Le perle di Eugenia dal Louvre a Orsay

Eugenie-ritratto-189x300

Le perle di Eugenia sono uno dei tesori del Louvre. Certo sono meno note della Gioconda, ma lo splendido diadema di perle (attualmente esposto al Musée d’Orsay nell’ambito della mostra “Spectaculaire Second Empire”) è sempre molto ammirato.

Secondo Coco Chanel “una donna ha bisogno di fili e fili di perle”. Una lezione di stile che Eugenia, nata de’ Montijo, consorte di Napoleone III imperatore dei francesi fa sua con qualche decennio di anticipo. La bella spagnola, che negli anni del Secondo Impero impone il suo gusto impeccabile in fatto di abiti (è lei a rendere famosa la gonna vastissima sostenuta da una crinolina) ha, infatti, una grande passione per le perle. Nell’ambiente (reale) non è certo la prima. Enrico III re di Francia usava indossare orecchini di perle, la contemporanea Elisabetta d’Inghilterra se ne inondava addirittura, consapevole di come il loro candore riuscisse a mettere in risalto il rosso sfavillante dei suoi capelli, Joséphine de Beauharnais prima moglie del primo Napoleone, possedeva perle di rara bellezza e se ne adornava con molto piacere. E’ con tutto l’insieme delle sue perle (già di proprietà della corona francese ed usate da altre principesse, ma “rimontate” appositamente per lei dal gioielliere Lemonnier) che la bella e un po’ languida moglie di Napoleone III sceglie di essere ritratta, nel 1853, da Winterhalter e l’effetto è davvero magnifico. Per il suo pittore preferito Eugenia si mette in posa indossando una coroncina, il diadema, il collier a otto fili e un braccialetto.

perle-di-eugenia

Purtroppo di questi e di altri gioielli “storici” poco o nulla, è arrivato fino a noi. Colpa delle guerre, quando per pagare soldati e cannoni si vendono persino le gioie private delle sovrane, colpa delle rivoluzioni durante le quali le dispersioni dei patrimoni reali fanno parte della volontà di cancellare anche la più piccola traccia dell’odiato regime. Colpa di valutazioni un tantino sconsiderate come quelle che portano nel 1887, in piena III Repubblica, alla vendita di tutte le magnifiche parure dell’imperatrice Eugenia, fra cui quella, davvero splendida, di perle. Una dispersione che finisce col diventare una svendita (a causa della gran quantità di pezzi immessi in un colpo solo sul mercato) e colpisce, ai giorni nostri, per la totale indifferenza al valore storico ed artistico degli oggetti per la maggior parte spariti in collezioni private o addirittura smontati per essere trasformati in gioielli meno impegnativi e più commerciabili.

Le perle di Eugenia

Il gioielliere parigino Jacoby si aggiudica il diadema, per fortuna lo lascia così com’è e riesce a venderlo, nel 1890, al principe von Thurn und Taxis. Le varie principesse della grande famiglia tedesca se ne pareranno con un certo orgoglio in tutte le occasioni ufficiali. Gloria, la vivace e giovanissima moglie di Johannes von Thurn und Taxis lo indossa nel giorno del suo matrimonio sopra un abito firmato Valentino, qualche anno dopo lo pianta di sbieco su una parrucca per una celebre festa in costume, ma non esita a disfarsene quando, rimasta vedova, si trova a dover pagare le pesanti tasse di successione che gravano sull’enorme patrimonio familiare. Grazie agli Amis du Museée du Louvre, i quali intervengono con una loro offerta all’asta organizzata a Ginevra nel 1992, il diadema torna a Parigi e da allora, con le sue 212 perle e gli oltre 2000 diamanti, è uno degli oggetti più ammirati nelle vetrine della Gallerie d’Apollon dove sono conservati i gioielli della Corona che il museo sta man mano riacquistando.

 

Condividi su:Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Share on StumbleUpon0Email this to someone

51 Commenti

  1. laura ha detto:

    Scorrendo si trova la spilla che è stata comprata e quindi esposta al Louvre.

    http://www.louvre.fr/node/142/tab/3

    Qui invece una rassegna incredibile di regalia e simili conservati sia al Louvre che in altre sedi francesi :

    http://notesdemusees.blogspot.it/2013/05/regalia-de-la-couronne-joyaux.html

  2. Chloe ha detto:

    Grazie @Laura, anche per il secondo link 🙂
    Questa spilla quindi è stata acquisita dal Louvre nel 2015, qui la scheda completa:
    http://www.amisdulouvre.fr/nos_acquisitions/collections-nationales/2015/collections-imperatrice-eugenie.htm
    http://www.amisdulouvre.fr/images/actualite/collections-nationales/large/imperatrice_eugenie.jpg

    http://www.royal-magazin.de/french/perles-de-la-couronne-imperatrice-eugenie.htm

    Della spilla della parure “Feuilles de Groseillier”, di cui avevamo parlato in questo post, messa all’asta nel novembre 2014, invece si è saputo più nulla?
    https://alaintruong2014.files.wordpress.com/2014/10/11921.jpg

  3. Ale ha detto:

    bellissima questa spilla!!! bravi bravi i francesi che hanno capito il loro errore e ora piano piano quando hanno l’occasione si ricomprano i pezzi che hanno svenduto. e ce ne sono 4 di queste spille!!!! chissà se le altre tre ci sono ancora, speriamo non siano andate smontate.
    pensate se invece di disperdere i gioielli della corona li avessero messi in mostra al Louvre, probabilmente attirerebbero più turisti della gioconda 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *