Battesimo salentino per Umberto di Savoia-Aosta

battesimo1

Battesimo salentino per Umberto di Savoia-Aosta. Il figlio di Aimone e della principessa Olga di Grecia, nato a Parigi il 7 marzo (vedi qui) è stato battezzato lo scorso 18 luglio nella chiesa di Sant’Antonio Abate a Giuggianello in provincia di Lecce. La scelta del luogo è un omaggio al titolo del papà duca delle Puglie, ma è dovuto anche al fatto che di recente proprio nel Salento la giovane coppia ha comprato una casa per le vacanze. Presenti alla cerimonia ovviamente i nonni del piccolo Umberto, Amedeo duca d’Aosta con la moglie Silvia, i principi Michele e Marina di Grecia, e poi Casimiro e Maria Cristina di Borbone Sicilia, le sorelle di Aimone, Bianca e Mafalda di Savoia-Aosta con mariti e figli, la sorella di Olga, Alessandra di Grecia e i principi Alvaro e Antonella di Orléans y Borbon. La Messa è stata concelebrata da don Alessandro di Borbone Sicilia che ha amministrato il battesimo. Madrina la principessa Maria Gabriella di Savoia rappresentata da Bianca di Savoia-Aosta, padrino il conte Carlo Radicati di Primeglio. Difficile dire a chi assomigli il piccolo Umberto principe di Piemonte (titolo assegnato dal nonno Amedeo e subito contestato dal cugino Vittorio Emanuele) speriamo solo che prenda da mamma e papà tutti e due piuttosto fascinosi.

battesimo12
A grande richiesta ecco il link alle foto dei principi Alvaro e Antonella di Orléans (a me questo Borbon continua a sembrare strano, eppure ammetto che anche nel sito dei Savoia-Aosta i due sono identificati come Orléans-Borbon). Si tratta di immagini varie, c’è il battesimo con una foto molto carina di re Juan Carlos che tiene l’ombrello sopra il principe Alvaro con in braccio la bambina, ci sono altri momenti della loro vita, fra cui il matrimonio. Non posso inserirle in questo post per motivi tecnici, ma vederle è semplice basta cliccare qui e scorrere con il cursore o con il mouse, sono una dietro l’altra. Scorrendo le foto si arriva a quelle in bianco e nero della Infanta Eulalia, bisnonna di Alvaro, sorella di re Alfonso XII e figlia di Isabella II. Questo ramo degli Orléans, che trae origine dall’ultimo figlio di re Luigi Filippo, si è più volte intersecato, per via matrimoniale, con i Borboni spagnoli. La nonna di Alvaro invece era una inglese, nipote della regina Vittoria e la madre una aristocratica italiana. Per un post a loro interamente dedicato mi servirebbe una notizia, ma una notizia vera, non so se mi spiego.

 

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

38 Commenti

  1. Titti ha detto:

    Marina, grazie per la sua puntuale risposta!
    Colgo l'occasione per farle i complimenti per il blog che ha creato e per quel tono un po' blase che riesce a dare alle sue pagine.
    Ad maiora!!

  2. Ann ha detto:

    Sono d accordo con Titti!
    Un bel e elegante blog:i toni sono giustamente civili.
    Attendiamo le foto dei principi o della bella principessa Antonella de Orleans-Borbon(nee Rendina) e i successivi commenti che ne verranno.
    L unico motore che mantiene in vita i blog, sono le foto: da lí parte tutto!
    Non lo credete anche voi?

  3. Marina ha detto:

    @ Titti grazie per i complimenti! M.i piace la definizione "blasé".
    @ Ann, grazie anche a lei. Sto lavorando sulle foto, devo trovare il modo di fare una gallery, come dicevo sopra. Si credo siano importanti per un blog, però "est modus in rebus", per esempio ce n'è uno di cucina molto divertente che ogni tanto leggo, ma le 50 foto che corredano ogni post me ne rendono difficile l'apertura. E questo può essere un problema per chi non ha una connessione veloce o un pc spaziale. Alle volte vorrei mettere parecchie immagini, ma non sempre è possibile appunto per motivi tecnici visto che questo è un blog assolutamente autogestito. Ecco alla fine credo che le foto spesso siano un punto di partenza, poi io personalmente vado avanti se ci sono testi interessanti.

  4. Titti ha detto:

    Aimable madame Marina,
    sono d'accordo con lei sulla questione foto. Ma la nostra società è talmente abituata a utilizzare il "codice visivo" che l'immagine sembra essere divenuta elemento imprescindibile per qualsiasi atto comunicativo. Io preferisco la scrittura, ci obbliga a riflettere prima di riempire di bla bla bla i blog!!
    Continui così, trovo il suo blog un'oasi di buona educazione e intelligenza.

    PS: concordo con lei, il duca Amedeo è una simpatica canaglia, un guascone d'altri tempi!!
    Alla prossima!

  5. Marina ha detto:

    Grazie Titti, grazie infinite.

  6. Carla ha detto:

    Che bel sito!
    Titti ha ragione !
    Anche se brutto ammetterlo, il -codice visivo- é imprescindibile per qualsiasi atto comunicativo.
    In effetti i blog che funzionano, nel senso che hanno movimenti quotidiani di iscritti o di interventori, hanno foto.
    Attendiamo fiduciosi un anima buona!
    saluti cordiali

    p.s.la principessa Antonella (Rendina) de Orleans-Borbon é la stessa che vive a Montecarlo o sono 2 persone differenti?

  7. Marina ha detto:

    Carla grazie della presenza e dei complimenti. Per le foto siamo work in progress. Si Antonella Rendina de Orlèans pare viva a Montecarlo.
    Visto che siete in tanti curiosi per queste foto cercherò di mettere un link in fondo a questo post anche se, a dire il vero, sono un po' stupita per l'interesse strepitoso suscitato da questa signora.

  8. Titti ha detto:

    Gentile Carla,
    secondo me l'immagine appaga il lato voyeristico di ognuno di noi e per questo i blog ne fanno grande uso e abuso! In fondo, ci piace guardare dal buco della serratura vizi e virtù dei noi vicini. Se a questo si aggiunge che l'oggetto dei nostri incontri virtuali è rappresentato da una principessa consorte, assolutamente sconosciuta, le do ragione, la mancanza di un'immagine che ci restituisca almeno il volto aumenta la curiosità. Antonella Rendina fa lo stesso effetto di Cenerentola della omonima favola quando arriva al ballo reale: tutti gli invitati si domandano chi sarà mai quella ragazza. Forse è racchiuso in questo lo "strepitoso" interesse che suscita la signora Rendina in Orleans Borbon!! Non si sa assolutamente nulla di veramente rilevante della sua vita precedente. Per cui, a buon diritto, c'è una certa sorpresa per la rapida scalata sociale che la signora ha fatto sposando don Alvaro de Orleans Borbon. Se non si fosse sposata con il principe sarebbe rimasta sconosciuta all'opinione pubblica.

    Ma torniamo al nostro duca Amedeo e a suo figlio. Marina, spero proprio che lei riesca a intervistare prima o poi il duca e perchè no anche il bel figliolo che si ritrova!!
    Un distintissimo saluto a tutti e ancora grazie Marina per la squisita ospitalità!!

  9. Marina ha detto:

    Titti, bel commento e azzeccata la metafora, però se riesce a buttare un occhio sulle foto di Antonella Rendina in Orleans vedrà che non ha l'aspetto di Cenerentola, tutt'altro. La signora, bruna e dai lineamenti decisi, ha l'aria di una che sa ciò che vuole e poco della fragilità di una moderna Cenerentola. Almeno questo quello che traspare, secondo me, dalle immagini.
    Quanto al duca d'Aosta, si è un mio antico desiderio potergli fare una intervista e chissà…

  10. Geny ha detto:

    Le principesse Letizia (Spagna), Matte Merit(Norvegia), Camilla Sent(conosciuta meglio con il nome del primo marito Parker Bowels), Maxima(Olanda), Mari Donaldson(Danimarca), la Regina Rania(Giordania)…………..tutte Cenerentole pure, anzi purissime, ma future Regine.
    La principessa Antonella de Orleans-Borbon, non lo sará mai in quanto non ha sposato un principe che erediterá un Regno in carica, bensi un membro di Casa Reale.

    Si puó definire Cenerentola una donna proveniente giá da una famiglia agiata( a differenza di tutte le suddette principesse), ma non aristocratica che sposa un membro di Casa Reale?
    A me risulta che gli aristocratici si siano sempre sposati con gente ricca che apportasse cash nei loro castelli decaduti.
    La stessa madre del principe Alvaro de Orleans-Borbon (Carla Parodi-Delfino) ne era un esempio:lei ricca ereditiera, sposa un Altezza Reale Franco-Spagnolo.

    Aggiungerei un altra osservazione!
    Dopo il suggerimento, da me seguito all istante, di un ANONIMO di questo blog ad andare a visitare altri siti riguardanti questa coppia, si evince che di questa donna che diventa principessa, se ne sappia giá troppo.
    Sappiamo da dove viene, gli studi, i posti dove ha vissuto, gli sport, i suoi business, che era fidanzata con il Barone Patrick de Gayardon de Fenoyl che morí in un incidente di volo, vediamo le sue foto con i Reali di mezza Europa……..
    …….mi chiedo:…ma una volta le principesse non dovevano mantenere un low profile?
    Dimenticavo!
    Non c erano i media e sono passati 50 anni!
    Mi chiedo, inoltre, se sia giusto chiamare queste Cenerentole sposatesi tutte ormai, con il nome da ragazza:é forse questa una forma di punizione per non aver avuto natali nobili e quindi di ricordarlo?
    Scusate, ma sono un appassionata conservatrice di storia e al tempo stesso una donna progressista.

    Concordo con Marina circa le foto di donna Antonella de Orleans-Borbon:una donna quarantenne che sá ció che vuole.

  11. Marina ha detto:

    Geny direi che l'interesse nei confronti di Antonella Rendina in Orléans è davvero notevole, però credo che a questo punto abbiamo già detto tutto su di lei. A meno che lei in persona non voglia concedermi una intervista per raccontarmi/ci qualcosa sulle sue frequentazioni reali.

  12. Anonymous ha detto:

    Gentile Marina,
    non sono cosí sorpreso della curiositá che si trasmette nei riguardi della principessa Antonella di Orleans-Bourbon(was born Rendina), in quanto ho giá letto in passato(come le dicevo in un precedente messaggio qui) i vari fori-blog stranieri(questo é il primo in italiano ,che io conosca, che tratta di questa coppia) appasionatamente curiosi di conoscere questa new entry di rango Reale.
    Come diceva Geny sopra, se fosse stata una principessa ereditaria acquisita, se ne sarebbe parlato 1000 volte di piú e saremmo andati a cercare anche le pagelle delle scuole elementari e ci saremmo fermati solo dopo aver trovato del negativo che in genere per contrapposizione ci fa emergere.
    Lei che é del mestiere, conoscerá i meccanismi meglio di tutti noi.
    …quindi, non capisco lo stupore per tanto interesse quando basta andare in giro nella rete per trovare notizie su questa o quella principessa con bontá e cattiverie di vari internauti:tutto qui!

    Sono inoltre d accordo con Titti sull importanza delle foto e con qualche altro internauta sull importanza, appunto, delle foto nei fori che mantengono in vita un blog che altrimenti é destinato a morire.
    un saluto e grazie

  13. Marina ha detto:

    @ Anonimo su Antonella Rendina ho già detto. Quanto alle foto non credo che siano così determinanti per la vita o la morte di un blog (un forum è altra cosa) se questo blog non è in maniera specifica dedicato alle immagini. Si è vero la nostra è una società delle immagini, del conoscere e vedere tutto e subito. Questo blog è nato con un altro obiettivo, io volevo raccontare con le parole anche perché in alcuni casi foto non ce ne sono (vedi il post su Luigi IX del quale non esistono neanche ritratti certi) e continuerò su questa strada. Anche per motivi pratici, innanzitutto non sono una fotografa, secondo le foto quelle veramente belle hanno quasi tutte dei diritti di autore che non posso certo permettermi di pagare. Potrei rubacchiarle qua e là nei siti, ma non lo trovo un atteggiamento corretto, quindi nel caso mi limito a mettere il link al sito in questione.
    Ho delle belle foto che mi ha mandato un gentile lettore, ma ad oggi non sono riuscita a metterle on line anche perché le gallery si possono fare ma solo con immagini di cui si detengono i diritti.
    In questi giorni sto scrivendo un nuovo post, dedicato ad un personaggio importante. Ci saranno al massimo cinque immagini che sto scegliendo, ma la storia vi assicuro sarà ugualmente affascinante. A presto!

  14. Titti ha detto:

    Cara Marina, continui così! Il suo blog, come le ho già detto, è un'isola felice di intelligenza, commenti eleganti. Una delle cose che ho subito apprezzato è che è poco incline alla fanaticheria, che, ahinoi, spesso incombe sui blog che riguardano le Case Reali.
    Poi, se mi permette, vorrei precisare all'Anonima signora o Anonimo signore che la mia posizione sull'uso delle immagini è ben diversa da quella con cui la suddetta o suddetto "Anonimo" dice di trovarsi d'accordo con me (come si evince dai miei precedenti interventi.
    In attesa di leggere il nuovo post, saluto cordialmente.

  15. Marina ha detto:

    Titti grazie ancora anche per avere colto alcuni dettagli ed in particolare la "non fanaticheria". Se legge il francese le consiglio anche il sito Noblesses et Royautées, fatto benissimo e molto documentato, lì ogni tanto si azzuffano nei commenti che io leggo tutti con grande interesse perché alle volte scoppiano baruffe violente su chi ha diritto ad usare il titolo di duca di Angiò (ad oggi se ne fregiano due giovin signori) ed altre cose simili. Ci sono anche un paio di forum, uno spagnolo che si diverte a fare le pulci a Letizia ed uno inglese in cui ci si scambia notizie reali. Il nuovo post è in lavorazione.

  16. George ha detto:

    Leggo solo ora di questo bel blog e mi devo esser perso qualcosa!
    Facendo indagini in internet, ho scoperto che la principessa donna Antonella di Orleans-Borbone, faceva la doppiatrice di cinema: vi risulta?
    C é un problema, peró!
    Sempre in rete, dicono che é defunta!
    Non puó essere, ovviamente, la stessa persona!
    É una omonima, vero?

    Che fine hanno fatto le foto che qualcuno prometteva di mostrarci circa un mese fá, altrimenti il blog si sarebbe spento?
    un saluto da Torino

  17. Marina ha detto:

    @ George grazie del passaggio e del saluto. Su Antonella Redina, come scritto sopra, ho già detto tutto. E sulle foto idem, stessa posizione di un mese fa, se le trovo le metto (per adesso cinque così mi consente la piattaforma) sennò no.

  18. Anonymous ha detto:

    Ma no!
    Doppiatrice?
    Defunta?

    É senz altro un caso di omonimia e purtroppo l altra signora(una bravissima doppiatrice di 50 anni ) é scomparsa un paio di anni fá per una grave malattia.

    La principessa donna Antonella di Orleans-Borbone( spanish version de Orleans-Borbon) é viva e in splendida forma come tutti i blog ci informano: apprendo or, ora della sua presenza a Ronda(Spagna) ad una corrida , come al solito in compagnia di suo marito e il loro Augusto cugino, il Re di Spagna amatissimo.
    Boa sorte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *