Maxima dei Paesi Bassi e i gioielli storici degli Orange Nassau – II

Ecco la seconda parte del post sui gioielli della regina Maxima dei Paesi Bassi. Ancora una volta grazie ad Alessandro Calabresi aka Alex, grande appassionato di gioie reali che ci permette di curiosare nello scrigno prezioso e ricchissimo degli Orange-Nassau. 

00209200.000007

Nel 2003, e in seguito in altre occasioni, Maxima indossa una tiara mai vista prima in casa Orange-Nassau: la Diamond Festoon Tiara; si tratta della parte principale di un collier (Diamond Festoon Necklace) montata a tiara su una struttura già esistente nella cassaforte famigliare, che riprende il disegno di una tiara indossata da Ortensia de Beauhrnais, regina d’Olanda come moglie di Luigi Bonaparte. Il gioiello nella sua forma originaria a collier, costituito da una riviére in diamanti con pendenti cinque festoni o elementi a V con grandi diamanti circolari al vertice e un diamante circolare all’interno, venne acquistato ad Amsterdam per 115.000 fiorini, una somma enorme al tempo, da Guglielmo III, che lo regalò alla figlia Guglielmina nel 1889 quando ella aveva solo nove anni.

Maxima visita di stato del presidente lettone   2
Il collier nella sua imponente forma iniziale è stato indossato numerose volte, oltre che dalla regina Guglielmina, dalla regina Giuliana, dalla principessa Margriet e dalla regina Beatrice, mentre oggi, smontati i cinque elementi a festoni per creare una tiara semplice ma di notevole bellezza e dal gusto leggermente medioevale, indossata anche dalla principessa Margriet, la restante riviére in diamanti viene indossata sia da Maxima che dalla regina Beatrice.

Maxima presidente cinese 1
Il 23 marzo 2014, durante la cena di gala per il ricevimento del presidente cinese Xi Jinping, Maxima indossa uno dei più importanti gioielli della famiglia: il devant de corsage in perle e diamanti (Diamond and Pearl Stomacher)di Katarina Pavlovna di Russia, proveniente probabilmente dalla madre Sofia Dorothea di Wuttemberg (Maria Feodorovna di Russia per matrimonio) e passato poi alla figlia Sofia, cugina e prima moglie di Guglielmo III.

Mxima presidente cinese particolare

Il gioiello di così antica provenienza e probabilmente realizzato fra il 1800 e il 1820, è caratterizzato da un fiocco in diamanti contenente cinque rari diamanti rosa brasiliani a taglio cuscino, dal quale è sospesa una perla a goccia e due fili di diamanti che sorreggono un altro piccolo fiocco in diamanti con grande diamante centrale, che sorregge a sua volta due fili di diamanti di diversa lunghezza con perla a goccia finale.
Si tratta di un gioiello molto importante e di non facile vestibilità, poco utilizzato negli ultimi anni nella sua forma completa poiché, al contrario della regine Guglielmina e Giuliana, Beatrice lo ha indossato prevalentemente nella sua forma ridotta, vale a dire solo nella parte del grande fiocco in diamanti, al quale ha aggiunto direttamente o le tre perle o tre diamanti provenienti dal devant de corsage della House Diamond Parure, così da poterlo utilizzare più facilmente come spilla.
Maxima, che lo aveva già indossato varie volte con il solo fiocco superiore senza nessun pendente, decide in questa occasione di mostrarlo nella forma completa con una piccola variante, ponendo cioè alla stessa altezza le due perle finali, così da diminuirne seppur di poco la lunghezza ed indossarlo come spilla, forse forzando la natura del gioiello ma raggiungendo un ottimo risultato.

Beatrice gala inaugurazione

Nel 1898 il sultano del Kutai regala alla principessa Guglielmina, in occasione delle sua inaugurazione a regina dei Paesi Bassi, una tiara in oro e diamanti in stile hindu-javanese, realizzata nei pressi di Jakarta dai gioiellieri Van Arcken & Co.; il gioiello è costituito da un bandeau semicircolare in oro su cui sono inseriti due giri di piccoli diamanti, ai quali vengono sovrapposti cinque elementi rimovibili in oro e diamanti, tre più importanti di forma triangolare (maggiore quello centrale contenente tre grandi diamanti) e due più piccoli costituiti da tre elementi floreali, essendo il fiore a cinque petali il motivo ricorrente dell’insieme.

Maxima bracciale
Il dono ha il chiaro scopo di sottolineare il legame tra la regione Indonesiana e i Paesi Bassi, che dal XVII secolo governano il territorio delle Indie Orientali Olandesi, ed è per tale motivo che sia l’oro che i diamanti della tiara (caratterizzati da un taglio chiamato Banjarmasin) provengono dalla regione del Borneo, così come il disegno d’insieme, ispirato ai rilievi raffiguranti dee hindu presenti nel grande complesso degli antichi tempi induisti di Prambanan, nell’isola di Java.
Data la particolarità del gioiello, lontano dallo stile e dai canoni europei degli altri gioielli della collezione reale olandese, esso fu indossato nella versione completa forse una sola volta dalla regina Guglielmina e in seguito, probabilmente intorno agli anni ’60, smontato per renderlo più attuale, rimodellando il bandeau semicircolare in un bracciale ed utilizzando i cinque elementi come spille, ciondoli o orecchini, cosa che la regina Beatrice farà molto spesso, accostando ad essi anche altri pezzi della collezione di famiglia.

Maxima Lussemburgo orecchini
Maxima ha indossato questi gioielli insoliti in molte occasioni e soprattutto il giorno del matrimonio religioso del granduca ereditario del Lussemburgo, nel quale ha stupito tutti indossando, insieme ad un alto ed eccentrico copricapo piumato, tutti i pezzi della Borneo tiara: il bandeau trasformato in bracciale, l’elemento centrale come spilla in vita e gli altri elementi come grandi orecchini pendenti (già sperimentati dalla principessa Laurentien), unendo insieme con equilibrio ed eleganza questi originali gioielli di famiglia.

Maxima Lussemburgo spilla
Il 27 maggio 2011 in occasione del concerto di gala per il festeggiamento dei suoi 40 anni Maxima indossa un gioiello che da tempo non veniva più esibito: il corsage – aigrette in diamanti della regina Emma (Diamond Ears of Wheat Corsage). Nel 1879 infatti la giovane moglie di Guglielmo III riceve come dono di nozze dalla cognata Sofia dei Paesi Bassi (granduchessa di Sassonia-Weimar-Eisenach per matrimonio) una grande spilla – corsage costituita da dodici spighe di grano in diamanti in successione, al termine di ognuna delle quali pende un diamante più grande.

Aigrette2

La regina Emma, vedova e reggente per la figlia Guglielmina, indosserà il gioiello come ornamento per capelli, così come anche la nipote Giuliana, la quale lo indosserà anche come spilla in differenti modalità nel corso degli anni ‘50; dopo decenni , la principessa Magherita riporterà alla luce il gioiello nel 2001 durante un ballo a New York, indossandolo fra i capelli come aigrette, ma passerà inosservato fino a quando non sarà indossato, sempre come aigrette, da Maxima per il suo compleanno.

Aigrette

Successivamente Maxima indosserà questo gioiello così particolare e di non facile vestibilità come spilla adagiata all’altezza della spalla, sfruttandone appieno la flessibilità.

Maxima gala per i 25 anni di regno della regina Beatrice
La famiglia reale olandese dispone di un’interessante collezione di acquemarine, fra cui una elegante tiara in stile art déco, un collier sautoir, un bracciale, spille e vari orecchini pendenti, di volta in volta indossati in combinazioni differenti ed interessanti; fra questi tuttavia il pezzo che svetta per dimensioni ed imponenza è senza dubbio il pendente con grande acquamarina a forma di pera circondata da diamanti, regalato nel 1937 alla principessa Giuliana dal principe Bernardo di Lippe-Biesterfeld come dono di nozze.
Sospeso ad un sottile filo in oro bianco con brillanti nella parte terminale (tanto che l’insieme prende il nome di Aquamarine Pendant Necklace), il gioiello è stato uno fra i più apprezzati dalla regina Giuliana, amante delle acquemarine, che lo ha indossato numerose volte, in combinazione anche con giri di perle, prestandolo solamente in alcune occasioni alla principessa Irene.

bc12084c738ff056ca814da10c4900a9
La regina Beatrice non ha mai indossato il gioiello nella sua forma originaria, legato cioè alla lunga e sottile catena, ma singolarmente come pendente di una riviére in diamanti, una combinazione riuscitissima che verrà replicata anche dalla principessa Irene e dalla principessa Maxima. Quest’ultima indosserà il pendente anche come collier nella sua forma originaria accorciata e come spilla appesa alla spilla in diamanti a forma di fiocco della regina Guglielmina (Small Diamond Bow Brooch), la stessa alla quale Maxima appende il grande zaffiro ovale dello stomacher della regina Emma il giorno dell’inaugurazione di Willelm Alexander. La principessa Laurentien la sera prima dell’inaugurazione del cognato indosserà il magnifico gioiello ancora in un’altra forma, come pendente del devant de corsage in diamanti della Diamond House Parure, una grande spilla a forma di elaborato fiocco, alleggerito per l’occasione della parte superiore e finalmente indossato dopo decenni.

Il diadema nuziale di Maxima dei Paesi Bassi

MaximaWeddingTiara

Il 2 febbraio 2002, giorno delle proprie nozze, per fermare il proprio velo e sottolineare il suo nuovo status di principessa, Maxima utilizza una bellissima e delicata tiara con cinque stelle in diamanti mai vista prima in casa Orange; non si tratta tuttavia di un nuovo gioiello, bensì di un adattamento creato per l’occasione della Pearl Button Tiara, realizzata nel 1965 su ordine della regina Giuliana con le spille a forma di fiore (una perla centrale circondata da nove petali in diamanti) appartenute alla regina Sofia, ereditate dal figlio Alessandro e poi giunte alla sorellastra di questi, la regina Guglielmina.
Dal momento della sua creazione la tiara riveste un ruolo importante nella famiglia Orange-Nassau, poiché, oltre ad essere stata spesso indossata dalla regina Giuliana (che la presta anche alla suocera Armgard di Lippe-Biesterfeld), è quella scelta dalla principessa Margriet il giorno delle nozze e soprattutto dalle regina Beatrice il giorno della sua inaugurazione, e forse anche in virtù di questo ruolo centrale è stata scelta nel 2001 per essere parzialmente modificata e venire indossata dalla nuova principessa ereditaria dei Paesi Bassi.

tiara 2

Conservando la base originaria, anch’essa appartenuta alla regina Sofia, e caratterizzata da un festone in diamanti ripreso in cinque punti, si decide di sostituire le cinque spille in perla e diamanti con cinque spille a forma di stelle di diamanti a dieci punte intorno ad un diamante centrale di taglio brillante, spille che a partire dal centro della tiara diminuiscono in grandezza verso l’estremità. Delle stelle non si conosce l’esatta provenienza ma molto probabilmente furono tra quelle regalate come dono di nozze alla regina Emma nel 1879 da parte dei nuovi parenti Wieds e Sassonia-Weimar-Eisenach; la difficoltà nel determinare l’esatta provenienza sta nel fatto che lo scrigno degli Orange-Nassau comprende ben tre set di stelle in diamanti (il primo comprende 1 stella a dodici punti e 4 a dieci punte, il secondo comprende 5 stelle a dieci punte di differente grandezza, il terzo comprende 3 stelle a dodici punte) ed è quindi difficile in assenza di indicazioni precise determinare quali di questi furono ricevuti dalla regina Emma in dono. Di sicuro le stelle utilizzate della nuova tiara sono le stesse inserite nell’originale retina per trattenere i capelli indossata dalla regina Giuliana il giorno della propria inaugurazione, così come sono le stesse stelle che Maxima porterà fra i capelli durante il giro in battello che i nuovi sovrani effettueranno la sera della propria inaugurazione. La tiara indossata dunque da Maxima il giorno delle nozze racchiude in sé il ricordo sia dell’inaugurazione della regina Beatrice (nella base) sia dell’inaugurazione della regina Giuliana (le stelle) e in effetti questo nuovo gioiello, dal valore simbolico così forte, sarà indossato più volte unicamente da Maxima e solo recentemente dalla principessa Margriet.

PPE141121177

Un gioiello molto poco indossato nella famiglia reale olandese è la piccola tiara in diamanti o pettine (Small Diamond Tiara o Hair Combs) regalata alla regina Guglielmina dal marito Enrico di Meclemburgo-Schwerin tra il 1900 e il 1905 e forse realizzata da un gioielliere olandese.
Dal disegno semplice e raccolto, è costituita da una fila di diamanti alternati da diamanti più piccoli, sormontati alternativamente da quattro diamanti più piccoli a forma di fiore e da due diamanti posti uno sull’altro.

Maxima Singapore 1
Indossata una sola volta dalla regina Guglielmina (stando alle fotografie pervenuteci), questo ornamento per capelli a forma di tiara è stato riscoperto da Maxima, che lo ha indossato in due differenti versioni: come fermacapelli stile anni ’60 per una cena di gala durante una visita di stato a Singapore nel gennaio 2013 e in un’altra occasione in modo molto originale, come guarnizione sopra uno chignon, sfruttando al meglio la forma del gioiello ed esaltandone la sua raffinatezza ed eleganza.

Alessandro Calabresi

Maxima Singapore particolare 2

La prima parte del post la trovate qui http://www.altezzareale.com/2014/05/28/gioielli-reali2/maxima-dei-paesi-bassi-i-gioielli-storici-degli-orange-nassau/

Le immagimi sono state reperite su Pinterest

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

97 Commenti

  1. stefania ha detto:

    Grazie perché attendevo con ansia la seconda parte ma ora mi chiedo….nulla sulla collezione privata dei gioielli della Regina Maxima? Immagino sia più difficile documentarsi ma credo che nell’ultimo decennio la Regina abbia riempito lo scrigno. Grazie ancora

  2. EmanuelaCarolina ha detto:

    Ieri ha compiuto 45 anni la Regina Maxima d’Olanda! Auguronissimiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!

  3. Michele ha detto:

    Meravigliosa Maxima al gala del corps diplomatica ad Amsterdam!! Adoro questa Tiara 🙂 https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=889578801170018&id=651051938356040

  4. Chloe ha detto:

    Viste ora le foto: un florilegio di rubini e diamanti 😀 Un brillante (e scintillante) mix tra i gioielli con rubini a cui attingere, parure Mellerio e non solo, tra tiara, spilla, orecchini, bracciali, anelli …
    Stavo notando (e come non notarla 😉 ) e riflettendo sulla spilla indossata ieri sera:

    http://www.royalphoto.nl/images/20160519_amsterdam/IMG_6888.jpg

    si tratta della spilla della parure Mellerio in combinazione con la parte inferiore del devant de corsage originario della medesima parure che funge da pendente

    https://royaltyaroundtheworld.files.wordpress.com/2014/03/clipboard02.jpg
    https://royaltyaroundtheworld.files.wordpress.com/2014/03/clipboard016.jpg

    … nuovo accostamento per Maxima che gioca con la versatilità dei gioielli a disposizione??? Non mi pare di aver mai visto prima d’ora questa combinazione, o sbaglio?

  5. Michele ha detto:

    Allarme rientrato per fortuna maxima sta bene (almeno pare ) e ha mostrato il suo spledito sorriso nelle foto annuali di famiglia https://www.facebook.com/HetKoninklijkHuis/posts/650922855056739

  6. elettra/cristina palliola ha detto:

    Non c’entra nulla, ma è stato il primo post di gioielli che mi è venuto sotto gli occhi
    Per chi ha in programma un viaggio a Parigi

    http://www.noblesseetroyautes.com/?p=119206

    tante volte ne abbiamo parlato di geodi e quarzi…qui, specialmente si vede benissimo, nella foto delle ametiste cosa è una geode ….ma no solo anche smeraldi e altro….e per chi sarà lì il 16 settembre si parlerà di zioliti, che sono le matrici dei rubini e che sono verdi striate di grigio e solo la gemma è rossa

  7. Sisige ha detto:

    Maxima è alta 1,78. Stavo guardando un bel video della coppia reale olandese ospite dell’imperatore e imperatrice del Giappone. Entrambi letteralmente si devono quasi inginocchiare per baciare sulle guance l’imperatrice Michiko.
    Ma dico io: è possibile che ti vai a mettere un TACCO 12 che ti fa arrivare a superare 1.90 quando Michiko sarà alta a malapena 1.60??
    Non mi sembra molto intelligente! Queste regine e principesse attualmente non scendono mai dai tacchi alti almeno 10-12 cm…a parte il mal di piedi, ma come mai secondo voi non considerano mai le belle scarpe (di una volta!) max 6/8 cm???

  8. Sisige ha detto:

    Anch’io sono sono tappetta…dall’alto del mio 1.60! ma tante royals non lo sono e con i tacchi raggiungono altezze vertiginose…non so proprio come facciano a resistere con i tacchi alti per ore e ore di cerimonie pubbliche. mah?

    • http://www.altezzareale.com/wp-content/uploads/2017/09/avatar_utenti.png marina ha detto:

      anche io stessa altezza e i tacchi no grazie. comunque quelle che dicono “ah io sui tacchi ci sto benissimo, sono comodossimi” mentono sapendo di mentire

  9. Dora ha detto:

    mah, invece secondo me, sì, dipende dal tipo di tacchi. avendo il piede a pianta larga, se mi metto tacchi con la punta dopo due secondi soffro come un cane.
    invece non ho problemi con quelli a punta rotonda.

    • Pellegrina ha detto:

      Diciamo pure che “quei” tacchi non sono quelli che trovano in commercio le comuni mortali. Se i tacchi son fatti bene, e la pelle è quella giusta, quasi non ti accorgi di portarli. E scommetterei che quelli se del caso sono proprio su misura.
      Poi secondo me il 12 everywhere è come le borse e scarpe nere dell’EII, ci vorrebbe più misura, specie poi per donne non altissime, ma vabbe’ la moda è quella…

  10. laura ha detto:

    Allora, come avrete visto tutti, stasera Maxima ha indossato la straordinaria collana di diamanti che formava una sorta di parure con il diadema Stuart. Aveva già indossato la spilla a fiocco della stessa parure. Mi pare che questa collana non si veda all’epoca della regina Giuliana.
    E’ anche significativo che Maxima abbia voluto fare questo debutto per la visita di stato dall’Argentina.
    A quando la apparizione della Stuart ?

    http://www.thecourtjeweller.com/2017/03/dutchargentine-state-visit-jewels-state.html#more

  11. nicole ha detto:

    Son abbastanza sicura di aver visto anni fa una foto di Maxima con tiara Stuart e la collana indossata per gli argentini . Lo ricordo perché mentre la collana mi piacque molto, trovai decisamente.. brutta la tiara , imponente , mancante di armonia .. vabbè che a volte basta una pettinatura differente per ovviare e migliorare le proporzioni . Voi che seguite con più regolarità magari ricordate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *