelli sono stati fatti cavalieri molto ma molto più tardi: Anne nel ’94 e i due più piccoli addirittura solo nel 2006. Camilla, moglie dell’erede, non ce l’ha e neanche la duchessa di Gloucester che da decenni lavora per la firm.
          Forse quando Charles sarà re le modalità e i tempi di insignazione cambieranno, ma finché The Queen resterà sul trono le onorificenze andranno sudate!

        • Dora ha detto:

          mah, almeno cavaliere di gran croce, però, che cavolo lilibeth!

  3. laura ha detto:

    Il fatto che i Cambridge non vadano a Sandrigham per Natale e che per accettare di andare a Balmoral devono essere presenti anche i Middleton che infatti la regina invitato, è il risultato del modo nel quale William e famiglia vedono il loro ruolo. Questo è analizzato molto bene in questo post. William e consorte vogliono una vita semplice e tranquilla accanto i loro bambini ed è un desiderio del tutto naturale e comprensibile, se non fosse che loro non sono una famiglia semplice e normale e visti tutti gli enormi vantaggi che ricevono devono anche capire che tocca loro accollarsi molto di più di quanto fanno al momento. Insomma se Carlo vuole una firm limitata al massimo quelli che sono dentro devono fare molto di più. Mi pare anche molto opportuno l’esempio con Victoria ed Estelle : vero che Victoria è l’erede e quindi corrisponde a Carlo e non a William però la Svezia non è il UK nazione che richiede certamente un maggiore impegno e la presenza di più forze in campo.

    http://royalmusingsblogspotcom.blogspot.it/2016/12/will-they-ever-step-up.html

    • Ale ha detto:

      lettura interessante, condivido parecchio. loro non sono una famiglia normale.
      a mio giudizio questo loro atteggiamento può essere tollerato finchè sono duchi di Cambridge ma se dovessero continuare una volta diventati principi di galles potrebbero poi avere dei seri problemi.

      • Roberta ha detto:

        forse i duchi di Cambridge non sono volutamente impegnati come dovrebbero per non oscurare Carlo e Camilla, non dimentichiamo che parte dell’opinione pubblica vorrebbe William sul trono dopo la regina Elisabetta, e questa non esposizione pubblica è calcolata per favorire Carlo.

  4. Ale ha detto:

    e intanto camilla sostituisce la regina alla Sovereign’s parade all’accademia militare di Sandhurst, segno di grande apprezzamento da parte della suocera. camilla è sempre più calata nel ruolo direi, lei e carlo sono sempre più protagonisti. sembra quasi una reggenza soft.

    http://www.noblesseetroyautes.com/duchesse-de-cornouailles-a-sandhurst/

    • Dora ha detto:

      concordo anch’io su una “reggenza soft”
      per il resto: da una parte vorrei william e kate più protagonisti, da quell’altra trovo valida l’argomentazione di roberta secondo la quale i duchi di cambridge non devono/vogliono rubare l’attenzione a carlo e camilla

      • laura ha detto:

        Certamente i Cambridge è giusto che siano meno impegnati del principe di Galles ed è giusto che non lo mettano in ombra anche se poi questo succede puntualmente quando la copertura mediatica che riceve un viaggio all’estero dei Cambridge è enormemente maggiore di quella che ricevono i Galles quando vanno nello stesso luogo (vedi Canada). Questo evidentemente a causa dell’interesse che suscita l’argomento Catherine per l’abbigliamento e perché tutti vogliono vedere quanto sono cresciuti i piccoli. Però io non credo che Carlo limiti le attività di William per questo motivo , anzi da quello che ho letto è piuttosto scontento del fatto che i due figli non vogliono impegnarsi nelle sue numerosissime charities che lui ha difficoltà a seguire. Gli impegni molto limitati sono quindi di una scelta personale di William e famiglia e la mancata assegnazione dell’ordine famigliare a Catherine rispecchia bene questa situazione.

        • Roberta ha detto:

          Quando parlavo che William e Kate non vengono impegnati a fondo per non oscurare Charles e Camilla non intendevo parlare di contrasti tra padre e figlio, ma semplicemente di una scelta condivisa all’interno della “famiglia”, inoltre William e Kate mi sembrano abbastanza ligi alle regole, senza molti “guizzi” (come e’ giusto che sia) per questo immagino che gli impegni che hanno sono quelli che si è deciso di affidare loro.

    • Pellegrina ha detto:

      Ma lo è. Lo sarà sempre di più, basta ricordarsi i recenti cambiamenti nel consiglio privato. A 90 anni non si è come a 70: uno degli inconvenienti a cui in Olanda, ad esempio, hanno saputo mettere riparo inaugurando una tradizione. Anche bella del resto, perché salire al trono su un funerale è perlomeno ambivalente.
      Con un figlio come Charles, che probabilmente vorrebbe da sempre fare il suo lavoro, l’Inghilterra ha saputo costruirsene un’altra, più tradizionale ma forse non del tutto inedita. Vedi la splendida, eloquentissima e moderna nella sua veste classica foto dei due insieme al 90° della regina. Vedremo quando toccherà a William e George (anche se io sarei sempre per i cadetti Henry e Charlotte, molto ma molto più ricchi di personalità e simpatici dei legnosini Cambridge!).

    • milady ha detto:

      Non solo Camilla è sempre più calata nel ruolo, ma lo fa anche in maniera esemplare senza mai un atteggiamento, una parola, un gesto non adeguato. Penso che davvero sia sempre più (giustamente) apprezzata: una donna molto intelligente che ha saputo imporsi con grande discrezione.

      • http://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

        concordo. se ne può parlare male, si può ricordare quando era il terzo lato del triangolo (be’ a dire il vero triangolo anche con altri lati), si può invocare la memoria della povera Diana (davvero la persona sbagliata nel posto sbagliato) ma in questi 11 anni da moglie dell’erede al trono non ha commesso un passo falso che è uno e ha assunto con un sorriso tutti i doveri reali di rappresentanza e rappresentazione.

  5. nicole ha detto:

    Forse la personalità dei cadetti viene imbrigliata meno fin dai primissimi anni .. quindi emerge più libera e in apparenza più simpatica . I primogeniti si tengono fin da embrioni il fardello della futura corona. Studi, sport, amici, flirt per non dire moglie .. tutto era scelto accuratamente secondo voleri di famiglia e tradizioni. Del resto incarnano la tradizione ! Bravo William che nonostante infanzia e adolescenza turbolenta per eventi esterni ha saputo costruirsi il suo mondo di affetti saldi. Credo che Elisabetta sia ben felice di ciò e dei natali con i Middleton se questo porta tranquillità .. tanto quando saranno loro i Galles di impegni e obblighi ne avranno a iosa. Ora si godono momenti molto intimi e the Queen stessa sa come cambia la vita alla assunzione di certi oneri .

    • http://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      forse hai ragione; a pensare a tutto quello che gli è successo quando era un ragazzo c’è solo da essere felici che si sia costruito una vita serena e una bella famiglia. quando è con i figli io ho l’impressione guardandolo che dica con gli occhi “a voi mai accadrà quello che è successo a me”.

    • Pellegrina ha detto:

      Né Carlo né il figlio mi pare abbiano scelto le donne volute dalla famiglia, alla fin fine. William ha probabilmente ricevuto meno pressioni del padre, anche perché ha avuto un padre moderno e intelligente che aveva provato cosa vuol dire non poter far corrispondere le azioni ai sentimenti e aveva visto persone a lui vicine distruggersi per questo.
      George poi non è imbrigliato per niente, al contrario, piuttosto prepotente e viziatello…
      Ma non è questione di simpatia, proprio di carattere. Charles è un uomo simpatico e interessante, eppure è diversissimo dal suo spigliato secondogenito; William non lo definirei così.
      Ad ogni modo se veramente quel che interessa William è una tranquilla vita di famiglia, può sempre passare la mano e restarsene ad Amner Hall che è decisamente un bel posticino intimo ma non troppo (50 stanze?). Meglio non fare quel che non interessa: non lo si potrà mai fare bene. Invece è encomiabile voler ritrovare sé stessi dopo aver portato pesi e traumi non causati da noi – la mamma deve aver fatto pesare parecchio la sua infelicità sul figlio maggiore. Però occhio a quel prepotente che si porta in braccio…

  6. laura ha detto:

    A quanto pare la regina lascerà a fine anno il il patronaggio di alcune delle 600 organizzazioni che preside e che passeranno a Carlo che ha già di suo centinaia di organizzazioni da curare. Mi pare quindi che i tempi per William di assumere maggiori impegni e di aumentare il numero dei suoi patronaggi (al momento circa 30) alla fine sia arrivato.

  7. Michele ha detto:

    Concordo !! Si vuole lasciare più largo ai Galles(giustamente ) e di conseguenza i Cambridge hanno un po’ più di libertà famigliare anche perché quando tocchera’ a loro le cose cambieranno quindi secodo me e’ giusto che si godino un po’ la loro famiglia e william ne aveva proprio bisogno visto il passato !! Cmq cambiando discorso The Queen ha ceduto un po’ dei suoi patrocini ! E kate ha ottenuto il patrocinio di Wimbledon 🙂 http://www.mirror.co.uk/news/uk-news/queen-patronages-kate-middleton-wimbledon-9489613

  8. michelle ha detto:

    Mi sa che anche per l ‘anno prossimo niente ordine x kate, non si ammazzerà certo di troppo lavoro….
    http://www.noblesseetroyautes.com/engagements-officiels-membres-de-famille-royale-britannique-2016/
    Buone e serene feste a tutti!

    • Roberta ha detto:

      Personalmente sono convinta che il poco lavoro di Kate sia voluto, è un personaggio così popolare anche con poche “uscite” figurarsi se i suoi impegni aumentano! Oltretutto poi potrebbe essere criticata di non curarsi troppo dei figli (se si vuole criticare qualcuno un motivo si trova sempre!). Penso che la corte inglese voglia evitare un nuova Diana (o anche Fergie perchè dimenticarla?), e che il messaggio che invia a Kate è che l’aver sposato il futuro re non è stato un traguardo ma solo l’inizio, per questo le viene dato tutto con “parsimonia”: gioielli, tiare, ordini, per non parlare degli ordini di precedenza della famiglia reale da osservare: Kate, deve fare la riverenza a chi è nato reale (in questo sono comprese anche le due praticamente coetanee, figlie anche di una borghese, sorelle York)… a mio parere a cinque anni dal matrimonio la futura regina d’Inghilterra deve ancora applicare per sè il soprannome che le affibbiò a suo tempo la stampa inglese “la paziente Kate”….

  9. nicole ha detto:

    http://www.bbc.com/news/uk-41163712

    Notizia di poco fa! Chissà se certi giornali impareranno a non invadere la intimità di chicchessia.
    Non conosco la rivista Closer ma posso immaginare … ben gli sta. Io non discuto secuna futura regina d’Inghilterra possa o meno stare in topless , faccia come crede meglio …. ma se una persona non è in spiaggia o in strada sarà ben padrona di stare come preferisce .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *