31 agosto – Rania di Giordania festeggia 40 anni

31 agosto – Rania di Giordania festeggia 40 anni

SanRemo

Rania di Giordania, la bellissima Rania al Abdallah compie oggi 31 agosto 40 anni. Rania Al Yassine è nata in Kuwait da una famiglia di originaria della Cisgiordania. Dopo gli studi universitari al Cairo, Rania rientra in Giordania a seguito dell’invasione del Koweit da parte dell’Irak e ad Amman comincia a lavorare nel settore bancario. L’incontro con il principe hashemita, figlio di re Hussein e della sua seconda moglie la principessa Mouna, avviene per caso ad una cena organizzata da amici comuni e il 10 giugno 1993 i due si sposano. Ab dallah non è l’erede al trono perché il padre, temendo gli attentati e la situazione di instabilità che si potrebbe creare con un re troppo giovane, ha designato a succedergli il fratello minore, ma nel corso del 1998 re Hussein, a cui restano ormai pochi mesi di vita, decide di cambiare l’ordine di successione al trono. Il fratello viene messo da parte a favore del principe Abdallah e come erede in seconda del principe Hachem figlio di Hussein e della regina Noor.

Il 7 febbraio 1999 re Hussein muore e Rania diventa così la più giovane regina del mondo. Da allora la bella sovrana è una delle più attive ambasciatrici del suo paese e fra i suoi centri di interesse ci sono i diritti dell’infanzia e delle donne, l’alfabetizzazione e la comunicazione. Rania è molto presenmte sul web, ha una suo sito ed è molto attiva su Twitter dove commenta l’attualità. E’ considerata una delle donne meglio vestite al mondo e adora in particolare i grandi nomi della moda italiana, come Valentino, Armani e Prada

I sovrani di Giordania hanno quattro figli Hussein, Iman, Salma et Hashem.

Qua trovate un blog  (in francese) interamente dedicato alla regina di Giordania.

family--a

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

29 Commenti

  1. laura ha detto:

    @Dora, non credo che la sconfitta del principe Ali sia dovuta ai motivi che tu indichi. In realtà europa e nordamerica avevano votato per Alì per cercare di bloccare Blatter e la sua gestione molto chiacchierata della FIFA. Ma Asia e Africa hanno invece appoggiato Blatter e la sua gestione molto discutibile dell’associazione.

  2. Dora ha detto:

    sarà re, è figo e sa di esserlo…
    http://longliveroyalty.tumblr.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *