Un principe e due re – William, Juan Carlos e Platini a Roma

Un principe e due re – William, Juan Carlos e Platini a Roma

SOCCER-CHAMPIONS/
(foto Reuters)

Questo post è un omaggio a mio marito Stefano e a mio fratello Massimo tifosissimi della Juve e quindi anche dell’indimenticato Michel Platini (ovvero il signore al centro, per chi non fosse pratico della materia), quindi si può dire che allo stadio c’erano un principe e due re. Ieri sera ho sbirciato per un secondo la tv e mentre giravo fra i canali sono finita su Rai Uno, dove stavano trasmettendo la finale della Champions League fra il Barcellona e il Manchester, e mi ha colpito una immagine, quella del re di Spagna sorridente accanto al principe William. Juan Carlos, notoriamente grande tifoso di calcio, è venuto a Roma, dove si disputava l’incontro, a sostenere i “blau-granata”, mentre William, che si sa preferisce il polo e il rubgy, però era lì anche lui a rappresentare lo spirito nazionale. Chissà quante volte si sono già incontrati i due, parenti e ovviamente membri di spicco del gotha, del jet set internazionale e della grande famiglia dei royal. Il re ed il principe il loro primo contatto diretto e prolungato l’hanno avuto nell’estate 1985, quando i sovrani spagnoli invitarono Carlo e Diana (già abbondantemente in crisi) per qualche giorno di vacanza a Palma di Majorca. Juan Carlos e Sofia fecero di tutto per rasserenare gli animi e riportare la pace all’interno della coppia e pare quella visita venne largamente sponsorizzata persino dalla stessa regina Elisabetta. Le vacanze, sempre nel palazzo di Marivent dove i re di Spagna passano il mese di agosto, furono ripetute nel 1986, ma l’operazione diplomatica, come noto, non ebbe successo. Restano le foto di William piccolino che gioca con Juan Carlos, di Diana con in braccio Harry, di Carlo che chiacchiera con la regina Sofia, della quale è doppiamente (sono legati entrambi sia per parte di madre che di padre) e più volte cugino, e a cui lo accomuna la passione per la filosofia.

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

8 Commenti

  1. Barbara...Babs ha detto:

    ciao Marina,
    pensa che quando è nato mio figlio e l’abbiamo chiamato Michel, molti nostri amici hanno pensato che mio marito, Juventino doc, avesse fatto un tributo a Platini….. la tua foto me l’ha fatto ricordare! ciao bellissima Marina!

  2. Marina ha detto:

    Babs se avessi avuto una figlia c’erano due nomi in ballo, Viola e Sofia quest’ultimo in omaggio alla regina di Spagna.
    Comunque noi ,che siamo a quota due gatti, avremmo posto per un terzo se questo fosse rigorosamente bianco e nero. E aggiungo che mio fratello all’epoca aveva, in camera sua, una specie di altarino con la foto di Michel. ‘Sti juventini, ehhhhhh

  3. Anna Righeblu ha detto:

    Ciao Marina, ricordo ancora le foto di quella vacanza di Carlo e Diana nell’85… sono state più volte pubblicate sui settimanali…

  4. Mammazan ha detto:

    A proposito di Michel e di nomi stranieri , qui dove abito ci sono tanti bambini con nomi francesi con cognomi anche francesi ma italianizzati.Una volta parecchi valdesi avevano nomi francesi e ancora adesso tra di loro parlano quella lingua mista a parole in italiano..

  5. Marina ha detto:

    Buonasera a Mammazan e ad Anna. Anna quella foto del 1985 io la trovo ancora molto tenera, con il piccolo Harry di neanche un anno abbarbicato al collo della sua mamma.

  6. Anonymous ha detto:

    Io penso che voi ci crederete se vi dico che a me di queste cose me ne può fregà di meno ma vi assicuro che come le scrive la mia adorata mogliettina, non so perchè, riescono a catturare la mia molto leggera curiosità sulle famiglie reali. E’ roba da matti!!

  7. Claudia-db ha detto:

    ah ah !! dovresti approffitarne della tua mogliettina!! Io mi farei raccontare un pò di tutto…. ogni storia diventa affascinante!!

  8. Marina ha detto:

    @ Claudia troooooppo buona!
    @ Anonimo, alias Stefano, grazie, comunque dai almeno come guida nei paesi dove ancora c’è un re o dove i re del passato sono molto presenti, sono utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *