Royal Tour: gli abiti da viaggio di Elisabetta II

HMQ80 cover wrap

Visto che siamo in periodo di vacanze e che per molti è arrivata l’ora di fare le valige ecco qui qualche suggerimento direttamente dal guardaroba della regina Elisabetta II. Va bene lei viaggia con bauli e cameriere (e anche con la sua acqua personale, la sua miscela preferita di tè e una ciambella di pelle bianca copri wc) quindi è difficile ispirarsi ai suoi regali bagagli, però quando ho visto il sito della mostra The Royal Tour (qui) attualmente in corso a Buckingham Palace e dopo aver dato un’occhiata alle immagini ho pensato che forse la ineleganza tante volte sbadierata e criticata della mitica Queen è forse solo una leggenda, messa in giro anche con un pizzico di malignità da chi forse vorrebbe avere la sua classe e non ce l’ha. Nei saloni della residenza reale londinese sono stati raccolti una serie di ricordi dei viaggi che la regina ha effettuato nel corso degli ultimi 60 anni nelle varie nazioni del Commonwealth. Oltre ai doni, ai souvenir, alle curiosità c’è una ricca sezione dedicata agli abiti realizzati per la sovrana da Norman Hartnell, Hardy Amies e Ian Thomas tenendo presente non solo i gusti della reale committente, ma anche le tradizioni e le sensibilità (ed annesse suscettibilità) dei paesi visitati. I modelli sono classici, i colori sobri, però c’è una evidente attenzione all’evolversi della moda e dello stile fra gli anni ’50, ’50 e ’70. Insomma niente glamour alla Lady D. ma molto chic e bon ton, come si conviene alla regina più famosa del mondo.

expo2
ps lo so in questo periodo vi mollo solo notiziole, annunci di mostre, resoconti delle domeniche al mare di personaggi un po’ così. Portate pazienza, diciamo che sono in semi ferie, però sotto l’ombrellone (dove mi parcheggio appena finita la mia corvée quotidiana con la davvero poco entusiasmante cronaca locale) leggo, studio, approfondisco, quindi al rientro di novità ce ne saranno. Nel frattempo due informazioni, una di servizio e l’altra royal:

1 – dal 12 gennaio 2009 siete passati di qui in 20 mila, mica male;

2 – dalla Svezia è arrivata la notizia che Madelaine, la biondissima, bellissima e molto glamour sorella minore della principessa ereditaria Victoria, sposerà il fidanzato storico Jonas Bengston di professione avvocato. Come nelle famiglie perbene di una volta, prima si deve accasare la primogenita poi seguono a ruota le altre. Ne avevo già parlato qui e qui con relativi commenti sulla beltà dei futuri coniugi reali.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

17 Commenti

  1. Marina ha detto:

    Vabbè il guardaroba della regina Elisabetta non è stato di vostro gradimento, pazienza, non tutte le ciambelle riescono con il buco. Ad ogni modo tornerò sui royal inglesi con un personaggio che a me piace moltissimo. Appuntamento da queste parti nei prossimi giorni…

  2. Cristina ha detto:

    Ciao cara!! Io invece il guardaroba della regina me lo sono proprio gustato e nei dettagli! Mi pice, grazie a te, scoprire mostre di cui non saprei nulla e una forma di viaggio che consiglio a tutti i tuoi numerosi lettori 🙂 Trovo che Elisabetta sia una grande regina ed una grande donna, un esempio di dedizione alla famiglia ed al proprio paese, la cui serietà non viene intesa come tale, anzi spesso viene proprio dileggiata senza un perchè..Certo le persone serie non fanno gossip, non fanno tendenza, vivono la loro vita e lo fanno a testa alta (corona inclusa)perchè possono permetterselo..Prima di salutarti, approfitto di questa occasione per scusarmi della lunga assenza da questo blog 🙂 Ma ho sempre letto con interesse ogni nuovo post, per cui aspetto trepidante i prossimi!!

  3. Marina ha detto:

    Grazie carissima Cristina e bennornata!

  4. Elizangela von Starhemberg ha detto:

    Hai ragione Marina,
    Our Queen d’avero molto elegante…
    Anche perche il bon ton non prevede colori scuri per i reali…
    Elizangela von Starhemberg

  5. nicole ha detto:

    Non so come ma mi era sfuggito! Capita. Mi son guardata con calma gli abiti, ingrandendo e leggendo il tutto. Veramente interessante.
    Elisabetta in passato era un poco dileggiata per cappellini e cappelli, ma perchè qui da noi non si usano. Io che adoro i cappelli fin da ragazzina avevo notato i suoi. A parte quelle cuffiette di fiori degli anni ’60 che in toto rigetto, i cappelli di Elisabetta son un portento, piacciano o no. Negli ultimi 10 anni, poi, è molto più moderna, osa..comunque quanto a colori era una che precorreva i colori ” acidi”!
    Da giovane non aveva vantaggio di altezza, ma era minuta,piccola , ma con vitino da vespa.Ho molto apprezzato la storia degli abiti, il riprendere motivi del paese che si visita, insomma son abiti che hanno una storia anche se non entreranno nella storia della moda. Ma appunto, una regina non deve entrare necessariamente nella storia della moda.
    Molte volte si apprezzano negli successivi anni certi sarti, certi tagli…non è facile vestire una regina, che tiene anche a simbologie , ecc..
    Grazie Marina, è proprio una miniera questo tuo posticino con suoi link.

  6. elettra ha detto:

    NNNNNNNNNNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Non avevo mai visto questo post ….ma dove era nascosto?

    @Marina , ma è stupendo!!!!!!!!!!!!!

    @Nicole…grazie per averlo scoperto e riportato alla luce!!!!

  7. nicole ha detto:

    Scavi archeologi agostani nel sito, cara Elettra.
    Scusa, son settimane che mi riprometto di manifestarti mia solidarietà per la tua gravosa situazione con anziani di casa.Anche e non essere figli unici …a volte è come esserlo!!
    Prenditi un aiuto, perchè le pile si scaricano e c’è bisogno di tante energie psichiche e pazienza! Scusa se mi permetto, ma credimi abbiamo già dato!Purtroppo ho perso anche mio fratello anni fa, più giovane di me ed era qui a casa mia perchè la Corinna 🙂 del momento era in altri lidi da tempo e con la ” cassa”!!
    Lui non abitava nemmeno nella mia città, non si sapeva come fare..deciso così, attrezzato stanza per lui.Era la fortuna di avere posto, ma abbiamo passato bene tutti assieme,lui con suoi nipoti, che adorava.

  8. elettra ha detto:

    In questo magnifico post, dopo aver cliccato, nel terzo riquadro, quello dedicato ai regali ricevuti da Elisabetta, si possono ammirare alcune delle belle spille che abbiamo visto sui soprabiti di Sua Maestà, ed un pendete con orecchini di opali…per ritornare un attimo sul discorso che avevamo fatto qualche tempo fa su questa pietra, c’è da dire che non è una pietra molto fotogenica, nel senso, che, affinchè possa far ammirare, appieno, il suo arlecchinare, ha bisogno della luce radente, quindi in fotografia è difficile ci possa rivelare tutti i suoi fuochi,(quello rosso è il più raro e quindi il più prezioso)…questa parure, invece, anche in un immagine fredda di catalogo, si vede chiaramente come è luminosa e piena di colori..infatti la didascalia riporta che probabilmente, il pendete, è il miglior opale del mondo, anche per l’insolita caratura
    La spilla a foglia di acero, l’abbiamo vista brillare anche sul petto di Kate ( e di Camilla) durante i loro viaggi in Canada…..molto particolare per il la diversa qualità di pietre che monta, è la spilla , che si può definire “giardinetto” o “il pozzo delle pietre”, ma anche “multicolor” e “tutti frutti” , ci sono pietre preziose e pietre dure, di valore molto inferiore, montate insieme non certo per risparmiare, ma per dare più diversità e particolarità all’oggetto, …..i questo caso , per esempio, sono vicini zaffiri ametiste, morganite (o kunzite , la grande pietra rosa) citrini , acquemarine, ma abbiamo anche pietra di luna in tre colori
    Personalmente , poichè questa spilla è a soggetto floreale, la definirei giardinetto

  9. elettra ha detto:

    @Nicole….anch’io penso che quando si ha la possibilità, non solo economica, ma anche solo la disponibilità d’animo, di aiutare il nostro prossimo , non bisogna , non si può, non si deve, tirarsi indietro….quando la vita ci mette davanti a una sfida, a una difficoltà, dobbiamo raccoglierla…si cresce e si fanno esperienze a tutte le età……credo, da come scrivi, che devi essere una persona molto generosa….grazie per le tue parole…ci sono comunque giorni in cui si pensa di non farcela e i tuoi scritti, insieme a quelli di molti altri, mi sono di sprone e di conforto

    Ti devo confessare che tra gli abiti di Elisabetta , fotografati in questo post, anche a me piacciono molto quelli nei gialli acidi…mi sembra che in passato la regina avesse degli abiti, in colori più decisi, mentre ora, in età avanzata si sia rivolta più spesso ai colori pastello …..
    I cappelli , decisamente sono meglio ora, però quella era la moda!…mi ricordo che anche mia mamma aveva una calottina di rose rosa, un po’sfogliate con foglie e boccioli, che somiglia moltissimo a uno di quelli indossati da Elisabetta e qui illustrati…decisamente meglio ora!
    Ho guardato anche i filmati….la nostra Queen era molto più rigida….la vecchiaia le ha regalato spontaneità che le ha giovato, sicuramente, senza aver minato la sua autorevolezza…..

  10. Simonetta ha detto:

    Post interessantissimoooooo….a guardarlo tutto foto x foto ci vuol del tempo ,ho guardato un po’ qua e la x rendermene conto,e’ fantastico….guarderò un po’ alla volta….la storia dei vestiti e interessantissima..(scusate ripetizione,son a corto di parole qui sulla spiaggia)⛵

  11. paola (baldanzi) ha detto:

    @Nicole, grazie anche da parte mia di aver riportato alla luce questo post. Mi sono guardata un po’ di abiti di Elisabetta tra quelli segnalati, alcuni mi piacciono molto come questo
    http://www.royalcollection.org.uk/microsites/queenandcommonwealth/MicroObject.asp?row=23&themeid=945&item=23
    colore un po’ ardito, ma io adoro il giallo

    e anche il verde … infatti anche questo è tra i miei preferiti
    http://www.royalcollection.org.uk/microsites/queenandcommonwealth/MicroObject.asp?row=13&themeid=945&item=13
    devo dire che però alla regina non dona tanto, penso starebbe meglio su una donna più atletica o più slanciata.

    In ogni caso Elisabetta era molto carina con i vestiti da sera che sottolineavano il suo vitino di vespa e il seno prosperoso

    @Nicole2, commovente la storia di tuo fratello, non sempre gli stretti congiunti hanno questa tua disponibilità e sensibilità (la chiamerei amore)

  12. paola (baldanzi) ha detto:

    guardando i filmati dei viaggi di Elisabetta viene fuori una cosa che ho sempre notato: da giovane, e fino a una certa età, la regina aveva un sorriso dolce e spontaneo, direi quasi un po’ bambinesco, molto simpatico… ho notato che l’espressione del suo volto è improvvisamente cambiata e si è indurita quando si cominciò a parlare di crisi nel matrimonio tra Carlo e Diana (è una cosa a cui feci caso proprio quando successe, metà-fine anni 80)

  13. marina ha detto:

    santo cielo avete tirato fuori un post davvero vecchio. la prima estate del blog, quando era ancora sulla piattaforma gratuita, mamma mia e son passate già quatto estati. sembro vecchia se dico “eh ma come passa in fretta il tempo…”?
    vabbè insomma comunque l’anno scorso a Londra ho trovato il catalogo e l’ho preso rischiando di dovermelo mettere nelle mutande salendo in aereo perché ero pelo pelo con il bagaglio a mano. 🙂

  14. nicole ha detto:

    @Paola, Marina nostra non mi bannerà..io e mio fratello eravamo can e gatto da piccoli, io ero gelosissima, era arrivato a prendermi il palcoscenico, a me arrivata dopo tanti anni e traversie dei miei( leggi lager!)…non ero contenta.Io castana-rossiccia, lui bellissimo , biondissimo con cromosoma Y( fondamentale per mamma!)
    Anche da grandi rapporti con turbolenze( liti e riappacificazioni), ma sempre uniti. Si rendeva conto che avevo ragione su tante cose, purtroppo! Avrei voluto avere torto.Eravamo soli, io e lui.Abbiamo passato sei mesi bellissimi, ridendo, scherzando quando era qui e non in ospedale, organizzava scherzi con nipoti ai miei danni. Comunque chi decise ” viene da noi” fu mio marito, io non avevo nemmeno ancora pensato al futuro, si era in rianimazione e disse” se ce la fa viene da noi”.Era un tipo spassoso, molto intelligente,coltissimo..troppo buono e nato nel secolo sbagliato.Era unpersonaggio da romanzo russo..
    Scusatemi per la digressione!

  15. nicole ha detto:

    Uffiiii, ero io, Nicole.

  16. Filippo ha detto:

    Buon giorno a tutti/e e Buon Ferragosto,
    e un pò che non ci si sente.
    @Paola (baldanzi), visto che adori il giallo c’è un altro vecchio post del 2010 “Yellow submarine in versione reale” nella sezione News, troverai una bella carrellata di foto di “Signore in giallo”.
    @Elettra, tanti saluti e forza e coraggio un bel respiro profondo e si va avanti, ;).
    Saluti
    Filippo

  17. paola (baldanzi) ha detto:

    @Nicole, con poche parole hai spiegato bene chi era tuo fratello, doveva essere un uomo affascinante… e dagli accenni che ogni tanto fai alla tua famiglia anche a me era venuto in mente un romanzo, se non proprio russo, comunque mittel-europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *